Sam Stone

[Color Tex N. 8] Minaccia Nelle Tenebre E Altre Storie

La storia e i personaggi  

34 voti

  1. 1. Vota la migliore sceneggiatura del Color Tex!

    • "Minaccia nelle tenebre" di Boselli
    • "Sfida nella vecchia missione" di Ruju
    • "La banda Hogan" di Simeoni
    • "Chindi" di Mignacco
  2. 2. Vota i migliori disegni del Color Tex!

    • Le tavole di "Minaccia nelle tenebre", di Franzella
    • Le tavole di "Sfida nella vecchia missione", di Tisselli
    • Le tavole di "La banda Hogan", di Simeoni
    • Le tavole di "Chindi", di Vannini
  3. 3. Vota il miglior personaggio apparso nel Color Tex:

    • Il negromante Bruce Sangston ("Minaccia nelle tenebre")
    • Patricia Graves, squaw di Octavio ("Sfida nella vecchia missione")
    • Il bandito Jeff, falso vicesceriffo ("La banda Hogan")
    • I chindi hopi ("Chindi")
    • Altro (specificare nel messaggio)
      0


Messaggi consigliati/raccomandati

@Carlo: ti faccio una piccola correzione se permetti :D

Permetto, permetto.
 


Simeoni è il secondo autore "completo" su Tex, non dimentichiamoci di Serpieri :)


Verissimo e l'ha pure colorata. Mea culpa, mea maxima culpa.:wub:
Questo dimostra, se mai ce ne fosse stato bisogno, che non sono infallibile.:lol:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

A una prima sfogliata, dico una cosa: ok, il Tex di Liberatore è inguardabile, ma quanto accidenti è brutto quello di Simeoni? Ha una faccia da idiota assoluto (specie senza cappello) e sembra una copia mal riuscita e senza personalità del Tex di Magnus!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Il primo color che mi sia piaciuto quasi del tutto nella sua interezza nonostante la sua suddivisione in 4 storie brevi.
La più bella è certamente quella di Ruju Tisselli che nella sua semplicità strutturale è definita superbamente dall'autore, che, con 4 righe, riesce a darci un Tex spettacolare, inoltre il racconto risulta impreziosito dal tratto fantastico del disegnatore che pennella, nel vero senso della parola, l'azione viva e palpitante, storia 8,5 disegni 9.
Seconda in classifica metterei la storia di Mignacco Vannini, bella, strutturata bene e alla fine precisa, forse troppo, un pò più di spazio ci sarebbe voluto per espletare una storia troppo racchiusa dai canoni, disegni molto belli quasi vivi, storia e disegni 7,5.
Al terzo posto la storia di Boselli Franzella, una ottima storia che mi è piaciuta sia come trama che come disegni, anche se è veramente una storia da Dampyr !
Aldilà delle faziosità o delle simpatie si vede benissimo che Boselli ha pescato a piene mani dalla struttura delle storie di Dampyr ( io credo di poterlo affermare visto che ho tutte e due le collezioni : Tex e Dampyr ), e per essere preciso direi che la storia è strutturata a mo' di albetto speciale almeno è questa l'impressione che si ha. Questo non toglie che sia comunque una ottima storia e per me vale un 7 pieno.
Quarto posto la storia di Simeoni che se la cava benino nonostante l'impegno sia da far tremare i polsi, forse un Tex un pò troppo supereroistico ma comunque gradevole nella sua iperattività, disegni buoni, voto complessivo 7-.
 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Bel color- breve, diciamo che il prodotto migliora ogni anno.
4 Tex classici :
1 Tex e l' ignoto : da sempre affronta episodi al di là del naturale e nel metà dei casi con El Morisco, che risolve il mistero. 
                            Questa volta non è il piombo di Tex a colpire il nemico, ma il tranello di Morisco.  Disegni e colori buoni.
2 Tex e i rapinatori : il tema più classico del west, l'oro, il treno, la fuga del carcerato, lo sceriffo bontempone e le bistecche.
                            nessuna sbavatura, come diceva Bonelli " Tex arriva e le suona a tutti".    Disegni buoni, ma non su Tex,
                            non mi convince il volto, forse troppo lungo e squadrato e la pettinatura fissa.
3 Tex buon conoscitore d' uomini (in questo caso anche di donne): classica missione oltre le linee nemiche, con assedio alla 
                            rovine abbandonate e duello risolutore. Ma è la comprensione dell' amore di Octavio , della meschinità di Graves,
                             dell' amore senza sbocco di Patricia e della sua conquistata indipendenza a rendere grande questo episodio.
              Disegni: cosa dire? una favola!, sembra di vivere in un sogno d' amore! Pennellate stupende, Tex che è Tex, Carson che è
                             Carson, che renderebbero favolosa la storia anche senza i sentimenti dei personaggi, ma questi sentimenti 
                          rendono ancor più eteree le pennellate, la nebbiolina della notte e la polvere del deserto. Volti splendidi.
4 Tex-Aquila della notte : il cuore indiano di Tex non mette in dubbio il sogno di Tiger, si alza e si mette in caccia nella notte.
                                 Difende la sua gente e ne rispetta la sensibilità. Disegni: ottimi, ottimo Tiger, Tex appena sufficiente.

