• Avvisi

    • TexFanatico

      BUON NATALE   24/12/2017

      BUON NATALE e felici Festività a voi!
Guest Colonnello_Jim_Brandon

[407/409] Il Passato Di Carson

Voto alla storia  

75 voti

  1. 1. Voto alla storia

    • 10 - 6
      50
    • 9 - 5.5
      11
    • 8 - 5
      3
    • 7 - 4.5
      1
    • 6 - 4
      1
    • 5 - 3.5
      0
    • 4 - 3
      0
    • 3 - 2.5
      0
    • 2 - 2
      0
    • 1 - 1.5
      0


Messaggi consigliati/raccomandati

Il Passato di Carson è semplicemente il più grande capolavoro dell'intera saga texiana, una storia che meriterebbe una trasposizione cinematografica che consentisse di apprezzarla anche ad un pubblico più vasto di quello texiano. Il critico Gianni Canova defin° i film di Sergio Leone come partite di calcio fatte solo di azioni da goal. Ebbene, qui è un goal continuo, spettacolo ed emozioni purissime.
I protagonisti assoluti della storia sono Carson (e già questo me la fa piacere ancora di più, perchè ritengo che al Vecchio Cammello si debba ritagliare un ruolo di spessore ancor maggiore, rendendolo non semplice spalla di Tex, ma vero e proprio co-protagonista, capace di pensare autonomamente e di risolvere i problemi senza che la soluzione debba necessariamente venire dalla ?balia? Tex) e Ray Clemmons:

figura incredibilmente complessa, che affascina il lettore per l'intrinseca contraddittorietà di un animo in cui coesistono il male e il bene e in cui gli istinti più meschini e i sentimenti più nobili si mescolano e prendono il sopravvento l'uno sull'altro a seconda dei casi. Nel suo viso amareggiato, quando augura buona fortuna a Carson pur avendolo appena condannato a morte, o nel suo sincero compiacimento quando rivede Carson dopo 25 anni in casa di Lena pur essendo suo prigioniero, si rende splendidamente evidente l'incoerenza del personaggio e proprio questa sua fallibilit? e umanit? lo rendono affascinante e indimenticabile.

L'altro punto di forza di questa storia è l'atmosfera :

molto suggestiva è ad esempio la scena in cui i fuorilegge si ritrovano nel vecchio Golden North di Bannock rievocando i giorni passati e scorgendo negli scricchiolii degli impiantiti i fantasmi della città venuti a salutare alcuni vecchi amici; altro dialogo da brividi è quello in cui Clemmons torna in città e Boone gli d' il benvenuto chiamandolo Sceriffo:

sono dettagli, ma quanto significativi!


Semplicemente magistrale Marcello: il suo Carson è tra i miei preferiti in assoluto, ma, anche in tal caso, al di l' dei singoli personaggi o situazioni, ciò che preme sottolineare è l'atmosfera: il Montana, la polvere, il vento, il Golden North, il Trading Post, la prateria, il passato, il presente, la desolazione, la nostalgia: tutto questo è tangibile, presente, vivo, grazie ai disegni di Marcello.

