Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Diablorojo82

Allevatore
  • Content Count

    340
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Diablorojo82 last won the day on July 28 2020

Diablorojo82 had the most liked content!

Community Reputation

34 Good

About Diablorojo82

  • Rank
    Scrittore
  • Birthday 05/18/1982

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Calcio, cinema, lettura, musica
  • Real Name
    gabriele vallefuoco

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    394
  • Favorite Pard
    Kit Carson
  • Favorite character
    El Morisco

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Allora...Concordo, storia fatta con criterio, con un Tex centrale ma con molti personaggi come corollario. Il cattivo Ramsey ha pochi scrupoli, la talpa è facilmente intuibile però è ben incastrata e il finale è "giusto". I disegni di Milano mi ricordano Venturi, globalmente storia godibile.
  2. Allora...La storia è stata piacevole, la sceneggiatura (con varie fasi) scorre bene. Puma Zoppo ha la sua vendetta ma paga anche baldanza e stupidità, Tex alla fine gestisce e colpisce, e tutti i pard hanno un ruolo (Kit minore). Ortiz in calo seppur accettabile ( non in tutte le vignette) e Nizzi valido. Però La grande invasione per me è di un'altra categoria. I personaggi creati dal Bos e il pathos sono meravigliosi.
  3. Allora...Questa è stata tra le primme storie di Tex che ho letto. Erano i primi anni '90 ed avevo 10 anni. Non la leggevo da allora e quindi ora noto molte cose in più perché sono sicuramente un lettore più navigato. Le tavole di Civitelli mi incantarono e mi incantano ancora (dopo Villa è il mio disegnatore preferito). Non sapevo chi fosse lo sceneggiatore, ora conosco molte più cose. La storia è intrigante, c'è un giallo (un po' telefonato), ci sono i siparietti, ci sono sparatorie. Oggi dico che è una storia solo discreta ma perché di Nizzi ho letto tante storie più belle, per qu
  4. Sulla situazione del fumetto noi "vecchia guardia" possiamo fare poco tranne che essere sponsor di questa meravigliosa arte. Io ci proverò con mia figlia, ho provato con amici (non ha attecchito) e non sono tra gli ottimisti. Provo a godermi la mia passione e a tentare qualcosa di "nuovo" oltre Tex (negli ultimi due anni "Storia del west" e Ken Parker).
  5. Allora...A grandi linee mi trovo con quasi tutti (storia gradevole ed ottimi disegni) e la figura del tenente Baines (lo rivedremo?) come "allievo sul campo" dei pards mi è piaciuta. Sfizioso lo yaqui (se non erro) Islero, ben tratteggiati i rurales. Qualche pecca nella chiusura del cerchio e nello "scontro" tra Masters, Tipton, Wharton ed i nostri. Sensazione di poca fluidità. Disegni di Spada buonissimi. Ho letto un trittico di Boselli (i Sabotatori e i trapper dello Yellowstone) godibilissimo. Ora ho sul comodino e lo faccio sempre per par condicio un trittico di Nizzi (ho molti "buchi" di
  6. Allora...Storia gustosissima. La ferrovia e la lotta per tracciare la strada della civiltà, personaggi borderline, una dark lady, intrighi, sparatorie, bistecche, colpi di scena. Veramente bravissimo Boss, Leomacs (a parte qualche primo piano) validissimo disegnatore. Due albi e mezzo che mi hanno tenuto incollato alla pagina, psicologia dei personaggi ben calibrata. Storia per me tra le migliori della fascia 600/700. Scusate se mi autoquoto. Lo faccio per ribadire che la penso come Paco. Come ho scritto nel mio precedente post, e come ben dice Paco sui ruoli d
  7. Allora...I disegni di Piccinelli sono meravigliosi e da fan di Villa non posso dire altro. Per la storia il Boss mescola personaggi simpatici e positivi, sia tra i bianchi che tra i rossi. L'elemento naturalistico è sempre presente come sfondo, come alleato, come bene da proteggere. Nemici non molto convincenti e un po' troppo leggerini. Siparietti sfiziosi, prova valida senza dubbio però niente di più del 6,5. Manca il graffio.
  8. Allora...Letta prima del blackout del forum quindi vado a memoria (nel frattempo ho letto 4 storie di Ken Parker ed una di Magico Vento). Parto dai buonissimi disegni di Gino satin che hanno impreziosito la lettura. Passando alla storia il Boss ci fa rincontrare dei vecchi "amici"(Laredo e Parkman) concentrandosi di più sull'irritante protagonista di "Sulla pista di a Fort Apache". Un Parkman complesso, tiratore scelto e personaggio sfaccettato e soprattutto evoluto nell'arco delle due vicende. Parallelamente Boselli dà un po' di spazio a Laredo ed immerge tutto in una storia fatta da tan
  9. Allora...Recensione a caldo senza aver letto i precedenti interventi (che leggerò). Spoiler... Allora...Partendo da Ramella dico che gli sono affezionato da lettore di Magico Vento. Quindi non mi è affatto dispiaciuto. Parlando della storia e di Ruju mi è piaciuta l'atmosfera, la location e l'idea del doppio nemico. Il pistolero Carrillo e la vecchia megera. Alla fine il fumo c'è (tipo scena dei coccodrilli) con un amuleto magico, il feticcio delle pistole però manca un po' di arrosto. Perché non spiegare il legame tra i due cattivi? Per
  10. Allora...Per essere una storia da un albo solo (e per me il Boss è un fuoriclasse quando ha "spazio") l'ho trovata gradevole. Tre amici fanno fortuna ed hanno un approccio diverso su tutto. Il tempo passa e vediamo come sono diventati. Nel frattempo ci mettiamo una bella atmosfera da cowboys, una piccola indagine a Sacramento e il randevouz dei tre vecchi amici. Poi c'è questo Torricelli, Galep 2.0, e il quadro non mi dispiace anzi. Storia da 6 pienissimo.
  11. Credo sia bello avere storie diverse, stili diversi, sempre nel rispetto di alcune caratteristiche base. Cioè alcuni limiti che un personaggio come Tex ha. Limiti che il curatore non deve far superare. All'interno di questi paletti poi gli sceneggiatori possono sbizzarrirsi.
  12. Allora...Scrivo questa recensione prima di aver letto le vostre. È una storia ricca (forse fin troppo) che mi ha tenuto incollato agli albi. Il Boss partendo da un fatto di cronaca e da una doppia coppia ha costruito una bella matassa. Location diverse, mistero, sparatorie, intrighi, tanti personaggi tra Storici e non. Lettura piacevole e soddisfacente. Font non mi piace molto (in alcune vignette Tex è deforme e gobbo) però il suo tratto stavolta non mi infastidisce troppo. La trama la devi seguire ma ti coinvolge. Buonissima prova del Boss, non tra i suoi capolavori ma per me nel novero
  13. Che coincidenza... Letta da poco. Mi è piaciuta. Molti ingredienti e tutti ben miscelati tranne un eccessivo buonismo. Letteri è molto classico e mi ricorda troppo il ragazzino che ero, 1992, quando divenni un Texiano. Sono troppo affezionato a Letteri. Poi Capitanio ha tutto un altro stile. Piacevole sicuramente. Ad esempio e sarà un sacrilegio ma ho un grosso problema con Galep.
  14. @Leo a quale si riferisce il Boss? Quale del Morisco?
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.