Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Kerzhakov91

Membri
  • Posts

    32
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Kerzhakov91 last won the day on December 1 2021

Kerzhakov91 had the most liked content!

About Kerzhakov91

  • Birthday 05/13/1991

Profile Information

  • Gender
    Maschile
  • Interests
    Calcio, musica, cinema, fumetti, Russia

    "Tre film al giorno, tre libri alla settimana, dei dischi di grande musica faranno la mia felicità fino alla mia morte" (François Truffaut)
  • Real Name
    Alberto

Me and Tex

  • Number of the first Tex I've read
    276
  • Favorite Pard
    Tex
  • Favorite character
    Lucero

Recent Profile Visitors

1,187 profile views

Kerzhakov91's Achievements

Apprentice

Apprentice (3/14)

  • Dedicated
  • First Post
  • Collaborator
  • Conversation Starter
  • Week One Done

Recent Badges

8

Reputation

  1. Delle primissime storie di Tex, "Il mistero dell'idolo d'oro" era quella che ricordavo meno. Per quanto fosse l'avventura più lunga pubblicata fino a quel momento, mi pareva meno "mitica" delle precedenti. L'unica scena che mi era rimasta ben impressa era quella dell'arrivo con la diligenza di Tesah (alla sua ultima apparizione, almeno fino al recente ripescaggio di Boselli). A ben vedere, è invece piuttosto importante, per diversi motivi. Innanzitutto, pone le basi per la prima vera grande storia texiana di ampio respiro (quella appena successiva - attualmente in edicola - con Mefisto, Montales e la liberazione del Messico). Poi, è il primo contatto di Tex con la mitologia azteca: una passione "esoterica" che GLB riverserà in svariate avventure successive. Appare infine Yogar, ovvero la prima cattivona della serie, presentata come un'assassina senza scrupoli capace di colpire anche a sangue freddo, ma che avrà modo di farsi perdonare nel finale. E a proposito del comparto femminile, forse mai così ben munito, è un peccato che la prosperosa Estrella de Rio (praticamente un mix fra Jane Russell e Rita Hayworth) sparisca quasi subito di scena, perché avrebbe potuto essere un'altra Marie Gold.
  2. È incredibile come Frediani continui a parlare di tutto (principalmente nostalgia a buon mercato) tranne che delle storie ristampate nelle strisce
  3. Di questo passo, mi sa che non ci arriveremo mai!
  4. Il mio timore era che fosse una storia di soli salamelecchi scambiati tra i due eroi e invece per fortuna Boselli, a 'sto giro, è riuscito a contenersi, senza esagerare. Di carne al fuoco ce n'è parecchia e la cottura mi sembra ben riuscita. Eccellente l'inizio, molto evocativo. E promosso in pieno questo Zagor crepuscolare, che peraltro si era già intravisto verso la fine degli anni 90 in una manciata di storie dello stesso Boselli e persino della meteora zagoriana Colombo. Di contro, Tex forse un po' troppo gradasso (è chiaro che l'autore voleva mettere in risalto le differenze caratteriali tra i due personaggi, accentuando così alcuni aspetti). Forzato l'inserimento della profezia (col passare degli anni magari le premonizioni dello Spirito con la Scure si saranno pure affinate, ma qui mancano proprio i presupposti). In definitiva, storia da 7 pieno per me. Sui team up la penso più o meno come Diablero e zagor70, tranne che per la stroncatura dei primi due storici crossover fra Dylan Dog e Martin Mystère, che in ambito bonelliano rimangono per me ancora insuperati (le brevi, inaspettate e spassosissime apparizioni di Mister No fanno invece storia a se).
