Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[497/499] La Grande Invasione


Guest Colonnello_Jim_Brandon
 Share

Voto alla storia  

82 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Io personalmente credo che Corbett non sia tornato indietro perchè temeva che sarebbe morto.Come ho detto,poteva benissimo curarsi in Messico.Invece,decide di tornare in galera piuttosto che lasciare soli i suoi amici.Certo,poi Tex permette che sia liberato,ma questo lui non poteva saperlo,e ,in ogni caso,non ci avrebbe creduto.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">9 ore fa</span>, Leo dice:

 

La bellezza del personaggio di Corbett sta in questa ambiguità. Per me Tex non ha sbagliato a giudicarlo, semplicemente perché Corbett, in quel momento, era ingiudicabile. Se Tex lo avesse lasciato andare, il primo pensiero di Corbett sarebbe stato varcare il Rio Grande. Quindi Tex non sbaglia. 

 

Non concordo con te quando dici che Corbett è terrorizzato dalla morte. Un ex guerrigliero come lui non ha paura di morire, e non fugge per quello. Lui fugge per la LIBERTÀ. Quella è la sua motivazione. Quindi la freccia, che per te sarebbe decisiva perché ha annullato in Corbett la paura della morte, per me non lo è per questa ragione. Il tuo assunto è: Corbett fugge per paura della morte, poiché crede che la freccia possa spacciarlo, ecco che la paura passa e pensa agli amici. Io non la vedo così.

 

Corbett, accalorato dalla situazione e dall'azione, fugge per conquistare la libertà. La freccia lo costringe a fermarsi per medicarsi. Lì comincia a pensare, e più forte del desiderio di libertà, prorompe in lui il desiderio di salvare i suoi amici. Non perché crede che stia morendo: non si fa scoraggiare dalla freccia, e gli zoccoli del suo cavallo sono sulla riva del fiume di frontiera. Se lui fa dietrofront, è solo per AMICIZIA. un sentimento che gli diventa chiaro solo a mente fredda.

 

È lì che qualcosa, questo sentimento di amicizia, ha il sopravvento sul resto. Ed è lì che Corbett cambia, inaspettatamente anche per lui. Quindi Tex non ha sbagliato a giudicarlo, perché quando Corbett era al forte era ancora un'altra persona. O meglio, CREDEVA lui stesso di essere un'altra persona...

 

 

Corbett cambia idea quando RIFLETTE perché gli viene dato il tempo di farlo. Trovo che come al solito (non sempre ma quasi) Diablero abbia forse colto le sue intenzioni (e le mie). Se lasciato all'istinto, forse avrebbe abbandonato gli altri (salvo tardivamente pentirsene). E l'istinto, come Tex sapeva, era stato dominante nella sua vita sempre sul filo. Ma la pausa fa emergere la sua parte migliore, che aveva bisogno di tempo per emergere. Che era sepolta, ma c'era.

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
4 minuti fa, borden dice:

 

 

Corbett cambia idea quando RIFLETTE perché gli viene dato il tempo di farlo. Trovo che come al solito (non sempre ma quasi) Diablero abbia forse colto le sue intenzioni (e le mie). Se lasciato all'istinto, forse avrebbe abbandonato gli altri (salvo tardivamente pentirsene). E l'istinto, come Tex sapeva, era stato dominante nella sua vita sempre sul filo. Ma la pausa fa emergere la sua parte migliore, che aveva bisogno di tempo per emergere. Che era sepolta, ma c'era.

 

Ma della pausa parlo io! Dico che la freccia gli consente di fermarsi a pensare. E dico infine che torna per amicizia, mentre Diablero dice che torna perché la paura di morire da solo è più forte della paura di morire tout court. Mi sembra che quello che dici tu è proprio quello che dico io, però nonostante questo dai ragione a Diabelro! E dillo che sei prevenuto :P

Edited by Leo
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Leo dice:

 

Ma della pausa parlo io! Dico che la freccia gli consente di fermarsi a pensare. E dico infine che torna per amicizia, mentre Diablero dice che torna perché la paura di morire da solo è più forte della paura di morire. Mi sembra che quello che dici tu è proprio quello che dico io, però nonostante questo fai ragione a Diabelro! E dillo che sei prevenuto :P

 

 

Ah! Ah! Cito a memoria, ma se ho messo l'incidente è perché dovevo creare qualcosa che faceva porre dei dubbi a  Corbett sulla sua scelta (che sino a quell'istante lui credeva ben ponderata) di pensare solo a se stesso. Il motivo per cui lo lasciamo -se ben ricordo- mentre traversa il fiume è esclusivamente per creare suspense a fini narrativi.