In definitiva, un grazie a Boselli e Marcello per questa storia: non un semplice fumetto, ma, per quel che può contare il mio parere, una vera opera d'arte.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ho preso questa storia su amazon. it in edizione oscar best seller(in questo modo è come leggere una GRAFICH NOVEL). l'ho presa perchè ho letto che è la migliore storia di Tex mai scritta. mi ha uncuriosito, e poi voglio consocere meglio il buon caro vecchio camello!oggi pomeriggio inizio al lettura. sono fiducioso.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Storia grandiosa, atmosfera struggente, uno squarcio di luce sul passato di un personaggio - Kit Carson - che meriterebbe più spazio (accanto a Tex e/o con numeri speciali), comprimari notevoli. E' un'opera che svetta decisamente sopra la media delle altre storie. E anche come disegni, si percepisce una perfetta sintonia tra gli intenti di Boselli e la traduzione grafica di Marcello. Magari se ne traesse un film! Magari ci si costruisse un romanzo!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il mio "rapporto" con questa storia è un p? particolare perchè ho letto prima "i sette assassini" che è il seguito, quindi non avevo la più pallida idea di chi fossero lena, donna e ray clemmons. Idem per l'oro degli innocenti che è l'obiettivo della banda di jack thunder. Quando finalmente sono riuscito ad averla e a leggerla ho pensato: aaaaaahhhh ecco perchè tra carson e lena.. e tra kit e donna.. :wub: E' una storia che definirei grandiosa, il punto forte è il colpo di scena su ray clemmons che non solo era insospettabile in quanto sceriffo ma, sicuramente ci avrete fatto caso, all'inizio quando si ritrovano nella baracca e parlano di qualcuno che manca all'appello e che è stato più furbo di loro, laval mostra il re di denari e dice ?le mie carte non mentono mai?. Beh, non so voi, mai io pensai subito a carson e invece alla fine si scopre che... :indianovestito: L'unica pecca Imo è il finale. Non mi è piaciuto vedere kit prigioniero, è vero che viene salvato da tex che spara alla corda ma poi è decisivo l'intervento di clemmons. Sarebbe stato bello far rientrare in scena chester che magari, barcollando intontito con la pistola in mano, e non in grado di distinguere gli amici dai nemici, crea scompiglio e permette ai nostri di risolvere la situazione, pagando così il debito che aveva con carson. Ma va bene anche così, inutile fare le pulci a una storia grandiosa -ave_ Per quanto riguarda la presunta paternit? di donna (a proposito, ma boselli guardava beverly hillsè :D) mi viene in mente crozza quando imita bersani: Oh ragazzi.. ma siam pazzi?!! :blink:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il passato di Carson°Direi ottima avventura western CON Tex, piuttosto che un capolavoro di Tex. Addirittura reputarla la migliore storia di Tex in assoluto (come dice qualche sito) lo ritengo inappropriato. Non ci ho visto l'essenza di Tex in questa storia, che potrei trovare tranquillamente in un classico come ?Sulle piste del Nord'. Trattandosi del passato di Carson è chiaro che la vicenda è incentrata sul Vecchio Cammello, con Tex nel ruolo di narratore per buona parte della storia, e poi come elemento effettivo durante lo scontro finale. Il fatto che Tex non avesse conosciuto ancora Carson giustifica la sua ?assenza? per buona parte della storia, dove il protagonista è però un pard di Tex e non un bambinetto alla Bronco Lane o un Laredo qualsiasi. Quindi non ci si fa tanto caso al Tex messo un po' in disparte, anche se sarà il marchio di fabbrica di molte storie successive boselliane. O no?Per parlare di colossi scritti da autori diversi, sarà che ho letto il Passato di Carson dopo Fuga da Anderville, ma quella di Nizzi/Ticci la considero superiore (un capolavoro), perchè ha un'azione continua con un Tex sempre al centro della scena, il quale è una spanna sopra anche a personaggi forti e interessanti come i cugini Wolcott. Per ritornare a questa storia:1) non mi è piaciuto tanto il Kit Willer brontolone con un Tex che mette in dubbio che sia metà Navajo è mah è sono dialoghi talmente lontani da quelli bonelliani.2) per quanto riguarda i personaggi della storia, di sicuro Boone il Cannibale è quello che mi affascina di più, quello con un po' di cervello. Waco dolan non potrebbe certo essere a capo di quella banda.3) Non dico nulla di Lena e Donna, non mi interessano più di tanto, anche se sono presentate e usate bene nella vicenda. Interessante il riferimento storico a Henry Plummer e la sua banda degli innocenti a Bannack (non Bannock) nel Montana nel 1862, durante piena guerra civile. Tex dove era? Lui a Kit Willer dice che aveva i suoi problemi (immagino con la legge), ma forse è più probabile che si trovasse con Dick in battaglia, semprech? l'avventura di Carson abbia lo stesso riferimento di data, o magari è leggermente antecedente. In Tex le avventure si stanziano più o meno nel 1885, quindi venticinque anni prima sarebbe 1860. In questo caso Tex può essere un fuorilegge come si dice nella biografia, anche se ha più senso (come si diceva nel TWM) che Tra due bandiere viene prima (visto che nessuno sa che è un fuorilegge in quell'avventura) e Tex diventa un bandito dopo (1865). Contorto? Si eh! Quindi Tex poteva essere un semplice bovaro nel 1860. Tutta colpa di GLB ihihDisegni buoni.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ogni commento è superfluo. Erano una quindicina di anni che non leggevo Tex, tornando dalle vacanze e guardando la collezione dei vecchi albi mi è venuta la voglia di leggere una storia... ed ho ricominciato con Il Passato di Carson... poi come le ciliegie, una alla volta, sto leggendo tutte le storie in mio possesso... e con il nuovo anno si ricomincia a comprare il mitico, insuperabile amico che non ti tradir? mai.... Tex!!!!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

