Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum

Messaggi consigliati/raccomandati

Perché all'interno del parco disegnatori di allora (che per i più distratti ricordo che comprendeva oltre Galep: Letteri, Ticci, Fusco, Monti, Civitelli , Villa e Marcello) solo lui e Ticci erano quelli più adatti a fare i copertinisti secondo il parere di Sergio Bonelli e  Decio Canzio. Si dice che Villa la spuntò perché essendo di Como era più facile tenere i contatti con lui ma non so se sia vero

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quando Villa fu scelto come copertinista per Tex io rimasi piuttosto dubbioso. Avevo conosciuto il disegnatore su Martin Mystere, ne avevo apprezzato lo stile e l'abilità, però non ce lo vedevo come testimone per Galep. Avrei preferito Ticci, per quanto fosse anche lui molto diverso dal padre grafico di Tex. Credo che Villa sia stato preferito perché le sue tavole avevano un maggiore contrasto di bianchi e neri e di primo acchito ciò poteva farlo sembrare più in linea con le tradizionali copertine di Tex. E il fatto che l'avvicendamento sia stato così ben accettato è la conferma che l'editore nella scelta ci ha visto giusto. Eppure, a distanza di tanti anni, io non riesco a farmi piacere troppo il "nuovo" Tex.

 

A questo punto permettetemi di aprire una parentesi su Aurelio Galleppini, grande Maestro che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente. Io ho sempre trovato sbagliato identificare tout court la personalità di Tex con quella di Gianluigi Bonelli. Il quale ha sicuramente dato al nostro eroe l’anima, il carattere, quel modo di essere che lo rende riconoscibile ancor oggi come allora. Ma non dimentichiamoci che a lato di quest’anima e in felice commistione con essa, Galep per cinquant’anni ha fornito il volto, l’aspetto esteriore, quello oltretutto più riconoscibile e di immediata presa. Galep, si sa, utilizzò come primo modello per Tex l’attore Gary Cooper salvo poi guardarsi allo specchio e prestare le proprie fattezze al personaggio, complice anche una sua felice somiglianza con Cooper. Adesso, per rendersi conto dell’apporto dato da Galep al personaggio Tex basta mettere a confronto una sua foto con quella di GL Bonelli. Non solo due facce diverse, ma anche due “tipi psicologici” profondamente diversi. Il volto di Bonelli padre era roccioso e volitivo, lasciava trasparire una certa impetuosità; mentre quello di Galleppini al contrario era l’immagine di una persona calma e gentile dai tratti piuttosto fini. E’ da questo connubio, rivelatosi felicissimo per Tex, tra l’impeto bonelliano e la gentilezza galleppiniana, che ha preso forma il “charachter” che tutti i texiani hanno stampato nel cuore e nella mente. Ovviamente è esistito da molto tempo prima di Villa, un “altro” Tex, e questo secondo Tex è stato per un po’ di tempo disegnato da autori come Ticci e Fusco, i quali hanno dato un’immagine di Tex un po’ diversa da quella tradizionale, più vicina a quella di attori western quali Charlton Heston e John Wayne, rispettivamente. Con l’addio di Galep e la scomparsa di altri disegnatori storici quali Letteri e Nicolò, ha iniziato a prendere forma un nuovo Tex, la cui impronta stilistica si è fatta via via più sudamericana. Ora, dicevamo di Villa, che prendendo spunto dal Tex di Ticci, col suo tratto grafico fortemente realistico, ridisegna Tex sulle fattezze di Charlton Heston, seguendo le indicazioni dell’editore che già aveva avallato questa identificazione. Si tratta di un cambiamento esteriore non da poco. Rispetto al Tex “classico”, il “Tex Heston” ha il volto più piccolo e quadrato, la mascella fortemente squadrata, un naso più corto e un marcato solco sopra il labbro superiore e per finire un occhio più fermo e vigile. Et voilà, il "nuovo" Tex è servito. Non è un brutto Tex, ha una fisionomia più accurata e riconoscibile, ma è un'altra persona. Io sono legato al "Tex Cooper", il Tex galleppiniano, che aveva il volto più allungato e il naso più fine e due occhi... due occhi che non erano mai fissi ma erano un po' ravvicinati e un po' assenti e che rendevano Tex meno impulsivo e più posato, più incline al sorriso...

 

 

TEX%20BUONO(1)a.jpg

Questo il Tex "gentile" e più "fine" di Galep, mentre quello di Villa è più deciso ma anche più "rozzo"...

 

 

 

 

texvilla.jpg

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Contenuto simile

    • Da natural killer
      Quest'anno anche la SBE è accreditata nella carovana del Giro
       

