Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[756/759] La Tigre colpisce ancora


MacParland
 Share

Recommended Posts

Mi sono annoiato abbastanza.

 

Ammetto di non essere probabilmente il "target" di questa storia: ho sempre trovato la Tigre Nera un avversario abbastanza banale e derivativo, la sua terza apparizione non l'ho mai nemmeno letta (e da quanto sento in giro non mi sono perso niente), della secondo non ricordo assolutamente nulla (segno che mi deve avere colpito molto), della prima ricordo poco se non il giudizio citato prima. Quindi non desideravo che tornasse e i vari personaggi "ritornanti" non mi dicono niente...

 

(a proposito, in questo albo tornano: La Tigre Nera, Lohana, Omoro, Juffure, Tom Devlin, Mac Kennet, Mac Parland... quando ho visto che c'era anche Chabrol ho pensato "eh mo basta, che è un defilè???? Rimpiango i tempi in cui ogni volta c'era uno sceriffo nuovo...  lo so che tanti, Borden compreso, amano questa "continuità" del rivedere sempre gli stessi volti ma il doversi ricordare ogni volta chi è chi contribuisce ad appesantire la lettura, anche perchè ogni volta bisogna sorbirsi i soliti "dialoghi esplicativi" e magari puri i vari saluti e salamelecchi che ammazzano il ritmo)

 

La maniera in cui torna la Tigre Nera è improbabile, e questo già si sapeva e non ci puoi fare niente, non è quello il problema: in una storia "complicato" è peggio che "improbabile" e la macchinosità della spiegazione è peggio della sua improbabilità: credo senza problemi che la Tigre si sia salvata rallentando la caduta: ma quando salti su a descrivere che c'era un buco proprio lì, e c'era il sosia pronto proprio lì, e proprio in quel momento si distraggono, e bla bla bla...  se mi dicevi "passa di lì il Drago Rosso (o un fidato servitore dalle abilità guaritrici strabilianti) che riesce a salvargli la vita anche se ha tutte le ossa fracassate" era improbabile uguale ma almeno era molto più semplice. Ma il peggio non è nemmeno quello, alla fine.

 

Il peggio è che tutto quanto il salvataggio viene descritto in un terrificante "dialogo esplicativo" in cui, per 11 PAGINE, i due si raccontano a vicenda le cose che già sanno tutti i e due! QUESTO è il vero peccato imperdonabile! Non c'era proprio un'altra maniera? Oltretutto, c'è anche "l'allungamento" della "doppia spiegazione": i due si raccontano cosa hanno fatto, e SUBITO DOPO si vede la scena in flashback disegnata. Ma allora non si poteva fare solo il flashback da un bel narratore onnisciente in didascalia, risparmiandoci il solito clichè dei cattivi che si raccontano a vicenda cose che sanno già?

 

Prima e dopo, però, i dialoghi sono dello stesso tipo: lunghi, ridondanti, in cui i pards commentano cose già viste o che vedremo. E quando sono in gioco la Tigre e Lohana, diventano anche retorici ed enfatici (va bene che "ci sta da personaggio", ma non è un problema di realismo o di caratterizzazione, ma semplicemente di PAGINE DEDICATE, quando hai personaggi che parlano così dai pietà al lettore ogni tanto...)

 

Sono critiche che, mi accorgo, somigliano a quelle che ho letto di altre storie di Boselli per cui non concordavo. probabilmente conta l'interesse. Quando sentivo le lamentele per la storia sugli Apache su Tex Willer dicevo "ma cosa dici? Sono informazioni interessantissime!". Forse ho patito molto la lunghezza e l'artificiosità di queste scene perchè, appunto, ho pochissimo interesse per la Tigre Nera e tutti i suoi gregari, mentre chi se li ricorda magari li trova interessantissimi. però come spiegazione non mi convince. il fatto che la Tigre Nera non mi è mai interessata non vuol dire che non possa diventare interessante in una nuova storia, scritta meglio delle precedenti (e sì, è un traguardo davvero basso, ma mi sembra scritta comunque meglio rispetto all'unica che mi ricordo delle precedenti). Poi le lungaggini che altri lamentavano su Tex Willer erano per dare informazioni storiche utili alla storia, non per ripetere più volte vari salamelecchi.