E' nella Top 5 dei miei episodi favoriti. Come storia, la ritengo il punto più alto mai raggiunto in tutta la serie, insieme a "Fuga da Anderville" e "Gli invincibili". Davvero, a questi livelli non vedo proprio quale altro episodio possa competere. Che posso aggiungere, che è una di quelle storie che non ti stanchi mai di rileggere è E' troppo poco... Non solo non ti stanchi mai di rileggerla, ma non ti stanchi neppure di pensarci, perchè anche il solo richiamarla alla memoria ti scatena sensazioni forti. E' bellissima, esaltante. Marcello è un interprete in perfetta sintonia con le atmosfere della vincenda. Magari sarà tecnicamente meno agguerrito rispetto ad alcuni disegnatori di generazione più recente, ma che suggestioni riescono ad evocare le sue tavole... "Il passato di Carson" è fuori concorso. Inserisco il voto nel sondaggio giusto per formalit?.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

E' nella Top 5 dei miei episodi favoriti. Come storia, la ritengo il punto più alto mai raggiunto in tutta la serie, insieme a "Fuga da Anderville" e "Gli invincibili". Davvero, a questi livelli non vedo proprio quale altro episodio possa competere. Che posso aggiungere, che è una di quelle storie che non ti stanchi mai di rileggere è E' troppo poco... Non solo non ti stanchi mai di rileggerla, ma non ti stanchi neppure di pensarci, perchè anche il solo richiamarla alla memoria ti scatena sensazioni forti. E' bellissima, esaltante. Marcello è un interprete in perfetta sintonia con le atmosfere della vincenda. Magari sarà tecnicamente meno agguerrito rispetto ad alcuni disegnatori di generazione più recente, ma che suggestioni riescono ad evocare le sue tavole... "Il passato di Carson" è fuori concorso. Inserisco il voto nel sondaggio giusto per formalit?.

Josey, di solito i tuoi interventi mi piacciono molto... e qui non mi smentisci. Sottoscrivo parola per parola. Il Passato di Carson fuori concorso, e le altre due subito a seguire. Oltre a queste storie, nella mia top five ci sono Oklahoma e L'Uomo senza Passato...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

