Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

pecos

Sceriffi
  • Contatore Interventi Texiani

    637
  • Iscritto

  • Ultima attività

  • Giorni con riconoscenze

    1

pecos ha ottenuto l'ultima riconoscenza il 22 Maggio

pecos ha pubblicato il contenuto maggiormente apprezzato!

Reputazione nella comunità

62 Eccellente

3 seguaci

Info su pecos

  • Rango
    Scrittore affezionato
  • Compleanno 16/05/1985

Informazioni sul profilo

  • Sesso
    Male

Visitatori recenti sul profilo

3116 visualizzazioni del profilo
  1. pecos

    [Texone N.33] I Rangers Di Finnegan

    Questo è uno dei punti di forza delle tue sceneggiature, e che secondo me spesso segna una grossa differenza rispetto gli altri sceneggiatori che collaborano o hanno collaborato con te su Tex. Credo di averlo rimarcato più volte qui sul forum: per me non basta un buon soggetto per fare una buona storia di Tex, il divertimento nella lettura viene anche dalla presenza di soluzioni di sceneggiatura inaspettate e originali. Tante volte ho criticato altri autori per la pochezza di alcune loro scelte di sceneggiatura. Questo è uno degli aspetti che apprezzo di più della tua scrittura. Mi dispiace, Borden, di non aver ancora commentato (e letto) il texone, è un periodo molto intenso al lavoro e fatico anche a seguire le discussioni qui sul forum. Sto aspettando con ansia di rientrare in Italia per un po' di vacanze e per recuperare un po' di arretrati.
  2. pecos

    [Maxi Tex N.22] La grande corsa

    Arrivo, come al solito, in ritardo a commentare il maxi Tex di Ruju e Diso. Che dire, la storia è davvero molto bella (ma con un difetto, rilevante, di cui dirò dopo), è coinvolgente, parte da un’idea originale e la sviluppa in una lunga avventura che si legge piacevolmente. Il punto di forza, tra gli altri, è l’intrecciarsi di due trame principali - la grande corsa con l’antagonista principale, evidente fin dalle prime tavole, e la sottotrama del killer misterioso. Bello anche il ruolo riservato a Carson, che una storia del genere rischiava di lasciare a margine con le mani in mano ma ha invece un ruolo decisamente attivo. Sui disegni si è già detto molto, e anch’io li ritengo scadenti. Peccato perché il tratto di Diso non mi dispiace affatto, ma qui si percepisce davvero frettolosità e mancanza di cura per le tavole. A volte si fatica a riconoscere alcuni personaggi, che cambiano fisionomia da una tavola all’altra; c’è una mancanza quasi totale di dettagli, sfondi, e cura dei particolari. La storia ha un solo, grande problema, che nasce dalla volontà (evidente in molte delle storie di Ruju e Faraci) di voler a tutti i costi inserire un colpo di scena, o plot twist che dir si voglia, che ribalti le carte in tavola e lasci di stucco il lettore. Ecco, questa ricerca a tutti i costi del colpo ad effetto, spesso - come in questo caso - si risolve soltanto in una forzatura. Qui si vuole cercare di mantenere fino all’ultimo l’incertezza sull’identità dell’assassino misterioso, confondendo le carte e inserendo un ribaltamento finale che, oltre che poco credibile, crea delle incongruenze con quanto narrato in precedenza. @Leo ha ben spiegato questo punto nel suo post qui sopra. Alle sue perplessità, ne aggiungo una: l’uccisione della coppia che gestisce il trading post, nella notte dopo che il gruppo si è ormai allontanato, è del tutto incomprensibile. Se Mad Cat e Remo Bryant sono rimasti insieme dopo aver lasciato il trading post, come ha fatto il secondo ad assassinare la coppia senza che il primo se ne accorgesse? E perché i due sono tornati indietro, perdendo tempo prezioso (ore, verosimilmente) nei confronti degli altri concorrenti? Per me questa scena non sta proprio in piedi. E in un giallo una cosa del genere non è ammissibile: il lettore si crea un’idea di chi possa essere l’assassino sulla base degli indizi seminati dall’autore, ma qui uno arriva alla fine della lettura con la sensazione che l’autore abbia barato. Nonostante questo, la storia mi è piaciuta lo stesso, l’idea di fondo è ottima e la narrazione di Ruju è coinvolgente e divertente. Peccato solo per quelli che a mio avviso sono difetti di costruzione della storia.
  3. pecos

    Che cosa può offrire Tex ai giovani?

