Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Voto alla storia  

72 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Ieri sera pensavo alla figura del dottor Sandoral: se pure lui fa parte della stirpe dell'abisso, il suo vero aspetto dovrebbe essere più bestiale, no? Umanoide ma non umano intendo. Per me è sempre stata una figura un po' enigmatica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Se ben ricordo è un essere umano! Come lo sono i Diago. Forse non hai compreso bene il meccanismo.

Edited by borden

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appunto, missà che non ho afferrato bene qualcosa durante lo svolgimento della vicenda e mi son portato dietro questa incomprensione durante gli anni. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il sangue  dei Diago è CONTAMINATO da quello della Stirpe.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sebbene non la leggessi dalla data di pubblicazione, della storia in questione conservavo un buon ricordo e ciò già si prestava come un buon viatico per la rilettura. In effetti, le buone impressioni di allora sono state riconfermate in pieno. Dopo le due prove opache di Faraci e Ruju, il livello narrativo subisce un netto rialzo con Boselli tornato in cattedra. A prescindere del buon valore dei collaboratori, c’è poco da fare: Borden è l’unico che dimostra la capacità di cambiare passo e le sue composizioni si ergono inevitabilmente rispetto alle altre contemporanee! Il soggetto a tinte fosche, mi ha appassionato fin da subito, d’altronde non è un mistero che simili tematiche hanno sempre intrigato il sottoscritto. L’autore sfodera una prova superba, piena di tensione e adrenalina, costruendo con cura un mistero inquietante che attira l’attenzione dei pards e del lettore. La presenza di Eusebio e El Morisco arricchisce la zuppa che diviene davvero irresistibile appena si svolge il pirotecnico finale fra gli antri della tenuta dei Diago, una nobile famiglia maledetta che paga un diabolico patto degli avi con “la stirpe dell’abisso”. Come nella migliore tradizione dei racconti di Lovecraft ci imbattiamo in strane creature, nate dall’unione tra umani e antiche divinità precolombiane dalla sembianza dei serpenti. Vediamo agire il diabolico Sandoral e i suoi restanti alleati, mentre la dolce Leonora, il fratello Victor e il padre pagano sulla loro pelle l’antica maledizione. L’epilogo è pirotecnico e coinvolgente, e chiude degnamente un soggetto molto Bonelliano. Storie simili, al limite della realtà, è sempre un piacere vederle di tanto in tanto sulla saga e se, come la presente o “Il vecchio di mezzanotte”, sono scritte così bene, rappresentano un fiore all’occhiello. Eccellente la performance dei nostri, con Kit e Tiger ben in evidenza, un po’ ai margini il Morisco, ma poco importa. Sempre sopraffina l’opera di caratterizzazione dei personaggi, ma con Boselli è quasi superfluo specificarlo. Forse sul finale qualche tavola in più non avrebbe guastato, ma la dinamite seppellisce tutto e in fondo muovere un simile appunto è un po’ come fare le pulci al cane :laugh:. Straordinario Piccinelli, che si esibisce in una prova superlativa. Il suo valore era già noto, ma in questi due albi mostra appieno di essere un giovane fuoriclasse. Il suo stile, sebbene molto influenzato dal maestro Villa, assume dei contorni di personalità molto graditi ed è una goduria per gli occhi, con vignette dinamiche seppur ricche di dettagli, primi piani eccezionali e un’innata capacità di dipingere donne affascinanti. Molto ben reso il ricco campionario di serpenti vari e scene molto d’impatto come quella sul treno o nei sotterranei di villa Diago, acquistano ulteriore fascino grazie al suo talento. Fra le giovani leve di disegnatori arruolati, di certo è un top player. Il mio voto finale è 8  

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By ymalpas
      Soggetto e Sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Roberto De Angelis
      Copertina: Maurizio Dotti
      Periodicità: Mensile 16 novembre 2018
       
      Le avventure di Tex quand’era ancora uno scatenato fuorilegge!
       
      A settant’anni di distanza dalla sua prima apparizione, ritroviamo Tex inseguito dagli sceriffi e dai cacciatori di taglie nel primo numero di una nuova serie, rapida e secca come un colpo di fucile, che narrerà gli episodi sconosciuti della giovinezza del nostro eroe! In questo episodio iniziale, di Boselli e De Angelis, scopriamo l’antefatto mai raccontato del primo, storico albo di Tex, “Il Totem Misterioso”, con la nascita dell’odio tra Tex e il losco Coffin e la tragica storia della bella indiana Tesah, tra sparatorie, agguati e galoppate a rompicollo sul giovane destriero Dinamite!
       
       
       
       

       
       
       © Sergio Bonelli Editore
       
       
    • By ymalpas
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Alessandro Piccinelli
      Periodicità mensile: Agosto / Settembre 2017
      Inizia nel numero 682 e finisce nel numero 683
       
      La storia del ritorno di Lupe e della figlia.
       
       
       

       
       
       
      © Testi e immagini della Sergio Bonelli Editore.
    • By ymalpas
      Soggetto e sceneggiatura:Mauro Boselli
      Disegni: Corrado Mastantuono
      Periodicità mensile: Gennaio, Febbraio e Marzo 2015
       
       
       
       
      In Texas, la Luna piena colore del sangue annuncia la scorreria notturna di un predone, Il comanche Charvez, tornato dalla morte per riprendere con se il figlio quindicenne Daniel, cresciuto con la madre Ada e il patrigno Rick, vecchi amici di Tex. Il ranger si mette sulle sue tracce!
       
       
       
       
       
      © Sergio Bonelli Editore
       
       
       
       
          
    • By Sam Stone
      Torna la formula autunnale del Color Tex: quattro episodi completi, tutti a colori! Color Tex
        Stelle di latta e altre storie Uscita: 20/11/2014
      Copertina: Giulio De Vita
      Il sesto numero della serie di Color Tex ripresenta l'originale formula che ha riscosso immediato successo con il n. 4: quattro episodi completi, interamente a colori, ognuno relizzato da autori differenti, molti al loro esordio con le storie del Ranger!
       
      Stelle di latta
      Soggetto e sceneggiatura: Michele Medda
      Disegni: Michele Benevento
      Colori: Oscar Celestini
       
      C’è chi è onorato di servire la Legge e chi getta la propria stella nella polvere...
       
      Incontro a Tularosa
      Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
      Disegni: Giuseppe Camuncoli
      Colori: Beniamino Delvecchio
       
      Tre uomini si danno appuntamento con la morte in un pueblo del Nuovo Messico...
       
      Nel buio
      Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
      Disegni: Luca Rossi
      Colori: Romina Denti
       
      È peggiore il buio della solitudine o quello sordo e cieco del pregiudizio?
       
      Randy il fortunato
      Soggetto e sceneggiatura: Roberto Recchioni
      Disegni: Andrea Accardi
      Colori: Oscar Celestini
       
      Aveva la fortuna delle canaglie.. sinché Tex non diventò la sua ombra!...
       
       
      Tavole in anteprima:
       


       
      Testi e immagini sono Copyright Sergio Bonelli Editore
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.