C'è poco da dire, se non che ci troviamo di fronte ad un capolavoro fumettistico a 360?, forse addirittura IL CAPOLAVORO TEXIANO. Storia praticamente perfetta, con tutti i personaggi illustrati minuziosamente nei dettagli, al punto che di ognuno di loro riesce ad emergere pienamente nelle proprie peculiarit? e particolarit?. Soprattutto, uno straordinario ritratto del Carson "pre pard" (passatemi il termine :indianovestito: ), una vera forza della natura. Inoltre, a parer mio, nella vignetta a pagina 12 di "Ultimo scontro a Bannock", emerge chiaramente la volont? degli autori di far sorgere nei lettori il dubbio che il Vecchio Cammello sia padre (e chissà che, prima o poi, tale dubbio non venga definitivamente fugato). Una nota di riguardo, poi, va data allo scontro finale tra leggende del West, che sa tanto di crepuscolarit?, di fine di un'era, ed in un certo senso penso sia così. L'unico piccolo difetto della storia, a parere mio, risiede nella scelta di far utilizzare agli avversari di turno, abbastanza spesso, espressioni quali "hasta luego" o vocaboli come "amigos". L'utilizzo di tali ispanicismi credo sia adatto a gente che vive nel Sud Ovest, ed essendo l'avventura ambientata ai confini col Canada, credo potessero essere evitati, con l'eccezione di Waco e One-Eyed Hawk, che hanno vissuto a lungo in Messico. Ma si tratta di quisquilie, tanto che in definitiva mi sento, caso eccezionale per quel che mi riguarda, di conferire un 10 tondo tondo sia alla sceneggiatura che ai disegni di Marcello.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Gli innumerevoli meriti di questa grandissima avventura sono già stati ampiamente analizzati,,, però secondo me ci sono anche due punti negativi che vale la pena trattare.1) siamo proprio sicuri che la figura di Kit Carson ne esca bene da questa storia? E' vero, Ray Clemmons appena vede in pericolo la sua sicurezza personale e la sopravvivenza della banda degli Innocenti non ci pensa due volte all'idea di organizzare un piano per uccidere il suo amico, ma anche Carson non si comporta poi tanto meglio, visto che si guarda bene dal confessare a Ray di aver avuto una relazione con Lena ( che purtroppo a quanto mi sembra di capire continua spudoratamente anche dopo la morte di Clemmons, durante le visite di Carson alle due donne). Almeno Carson ( che al 99% sa tutto) e Lena dicessero esplicitamente a Donna la verità, invece di continuare con questo clima di ambiguit? ed ipocrisia.2) Tex corre un rischio molto alto quando decide di assumere l'identit? di Cliff Durham per penetrare all'interno della banda. E' vero, siamo in Montana, ma il nostro ranger è una vera e propria leggenda del West ( come lo etichetta Boone prima del duello finale)... come faceva Tex ad essere sicuro che nessun Innocente lo avrebbe riconosciuto? Anche perchè, essendoci in gioco "il passato di Carson", qualcuno avrebbe potuto informarsi sul presente di Carson , dove si trovava, cosa faceva, con chi agiva... basti pensare all'opinione di Waco Dolan su Carson... senza queste due note stonate la storia sarebbe stata un vero capolavoro.. ma anche così è un quasi capolavoro. Soggetto: 9Sceneggiatura:9Disegni:10Voto globale alla storia:9