    • Da JohnnyColt
      E' da qualche giorno che mi chiedo se Tex possa davvero competere con i vari manga o con i vari comics che tanto ora vanno tra i giovani. Tex non è prettamente un fumetto per "vecchi" però rappresenta una nicchia di lettori, una nicchia appassionata di western e di azione un poco canzonata. Tex tra l'altro, è l'eroe tutto d'un pezzo che oggi si osteggia, si preferiscono personaggi dubbiosi e per alcuni aspetti deboli, si preferiscono personaggi più contemporanei e legati alla vita globalizzata e ipertecnologica. Se Tex negli anni '60 rappresentava un modello da seguire per migliaia di ragazzini, se Tex dava speranza in un mondo migliore a cui tutti potevano aspirare, oggi che cosa rappresenta? Che cosa può offrire Tex alle nuove generazioni ? Cosa può trasmettere ai giovani che preferiscono la frivolezza di un manga o di un comic?
      Personalmente penso che quei valori che Tex esprimeva negli anni '50/'60/'70 possano avere ancora oggi un'importanza rilevante, penso che farebbe bene far leggere Tex a più giovani affinchè possano comprendere le ragioni di libertà e giustizia che fanno agire Tex, affinchè possano comprendere che non esiste popolo superiore o popolo inferiore ma vi è una sola razza umana composta da buoni e cattivi (siano essi bianchi, rossi, neri o gialli), affinchè possano comprendere l'inutilità della guerra e degli stermini di popoli che ancora purtroppo esistono. 
      In un mondo globalizzato e ipertecnologico come quello odierno, in un mondo profondamente razzista e classista Tex può davvero rappresentare un modello da seguire per le nuove generazioni rincitrullite da slogan politici, musica opinabile e reality show. Secondo voi è possibile far avvicinare quei giovani che preferiscono i comics e i manga perchè vanno di moda o il tutto si conclude con una mera questione di gusti?
      Per me le vendite parlano chiaro, i gusti c'entrano ma fino ad un certo punto. Credo sia più consono parlare di moda.
    • Da natural killer
      Nel 1969 usciva il Supplemento al n.56 della rivista Linus con il titolo LinusWest.
       

       
      All'interno è contenuta la storia del Kit Carson di Albertarelli (1937) e la ristampa della storia di Tex La valle della luna (1962) con le strisce rimontate a dodici vignette per pagina
       

       
      La copia anastatica dell'albo si trova in edicola abbinata alla Gazzetta dello Sport
    • Da JohnnyColt
      Il clima si fa rovente, a sud del confine
       
      TEX
      N° : 690
      Periodicità: mensile
      LE SCHIAVE DEL MESSICO
      uscita: 07/04/2018
      Soggetto: Pasquale Ruju
      Sceneggiatura: Pasquale Ruju
      Disegni: Giuseppe Prisco
      Copertina: Claudio Villa

      Anita vuole ritrovare sua sorella, che è stata rapita dal crudele Saldivar. Tex e Carson varcano il Rio Grande per affrontare una banda di feroci desperados!
       


       
      Letta tutto d'un fiato grazie alla variant ordinata sul sito Bonelli e arrivata questo pomeriggio.
      Siccome la storia uscirà tra un po' mi limiterò a scrivere mie considerazioni su Ruju e Prisco, senza particolari spoiler sulla storia in sè.
      Storia di un solo albo che mancava da tanto e che soprattutto ha riportato una grande albo nel mensile di Tex.
      Storia davvero ben scritta, lineare ma con diversi colpi di scena azzeccati, ritmo perfetto che esplode (letteralmente) nel finale in tutta la sua grandezza...
      Ruju qui ha ritrovato sé stesso realizzando un albo che è la quinta essenza di ciò che sostengo io da tempo: non servono sempre e per forza due albi per fare una grande storia! Largo agli albi singoli e ai 3 albi!
      Caratterizzazione dei personaggi davvero ben fatta, soprattutto dei due antagonisti. Finale per fortuna non velocizzato o tronco, con un buon ritmo e una resa dei conti forse prevedibile ma realizzata secondo me molto bene.
      Dal lato disegni sono davvero molto soddisfatto di Prisco: ottime ambientazioni, tra il dettagliato e il fluido (un poco alla Ticci), tagli fotografici che starebbero benissimo su un Texone, elementi che escono dalla gabbia che danno freschezza al tutto, caratterizzazione grafica di Carson eccezionale e realizzazione molto accurata delle ragazze fatte prigioniere.
      VOTO COMPLESSIVO 8-
      Il - è dovuto a due elementi, uno riguardante Ruju e l'altro rguardante Prisco:
      (SPOILER) all'inizio della storia si dice che la roccaforte di Tejas è un piccolo villaggio disabitato perciò viene in mente subito un posto insepugnabile, con parecchie guardie attorno ad esso. Ciò non è perchè a detta di un membro della banda, notizia che troverà conferma, vi sono solamente delle sentinelle in un fienile (Sì, avete capito bene, un fienile. Difendere una città con due sentinelle dentro ad un fienile non credo sia una grande mossa strategica tant'è che Tex e Carson hanno velocemente ovviato al problema); la caratterizzazione grafica di Tex è stata molto incostante: in una vignetta il volto di Tex ricordava molto un Ticci, in un'altra un Fusco e a volte, a tratti, ho visto anche la pulizia di un Civitelli. Ci sta, è la prima storia per Prisco e l'ha disegnata a mio dire molto bene ma mi sarebbe piaciuta ugualmente più coerenza. Serve solo ulteriore caratterizzazione al viso di Tex, nulla più. Copertina standard molto carina, con un bel gioco di luci. La versione Variant invece è splendida con un effetto legno relistico e interessante. Brava Bonelli!
       
      Una striscia che ho particolarmente gradito:

       
    • Da JohnnyColt
      Le ultime due storie uscite sulla serie mensile hanno deluso le aspettative risultando banali e scritte forse con poca attenzione. In questi giorni, di conseguenza, ho sentito spesso il termine IMPUBBLICABILE: per voi che cosa vuole dire veramente una storia IMPUBBLICABILE?
      Personalmente ritengo tali quelle storie con un'idea molto banale alla base, magari scoppiazzata qua e là, con errori temporali e magari disegni poco adatti...
      Voi cosa ne pensate? Quali storie in tutta la vita editoriale di Tex ritenete davvero impubblicabili?
       
       
  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.