    Pensieri sparsi: 1) Sono stupito da come qualcuno qui abbia la verità in tasca e ne sappia molto di più di chi per mestiere si occupa proprio di fare queste valutazioni e di decidere le strategie di una casa editrice. 2) Ma questi ragazzini, che il passaggio al digitale avrebbe il merito di attirare e di avvicinare a Tex, comprerebbero davvero l'edizione elettronica ufficiale o farebbero i furbetti scaricandone aggratis le versioni pirata? Io penso proprio che sarebbero in pochi quelli che farebbero la prima scelta. E come ha spiegato Letizia non si può pensare a una differenza di qualità tale da far preferire una versione all'altra. 3) Credo che Tex possa ancora avere appeal verso le nuove generazioni. In fondo, tutti noi che continuiamo a leggere il Tex ogni mese lo facciamo perché lo abbiamo conosciuto da piccoli e abbiamo iniziato allora ad appassionarci alla lettura. Se un genitore, oggi, facesse leggere Tex a suo figlio, lo portasse in giro per mercatini e fumetterie alla ricerca dei numeri mancanti per completare la collezione... allora credo che avremmo anche nuovi lettori.
  4. pecos

    [Texone N.33] I Rangers Di Finnegan

    Scandalosi i disegni di Majo. Ora le ho sentite tutte. Forse prima di dare giudizi del genere sarebbe meglio avere l'albo completo sottomano. Hai visto 4 tavole in croce - le quali, tra l'altro, sono ben lontane dall'essere scandalose.
  5. pecos

    Che cosa può offrire Tex ai giovani?

    Ma ragazzi, non siamo più negli anni '60 dove il fumetto era l'unica alternativa per i ragazzini... Da questa discussione sembra che il fumetto - e non il fumetto generico, ma proprio Tex, perché anche "i manga sono spazzatura" secondo Johnny Colt - sia migliore di ogni altra forma di intrattenimento. Ma chi lo dice questo? Non è che perché noi siamo cresciuti in un certo modo, con certe letture, questo debba essere per forza il modo migliore. Oggi, per dire, ci sono serie tv stupende, che non solo offrono intrattenimento, ma spesso sono anche profonde, trattano temi non banali, per non sottovalutare l'aspetto artistico. Perché dovrebbe essere meglio impiegare un'ora del mio tempo libero a leggere un fumetto, invece di guardare una puntata di una serie tv? Solo perché noi siamo cresciuti in un certo modo? Perché dovrebbe essere meglio leggere un fumetto piuttosto che una bella partita a un videogame, magari in compagnia di un amico? La varietà dell'offerta è una ricchezza. Se avessi un figlio, cercherei di stimolare prima di tutto la sua curiosità e l'apertura alle possibilità che la nostra società ci pone davanti - anche al fumetto, certo, ma non solo a quello.
  6. pecos

    [Texone N.33] I Rangers Di Finnegan

    Perché non "tempo perso" nella vignetta precedente, e "sprecare il fiato" nella successiva?
  7. pecos

    Che cosa può offrire Tex ai giovani?