  5. Le strisce pubblicate in queste ultime settimane sono probabilmente quelle con il maggior tasso erotico di tutta la serie, grazie alla presenza in contemporanea di ben due donzelle, una bruna e una bionda: caratterialmente pressoché agli antipodi, ma entrambe innamorate di Tex (e, almeno in parte, ricambiate dal Nostro) Joan, figlia del giornalista locale Sam Baker, è la classica brava ragazza. Anche se, nella sua prima apparizione, appare come un discreto peperino In un primo momento, sembra irritata dai modi rudi di Tex Ma è tutta apparenza: in realtà, si è già innamorata del tenebroso fuorilegge e si preoccupa per la sua sorte Alla tenera Joan, GLB decide di contrapporre la maliarda Marie Gold, che incarna tutti gli stereotipi della femme fatale Tex infatti è tutt'altro che immune al suo fascino... La generosa scollatura di Marie Gold riserva parecchie sorprese: peccato, però, che questa scena verrà censurata in tutte le successive ristampe E quando mai Tex ha ricevuto una proposta così esplicita? La padrona del Jolly Bar conosce l'arte della seduzione, questo è poco ma sicuro Difficile pensare che i due piccioncini, soli soletti nella stanza, non abbiano consumato... Più che comprensibile quindi la gelosia del capitano Lowett Galep si sbizzarrisce nel ritrarre "la più bella bionda di tutto il West": ai lettori dell'epoca appare scosciata e addirittura svestita Almeno una cosa in comune Joan Baker e Marie Gold ce l'hanno: temono che a Tex possa accadere qualcosa di brutto Entrambe, come vedremo prossimamente, verranno poi "scaricate" da Tex, seppur in modo diverso... In compenso, sarebbero entrate nel cuore di generazioni e generazioni di lettori, che non le hanno mai dimenticate.
  6. Alla tenera Joan, GLB decide di contrapporre la maliarda Marie Gold, che incarna tutti gli stereotipi della femme fatale Tex infatti è tutt'altro che immune al suo fascino... La generosa scollatura di Marie Gold riserva parecchie sorprese: peccato, però, che questa scena verrà censurata in tutte le successive ristampe :tze: E quando mai Tex ha ricevuto una proposta così esplicita? La padrona del Jolly Bar conosce l'arte della seduzione, questo è poco ma sicuro Difficile pensare che i due piccioncini, soli soletti nella stanza, non abbiano consumato... Più che comprensibile quindi la gelosia del capitano Lowett Galep si sbizzarrisce nel ritrarre "la più bella bionda di tutto il West": ai lettori dell'epoca appare scosciata e addirittura svestita Almeno una cosa in comune Joan Baker e Marie Gold ce l'hanno: temono che a Tex possa accadere qualcosa di brutto Entrambe, come vedremo prossimamente, verranno poi "scaricate" da Tex, seppur in modo diverso... In compenso, sarebbero entrate nel cuore di generazioni e generazioni di lettori, che non le hanno mai dimenticate. :luilui: Le strisce pubblicate in queste ultime settimane sono probabilmente quelle con il maggior tasso erotico di tutta la serie, grazie alla presenza in contemporanea di ben due donzelle, una bruna e una bionda: caratterialmente pressoché agli antipodi, ma entrambe innamorate di Tex (e, almeno in parte, ricambiate dal Nostro) Joan, figlia del giornalista locale Sam Baker, è la classica brava ragazza. Anche se, nella sua prima apparizione, appare come un discreto peperino In un primo momento, sembra irritata dai modi rudi di Tex Ma è tutta apparenza: in realtà, si è già innamorata del tenebroso fuorilegge e si preoccupa per la sua sorte
  7. Ho sempre pensato, fin da quando lessi per la prima volta da bambino quella storia di GLB, che l'Uomo della Morte - con quel macabro travestimento di sicuro effetto e ancora oggi di grande fascino - avesse del potenziale non sfruttato. Bravo Boselli a ripescarlo e a cucirgli addosso una storia assolutamente perfetta, grazie ovviamente anche ai disegni di un Breccia in stato di grazia Ora vogliamo una miniserie dedicata all'Uomo del Teschio, una sorta di what if con Tex vendicatore in stile fumetto nero anni 60