Link to comment
Share on other sites

La verità è che, per alcuni di voi, Diablero ha sempre ragione. La cosa bella è che spesso ce l'ha anche secondo me (eccede su Nizzi però), però non dategliela sempre, eccheccavolo. :D:P:D

<span style="color:red">2 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Ah! Ah! Cito a memoria, ma se ho messo l'incidente è perché dovevo creare qualcosa che faceva porre dei dubbi a  Corbett sulla sua scelta (che sino a quell'istante lui credeva ben ponderata) di pensare solo a se stesso. Il motivo per cui lo lasciamo -se ben ricordo- mentre traversa il fiume è esclusivamente per creare suspense a fini narrativi.

 

Che è proprio quello che dico io. Testuale quasi. Ma è importante la conclusione: perché torna, Corbett? Io dico che torna per un sentimento di amicizia verso Tex e Kyrby (anxhe verso Tex, da cui è "affascinato"). Per Diablero, invece, torna per non morire da solo. Qual è la tua chiave di lettura? 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">6 minuti fa</span>, Leo dice:

La verità è che, per alcuni di voi, Diablero ha sempre ragione. La cosa bella è che spesso ce l'ha anche secondo me (eccede su Nizzi però), però non dategliela sempre, eccheccavolo. :D:P:D

 

Che è proprio quello che dico io. Testuale quasi. Ma è importante la conclusione: perché torna, Corbett? Io dico che torna per un sentimento di amicizia verso Tex e Kyrby (anxhe verso Tex, da cui è "affascinato"). Per Diablero, invece, torna per non morire da solo. Qual è la tua chiave di lettura? 

 

 

Perché scopre di essere migliore di quello che pensava di essere.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Perché scopre di essere migliore di quello che pensava di essere.

 

E allora siamo d'accordo. Non lo sei con Diablero però ;)

 

Sulla sua vecchiaia malinconica, che non pare realmente giustificata né dall'esito di questa storia né da Jethro, non credi che potrebbe esserci una terza avventura che in qualche modo provochi la cupezza dei suoi ultimi tempi? Sarebbe un buon pretesto per fare tornare un personaggio che, due volte su due, ha colto nel segno.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Leo dice:

 

E allora siamo d'accordo. Non lo sei con Diablero però ;)

 

Sulla sua vecchiaia malinconica, che non pare realmente giustificata né dall'esito di questa storia né da Jethro, non credi che potrebbe esserci una terza avventura che in qualche modo provochi la cupezza dei suoi ultimi tempi? Sarebbe un buon pretesto per fare tornare un personaggio che, due volte su due, ha colto nel segno.

 

Che significa non giustificata? Glen rimane da solo e povero, con i suoi ricordi, invecchiando si sarà intristito come capita a tanti. Non mi sembra ahimè materia da storia avventurosa, anche perché spiego chiaramente che lui e Tex non s'incontrarono mai più e il loro commiato è alla fine di  Jethro.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">17 minuti fa</span>, borden dice:

 

Che significa non giustificata? Glen rimane da solo e povero, con i suoi ricordi, invecchiando si sarà intristito come capita a tanti. Non mi sembra ahimè materia da storia avventurosa, anche perché spiego chiaramente che lui e Tex non s'incontrarono mai più e il loro commiato è alla fine di  Jethro.

 

Ok, grazie per la risposta. 

Link to comment
Share on other sites

Se borden mi riconosce di capire i suoi fumetti, io devo riconoscergli che pare l'unico che capisce quello che scrivo nei miei post!  :laugh: :rolleyes:

  • Haha (0) 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">10 minuti fa</span>, Diablero dice:

Se borden mi riconosce di capire i suoi fumetti, io devo riconoscergli che pare l'unico che capisce quello che scrivo nei miei post!  :laugh: :rolleyes:

A questo punto, visto che siete in ottima sintonia, prova a proporgli qualche soggetto interessante. Potrebbe trovarlo di suo gradimento! :D

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
1 ora fa, Diablero dice:

Se borden mi riconosce di capire i suoi fumetti, io devo riconoscergli che pare l'unico che capisce quello che scrivo nei miei post!  :laugh: :rolleyes:

 

Ma non stavolta, stavolta la sua tesi è più vicina alla mia che alla tua :D posto che ha detto che si è solo scoperto migliore, senza altri pensieri.

