Vai al contenuto
TWF - Tex Willer Forum

Messaggi consigliati/raccomandati

Con tutto il rispetto, NK, ma la tua risposta “asco’......basta che ci sia tex....” la trovo poco consona, perché, mi sbaglierò, ma tra le righe ci leggo: “chi se ne importa di quello che pensi tu, la sola cosa che conta è Tex”. Se ad ogni post tutti rispondessimo così non avrebbe senso di esistere neanche il forum, che ne parliamo a fare, l’importante è  che ci sia Tex. 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Bob Rock dice:

 

Quando ho visto la tavola su Tesha del nuovo mensile Tex Willer, ho sorriso, perché, senza volerlo, nel mio topic "il remake di Tex si può fare?", avevo descritto la stessa scena

 

ed ho capito anche perché Borden in quel topic avesse dato risposte piccate e sbrigative sulla possibilità di un remake di Tex, visto che era già in cantiere la collana Tex Willer e, probabilmente, aveva paura che venisse svelato in anticipo il nuovo progetto. Comunque, molti non saranno ancora d'accordo con me ma il nuovo mensile è proprio quello che intendevo con il mio topic, si, perché Tex Willer é un remake a tutti gli effetti visto che le nuove storie che verranno raccontate sono all'interno dell'arco temporale che va dal totem misterioso in poi e si andranno, inevitabilmente, ad incrociare con le storie che già conosciamo, con protagonisti come Carson, Montales, Mefisto, Lupe, Lilyth  e delle quali sappiamo già l'esito, ma che  saranno sviluppate, evidentemente, in maniera diversa dalle originali. Il Remake, che tradotto significa rifare,  può essere fedele all'originale con la sola differenza dei disegni (ed è quello che, erroneamente, hanno pensato la maggior parte dei forumisti e probabilmente anche Borden) o presentare delle differenze come lo sviluppo di storie a suo tempo appena accennate, nuovi personaggi e nuove situazioni che si vanno ad amalgamare con quanto già narrato da Gl Bonelli. Molti considerano le storie che leggeremo su Tex Willer come quelle del giovane Tex, in realtà l'arco narrativo del giovane Tex è da intendersi quello che va da Nueces Valley fino al Totem misterioso, e del quale conosciamo ancora poco o niente, mentre quello successivo è il Tex classico  del quale sappiamo tutto, più  giovane di quello attuale ma che maturerà col tempo diventando marito di Lilyth, , padre di Kit, capo dei Navajos e tutto il resto.

 

Dissento da questo concetto di 'remake',.. il remake, ovvero il rifacimento, significa presentare in veste 'moderna' qualcosa che è già stato visto  in passato, come nei tanti remake di film o telefilm, dove la storia di fondo rimane la stessa, ma alcuni aspetti (ad esempio l'abbigliamento, o le armi, o la tecnologia) vengono 'ammodernati'.

 

E certo non è un 'reboot', ovvero ricominciare da capo un filone narrativo del passato con alcuni elementi distintivi riconoscibili (a partire dal protagonista, Spiderman o Batman che sia per esempio)  ma con storie e snodi narrativi che si sviluppano in maniera  completamente diversa.

 

Questo perchè laddove questa "mini" (ma mini mica tanto) serie inedita incrocerà gli eventi già narrati nella serie regolare, questi ultimi non cambieranno di una virgola. Diciamo che assomiglia più al completamento di un enorme puzzle di cui in passato abbiamo visto tutti o quasi i pezzi più importanti ma quelli che mancano non solo lo completano ma possono riservare ancora delle sorprese interessanti ;) 

Modificato da gilas2

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Scusa Gilas2, mi sembra che tu dica le stesse cose che dico io ma affermi che non si può considerare remake,  ma se le storie che leggeremo sono comprese, temporalmente, tra il totem misterioso e oggi, si devono per forza di cose considerare un rifacimento perché oltre a nuovi avvenimenti, ci saranno albi in cui rivedremo cose già narrate, l’incontro con Carson, quello con Lilyth, l’arco narrativo di Montales ed il conseguente primo incontro/scontro con  Mefisto, se non è riscrivere quanto già fatto 70 anni fa dimmelo tu cos’è. Molti del forum pensano che dire “remake di Tex” sia un anatema, io non la vedo così ed era questo tipo di operazione che mi auguravo venisse fatta dalla Bonelli, e Borden, volente o nolente mi ha accontentato. 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
58 minuti fa, Ken51 dice:

Ma infatti ... le storie del "giovane Tex" sono precedenti a "Il totem misterioso", dove Tex ha gia' 27 anni ... :laugh:

 Spiacente, ma Tex ha VENTI anni, in questa serie. 