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il dubbio esposto da Shane sarebbe logico se Waco&C avessero pensato ad un coinvolgimento di Carson nella vicenda, avvenuto però casualmente (ne è la prova proprio quanto detto da Waco "Carson un altro che VORREI avere tra le mani" il che vuol dire che NON era previsto che ci fosse) in seguito alla sparatoria con Dobs. Che dopo 25 anni Lena abbia una relazione con Carson non ci vedo nulla di male, invece... quello con Clemmons era un rapporto col "maschio dominante" non certo amore vero... che è probabilmente arrivato con Carson (io non sono la donna di nessuno dice lei)... se poi per voi è così impossibile che tra una donna tra i 20-25 anni ed un uomo tra i 25 ed i 30 (Clemmons) e i 30-35 (Carson) possano scoppiare momenti di passione e che, se capitano, questi debbano legare a vita... beh, sono il primo a dire di essere una pessima persona.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Ammiraglio!io non contesto tanto il fatto che Carson abbia o non abbia una relazione con Lena ( io, per rispetto al mio amico Ray Clemmons, ne avrei fatto a meno, ma questa cosa a Carson la posso anche perdonare). Io contesto:1) Che Carson non abbia mai detto a Donna di essere suo padre.2) Che Carson, neanche quando Ray stava per morire, gli abbia detto nulla. Insomma, se tu scoprissi che uno dei tuoi migliori amici è il padre di tua figlia e non te l'ha mai detto, lo considereresti un buon amico? Per me Kit Carson non si è comportato da amico. Poi, magari sono una persona troppo idealista ( vedi il mio nickname... ma che ci vuoi fare, sono fatto cosi')Per quanto riguarda Tex a me sembra incredibile che nessuno degli Innocenti ( criminali incalliti che avevano girato mezza America) conoscesse il volto di Tex Willer ma ne sapessero tutti il nome.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Ammiraglio!io non contesto tanto  il fatto che Carson abbia o non abbia una relazione con Lena ( io, per rispetto al mio amico Ray Clemmons, ne avrei fatto a meno, ma questa cosa a Carson la posso anche perdonare). Io contesto:1) Che Carson non abbia mai detto a Donna di essere suo padre.2) Che Carson, neanche quando Ray stava per morire, gli abbia detto nulla. Insomma, se tu scoprissi che uno dei tuoi migliori amici è il padre di tua figlia e non te l'ha mai detto, lo considereresti un buon amico? Per me Kit Carson non si è comportato da amico. Poi, magari sono una persona troppo idealista ( vedi il mio nickname... ma che ci vuoi fare, sono fatto cosi')Per quanto riguarda Tex a me sembra incredibile che nessuno degli Innocenti ( criminali incalliti che avevano girato mezza America) conoscesse il volto di Tex Willer ma ne sapessero tutti il nome.

I tuoi dubbi sono dovuti ad un fatto che nella storia NON AVVIENE: la relazione tra Carsone e Lena. Che questa ci sia stata DOPO - cioè tra "Ultimo scontro a Bannock" e "I sette assassini" - viene fatto intendere, ma è tutto molto ambiguo, non c'è niente di certo. E' qualcosa su cui Boselli secondo me si è divertito molto, ha voluto lanciare il sasso e nascondere la mano. ;) Stesso discorso sulla presunta paternit? di Donna, è una fantasia di alcuni lettori nata da una frase di Lena: "Ho voluto proteggere il padre di mia figlia" o qualcosa di simile. Alcuni hanno pensato che si riferisse a Carson, secondo me invece parlava di Clemmons. E poi come poteva saperlo? Non esisteva ancora il test del dna :lol: Capisco che molti possano come dire.. appassionarsi a certe cose ma, se facciamo riferimento a quanto ci viene detto e mostrato nella storia, i fatti sono chiari: Carson era attratto da Lena ma i due non hanno avuto alcuna relazione. Potrebbero averla avuta lo stesso ma a noi non lo hanno detto? Certo, ma questa è solo una ipotesi, quindi non credo che si possa definire un "punto negativo" come dici tu.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Pablo. Se Carson e Lena non hanno mai avuto una relazione, a quel punto Carson è innocentissimo e, battendomi il petto, mi scuso cento volte con il vecchio cammello per tutto quello che ho detto, ma continuo a rimproverare a Boselli di avermi fatto pensare che la relazione ci sia stata... tra l'altro poi ho saputo che la Bonelli sul suo sito ufficiale ha dichiarato che il padre di Donna è Carson... forse questi aspetti di gossip oggi ci sembrano anche assai normali e poco importanti, ma bisogna anche ricordare che stiamo parlando di fatti immaginari che però sarebbero avvenuti intorno al 1850 quando la mentalit? era molto diversa. Insomma, spero che venga smentita ufficialmente la paternit? di Carson, altrimenti il vecchio cammello ne uscirebbe maluccio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cero che Carson e Lena hanno avuto una relazione quella notte! E' evidente! E Lena mica era sposata. Che cosa sono questi atteggiamenti da boyscout della parrocchietta? :lol2: In quanto a Donna, potrebbe essere figlia dell'uno o dell'altro. Non c'è modo di saperlo. Forse Lena ha un'idea o un desiderio. Ma Carson neppure ci hai mai pensato.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Ammiraglio!io non contesto tanto? il fatto che Carson abbia o non abbia una relazione con Lena ( io, per rispetto al mio amico Ray Clemmons, ne avrei fatto a meno, ma questa cosa a Carson la posso anche perdonare). Io contesto:1) Che Carson non abbia mai detto a Donna di essere suo padre.2) Che Carson, neanche quando Ray stava per morire, gli abbia detto nulla. Insomma, se tu scoprissi che uno dei tuoi migliori amici è il padre di tua figlia e non te l'ha mai detto, lo considereresti un buon amico? Per me Kit Carson non si è comportato da amico. Poi, magari sono una persona troppo idealista ( vedi il mio nickname... ma che ci vuoi fare, sono fatto cosi')Per quanto riguarda Tex a me sembra incredibile che nessuno degli Innocenti ( criminali incalliti che avevano girato mezza America) conoscesse il volto di Tex Willer ma ne sapessero tutti il nome.