 

Con questo non voglio nemmeno dire di aver ragione io e torto tu, perché anche lo stesso Borden, che pure ha scritto la storia, potrebbe avere torto. È proprio come dice Condor senza meta: una volta creati, i personaggi vivono di vita propria, e chissà quali sono stati i loro reali intendimenti e le loro vere motivazioni.

 

In questo senso, mi viene in mente una risposta di Borden, che mi lasciò di stucco: quando gli chiesi come mai, ne L'Inesorabile, il fuorilegge avesse espresso, nell'ultima scena, parole di odio verso il fratello, che pure gli aveva salvato la vita, e senza che prima fosse stato palesato questo sentimento avverso, lui mi rispose: "bisognerebbe chiederlo al personaggio, ha sorpreso anche me". Non potei replicare: aveva ragione!

 

Edited by Leo
Link to comment
Share on other sites

55 minutes ago, Poe said:

A questo punto, visto che siete in ottima sintonia, prova a proporgli qualche soggetto interessante. Potrebbe trovarlo di suo gradimento! :D

 

Mi trovo bene nel ruolo di quello che critica dalla sua poltrona piuttosto che in quello di chi viene criticato, grazie! :cool:

 

3 minutes ago, Leo said:

Ma non stavolta, stavolta la sua tesi è più vicina alla mia che alla tua :D posto che ha detto che si è solo scoperto migliore, senza altri pensieri.

in realtà, no (almeno, per come ho capito io il suo post), ma mi sono stancato di spiegarlo...  :rolleyes:

 

Mi sembra che vi siete molto incantati sui termini "ricalcolare", "rivalutare", etc  e appena li avete letti, un po' tutti siete partiti in un loop che parlava solo di biechi calcoli egoisti, perfide e ipocrite ricerche di salvezza personale,etc, non importa quanto mi sia sforzato di spiegarlo più e più volte.  insomma...  ragazzi, avete un PESSIMO rapporto con la matematica, se il solo usare qualcuno dei suoi termini vi spinge a pensare SOLO ad opportunismo, calcolo egoista e tradimenti!   :laugh:

 

In realtà, sono totalmente equivalenti al "riflettere" di borden.  Solo che io ho una formazione ingegneristica e non odio la matematica!  :rolleyes:

 

Il punto fondamentale di disaccordo REALE fra noi due, a parte le letture distorte del mio "rivalutare", è che secondo te, Corbett si sarebbe fermato COMUNQUE prima di andare in Messico, e avrebbe aiutato gli altri anche senza la freccia.

 

Secondo me, il suo "pentimento" senza la freccia sarebbe avvenuto molto dopo, solo quando si sarebbe fermato un po' (a riflettere, come dice borden), cioè GIORNI dopo, visto che è in fuga. Cioè quando sarebbe stato troppo tardi.

 

Quindi in termini pratici: senza la freccia avrebbe salvato i suoi amici?

 

Secondo te sì, secondo me e borden, no.

 

(ma concordo anche con chi dice che, una volta pubblicata, una storia è interpretabile dal lettore: l'autore può al massimo dire cosa VOLEVA dire, ma su cosa ha EFFETTIVAMENTE detto, non ha più autorità di chiunque altro...)

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
Il 7/5/2021 at 03:47, Diablero dice:

 

Non è un personaggio problematico e indeciso. È un uomo d'azione. Ha preparato un piano per salvare la pelle, e lo esegue, portandosi dietro anche un "agnello sacrificale" da consegnare agli indiani come diversivo.

 

Ti pare possibile che, quando il suo piano avesse avesse avuto successo, avesse detto "oh, ho cambiato idea. Io sono così capriccioso di natura, adesso voglio aiutare quelli del forte!" :lol:

 

Tu scrivi questo. E più tardi scrivi che la freccia gli fa scemare la paura di morire e incrementare la paura di morire solo. Per questo torna sui suoi passi. Non lo vedi come uno che cambia idea, e dici che lo fa solo perché , con la freccia  , ha paura di morire solo. Dici questo o no?

 

Io dico invece che la freccia è servita solo come pausa di riflessione, e che a prescindere dalla paura di morire o di morire solo torna disinteressatamente. Per me sarebbe tornato anxhe SENZA LA FRECCIA, bastava qualsiasi occasione di pausa per riflettere. Riflettere non sulla paura di morire solo o meno, ma sulla possibilità di salvare o meno i suoi amici.