  8. L'ho letta oggi, tutto d'un fiato, e mi ha esaltato! Una storiona davvero mozzafiato E ho la sensazione che il finale possa portare a dei risvolti futuri... Voglio sperare che Sandoral, del quale non sappiamo praticamente ancora nulla, sia riuscito in un qualche modo a salvarsi...
  9. E dire che secondo me una storia vampiresca su Tex ci starebbe proprio bene... Anche perché Boselli il tema lo conosce bene
  10. Gran bella storia, tra le migliori del filone che comprende anche avventure tra le più amate della saga come Lo straniero, La legge del più forte, Canyon Diablo e molte altre, con dei dialoghi parecchio brillanti e divertenti (specie nella prima parte) e con dei comprimari azzeccati. Simpaticissimo lo stalliere Pop. Nota a margine: Kit Willer ECCEZIONALE! Questo è il Kit che mi piacerebbe sempre vedere (o quasi).
  11. Bellissima l'amicizia che si instaura fra Tex e Montales in questa storia.
  12. Non vorrei fare il rompiscatole, ma non sono molto d'accordo con questa suddivisione delle storie dei numeri 2/3/4. Secondo me si tratta di una storia unica, molto lunga (oltre 280 pagine) che va dal Mistero dell'idolo d'oro del n. 2 sino all'Eroe del Messico, a metà del n. 4. Il filo conduttore che lega la trama in fondo è la guerra fra USA e Messico protagonista di quegli albi. E nessuno si ricorda di quell'idolo del vecchio Tom? In assoluto uno dei miei comprimari preferiti, mi stava troppo simpatico... La sua morte è stata tra le più tristi della saga O perlomeno ci sono rimasto parecchio male io, ogni volta che la rileggo è un colpo al cuore... Maledetto Mefisto! Concordo comunque con chi considera questa la prima grande storia di Tex... E' davvero epica, nel vero senso del termine! Mefisto si vedeva che era già un nemico destinato ad entrare nella leggenda... Certo, nulla a che vedere con quello che ricomparirà un ventennio dopo, ma per me non passò affatto inosservato, tutt'altro!
  13. Storia di tono minore dopo i fuochi d’artificio della precedente, ma non mancano comunque momenti epici e appassionanti. Torna Kit Carson, qui salvato da Tex. La loro duratura amicizia comincia fondamentalmente qui...
  14. Storia sulla falsariga della prima, è il primo di una lunga serie di western cittadini... Molto gradevole, siamo ancora agli inizi, e tutto si apprezza nonostante l'apparente banalità della trama e la poca consistenza dei nemici. Incantevole la figura di Marie Gold, bisogna riconoscere che il primissimo Tex, quello perennemente solitario e senza fissa dimora, poteva permettersi anche qualche avventura sentimentale da noi solamente immaginata Un Tex seduttore come non mai: addirittura due le donne che ha fatto innamorare in questa avventura svoltasi a Silver City Curiosità: è qui che Tex comincia a indossare i guanti
  15. Storia che considero superiore rispetto alle due precedenti e che ha la prima vera e propria scena memorabile di Tex: l'entrata nel servizio segreto dei Rangers, con Marshall che prima di consegnare la stelletta al Nostro, gli presenta due tra i più famosi pistoleri del West: lo sfortunato Arkansas Joe e Kit Carson, uno che in futuro avrà modo di farsi conoscere ai lettori. Ecco, confesso che mi sarebbe piaciuto vedere almeno una volta in azione Arkansas Joe, messo invece subito da parte... Vi è anche il primo momento drammatico della serie, relativo a El Diablo. In punto di morte chiede a Tex di celare la sua identità alla figlia. Momento di una certa sensibilità. Tex capisce e sta al gioco, perché tutto sommato l'assassino messicano dimostra di avere qualche valore. La parte successiva con Bill Mohican, il gigante rapitore di fanciulle (una sorta di orco cattivo tipico delle fiabe), di fatto rappresenta una storia a parte, meno interessante per quanto mi riguarda.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.