Tutte le 4 storie non hanno né una vignetta di troppo, né una di meno, non ho l' impressione che manchi qualcosa.
Ottimo lavoro in 32 tavole, la personalità di Tex, anzi 4 aspetti del suo personaggio, è ben rappresentata.
Voto autori: a tutti 8 e 1/2
Voto disegnatori: Franzella e  Vannini : 8.        Simeoni : 7      Tisselli : 10.
,

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La mia classifica invece è la seguente:

1* posto: Minaccia nelle tenebre. 
E' la storia più bella delle quattro e con quella di Vannini anche la meglio disegnata. Azzeccata la presenza del Morisco, bellissime le ambientazioni nella villa e nel quartiere cinese di Galveston, ottimo e inedito l'avversario, sorprendente ma anche da applausi l'apparizione di Aghran.

2° posto : Chindi
Probabilmente le tavole (e soprattutto i colori) di Vannini contribuiscono ad alzare il voto di quest'onesta storia.Ha puntato sull'acqurello e non sulla tempera (eccetto certe vignette), avrebbe sicuramente ottenuto risultati anche migliori con la seconda, in ogni caso chapeau. La storia di Mignacco ha il pregio di riprendere qualche vecchio tema legato alla serie di Tex come quello del fantasma che denuncia i suoi assassini, si manitiene tesa fino alla fine con una sorpresa finale che rende amara la conclusione. Bella storia.

3° posto: Sfida alla vecchia missione
L'ho trovata deludente come storia, trama esilissima e senza colpi di scena, con un sapore di déjà vu per quanto riguarda il ripudio della moglie da parte del colonnello. I colori di Tisselli sono certamente interessanti per la loro originalità e per il loro contribuire a dare alla storia un che di visionario e onirico, di "perso nel passato". Ma come colorazione è chiaramente da sconsigliare in futuro: va bene una volta e basta.

4° posto: La banda di Hogan.
La storia di Simeoni è probabilmente più bella di quella debole di Ruju, ma niente di eccezionale, tutto telegrafato. Sono tuttavia i disegni la vera nota dolente, soprattutto per quanto riguarda il suo Tex, non troppo riuscito.

