Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Dix Leroy

Ranchero
  • Content Count

    1,150
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    36

Dix Leroy last won the day on June 16

Dix Leroy had the most liked content!

Community Reputation

154 Incredible

1 Follower

About Dix Leroy

  • Rank
    Utente emerito del TWF
  • Birthday October 25

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    721
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    Dinamite

Recent Profile Visitors

5,796 profile views
  1. A dire la verità ho dato una occhiata al volume giusto per vedere se c'erano evidenti difetti di stampa e confezione (purtroppo rischio sempre presente nei libri, ancor più nei fumetti e ancor più nei fumetti Bonelli). Casertano a parte la storia breve del color a me è noto più che altro per le prime copertine di Nick Raider, che trovavo sempre ampiamente sopra la sufficienza. Anche in questa prova ci sono moltissime belle immagini, inquadrature suggestive, scene d'azione ben realizzate, prova che ci si trova davanti a un grande professionista. E colpisce ancor di più trovare certe cose a
  2. Il fumetto italiano si deve reinventare, c'è poco da fare. Negli anni venti trenta del novecento c'era un modo di raccontare le storie, diverso da quello degli anni quaranta, poi di nuovo stravolto per liberarsi dalle imposizioni del regime. Ma il modo di fare fumetti è rimasto inalterato dagli anni sessanta in poi, anche se è vero che i disegnatori sono diventati troppo meticolosi, le sceneggiature inutilmente verbose e articolate e c'è stata la non conveniente convergenza tra il fumetto "popolare" e quello "adulto" o meglio "vietato ai minori" (si, lo sapete... che mi riferisco alle sce
  3. Il texone era un volume speciale, il maxi lo stesso (nelle introduzioni c'era solo una velata ipotesi) Se vende sarà logico aspettarsi a ogni inizio estate a un albo bis. Lasciando perdere l'ulteriore esborso economico, un storia completa e per di più slegata dalla serie normale è quasi una boccata di aria fresca. Le storie interminabili sia sulla testata storica sia sul Tex giovane sono opprimenti per chi vuole solo staccare la spina dalla realtà per una mezzoretta e non dover tener costante memoria di un universo narrativo in piedi da ormai quasi un secolo.
  4. Il fatto è che Tex è un fumetto che oltre ad aver avuto un costante successo, ha fatto la fortuna della casa editrice, che non non ha potuto interrompere una volta raggiunta la sua fase massima (non me ne vogliate ma questo è successo alla fine degli anni settanta). Si è scelto di prolungare la sua corsa finché possibile, che con pur con qualche picco in alto è per forza di cose rivolta verso il basso. Molti collezionisti di Tex non sono molto diversi dai bottegai che ci propinano le loro allegre perle di saggezza alle fiere o nei loro oscuri antri. Io stesso non riesco più a conservare memori
  5. Mancò veramente poco per entrare nello staff di una testata Bonelli (non Tex) all'inizio degli anni novanta, ma capii per tempo che non era la mia strada. Non so ancora quale sia realmente la mia strada: intanto percorro quella tra casa e la fabbrica in attesa di notizie certe dall'INPS.
  6. A parte lo sfondo che (non so come esprimermi meglio) "stacca" poco dai protagonisti io non vedo grossi errori di prospettiva o di anatomia. I cappelli hanno la giusta forma e i personaggi mi sembrano azzeccati. Da ex-disegnatore (ero troppo precipitoso di vedere un lavoro finito per inserirci troppe rifiniture) i miei rispetti. Magari disegnare una storia intera potrebbe essere complicato, però io proporrei che Burningbullet realizzasse almeno una copertina di un color invernale.
  7. Mi trovo praticamente sempre in disaccordo con l'Avv. Monni ormai su qualsiasi argomento e forse per partito preso, ma sono contento per lui che una sua idea sia stata approvata e trasformata in una storia per la serie regolare (probabilmente non mi piacerà affatto ma se si trova sulla testata ammiraglia è ufficiale e tanto basta). Se tutta la sceneggiatura fosse sua opera mi verrebbe da dire che copertina e disegni la fanno sembrare tanto un mero riempitivo tappabuchi (la copertina non mi piace per niente: il volto della ragazza non è riuscito, il Kit di Villa non è n