 

Alla fine per me il punto è che in quella storia su Tex Willer in 62 pagine accadevano un sacco di cose. E magari per quello c'erano da dare molte informazioni. Qui, dopo 110 pagine....  siamo ancora alle premesse. Con pagine e pagine dedicate all'incipit "drammatico" ma comunque slegato dal resto, pagine e pagine di flashback per spiegare perchè non è molto, pagine e pagine in cui ci vengono mostrati Tex che inganna Lohana per scoprire quello che sappiamo già, poi torna a casa, poi vari incontri, varie frottole che il lettore sa già sono frottole, viene spiegato persino COME ARRIVA LA POSTA A TEX (davvero, ne sentivo il bisogno, il dubbio mi attanagliava...), dopo 110 pagine il riassunto è "la tigre nera non è morta, Tex e gli altri si stanno infilando in una trappola". Come non rimpiangere quando le storie iniziavano senza tutta questa "presentazione", con Tex e Carson già in azione dopo aver già ritirato la posta, letto le lettere e raggiunta la destinazione?

 

Sempre splendidi i disegni di Venturi, e almeno questo, quando mi staccavo dalla storia almeno mi guardavo le figure. Ma sarà dura andare avanti a guardare le figure per quattro albi.. Spero che dal secondo almeno ci sia più azione e meno chiacchiere. O almeno chiacchiere migliori.

 

 

P.S.: non mi sembra che in questo albo la tigre "colpisca ancora". Per adesso fugge e pianifica. Capisco che "la tigre fugge ancora" non sarebbe stato epico, ma hanno perso l'occasione di fare davvero una bella citazione con "La Tigre è ancora viva!"...

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">11 ore fa</span>, laredo dice:

Buona la prima.

Una piacevole lettura che tiene con il fiato sospeso fino all'ultima pagina.. e porta a fare il conto alla rovescia  per la seconda .

Purtroppo c'è anche qualcosa che non mi è piaciuto:

- Rivedere  la sconfitta di Tex in duello con la Tigre Nera, episodio che  avrei preferito dimenticare ma purtroppo era necessario riproporlo.

- I dialoghi eccessivamente zuccherosi e stucchevoli tra Jim e Lohana

- L' Agente Pinkerton che prende le redini del commando sottovalutando le sensazioni di Tex..però anche questo necessario per l'incandescente finale!

- Leggere nuovamente "uomo di colore "..:azz:

 

Tutto sommato sono note negative trascurabili che non pesano sulla bellezza del racconto. 

Il mio auspicio  è che la Tigre Nera  rimanga uno dei grandi Villan della saga e  che non diventi  un amicone di Tex.. ma ho la sensazione che non sarà cosí..

 

Boselli:7,5

Venturi:8

 

Per mè sarebbe davvero pessimo se la Tigre nera diventasse un amico di Tex.

Gia non avevo sopportato il finale della storia di Lupe, ( storia che non sono più riuscito a leggere ) dove Riccardo  il marito,( mi sembra ) dopo quello che aveva combinato, per Tex era un santarellino.🤐🖐

Link to comment
Share on other sites

  • Collaboratori
<span style="color:red">1 ora fa</span>, Diablero dice:

viene spiegato persino COME ARRIVA LA POSTA A TEX (davvero, ne sentivo il bisogno, il dubbio mi attanagliava...),

 

Questo è l'unico appunto su cui sono pienamente d'accordo con te, quattro pagine inutili che spezzano il racconto.

 

Per il resto è una storia che, limitatamente al primo albo, nella sua architettura ricorda molto quelle di Nizzi.

 

Tex vuole tendere una trappola a Lohana per catturare Omoro Juffure e la Tigre.

 

Omoro, Lohana, Juffure e Tuah la tendono invece a lui e agli uomini della Pinkerton.

 

Tex che si getta a capofitto nella trappola seguendo le controfigure di Lohana e Tuah (ma non può saperlo).

 

(Spoiler del secondo albo)

 

Nella palude ci sarà una strage di uomini ma Tex, Tiger, MacKenneth e  Chabrol sopravvivranno), i veri vuduisti raggiungeranno la nave della Tigre per imbarcare Lohana (probabilmente in un altro punto della baia, non in quello indicato per fare cadere in trappola i loro nemici). E poi l'inseguimento per mare fino al Nicaragua perché c'è l'istmo da oltrepassare (il viaggio lo faranno sul Pacifico ovviamente). E qui, ovviamente, altri agguati e trappole attenderanno Tex e i pards. Anche il secondo albo molto nizziano.

 

L'unico dubbio che mi resta è se la Tigre sia veramente a bordo della nave, per me si trova già nel Borneo.

 

Per tornare a Boselli e Nizzi, Tex non fa la figura del piccione nemmeno per un momento,  Boselli non fa che ripeterci come sappia già che è tutta una montatura mentre Nizzi non si poneva mai questo problema. L'unica differenza sta tutta qui!

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">14 minuti fa</span>, Mister P dice:

Ma 'sto spoiler...?