 

 

E a parte rari casi che forse vi sembreranno le parti migliori :rolleyes: NON E' UN REMAKE.

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">37 minuti fa</span>, Bob Rock dice:

Con tutto il rispetto, NK, ma la tua risposta “asco’......basta che ci sia tex....” la trovo poco consona, perché, mi sbaglierò, ma tra le righe ci leggo: “chi se ne importa di quello che pensi tu, la sola cosa che conta è Tex”. Se ad ogni post tutti rispondessimo così non avrebbe senso di esistere neanche il forum, che ne parliamo a fare, l’importante è  che ci sia Tex. 

 

 No Bob, la lettura tra le righe va ben oltre le intenzioni.

"chi se ne importa di quello che pensi tu" è un concetto che non mi appartiene e non mi sognerei di esprimerlo neanche tra le righe, anzi il mio lavoro mi porta ad ascoltare e cercare di capire le ragioni degli altri, che si tratti di pazienti, familiari, colleghi o collaboratori

Per cui continua tranquillamente a esprimere il tuo punto di vista senza pensare che io possa non averne rispetto.

Il mio  "basta che ci sia Tex" altro non era che un auspicio che quello che leggeremo sia il Tex che tutti conosciamo e riconosciamo.

E non ho dubbi che con Boselli questo sia garantito.

  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">13 minuti fa</span>, Bob Rock dice:

Scusa Gilas2, mi sembra che tu dica le stesse cose che dico io ma affermi che non si può considerare remake,  ma se le storie che leggeremo sono comprese, temporalmente, tra il totem misterioso e oggi, si devono per forza di cose considerare un rifacimento perché oltre a nuovi avvenimenti, ci saranno albi in cui rivedremo cose già narrate, l’incontro con Carson, quello con Lilyth, l’arco narrativo di Montales ed il conseguente primo incontro/scontro con  Mefisto, se non è riscrivere quanto già fatto 70 anni fa dimmelo tu cos’è. Molti del forum pensano che dire “remake di Tex” sia un anatema, io non la vedo così ed era questo tipo di operazione che mi auguravo venisse fatta dalla Bonelli, e Borden, volente o nolente mi ha accontentato. 

 

Ma sono storie 'non viste' (o mai viste prima) essendo inedite, quindi per definizione non sono un 'remake'.  Le 'cose già narrate' saranno al massimo 'incidentali', incroci, ma non costituiranno il fulcro od il tema centrale di questi - appunto - inediti e non conterranno niente di nuovo, se non per il disegnatore chiamato a narrarle, per ovvi motivi. Salvo pretendere che i nuovi disegnatori scopiazzino per filo e per segno le vignette del primo Galep o, addirittura, alternare vignette 'inedite' con un copia ed incolla di quelle delle prime strisce :P

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Se il periodo delle storie parte da il totem misterioso, o è un remake o, come nei supereroi, si tratta di un universo parallelo, perché se si scrivono storie che ripartono dalle origini, e nel caso di Tex il totem misterioso rappresenta le sue origini, si parla di rifacimento, non fedele, come ho già detto, ma sempre di rifacimento si tratta, perché non descrive un periodo temporale come quello di Nueces Valley mai raccontato prima ma di un arco temporale del quale è già stato scritto.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 minuto fa</span>, Bob Rock dice:

Se il periodo delle storie parte da il totem misterioso, o è un remake o, come nei supereroi, si tratta di un universo parallelo, perché se si scrivono storie che ripartono dalle origini, e nel caso di Tex il totem misterioso rappresenta le sue origini, si parla di rifacimento, non fedele, come ho già detto, ma sempre di rifacimento si tratta, perché non descrive un periodo temporale come quello di Nueces Valley mai raccontato prima ma di un arco temporale del quale è già stato scritto.