I tuoi dubbi sono dovuti ad un fatto che nella storia NON AVVIENE: la relazione tra Carsone e Lena. Che questa ci sia stata DOPO - cioè tra "Ultimo scontro a Bannock" e "I sette assassini" - viene fatto intendere, ma è tutto molto ambiguo, non c'è niente di certo. E' qualcosa su cui Boselli secondo me si è divertito molto, ha voluto lanciare il sasso e nascondere la mano. ;) Stesso discorso sulla presunta paternit? di Donna, è una fantasia di alcuni lettori nata da una frase di Lena: "Ho voluto proteggere il padre di mia figlia" o qualcosa di simile. Alcuni hanno pensato che si riferisse a Carson, secondo me invece parlava di Clemmons. E poi come poteva saperlo? Non esisteva ancora il test del dna :lol: Capisco che molti possano come dire.. appassionarsi a certe cose ma, se facciamo riferimento a quanto ci viene detto e mostrato nella storia, i fatti sono chiari: Carson era attratto da Lena ma i due non hanno avuto alcuna relazione. Potrebbero averla avuta lo stesso ma a noi non lo hanno detto? Certo, ma questa è solo una ipotesi, quindi non credo che si possa definire un "punto negativo" come dici tu.
Uhm... andr? a rileggermi la storia, cosa che oltretutto non infastidisce ma anzi è un vero piacere, tuttavia mi pare di ricordare che, sebbene non lo si dica esplicitamente, in qualche modo si capisca che c'è del tenero tra Lena e Carson. E se è così, effettivamente il giovane cammello non si comporta lealmente verso il suo amico. Sempre ad una memoria non più precisa come un tempo faccio appello per ricordare che lo stesso Borden, in un passato commento, aveva detto che effettivamente Donna era figlia di Carson. Cioè, magari nel fumetto non verr? mai detto apertamente, non si capisce bene chi sa, chi dubita e chi ignora, ma l'autore - ergo l'autorit? - lo conferma. Il test DNA non esisteva, quindi prove oggettive non ci sarebbero state, ma poteva darsi che:1) Lena sapesse con discreta certezza chi era il padre di sua figlia, magari per una questione di tempi2) Lena non sapesse con precisione, perchè sfarfallava dall'uno all'altro (a proposito, se Kit Carson non si comport? come un modello di lealt? manco la signora si dimostr? un fiore di virt?), e semplicemente sperasse che Donna fosse figlia dell'uomo che più amava, o ammirava, o desiderava ecc. ecc. Mi chiedo invece con quale coraggio Carson avrebbe potuto sussurrare all'orecchio del morente Clemmons: "Questo e altro per un amico... e comunque sei cornuto" :blink:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Ammiraglio!io non contesto tanto il fatto che Carson abbia o non abbia una relazione con Lena ( io, per rispetto al mio amico Ray Clemmons, ne avrei fatto a meno, ma questa cosa a Carson la posso anche perdonare).