    Ma sulla base di cosa fai questa affermazione? Dovresti riportare qualche fonte e i dati di vendita, altrimenti sembra campata in aria. Ma perché devi catalogare come spazzatura fumetti diversi da quelli che leggi tu?
  8. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    La prima è una delle storie migliori di Borden. La seconda la vorrei leggere subito. Non è vero che in cinque righe tutto diventa banale. Uno spunto può essere promettente o non dire nulla. Ma qui stiamo giocando a valutare gli spunti, non le storie bell'e finite.
  9. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    Borden si sta divertendo come un matto - una volta tanto che i ruoli si invertono ed è lui a prendere di mira i forumisti... è un cecchino implacabile Io non vorrei essere nei panni di Ruju quando gli propone un nuovo soggetto... Visto che siamo comunque in tema, avrei una curiosità per Borden: privatamente ti arrivano molti soggetti o sceneggiature amatoriali di aspiranti scrittori di fumetti?
  10. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    Nelle intenzioni di Ymalpas, il thread è nato come un gioco dove i forumisti potessero proporre qualche breve soggetto, con il vincolo che rispettasse il canone texiano. Ora, sono chiare due cose: 1. quello che si intende comunemente per canone texiano non è in verità un concetto così consolidato tra i lettori - almeno quelli che hanno proposto un soggetto qui - dato che il 90% delle proposte, come ci fa capire Borden, lo travalicano abbondantemente. Se ne realizzasse soltanto uno di quel 90%, verrebbe messo istantaneamente al palo della tortura da buona parte della "intellighenzia" dei lettori; 2. credo che lo spirito con cui i forumisti hanno proposto i loro soggetti sia stato quello della ricerca di un soggetto il più originale possibile, e con questo si sono spinti un po' troppo in là. Molto spesso la bellezza di una storia di Tex è dettata dalla solidità della trama e dalla frizzantezza della sceneggiatura, più che dall'originalità dello spunto.
  11. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    In questa discussione, spezzo una lancia a favore di Letizia - non ho letto nulla dei suoi racconti, ma il soggetto, così come lo ha presentato qui, non è così improbabile come alcuni vorrebbero. Certo che se uno va a fare le pulci a qualsiasi storia, sono poche quelle che ne uscirebbero indenni. Qui sembra che alcuni passaggi richiedano una buona dose di sospensione dell'incredulità, ma tutto sommato potrebbero anche funzionare. L'unico commento che faccio è che il trucco della morte di Tex è del tutto telefonato: ovviamente nessun lettore crederebbe per un solo secondo che Carson abbia ucciso Tex, quindi non si può costruire una storia avente per apice la finta uccisione. Poi, come sempre, il soggetto da solo vale poco. Per me la sceneggiatura conta molto di più. Ma qui mi fermo, perché questa non l'ho letta.
  12. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    È chiaro che finirebbe esattamente come hai detto: i due sembrano essere alle corde e doversi battere, ma riescono a ribaltare la situazione (magari con un aiuto di Kit e Tiger dall'esterno). Ma qui si tratta di scrivere una sceneggiatura fatta bene. Piuttosto, mi piaceva l'idea di mettere Tex di fronte a un'altra leggenda del West (del nostro West fittizio dei fumetti, ovviamente). Me lo immagino 10-15 anni più vecchio di Tex, che ha vissuto i suoi anni d'oro quando Tex era un giovane fuorilegge... Dici che un personaggio del genere è davvero "vietato"?
  13. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    OK, ci provo anch'io, con una mezza idea. Cliff LeRoy è una leggenda del west. Pistolero abilissimo e tiratore eccezionale, ormai invecchiato ha deciso da anni di ritirarsi a vita privata. Ma qualcuno lo vuole morto! Si tratta di El Loco, feroce bandito da lui sbattuto in prigione 30 anni prima, che è ora di nuovo libero e alla testa di una grossa banda mette a ferro e fuoco l’intera regione di confine a cavallo tra Arizona e New Mexico. Tex e pards sono sulle sue tracce. Anche Cliff li cerca, sa che non potrà vivere tranquillo finché El Loco sarà libero. Dopo un rocambolesco assalto a un treno postale, e una rapina alla banca di Tucson, tutti si ritroveranno in una città fantasma per lo scontro finale: ma qui El Loco sembrerà avere la meglio, e obbligherà Tex e Cliff, i migliori pistoleri del West, a sfidarsi a duello nella main street, sotto la minaccia dei fucili dei suoi uomini. ps: disegni di Biglia.
  14. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    Mi sa che a un po' di gente, me compreso, un po' dà fastidio Ma quando è off topic e non c'entra niente con quello di cui si sta parlando Questo è proprio un topic sui soggetti dei lettori - dove altrimenti dovresti parlarne, se non qui??? O forse Borden ha solo fatto finta di non cogliere chi era il biondino di cui parlavi
  15. pecos

    I Soggetti di Tex da parte dei lettori del forum di Tex

    Ma infatti un soggetto di cinque righe conta poco o niente. Che sia originalissimo o che sia un'idea trita e ritrita, quello che conta davvero poi è la sceneggiatura. È lì che si vedono le buone idee, e lì che una storia diventa memorabile o una ciofeca. Vedi la città nascosta di Faraci: se ne scrivi il soggetto in cinque righe per me ne può uscire pure un capolavoro, ma il risultato finale ce lo ricordiamo tutti. Oppure prendi Canyon Diablo: il soggetto sembra banalotto, ma la sceneggiatura per me è una delle più divertenti e coinvolgenti. Comunque il gioco è carino, se mi viene qualche idea la posto anch'io.
×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.