 

Ma non si tratta delle STESSE STORIE narrate da un diverso punto di vista (a parte forse qualche scena isolata), ma di STORIE NUOVE E DIVERSE, che vanno a inserirsi tra i buchi delle storie vecchie.

 

Che poi, basta intendersi sul senso delle parole. Per me (come per Gilas o Borden) non si può parlare di REMAKE di questo caso - il rifacimento prevede di riprendere le stesse storie e narrarle di nuovo, con modifiche più o meno marcate. O di cambiare le origini del personaggio. Ma non succederà nulla di tutto questo.

Semplicemente tu con la parola REMAKE intendi qualcosa di diverso da quello che intendiamo noi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">14 minuti fa</span>, natural killer dice:

No Bob, la lettura tra le righe va ben oltre le intenzioni.

"chi se ne importa di quello che pensi tu" è un concetto che non mi appartiene e non mi sognerei di esprimerlo neanche tra le righe, anzi il mio lavoro mi porta ad ascoltare e cercare di capire le ragioni degli altri, che si tratti di pazienti, familiari, colleghi o collaboratori

Per cui continua tranquillamente a esprimere il tuo punto di vista senza pensare che io possa non averne rispetto.

Il mio  "basta che ci sia Tex" altro non era che un auspicio che quello che leggeremo sia il Tex che tutti conosciamo e riconosciamo.

E non ho dubbi che con Boselli questo sia garantito.

Scusami tu se ho percepito quel tipo di messaggio, ma visto che sei uno di quelli del forum che stimo di più, per i tuoi interventi ed il tuo comportamento sempre corretti, ci ero rimasto un po' male.

Amici come prima:) 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Vabbè ragazzi, mi arrendo, che se no co' sta storia del rifacimento non se ne esce più. A questo punto, però, mi aspetto che Borden abbia fatto un buon lavoro, se no ricomincio con la solfa del remake e lo prendo per sfinimento:D

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non è un remake  perché non rinarra una storia già conosciuta ma una storia nuova ambientata in un certo periodo.

Per intenderci, la prima storia ci narra cosa faceva Tex quando Orso Grigio, il Sakem dei Pawnee padre di Tesah, veniva ucciso da Coffin e la tavola pubblicata mi fa pensare che finirà prprio dove comincia "Il totem misterioso".

La seconda storia (di Boselli & Brindisi) dovrebbe essere ambientata nell'intervallo, a mio parere piuttosto lungo, tra "Il totem misterioso" e "La Mano Rossa"

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, borden dice:

 Spiacente, ma Tex ha VENTI anni, in questa serie. 

 

 

E a parte rari casi che forse vi sembreranno le parti migliori :rolleyes: NON E' UN REMAKE.

Ti ringrazio per la precisazione, che cambia tutto... Quindi, se in questa serie Tex ha 20 anni, non potendo definirla un "reboot" (quelli si fanno sulla serie principale) non posso trarre altra conclusione che sia una serie ambientata in un universo parallelo, alla stregua dei giovani Martin Mystere e Mr. No, del DK di Palumbo, dell'Uomo Ragno Ultimate etc ... :ok:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">22 minuti fa</span>, Ken51 dice:

Ti ringrazio per la precisazione, che cambia tutto... Quindi, se in questa serie Tex ha 20 anni, non potendo definirla un "reboot" (quelli si fanno sulla serie principale) non posso trarre altra conclusione che sia una serie ambientata in un universo parallelo, alla stregua dei giovani Martin Mystere e Mr. No, del DK di Palumbo, dell'Uomo Ragno Ultimate etc ... :ok:

Ekkeppalle, Ken! :P  Rilassati. Non mettere sugli altari le scelte dei tuoi colleghi collezionisti, sapranno di spillati e brossurati, ma non capiscono un tazzo di contenuti... Il Tex del Totem misterioso, del Re del Rodeo e del magnifico Fuorilegge ha venti, ventuno anni. Il resto non conta e nulla può fare la quadra. Il passato di Tex di GL Bonelli racconta le avventure del giovane Tex,  e la morte del padre e del fratello. NON  C'E' in mezzo nessuna guerra civile e quella è la PRIMA avventura di Tex. Tex che vendica il padre non è mai stato in guerra! E' narrativamente evidente. Quello non è un reduce navigato, ma un giovane cowboy. Bonelli se ne è fregato della continuità. NON ESISTE.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">25 minuti fa</span>, borden dice:

Ekkeppalle, Ken! :P  Rilassati. Non mettere sugli altari le scelte dei tuoi colleghi collezionisti, sapranno di spillati e brossurati, ma non capiscono un tazzo di contenuti... Il Tex del Totem misterioso, del Re del Rodeo e del magnifico Fuorilegge ha venti, ventuno anni. Il resto non conta e nulla può fare la quadra. Il passato di Tex di GL Bonelli racconta le avventure del giovane Tex,  e la morte del padre e del fratello. NON  C'E' in mezzo nessuna guerra civile e quella è la PRIMA avventura di Tex. Tex che vendica il padre non è mai stato in guerra! E' narrativamente evidente. Quello non è un reduce navigato, ma un giovane cowboy. Bonelli se ne è fregato della continuità. NON ESISTE.

:ohmy: Guarda, proprio non capisco quale debba essere il problema ... Ma la storia "Tra due Bandiere" dovrai pure collocarla da qualche parte, o era solo un "what if?" :rolleyes:... c'è stata davvero o era stato solo un sogno di Tex? No, c'è stata, Tex ha davvero partecipato alla Guerra Civile, sennò anche tante altre storie, da "Fuga da Anderville" a "Buffalo Soldiers" sarebbero dei "what if?" ... :trapper:

Quindi, non è che ci si possa svicolare più di tanto, e tutto sinora quadrava perfettamente: ... il Tex del "Re del Rodeo" e del magnifico Fuorilegge ha 20-21 anni ed è solo un cowboy (siamo intorno al 1858). La Guerra Civile ("Tra due Bandiere", "Fuga da Anderville" etc...) viene dopo, tra il 1861 ed il maggio 1865, e Tex vi ha partecipato, almeno nel suo universo ... Poi, nel 1865, iniziano le vicende del Totem Misterioso.

Poi, mi ripeto, nell'universo parallelo che stai allestendo, le cose sicuramente saranno andate in modo diverso ...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Se nel fumetto "Tex Willer" si iniziasse con un giovane Tex che pensa di essere inseguito ma che invece incontra per la prima volta Tesah

e con lei cercherà il totem misterioso questo si sarebbe un remake. Stesso dicasi se in seguito affrontasse e sconfiggesse la banda della Mano Rossa.

Poi sono d'accordo che il confine è formale: in pratica si vuole rinverdire il personaggio ma senza rinnegarne il passato.

Qui si tratta di leggere cosa Tex ha fatto prima e dopo le avventure che abbiamo già letto.

Un fumetto nuovo, fortemente ispirato a quelle storie e molto probabilmente con deboli agganci, in quanto

il rischio di impantanarsi con le varie sviste del passato è forte.

 

 

Modificato da Dix Leroy

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Temo che tu non abbia capito quello che sta dicendo Boselli e cioè che lui segue la cronologia del suo romanzo e quindi la Guerra Civile è successiva agli eventi dei primi numeri di Tex, più o meno dopo gli eventi de "L'eroe del Messico".

Non torna con le cronologie di appassionati compresa la mia? Peccato ma l'unica cronologia che conta è quella stabilita nelle storie non nei saggi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
18 minuti fa, Carlo Monni dice:

on torna con le cronologie di appassionati compresa la mia? Peccato ma l'unica cronologia che conta è quella stabilita nelle storie non nei saggi.

 

Ho letto proprio oggi una storia in cui Tex dice che "é l'unico figlio di suo padre". Testi di G. L. Bonelli. E' una vecchia storia che precede, da un punto di vista temporale (siamo negli anni cinquanta), "II passato di Tex" e tutti i cartonati di Mauro Boselli che presentano un certo Sam Willer. :lol: :lol::lol: Meglio i saggi che le storie, Avvocato.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono poco attento alle questioni cronologiche, mi ci perdo. Questa conversazione però mi sta interessando. Io ho sempre avuto la sensazione che la guerra civile (quella di Tra Due Bandiere e di Fuga da Anderville, non quella in cui c'è Kit Willer) fosse successiva a "il totem misterioso" e che si inserisse tra le prime storie di Tex e la sua conoscenza di Lilith. Ripeto, forse farò brutta figura, ma ho sempre ritenuto che fosse così. Quindi le storie della collana Tex Willer dovrebbero essere antecedenti alla guerra, o mi sbaglio? 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Ken51 dice:

:ohmy: Guarda, proprio non capisco quale debba essere il problema ... Ma la storia "Tra due Bandiere" dovrai pure collocarla da qualche parte, o era solo un "what if?" :rolleyes:... c'è stata davvero o era stato solo un sogno di Tex? No, c'è stata, Tex ha davvero partecipato alla Guerra Civile, sennò anche tante altre storie, da "Fuga da Anderville" a "Buffalo Soldiers" sarebbero dei "what if?" ... :trapper:

Quindi, non è che ci si possa svicolare più di tanto, e tutto sinora quadrava perfettamente: ... il Tex del "Re del Rodeo" e del magnifico Fuorilegge ha 20-21 anni ed è solo un cowboy (siamo intorno al 1858). La Guerra Civile ("Tra due Bandiere", "Fuga da Anderville" etc...) viene dopo, tra il 1861 ed il maggio 1865, e Tex vi ha partecipato, almeno nel suo universo ... Poi, nel 1865, iniziano le vicende del Totem Misterioso.

Poi, mi ripeto, nell'universo parallelo che stai allestendo, le cose sicuramente saranno andate in modo diverso ...

Questa  ricostruzione è assurda.Tex è sempre fuorilegge nel Totem e non lo è durante la guerra???

 

 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Tex ora ha circa 45 anni.

Nella sua prima avventura ne aveva 20.

25 anni di avventure.

Se poi partiamo dal momento in cui vediamo Kit (quindicenne?) che impara a sparare, gli anni si riducono a 10.

25 x 365,25 fa 9.131 giorni e 6 ore.

10 x 365,25 fa 3.652 giorni e mezzo.

Mi dite come diavolo ha fatto un povero cristiano a vivere tutte le sue avventure in così pochi giorni?

Tex sarebbe una contraddizione vivente se non fosse di carta.

Spero che queste considerazioni chiudano definitivamente il dilemma della cronologia.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Leo dice:

Sono poco attento alle questioni cronologiche, mi ci perdo. Questa conversazione però mi sta interessando. Io ho sempre avuto la sensazione che la guerra civile (quella di Tra Due Bandiere e di Fuga da Anderville, non quella in cui c'è Kit Willer) fosse successiva a "il totem misterioso" e che si inserisse tra le prime storie di Tex e la sua conoscenza di Lilith. Ripeto, forse farò brutta figura, ma ho sempre ritenuto che fosse così. Quindi le storie della collana Tex Willer dovrebbero essere antecedenti alla guerra, o mi sbaglio? 

 

 

Questa è anche l'ipotesi da me scelta, la meno peggio per vari motivi.

 

 

 

1 ora fa, Dix Leroy dice:

Se nel fumetto "Tex Willer" si iniziasse con un giovane Tex che pensa di essere inseguito ma che invece incontra per la prima volta Tesah

e con lei cercherà il totem misterioso questo si sarebbe un remake. Stesso dicasi se in seguito affrontasse e sconfiggesse la banda della Mano Rossa.

Poi sono d'accordo che il confine è formale: in pratica si vuole rinverdire il personaggio ma senza rinnegarne il passato.

Qui si tratta di leggere cosa Tex ha fatto prima e dopo le avventure che abbiamo già letto.

Un fumetto nuovo, fortemente ispirato a quelle storie e molto probabilmente con deboli agganci, in quanto

il rischio di impantanarsi con le varie sviste del passato è forte.

 

 

 

 

La serie non sarà fatta di soli remake, bensì quasi esclusivamente di storie nuove. Ho detto quasi perché IN PARTE ci saranno per forza di cose dei brevi, parziali remake, che si configureranno però come storie inedite. Ma starete a vedere. La prima storia in quattro parti è "spuria" in questo senso. E altre non ne sono in lavorazione. ma mi piacerebbe riprendere La mano rossa e sicuramente, se ci si arriva, rivedremo parti della vicenda con Montales e Lupe. Se ci  arriveremo. Prima ci saranno Arkansas Joe, Hutch e molti altri, noti e non noti.

Modificato da borden

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.