Ho l'impressione che nella versione mobile le funzionalità siano limitate.

O forse sono limitato io perché non trovo né lo spoiler né il richiamo con :pianti:

Link to comment
Share on other sites

32 minuti fa, ymalpas dice:

 

Questo è l'unico appunto su cui sono pienamente d'accordo con te, quattro pagine inutili che spezzano il racconto.

 

Per il resto è una storia che, limitatamente al primo albo, nella sua architettura ricorda molto quelle di Nizzi.

 

Tex vuole tendere una trappola a Lohana per catturare Omoro Juffure e la Tigre.

 

Omoro, Lohana, Juffure e Tuah la tendono invece a lui e agli uomini della Pinkerton.

 

Tex che si getta a capofitto nella trappola seguendo le controfigure di Lohana e Tuah (ma non può saperlo).

 

(Spoiler del secondo albo)

 

Nella palude ci sarà una strage di uomini ma Tex, Tiger, MacKenneth e  Chabrol sopravvivranno), i veri vuduisti raggiungeranno la nave della Tigre per imbarcare Lohana (probabilmente in un altro punto della baia, non in quello indicato per fare cadere in trappola i loro nemici). E poi l'inseguimento per mare fino al Nicaragua perché c'è l'istmo da oltrepassare (il viaggio lo faranno sul Pacifico ovviamente). E qui, ovviamente, altri agguati e trappole attenderanno Tex e i pards. Anche il secondo albo molto nizziano.

 

L'unico dubbio che mi resta è se la Tigre sia veramente a bordo della nave, per me si trova già nel Borneo.

 

Per tornare a Boselli e Nizzi, Tex non fa la figura del piccione nemmeno per un momento,  Boselli non fa che ripeterci come sappia già che è tutta una montatura mentre Nizzi non si poneva mai questo problema. L'unica differenza sta tutta qui!

Non sono inutili perché si vede Tex

35 minuti fa, Piombo Caldo dice:

Per mè sarebbe davvero pessimo se la Tigre nera diventasse un amico di Tex.

Gia non avevo sopportato il finale della storia di Lupe, ( storia che non sono più riuscito a leggere ) dove Riccardo  il marito,( mi sembra ) dopo quello che aveva combinato, per Tex era un santarellino.🤐🖐

Beh, la figlia della Tigre si fidanza con Kit

11 ore fa, laredo dice:

Buona la prima.

Una piacevole lettura che tiene con il fiato sospeso fino all'ultima pagina.. e porta a fare il conto alla rovescia  per la seconda .

Purtroppo c'è anche qualcosa che non mi è piaciuto:

- Rivedere  la sconfitta di Tex in duello con la Tigre Nera, episodio che  avrei preferito dimenticare ma purtroppo era necessario riproporlo.

- I dialoghi eccessivamente zuccherosi e stucchevoli tra Jim e Lohana

- L' Agente Pinkerton che prende le redini del commando sottovalutando le sensazioni di Tex..però anche questo necessario per l'incandescente finale!

- Leggere nuovamente "uomo di colore "..:azz:

 

Tutto sommato sono note negative trascurabili che non pesano sulla bellezza del racconto. 

Il mio auspicio  è che la Tigre Nera  rimanga uno dei grandi Villan della saga e  che non diventi  un amicone di Tex.. ma ho la sensazione che non sarà cosí..

 

Boselli:7,5

Venturi:8

 

Necessario assolutamente per chi non ha letto e non ricorda 

 

Sarebbero zuccherosi se i due non cercassero di  ingannarsi a vicenda.  All’inizio finge anche lui è lei finge sempre. Dove sta lo zucchero in una commedia mortale?

 

 

Ti dai tu la risposta .  

 

Legittimo  usatissimo termine coevo 

Edited by borden
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">24 minuti fa</span>, borden dice:

 

Necessario assolutamente per chi non ha letto e non ricorda

Preferivo dimenticare :lol:

 

Sui dialoghi "zuccherosi":

si si era chiaro che entrambi stavano fingendo..ma in modo molto "teatrale" con grandi dichiarazioni d'amore che non ho gradito..

Ma poco male, sono dettagli di poco conto..

La storia mi è piaciuta ;)

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 ore fa</span>, Diablero dice:

dialogo esplicativo

Insomma l'albo in questione è prolisso e ripetitivo.

In 110 pagine succedono quattro cose che potevano esser dette in tre pagine.

È surreale che tu abbia detto queste quattro cose in 110 righe (magari di più).

In pratica sei stato prolisso e ripetitivo per dire che il Bos è stato prolisso e ripetitivo.:rolleyes:

 

 

<span style="color:red">4 ore fa</span>, borden dice:

Mia stessa risposta 

Che fai, Bos, copi?