In conclusione sono soddisfatto a metà, due storie promosse a pieni voti e due bocciate. Un passo indietro rispetto ai due color brevi finora pubblicati.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

per quanto mi riguarda il color brevi ha segnato il passo
alla fine storie così corte per tex mi hanno stufato mentre le trovo adatte al più versatile dylan dog
(sto comprando i color fest new edition e mi piacciono molto).
La trama di boselli poteva essere interessante sviluppata sul lungo, il nemico esoterico aveva potenzialità,
le altre sono ben scritte ma non mi hanno rapito.
Per i disegni diversi stili tutti eccellenti, ogni vignetta di tisselli potrebbe essere un bel quadro ad acquerello da appendere in salotto.
Ma Tex ha bisogno di gente anche veloce, se questi artisti son lenti meglio un buon artigiano e morta lì.
Capisco che per esigenze commerciali tutto fa brodo e il fumetto è assorto ad arte pittorica con tutte ste guest star
che fanno copertine, variant, tex d'autore....
ma insomma alla fine io sono tradizionalista e per me contano gli intrecci ben sviluppati e i dialoghi ben costruiti.

p.s. ma sto albero morto? ricorre nella terza o quarta storia sarà un caso immagino...

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ma tu questa storia della lentezza dei disegnatori di questo albo dove l'hai sentita scusa?

Tisselli è essenzialmente un pittore e per realizzare la sua storia ad acquerello ci ha messo il giusto, né più né meno. Ha ricevuto l'incarico nell'aprile 2014 e prima dell'autunno aveva finito. A dir molto ci avrà messo sei mesi.

Simeoni è un disegnatore dal ritmo regolare. Ha cominciato alla fine dell'estate 2014 e ha finito per Natale.

Vannini non  è lento, è inaffidabile con le consegne, che è cosa ben diversa. Quando decide di impegnarsi ha una produttività standard.

Alla fine, l'unico veramente lento è Giuseppe Franzella.

Un ultimo appunto, se per te contano gli intrecci ben sviluppati e i dialoghi ben costruiti, ognuna delle quattro storie aveva entrambe le cose a mio modesto parere.
 

Modificato da Carlo Monni

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Mi permetto di scrivere un primo post specificamente sui disegni, che forse, per certi versi, sono la cosa più rilevante (ma non necessariamente migliore) di questo albo.

Parto da Tisselli, in quanto i suoi dipinti sono tra le cose più innovative e inusuali mai apparse su Tex. 
Onestamente sono soddisfatto a metà: perché vedere un'opera di assoluta personalità come quella di Tisselli svilirsi con le copie delle solite figure di Ticci mi ha deluso: cose del genere me le aspetto dai Bruzzo e dai Danubio, non da un artista che propone quello che propone Tisselli.
Ma a parte questo, sono soddisfatto a metà anche perché gli acquerelli di Tisselli li ho trovati, specie nella prima parte della storia, di non facile leggibilità: le prime scene sembrano come immerse in una nebbia perenne, in un'atmosfera di sogno che dopo un po' stanca. Nella seconda parte della storia però le cose migliorano, i colori si fanno più accesi, e devo dire che anche le fisionomie di Tex si fanno più personali e convincenti.
In ogni caso, anche se con le riserve che dicevo, siamo di fronte a un'opera di valore: il modo in cui Tisselli fa i paesaggi, e in particolare i canyon, l'ho trovato davvero affascinante - colpi di pennello impressionisti, quasi informi, che pure riescono benissimo a rendere l'idea. E qui non siamo di fronte a una qualcosa di tutto sommato "normale" come la (stupenda) colorazione di Vannini (disegni colorati), ma a pura pittura in cui il segno grafico è ridotto al minimo.

Ecco, Vannini: Vannini sembra nato per disegnare Tex, sembra che Tex lo disegni da anni (e in un certo senso, come sappiamo, è proprio così).
Le pose, le espressioni, le attitudini: tutto, nei disegni di Vannini, profuma del Tex classico e familiare dei disegnatori storici. A questo si aggiunge una bravura mostruosa nel realizzare il West: i paesaggi sono bellissimi, e la colorazione acquerellata impreziosisce il tutto - a questo proposito, sarei curioso di vedere Vannini in bianco e nero, per vedere se le sue ombre forti (così almeno ricordo il primo numero di Julia) e il suo segno veloce si sposano bene con la serie.
In ogni caso, un bel "Tex d'autore" di Vannini sarebbe un vero spettacolo!