Mi fa piacere... stavo cominciando a chiedermi se non stesse scoppiando un'ondata di perbenismo. _ahsisi :lol2:

Io contesto:1) Che Carson non abbia mai detto a Donna di essere suo padre.

Per dirglielo dovrebbe saperlo ed è evidente che lui non l'ha capito: è sinceramente convinto che il padre sia Ray Clemmons. Lena non gli rivela mai la verità. Perchè? A parte la ragione metanarrativa (Sergio Bonelli non voleva :malediz...), nel contesto della storia ci sono due giustificazioni: Lena ha rivelato prima a Ray Clemmons che lui era il padre. Perchè l'ha fatto? Per e è ovvio: Ray stava per recuperare l'oro degli Innocenti ed avrebbe potuto assicurare un buon futuro a Donna. Dal punto di vista di una madre era un padre migliore di un avventuriero che passa il suo tempo a girare il West rischiando la vita. A questo punto la frittata era fatta e Lena non se l'? sentita di rovesciare le carte in tavola e magari legare a loro il vecchio Kit solo per senso del dovere.

2) Che Carson, neanche quando Ray stava per morire, gli abbia detto nulla.

Di nuovo perseveri nel tuo errore: Carson non sa nulla e quindi non può rivelare nulla. Ti consiglio di rileggere meglio la storia, dammi retta.

Insomma, se tu scoprissi che uno dei tuoi migliori amici è il padre di tua figlia e non te l'ha mai detto, lo considereresti un buon amico? Per me Kit Carson non si è comportato da amico.

Quindi per te un buon amico è quello che mentre sei in punto di morte e ti sei appena sacrificato per salvare la vita di un altro ti dice: "A proposito: quando eravamo giovani sono andato a letto con la tua stessa donna e quella che credi essere tua figlia in realtà è mia", così invece di morire sereno muore maledicendoti?Abbiamo due concetti diversi di amicizia io e te mi sa. :malediz... _ahsisi

Di nuovo Poi, magari sono una persona troppo idealista ( vedi il mio nickname... ma che ci vuoi fare, sono fatto cosi')

Idealista ed anche un po' ingenuo..

Per quanto riguarda Tex a me sembra incredibile che nessuno degli Innocenti ( criminali incalliti che avevano girato mezza America) conoscesse il volto di Tex Willer ma ne sapessero tutti il nome.

Siamo nel 1880 circa. La fotografia è un'arte ancora ai primi passi ed ancor più la riproduzione delle foto ed ancora sui giornali si era spesso costretti ad affidarsi ai ritratti fatti da disegnatori pagati dalla redazione quando ci sono. Il nome di Tex è noto ormai ma il suo volto molto meno al di fuori della zona del Sud Ovest dove normalmente agisce. Certo, la possibilità che nella banda ci fosse qualcuno che l'avesse incontrato o avesse avuto modo di vederne una foto su un giornale c'era e Tex ce l'ha ben presente ma era un rischio calcolato.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Io contesto:
1) Che Carson non abbia mai detto a Donna di essere suo padre.
2) Che Carson, neanche quando Ray stava per morire, gli abbia detto nulla.
Insomma, se tu scoprissi che uno dei tuoi migliori amici è il padre di tua figlia e non te l'ha mai detto, lo considereresti un buon amico? Per me Kit Carson non si è comportato da amico.
Poi, magari sono una persona troppo idealista ( vedi il mio nickname... ma che ci vuoi fare, sono fatto cosi')

1) Se non sbaglio Lena non ha mai rivelato a Carson che potrebbe essere lui il padre di Donna. Solo Lena sa la verità.