 

E Borden dice che la freccia è un pretesto per fermarsi a iflettere. Ma che la cosa decisiva non è la ferita o la paura di morire, si scopre semplicemente migliore di quello che crede.

 

Che poi borden non ne sappia più di noi, siamo tutti d accordo :D

Edited by Leo
Link to comment
Share on other sites

Una cosa su cui siamo tutti d'accordo è che Corbett voleva davvero fuggire e lasciare gli altri al loro destino e solo all'ultimo ci ripensa. 

Poi sil perché ci ripensi possiamo continuare a discutere.:laugh:

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
20 minutes ago, Leo said:

Tu scrivi questo. E più tardi scrivi che la freccia gli fa scemare la paura di morire e incrementare la paura di morire solo. Per questo torna sui suoi passi. Non lo vedi come uno che cambia idea, e dici che lo fa solo perché , con la freccia  , ha paura di morire solo. Dici questo o no?

 

Sì, ed è perfettamente equivalente a quello che ha detto borden. Ripeto, non so che loop strano ti provochi l'uso di termini tipo scemare, calare, aumentare, più meno, diviso, etc, tanto da dare un senso negativo all'intera frase che li contiene!

 

Pensa che io dopo che ho visto come era stato equivocato il primo post, li ho utilizzato sempre e sempre di più, fino a fare anche l'esempio scemo con i numeri, pensando che così potevo spiegarmi meglio in maniera più chiara, e solo dopo ho capito che erano quelli che cancellavano tutto il resto della frase. Roba che se scrivevo "calcolò che la sua vita non valeva nulla in confronto a quella di cento bambini, e si sacrificò per salvarli", mi rispondete "che pezzo di merda, di fronte a bambini in pericolo fa dei calcoli!" :laugh:

 

Ma dire che vede con più calma  la sua situazione e di fronte alla possibilità di morire riflette, e dire che gli cala la paura di morire, cioè il panico, la fuga dell'animale braccato, la corsa forsennata e rivaluta la situazione, è LA STESSA COSA!  Dovete riuscire ad andare oltre a questo pregiudizio razzista contro le parole "calare" e "rivalutare"!   :laugh:

 

20 minutes ago, Leo said:

Io dico invece che la freccia è servita solo come pausa di riflessione,

 

E senza freccia, niente pausa. Senza pausa, niente riflessione.  Senza la freccia quello non si fermava manco per farsi un caffè finchè non era in messico da tre giorni! :laugh:

 

E dubito molto che comunque una pausa-caffè gli avrebbe fatto l'effetto di una freccia con una ferita probabilmente letale (per l'infezione, non perchè abbia leso organi vitali)

 

Se gli bastava una pausa-caffè, vorrebbe dire che tutto quanto è stato un equivoco causato dal fatto che mancava Carson! Se c'era Carson gli faceva un caffè e Corbett diventava subito buono! :laugh:

 

Invece Tex non gli offre il caffè, e Corbett fa ben TRE tentativi di fuga, si avvicina a Byrne con l'intenzione DECISA di sgozzarlo (è solo preceduto dagli indiani), attacca Tex alle spalle DECISO a ucciderlo, e dà un pugno al suo migliore amico abbandonandolo a morire... e per te gli bastava un caffè e cambiava idea?  :laugh:

Edited by Diablero
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
20 minuti fa, Diablero dice:

Invece Tex non gli offre il caffè, e Corbett fa ben TRE tentativi di fuga, si avvicina a Byrne con l'intenzione DECISA di sgozzarlo (è solo preceduto dagli indiani), attacca Tex alle spalle DECISO a ucciderlo, e dà un pugno al suo migliore amico abbandonandolo a morire... e per te gli bastava un caffè e cambiava idea?  :laugh:

 

Era chiaro quello che avevi scritto, non c'è bisogno di fare dell'ironia sulle capacità di comprensione di un testo scritto, sia pure con termini (anche) matematici.

Sì, per me bastava anxhe una pausa caffè, a sorbirlo da solo, lì , nella prateria, sotto le stelle. Bastavano un caffè, le stelle e la mente, finalmente, fredda. A mente fredda avrebbe ripensato (anche) a Tex. E sarebbe tornato. E a me sembra che Borden fosse più vicino alla mia versione: la freccia è un pretesto per fermarsi, e per scoprirsi migliore. Ma ripeto che non voglio la ragione di Borddn, è solo il mio modo di vedere le cose. Come dice Carlo, possiamo discuterne all'infinito, e non arriveremmo a una conclusione. Ma le tue parole erano chiare.

Edited by Leo
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.