Su Simeoni non ho molto da aggiungere: bel disegnatore, stile pulito e classico, ma Tex mediocre.

Franzella invece mi ha convinto totalmente: per me dovrebbe finire sulla serie regolare senza indugi!
Bravissimo nelle scene horror e nelle atmosfere oscure, ma altrettanto bravo nelle scene d'azione! A questo si aggiunge il fatto che i tre pards - ma anche El Morisco - li ha centrati pienamente al primo colpo (si veda la recitazione di Carson!), e questo come sappiamo non è mai facile. Il suo Tex, poi, mi sembra in linea con quello massiccio e possente di Fusco, e questo per me è un altro punto a favore di un suo ingaggio.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Parto da Tisselli, in quanto i suoi dipinti sono tra le cose più innovative e inusuali mai apparse su Tex. [...] In ogni caso, anche se con le riserve che dicevo, siamo di fronte a un'opera di valore: il modo in cui Tisselli fa i paesaggi, e in particolare i canyon, l'ho trovato davvero affascinante - colpi di pennello impressionisti, quasi informi, che pure riescono benissimo a rendere l'idea. 

Mi permetto di aggiungere una vignetta che renda palese l'idea di disegno "impressionistico" per i non addetti ai lavori:

2lmosg4.gif



 

Franzella invece mi ha convinto totalmente: per me dovrebbe finire sulla serie regolare senza indugi!
Bravissimo nelle scene horror e nelle atmosfere oscure, ma altrettanto bravo nelle scene d'azione! A questo si aggiunge il fatto che i tre pards - ma anche El Morisco - li ha centrati pienamente al primo colpo (si veda la recitazione di Carson!)...

Posto una vignetta proprio di Carson, ma Franzella è fenomenale dappertutto:

2b5q4g.gif


Ti deludo su Franzella, troppo lento per Tex...


Ma è lento solo su Tex ? E' un disegnatore che ha messo d'accordo me e Mario "paco ordonez". Che errore tenerlo lontano dal Ranger e rimpiazzarlo con certi altri! Spero che ci ripensiate, merita il palcoscenico d'onore rappresentato dal fumetto di punta della Bonelli, è stato un piacere leggere la tua bella storia disegnata da lui, un altro probabilmente te l'avrebbe rovinata o quasi. Per favore, ripensaci!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti
:DOttimo color nel complesso !:D
Nello specifico : le quattro sceneggiature sono tutte belle, perché ognuna  coglie un aspetto di Tex, che ho gradito e quindi si equivalgono.
i quattro disegnatori hanno dato un risultato diverso:
Penso che il migliore sia stato Franzella, :old:ottimo il suo Tex centrato in pieno, al primo colpo , buono anche Carson (seppur un po' caricaturale in alcune espressioni), buono anche il suo Tiger ed El Morisco (N.B. ma il Buon Morisco non è calvo al centro ?, almeno così ricordo lo rappresentava Lettèri, senza cappellino);
Tisselli ha omaggiato chiaramente Ticci nella rappresentazione dei due Pards, il suo lavoro è egregio ma poco chiaro in alcune vignette.
Vannini pur  con qualche primo piano che non mi è piaciuto ha lavorato benissimo, il suo "west" è ottimo ( ho gradito molto il suo Tiger ed anche l'inversione di colori del suo abbigliamento).
Simeoni, bravissimo nella sceneggiatura, ma il suo Tex è veramente anonimo e sgradevole:(.
Mi dispiace che non sia stato " arruolato Franzella ":wub: il migliore ! dato che i migliori dei Color precedenti invece si , ovvero Biglia e Benevento.
Speriamo in un ripensamento di BOS "BORDEN" che da quando è il curatore di TEX  ha fatto ottime scelte nel reclutare ottimi disegnatori: Andreucci, Dotti, Rubini ...
 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Ymalpas, immagini perfette per far intendere quel che volevo dire :)
Per quanto riguarda Franzella, visto che è così lento, io mi accontenterei di vederlo anche solo in altre storie brevi: perché davvero ha fatto un bellissimo esordio.
Volevo aggiungere una cosa su Tisselli: mi sono innamorato di Patricia, tanto il disegnatore la rende bella e malinconica - certe espressioni tristi, o il modo in cui le dipinge gli occhi nei primi piani, boh, mi hanno conquistato!

