Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Nebulo1769

Membri
  • Posts

    8
  • Joined

  • Last visited

Contact Methods

  • Twitter
    @nebulo1769

Profile Information

  • Gender
    Maschile

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    189
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    el Morisco

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

Nebulo1769's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

  • Dedicated
  • One Month Later
  • Week One Done
  • First Post

Recent Badges

0

Reputation

  1. Il soggetto non è male, anche se piuttosto trito, ma tre albi sono troppi per una storia che alla fine si rivela piuttosto fiacca. Mi è piaciuta la scena dell’incendio, la caratterizzazione ti Tessy Malone, e tutto sommato anche di Jubal. Ho trovato noiosi i dialoghi, i continui spostamenti a cavallo, di cui si perde il conto, e il finale mi è parso traballante (il nuovo fidanzato/complice viene arrestato?). Appena sufficiente, voto 6-
  2. Storia strepitosa, a mio avviso. Un Nizzi ispirato introduce la storia con alcune osservazioni sulla San Francisco della seconda metà dell’800 in piena crescita, per poi mostrare il rovescio della medaglia, ossia la delinquenza dilagante. La nebbia, la caccia alla balena, Alcatraz addirittura, ma anche i dialoghi tra Tex e Carson ai massimi livelli. Di diritto si inserisce nei classici di Tex
  3. Mi è piaciuta, ovviamente quello di GLB è l’unico e vero Tex, però anche questo, con sfumature alla Nick Raider, a mio avviso, si lascia leggere volentieri
  4. A me la storia è piaciuta: classico western con parte investigativa e finale crepuscolare, un must per Nizzi. Il Tex che Nizzi ci propone è però molto lontano dall’archetipo di GLB, lì abbiamo un’autentica forza della natura, indomabile, veloce nel pensiero e nell’azione, direi il modello che stiamo ritrovando nella serie Tex Willer, unito all’esuberanza giovanile. Nizzi ci propone un Tex riflessivo, meditabondo, indolente, quasi comico per come viene gabbato dall’impiegato della ferrovia. Addirittura, ha bisogno di chiedere due volte conferma al fidanzato della ragazza, in merito alla sua complicità nell’imboscata sul lago
  5. La storia mi è piaciuta, anche nella parte che da alcuni è stata ritenuta troppo lenta. Ho apprezzato meno il finale, forse perché non amo troppo il genere horror e forse, come qualcuno ha scritto, perché ai tempi di GL Bonelli era più facile sorprendere il pubblico con effetti speciali. Sottolineo il passaggio in cui Kit riflette sul instancabilità del padre, trovo che sarebbe interessante sviluppare il rapporto di un ventenne esuberante con il padre, mito vivente dalla personalità dominante. Mi auguro che questo sia uno spunto per le prossime storie
  6. Aveva tutti gli ingredienti per essere una grande storia: il profondo sud, il tema del razzismo, la fuga del presunto assassinio. Purtroppo, la storia si sgonfia con il procedere degli eventi e si risolve con l’ambientazione urbana, forse uno dei temi nel quale GLB si trova più a suo agio. Lo stesso amico di Tex e il malcapitato compare che ci lascia quasi subito la pelle hanno personalità poco delineate. La nemesi finale consola parzialmente il lettore. In definitiva, storia che ho trovato deludente
  7. Storia molto sottovalutata, con un Tex introspettivo, meno loquace del solito, malinconico e disincantato. La scena finale del saloon è la degna conclusione di quanto descritto nel racconto: al nostro eroe non resta che lasciare la città, senza più nessuna fiducia nel genere umano. Una chicca nascosta. Voto 10
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.