  • Thanks (+1) 1
  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

Per quanto introduttivo e interlocutorio in vista della futura azione, questo primo albo non l'ho trovato nè scialbo nè pesante, ma una giusta via di mezzo, che significa "scorrevole" e "preparatorio", pur con la consueta marea di personaggi e di parole (sono d'accordo con chi ha affermato che talvolta i dialoghi commentano o ripetono ciò che già si vede direttamente in vignetta, però è una caratteristica di Boselli scrivere romanzi a fumetti e non semplici sceneggiature, cosa che a me piace).

Ho avuto lo stesso identico effetto del primo albo dell'ultima storia con Mefisto: presentazione dei personaggi e preparazione dell'azione "in casa", azione "in trasferta", per usare un gergo sportivo.

Per il ritorno di un grande villain (Mefisto, Tigre) viene quasi spontaneo prevedere uno sviluppo lungo e articolato, in non meno di 4 albi, soprattutto perchè bisogna riscattare le ultime pessime apparizioni del villain di turno. Quindi, qualcuno può aver percepito un senso di allungamento del brodo (recapito della posta, dialoghi lunghi, ripetizione a parole di quello già visto in immagini) ma personalmente non la vedo così: ripeto, per me questo primo albo, peraltro raffinato e articolato nella struttura narrativa, scorre via bene e coinvolge. Sarà perchè avevo appena riletto le tre storie precedenti della Tigre, in un calando deprimente, mentre qui si torna a certi livelli narrativi e stimoli dell'immaginazione...

 

Link to comment
Share on other sites

  • Collaboratori
<span style="color:red">1 ora fa</span>, borden dice:

Necessario assolutamente per chi non ha letto e non ricorda

 

E poi sono solo due le pagine, di trentasei che formano questa specie di prologo, che riprendono cose già viste nella storia precedente. Il resto costituisce l'antefatto su cui porre le basi della nuova storia ed è doveroso che sia spiegato per filo e per segno come la Tigre riesce a farla franca.

 

<span style="color:red">1 ora fa</span>, borden dice:

Sarebbero zuccherosi se i due non cercassero di  ingannarsi a vicenda.  All’inizio finge anche lui è lei finge sempre. Dove sta lo zucchero in una commedia mortale?

 

Grazie al fiuto di Omoro, come specifichi a pagina 52 - personne n'est dupe - a parte l'unico, il detective Jim, che sotto copertura vorrebbe darla a bere agli altri e invece - dans toute la comédie est le seul berné. Resta il fatto che le pompose dichiarazioni d'amore di Jim cui fanno riflesso le parole di Lohana, che più false non potrebbero essere se non agli occhi di una persona che ha perso la testa per lei, sentimenti magistralmente ripresi dalle chine di un sontuoso Venturi che li mette costantemente a nudo, restano forse le frasi più tenere che siano mai state proferite in un albo di Tex. E possiamo accettarle serenamente perché come dici tu rappresentano una finzione fin troppo calcolata e palese negli intenti. Inutile chiederti se tutta questa teatralità è voluta fino in fondo da parte tua, perché come ho scritto anche ieri l'albo brulica di commedianti e di scene da melodramma, quando non sono da commedia burlesca.

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore
2 ore fa, Il sassaroli dice:

Ho l'impressione che nella versione mobile le funzionalità siano limitate.

O forse sono limitato io perché non trovo né lo spoiler né il richiamo con :pianti:

Per lo spoiler scrivi la parola contornata da [ e da ] in apertura e [/ e ] in chiusura. Il richiamo con la @ su mobile funziona benissimo (io scrivo praticamente solo da mobile sul forum e lo uso sempre!).

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">20 minuti fa</span>, Mister P dice:

Per lo spoiler scrivi la parola contornata da [ e da ] in apertura e [/ e ] in chiusura. Il richiamo con la @ su mobile funziona benissimo (io scrivo praticamente solo da mobile sul forum e lo uso sempre!).

Lo sapevo che quello limitato ero io :D

Link to comment
Share on other sites

Visto che non si farà una serie con il Kit Carson giovane, la Bonelli potrebbe fare una serie con Sumankam da giovane, e anche rispettiva figlia, ambientata in Borneo. Naturalmente con soggetti e sceneggiature di Mauro Boselli, e come curatore Claudio Nizzi.:smile:🍺🖐

Link to comment
Share on other sites

Alleluia!

Ho appena scoperto che il Bos ha intenzione di fare una miniserie su Letizia [da giovane].

Da giovane sarebbe pleonastico perché più giovane di così sarei una bimbetta con le treccine.