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Alcuni di voi non vogliono accettare la realtà. Franzella non è lento SOLO su Tex, Ymalpas. Anzi! Con molto sforzo sono riuscito a fargli disegnare 32 pagine IN UN ANNO! Non disegnava da un pezzo, quindi lo ritengo un successo. Ma basta così. 

Forse ho recuperato Vannini e sto lavorando ai fianchi Poli. Carnevale ha superato la TERZA parte del suo Texone... Ho già abbastanza da fare. 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Alcuni di voi non vogliono accettare la realtà. Franzella non è lento SOLO su Tex, Ymalpas. Anzi! Con molto sforzo sono riuscito a fargli disegnare 32 pagine IN UN ANNO! Non disegnava da un pezzo, quindi lo ritengo un successo. Ma basta così. 

Forse ho recuperato Vannini e sto lavorando ai fianchi Poli. Carnevale ha superato la TERZA parte del suo Texone... Ho già abbastanza da fare. 


Già, è che vedevo la sua scheda sul sito SBE di albi realizzati per "Brendon", 9 dal 1998 al 2013, equivalenti si e no a quattro storie di Tex in 15 anni, con una media di una storia ogni quattro anni. CMQ discorso chiuso, abbiamo capito.

--------------------------------------

Ho inserito una serie di sondaggi e ho reso visibili i nomi dei votanti con un click sull'icona  User.ico  a destra sul vostro schermo, un'innovazione che sarà resa disponibile anche per i voti nei sondaggi sulle storie della serie regolare per smascherare gli abusi.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Come già anticipato nel commento il mio voto per la sceneggiatura va a Minaccia nelle tenebre.

Più difficile la scelta sui disegni... alla fine prevale nel mio giudizio Vannini che la spunta sugli altri per una caratterizzazione di Tex e Tiger molto classica.
A seguire Franzella che lento o non lento ha comunque prodotto delle tavole eccellenti.
Al terzo posto Tisselli che al di là della suggestiva colorazione pittorica non mi ha convinto molto su Tex e Carson, mentre l'ho trovato molto più a suo agio con la bella Patricia. Chiude la mia classifica Simeoni per il suo Tex troppo grease...

Per quanto riguarda il miglior personaggio, per me senza dubbio Sangston, con piazza d'onore a Patricia Graves

Modificato da natural killer

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Color bello e particolare, quello di quest'autunno. Quattro disegnatori che per la prima volta, finiscono "sul" Tex, anche se color.
Il primo di Boselli e Franzella: storia interessante, con El Morisco ed Eusebio in trasferta e non a Pilares, e sappiamo che quando c'è l'amico brujo non è mai una storia normale.
Disegni e colori ottimi, Tex e i pard ben centrati, come anche Morisco ed Eusebio.

Il secondo di Ruju e Tisselli: personalmente quella che mi è piaciuta di meno, sia come soggetto che come colorazione. Già dalle anteprime non avevo buone aspettative, e infatti salvo si e no una decina di tavole….Peccato.

La terza di Simeoni: soggetto "simpatico", già visto altre volte ma con alcune varianti. A differenza di altri a me il Tex di Simeoni senza cappello, piace. E' un Tex giovane, un po' Clark Kent , ma di gradevole aspetto. Approvo una storia da "Album".