  8. Per una volta posso tranquillamente contestare un tuo scivolone e senza paura di beccarmi la tua solita ramanzina. Se per me il matrimonio è solo un cumulo di sciocchezze perchè diavolo dovrei essere sposato? Ma il fatto di non essere sposato non mi da nessun diritto di avere avventure spiccia o amorose con la prima che passa (anche perché non è poi così facile che accada nella vita reale). Ah, ci sono i farfalloni per carità, ma affermare che succede a tutti gli uomini è una assurdità. Per questo che in ogni fumetto o film o libro o fiction di avventura (io non seguo nessuna op
  9. Posso essere d'accordo, ma la ritengo migliore di quella del 281 "Il Giustiziere" realizzata da Galep da cui sembra essere ispirata. Poi ultimamente sembra quasi che la fisionomia di Tex nelle copertine sia altalenante, ma anche nel periodo classico questo succedeva praticamente sempre. Non dimentichiamo che le migliori copertine di Galep erano in realtà rivisitazioni di poster o romanzi western. La staticità delle pose non sempre è un problema, ci sono bellissimi esempi in tutti e due i sensi. Una volta un tale mi disse che nella copertina i personaggi devono sempre "guardare in mac
  10. Devi valutare due aspetti Condor. L'illustrazione e il suo scopo. Un bellissimo disegno, colorato con tutte le sue sfumature può essere un'opera d'arte, un quadro da contemplare e che ogni volta ti appare in maniera diversa o che ti svela un particolare che prima non avevi notato. Una copertina va buttata nel marasma di un espositore da edicola, in cui si confonde tra mille proposte, magari semicoperta da altre copie uguali o da cose fin troppo simuli e deve attirare la tua attenzione, altrimenti resterà lì e non lo porterai a casa. La camicia tutta gialla di Tex potrà non essere verosimi
  11. Aggiungici l'ultimo Maxi (con il quartetto spostato un centimetro più a destra però...)
  12. Villa è un copertinista nato (il suo ultimo Texone è in pratica una serie di copertine). Dovrebbe riempirle meno di particolari e quando lo fa sono nettamente migliori e stare più attento alle proporzioni. Sono uno dei pochi a preferire la colorazione al computer rispetto alle sue indicazioni (i suoi visi sempre tra il viola e il paonazzo non mi piacciono proprio). Anche Piccinelli dovrebbe "tirar via" in modo che le copertine non siano solo "bei disegni realizzati meticolosamente" ma sopratutto degli "specchietti per le allodole". Una copertina piena zeppa di piccole cose e piena di piccole a
  13. Sapete che effetto ha avuto l'operazione "medagliette"? Ho comprato gli albi, li ho lasciati incelophanati e sono andato nel web a cercarmi i pdf.
  14. Le cose sono un pochettino cambiate negli ultimi mesi: non so gli avvocati ma purtroppo c'è già tanta gente che ora ha altri pensieri che entrare in edicola e prendersi tutti i Bonelli per la collezione di patacche. E lasciando perdere che non ho più posto in casa, ogni mese che passa potrebbe toccare anche a me di dover pensare a come rimediare qualcosa da mangiare invece che qualcosa da leggere. Per mandare avanti una azienda non sono portato, ma a volte vedo lungo e i fatti mi danno ragione quando non ho più interesse a una rivalsa.
  15. In effetti alcuni costi fissi non li avevo considerati, quindi la stima di una ipotetica "copia unica" era troppo ottimistica. Il resto del discorso resta valido: più c'è venduto meno il prezzo del prodotto può scendere, dipende solo da quanto ci si vuole guadagnare sopra. L'espediente delle "patacche" non farà salire di una sola copia le vendite degli albi Bonelli, anzi io prevedo un nuovo aumento forse già verso la fine dell'anno. O questo oppure una radicale trasformazione del prodotto, che forse doveva essere già stata effettuata.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.