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 ore fa</span>, Letizia dice:

Insomma l'albo in questione è prolisso e ripetitivo.

In 110 pagine succedono quattro cose che potevano esser dette in tre pagine.

È surreale che tu abbia detto queste quattro cose in 110 righe (magari di più).

In pratica sei stato prolisso e ripetitivo per dire che il Bos è stato prolisso e ripetitivo.:rolleyes:

:laugh:

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 ore fa</span>, ymalpas dice:

 

E poi sono solo due le pagine, di trentasei che formano questa specie di prologo, che riprendono cose già viste nella storia precedente. Il resto costituisce l'antefatto su cui porre le basi della nuova storia ed è doveroso che sia spiegato per filo e per segno come la Tigre riesce a farla franca.

 

 

 

Ma il problema non sono il numero delle pagine ma quello che succede..  Tex ha  la Tigre Nera in pugno, poi  all'improvviso si fa fregare come un pollo: Il Ranger viene disarmato e finisce appeso a una roccia a picco sul laghetto in totale balia della Tigre Nera, uscendo pertanto sconfitto  dallo scontro!

Qui la colpa è di Nizzi che poteva gestire in maniera diversa il combattimento trai i due rivali, ma in quel periodo si divertiva a umiliare Tex ...

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 minuti fa</span>, laredo dice:

uscendo pertanto sconfitto

Che birichino questo Boselli!

Fa fare a Tex la figura del piccione!:o

  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">14 minuti fa</span>, Letizia dice:

Che birichino questo Boselli!

Fa fare a Tex la figura del piccione!:o

Nizzi 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">43 minuti fa</span>, Letizia dice:

Che birichino questo Boselli!

Fa fare a Tex la figura del piccione!:o

Al contrario, Boselli ha voluto "riabilitare" il Tex di Nizzi facendo affermare alla Tigre di aver esitato a sferrare il colpo decisivo per rispetto della grandezza di Tex, un avversario come non ne aveva mai incontrati prima.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">40 minuti fa</span>, laredo dice:

Nizzi 

 

<span style="color:red">10 minuti fa</span>, PapeSatan dice:

Al contrario, Boselli ha voluto "riabilitare" il Tex di Nizzi facendo affermare alla Tigre di aver esitato a sferrare il colpo decisivo per rispetto della grandezza di Tex, un avversario come non ne aveva mai incontrati prima.

Ma va?

  • Confused (0) 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">39 minuti fa</span>, Mister P dice:

Letizia è ironica, sicut suus est mos. Cosa vi perplime?

@laredo , come lui stesso ha confermato, si riferiva chiaramente alla versione di Nizzi, non alla sterzata correttiva di Boselli. La frase di @Letizia è inopportunamente ambigua, in quanto può lasciare intendere al Geralt di Rivia di turno che Boselli come curatore abbia avallato la versione del Tex piccione di Nizzi, mentre è ovvio che non sia così: infatti, appena ha potuto, Boselli l'ha raccontata come andava raccontata prima di lui.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">30 minuti fa</span>, PapeSatan dice:

@laredo , come lui stesso ha confermato, si riferiva chiaramente alla versione di Nizzi, non alla sterzata correttiva di Boselli. La frase di @Letizia è inopportunamente ambigua, in quanto può lasciare intendere al Geralt di Rivia di turno che Boselli come curatore abbia avallato la versione del Tex piccione di Nizzi, mentre è ovvio che non sia così: infatti, appena ha potuto, Boselli l'ha raccontata come andava raccontata prima di lui.

Che io sia una persona amante dell'ironia ormai è risaputo.

Ma, a scanso di equivoci, quando la mia ironia può essere fraintesa, ci schiaffo una emoj.

Se poi c'è qualcuno che trova comunque dell'ambiguità inopportuna, cosa posso fare?

I casi sono due: o rinuncio a quello che per me è il sale della vita e mi metto a fare la musona, oppure ci metto un bello spiegone.

Voi che preferite?

Speriamo che almeno il Bos non mi abbia fraintesa.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, Letizia dice:

Che io sia una persona amante dell'ironia ormai è risaputo.

Ma, a scanso di equivoci, quando la mia ironia può essere fraintesa, ci schiaffo una emoj.

Se poi c'è qualcuno che trova comunque dell'ambiguità inopportuna, cosa posso fare?

I casi sono due: o rinuncio a quello che per me è il sale della vita e mi metto a fare la musona, oppure ci metto un bello spiegone.

Voi che preferite?

Speriamo che almeno il Bos non mi abbia fraintesa.

Me la sono legata al dito. :lol:

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.