Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

virgin

Sceriffi
  • Posts

    2,013
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    49

Everything posted by virgin

  1. Perché nel Cinquecento cominciarono a dare alle opere titoli evocativi e non semplici descrizioni del contenuto o il nome del protagonista? Tutta colpa loro. Che palle, oh.
  2. Mah, onestamente tutte le volte che Tex è da qualche parte e non viene data precisa spiegazione al riguardo io poi dormo lo stesso. Sì, spesso GLB nei dialoghi iniziali dava una spiegazione, ma considerata la natura vagabonda di Tex ciò non vuol dire che essa non possa anche essere taciuta, come in questo caso.
  3. Cioè, davvero a qualcuno frega qualcosa?
  4. Basta leggere il messaggio di valerio, non che ci voglia chissà che cosa...
  5. @lety, @valerio ha definito "calunnia" le parole di Guarino verso Monni, non il contrario. Quindi in sostanza hai scritto un messaggio sul nulla.
  6. Non dirmelo, @Condor senza meta. Sono ancora emozionato per aver sentito la parola "rottinculo".
  7. So che a questo punto sarebbe mio preciso dovere citare la rissa Sgarbi-Mosca-Squitieri, ma purtroppo non mi viene in mente niente.
  8. Concordo (sic) con Andrea Delussu: il Tex finto impazzito scena davvero inquietante, insieme al primo albo la cosa migliore di quella storia terrificante (anche se non nel senso in cui avrebbe dovuto). Fondamentale anche l'apporto del maestro Villa, che rende Tex impazzito davvero credibile, cosa nient'affatto facile.
  9. Contraddicendo il vecchio Carlone, talvolta tragedia e farsa coincidono.
  10. E non è nemmeno detto che sia impossibile. Se qualcuno di voi ha il numero di Romano Prodi, organizzare una seduta spiritica è un attimo.
  11. "I soggetti di virgin fanno cagare". Hai ragione, @Condor senza meta, sarebbe meraviglioso!
  12. "La mia visione della vita si basa su Fort Sahara". (Zerocalcare) "Che vita demmerda". (Isabella De Bernardi in "Un sacco bello")
  13. Sì, concordo: dialoghi fiacchi e ritmo davvero scarso. Ma almeno Tex e pards non fanno figure indegne. Se fosse stata la storia di un esordiente avremmo detto che era noiosa, con un mostro finale improbabile, al postutto brutta, ma non del tutto sbagliata. Non so se mi spiego. "Alaska" ti fa venire voglia di buttare via il volume, "Fort Sahara" di buttarlo via, dare fuoco al cane dello sceneggiatore e spargere il sale sulle rovine fumanti della casa editrice.
  14. Fort Sahara molto peggio come sceneggiatura, ma Alaska recupera gagliardamente grazie ai disegni.
  15. Accostare un'antonomasia per "manicomio" a delle università è una delle cose più appropriate che leggo da parecchi mesi a questa parte.
  16. Le citazioni sono belle, ma dato che l'eccesso è sempre rovinoso, bisognerebbe utilizzare con gli sceneggiatori gli stessi metodi spartani che utilizzano gli allenatori delle squadre di calcio dei pulcini: ogni tavola che contiene una citazione non verrà pagata*. Vuoi vedere, allora... Seriamente: mi chiedo quanti danni abbiano fatto, ai fumettisti, anche i recensori che se non trovano almeno venti citazioni non sono contenti. Per poi trovarle a caso: io sto ancora cercando il recensore che ha scritto che "Avengers" richiama "Un dollaro d'onore" per farmi restituire le due ore e mezza buttate a guardare un film di merda. *= ci sarebbe anche una versione più rurale e ruspante: a ogni citazione, un calcio nei denti. Si otterrebbe anche il collaterale e salutifero effetto di sostenere il mercato in crisi degli odontoiatri e delle protesi dentarie. Inoltre, incontrando per la strada un tizio con i denti finti, sapremmo con buona approssimazione che è un fumettista e potremmo chiedergli un firmacopie.
  17. Forse. Sta infrangendo ripetutamente il regolamento del forum e stiamo vagliando la sua posizione.
  18. Io sogno un comicdom italiano con dissing tipo East Coast-West Coast negli anni Novanta, con sparatorie e morti ammazzati, come l'hip hop quando era ancora una cosa seria prima di trasformarsi in un circo di passerine infiammate che piangono in diretta Instagram perché la farmacia ha finito la loro crema lenitiva preferita.
  19. Grazie, @Diablero, per avermi ricordato una cosa: i nerd. I hate nerds so much it's unsane.
  20. Questo topic mi sta facendo venire voglia di rileggere "La banda dei messicani". Siete delle persone orribili.
  21. Infatti io non capisco chi dice che Nizzi avrebbe dovuto mollare visto il proprio calo qualitativo... Se aveva il riscontro che tutto andava bene, chi glielo avrebbe fatto fare? Io al suo posto avrei fatto esattamente lo stesso, compreso il rigetto dovuto allo scrivere roba che non volevo e scriverne sempre di più per incassare di più. Penso che me ne sarei andato anche io sbattendo la porta e bestemmiando tutto e tutti, morti compresi. Eppure è così che funziona nella vita. Ci stavo ragionando l'altro giorno: tutte le volte che ho lasciato una ragazza ho cominciato il discorso dicendo: "Ti amo". Lo si dice come captatio benevolentiae, ma forse ottiene l'effetto contrario.
  22. Macherebbero Ken71 e un paio di altri disagiati a caso nella storia del forum e poi sarebbero davvero gli Hunger Games.
  23. Speravo giustappunto che qualcuno dicesse questo. Dopo GLB "il Patriarca del fumetto italiano", Nizzi "il Degno Erede" e Reccchioni "il Chiaverotti di Tor Pignattara", è tempo di Boselli "il Pacciani del fumetto italiano". Ma solo io ricordo che Nizzi, in un intervento pubblico, dopo il suo primo allontanamento dalla SBE nel 2008 esclamò: "Ritorneremo... Prima o dopo"?
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.