2) con Ray che gli resta poco e vuole chiedere un favore a Carson, ti pare che il ranger dovrebbe interrompere le sue ultime parole per parlare di qualcosa ormai concluso? E di nuovo che Carson non sa niente a proposito e quindi non ha niente da rivelare

Oltretutto non penso che le relazioni Lena-Carson e Lena-Clemmons siano mai stati qualcosa del tipo "amore della vita".
Del resto c'è una scena fra Lena e Carson a tal proposito
Lena : Saresti tornato se avessi saputo che io ero qui?
Carson : Probabilmente no.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cero che Carson e Lena hanno avuto una relazione quella notte! E' evidente! E Lena mica era sposata. Che cosa sono questi atteggiamenti da boyscout della parrocchietta? :lol2: In quanto a Donna, potrebbe essere figlia dell'uno o dell'altro. Non c'è modo di saperlo. Forse Lena ha un'idea o un desiderio. Ma Carson neppure ci hai mai pensato.

E' quello che ho detto anch'io, non c'è modo di saperlo, Carson non ci ha mai pensato e io nemmeno :DQuella notte hanno avuto una relazione? Strano, evidentemente sono io a non ricordare bene, andr? a rileggere. :indianovestito:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ciao Pablo. Se Carson e Lena non hanno mai avuto una relazione, a quel punto Carson è innocentissimo e, battendomi il petto, mi scuso cento volte con il vecchio cammello per tutto quello che ho detto, ma continuo a rimproverare a Boselli di avermi fatto pensare che la relazione ci sia stata... tra l'altro poi ho saputo che la Bonelli sul suo sito ufficiale ha dichiarato che il padre di Donna è Carson... forse questi aspetti di gossip oggi ci sembrano anche assai normali e poco importanti, ma bisogna anche ricordare che stiamo parlando di fatti immaginari che però sarebbero avvenuti intorno al 1850 quando la mentalit? era molto diversa. Insomma, spero che venga smentita ufficialmente la paternit? di Carson, altrimenti il vecchio cammello ne uscirebbe maluccio.

Non devi scusarti di nulla, a quanto pare sono io quello in errore. :malediz... Cmq hai capito quello che intendevo dire, si tratta proprio di gossip.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ci può tranquillamente stare che Carson sia sinceramente convinto di non essere il padre di Donna, ma allora si pone la seguente domanda:Perchè, dopo la morte di Ray Clemmons, Lena non dice la verità a Carson considerando che tra un Clemmons morto ed un Carson vivo a quel punto era molto più appetibile il secondo come padre di Donna? Essendo morto Clemmons, Lena non ha più alcun motivo di tenere nascosta la verità a Carson, anzi può in qualche modo convincerlo ad occuparsi più da vicino di lei e di Donna. Perchè allora continua a tenere nascosto il segreto?Inoltre sè, il concetto di amicizia e di amore è proprio diverso... un amico che va con la mia donna e poi si comporta allegramente con me il giorno dopo facendomi un bel sorriso, mentre la mia donna pensa a come assicurare il benessere dei figli... mi sembra, con molta onest?, uno schema relazionale dell'anno 2014 e non di 150 anni fa quando la netta maggioranza della popolazione, soprattutto negli USA, era idealista ( e un po ingenua, lo ammetto) e pensava che l'amore e l'amicizia durassero tuta la vita.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma cero che Carson e Lena hanno avuto una relazione quella notte! E' evidente! E Lena mica era sposata. Che cosa sono questi atteggiamenti da boyscout della parrocchietta? :lol2: In quanto a Donna, potrebbe essere figlia dell'uno o dell'altro. Non c'è modo di saperlo. Forse Lena ha un'idea o un desiderio. Ma Carson neppure ci hai mai pensato.

Ah, ecco, questo commento di Borden non l'avevo letto mentre scrivevo il mio. Peraltro non sono d'accordo su questi discorsi di boyscout da parrocchia, n° con con la battuta di Monni sul perbenismo. A parte che mi chiedo cosa ci sia di evoluto nell'avere rapporti con la donna di un altro, o con l'uomo di un'altra, mi chiedo anche se Boselli e Monni sarebbero tanto soddisfatti e progressisti se la donna in questione fosse la loro. Per inciso, quelli che ho conosciuto e che sbandieravano indifferenza o comprensione riguardo a tale eventualit?, di fronte al fatto compiuto hanno clamorosamente smentito la loro evolutissima dichiarazione.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.