La quarta di Mignacco e Vannini: anche qui storia interessante, con le tradizioni indiane riportate su storie di Tex. Ottimi i disegni di Vannini e i colori, come già avevo visto sia nelle anteprime, che nella sua personale galleria.

P.S.= ma dalla tradizione indiana si scrive chindi oppure (come ho letto nella serie di B. Enna "Saguaro") chiindi?

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

C U R I O S I T A'

Ho letto sul gruppo di Tex su fb, un particolare curioso, che mi ha fatto andare a rileggere le pagine chiamate in causa e a riscontrarne la veridicità.

SPOILER
A pag.113 Tex va a controllare il burrone dell'albero morto, e dice a Tiger di scendere. A fine storia (pag.129) vediamo il corpo dell'indiana rapita in fondo al burrone. Ecco il motivo per cui Tex dice a Tiger di scendere….
Quello che l'utente internettiano di fb si chiedeva era: perché allora la ragazza compare a pag. 114, 115, 116, 123 se è stata sepolta dai nostri pards?

E velatamente accusava la redazione di non aver prestato attenzione a questa incongruenza….

FINE SPOILER 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

C U R I O S I T A'

Ho letto sul gruppo di Tex su fb, un particolare curioso, che mi ha fatto andare a rileggere le pagine chiamate in causa e a riscontrarne la veridicità.

SPOILER
A pag.113 Tex va a controllare il burrone dell'albero morto, e dice a Tiger di scendere. A fine storia (pag.129) vediamo il corpo dell'indiana rapita in fondo al burrone. Ecco il motivo per cui Tex dice a Tiger di scendere….
Quello che l'utente internettiano di fb si chiedeva era: perché allora la ragazza compare a pag. 114, 115, 116, 123 se è stata sepolta dai nostri pards?

E velatamente accusava la redazione di non aver prestato attenzione a questa incongruenza….

FINE SPOILER 

A me pare evidente che il tizio in questione non abbia considerato il fatto che la ragazza è uno spettro e la vedono solo ì lettori ma non i banditi, che, infatti, non interagiscono mai con lei. Diciamo che Mignacco "inganna" i lettori ma non poteva  fare diversamente, se voleva preservare il colpo di scena finale.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Alcuni di voi non vogliono accettare la realtà. Franzella non è lento SOLO su Tex, Ymalpas. Anzi! Con molto sforzo sono riuscito a fargli disegnare 32 pagine IN UN ANNO! Non disegnava da un pezzo, quindi lo ritengo un successo. Ma basta così. 

Forse ho recuperato Vannini e sto lavorando ai fianchi Poli. Carnevale ha superato la TERZA parte del suo Texone... Ho già abbastanza da fare. 


Villa, Vannini, Poli, Carnevale, Franzella... ecc. ecc.  dopo le dodici fatiche di Ercole e le dodici fatiche di Asterix potremo scrivere le dodici fatiche di Boselli per farsi consegnare le tavole dai disegnatori 
;):):P:D:lol:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Per la serie "il controllo qualità alla SBE è definitivamente morto e se non è morto certo non sta bene", vorrei far notare l'ennesimo recente errore, veniale quanto volete ma abbastanza evidente:
nell'avventura "Sfida alla vecchia missione" i Pellerossa sono Apaches, come scritto all'inizio e come ribadisce Octavio poi (comunque chiarissimo anche dai disegni), ma sia Boselli nell'introduzione, sia nel trafiletto relativo in quarta di copertina si parla di Comanches!
Magari invece di pagare Liberatore per quel capolavoro di copertina, usare tali fondi per una persona dedicata al controllo.....

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

La ragazza è chiaramente uno spettro, probabilmente c'è solo un bandito che la vede: colui che l'ha uccisa in almeno un paio di vignette si volta all'indietro come se si sentisse seguito e perseguitato.

Non è un'incongruenza, certo bisogna prestare attenzione e non leggere di corsa

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.