Vai al contenuto
il 17° Numero del TWF è online! Leggi di più... ×
TWF - Tex Willer Forum
Sam Stone

[Color Tex N. 8] Minaccia Nelle Tenebre E Altre Storie

La storia e i personaggi  

34 voti

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Si è pregati di collegarsi o iscriversi per poter votare in questo sondaggio.

Messaggi consigliati/raccomandati

Con la storia di Tisselli siamo nello sperimentalismo puro... come ho scritto sopra, alcune tavole sono davvero magnifiche. Però secondo me una storia così può essere soltanto una tantum, un bell'esperimento per una volta, ma non lo ripeterei.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sfruttando l'assist offerto dal Facebook di Tex
https://www.facebook.com/TexSergioBonelliEditore 

ho letto la recensione di questo albo su UBC
http://www.ubcfumetti.com/tex/?29569

Devo dire che stavolta i coniugi Loi Feltrin sono stati piuttosto equilibrati nella disanima di questo color e d'altronde come non concordare con Michela sui limiti della cover di Liberatore....
Non si legge astio o preconcetto tra le righe di questa recensione e se fosse sempre così potrei tornare a leggere volentieri anche i loro commenti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Non condivido una parola della recensione di UBC, ma non mi meraviglia. L'unica storia passabile delle quattro è etichettata come la più scarsa con la solita argomentazione frusta dei "topoi" e delle scelte scontate, certo, è opportuno trasformare Tex in Zagor o in Dampyr per essere originali e a puntino. Nell'avventura soprannaturale i due pard come spesso nelle storie di Boselli fanno la parte dei comprimari ma è tutto comprensibile e chiarissimo e logicissimo. Non conta se una cosa è leggibile e godibile per un amante di Tex, a me fa l'effetto di quelli che al posto della partita ti costringono alla corazzata Poteomkin, o come diavolo si chiama.
Devo essere onesto e ribadire che ho sempre pensato le recensioni non valgono il prezzo del giornale di ieri in quanto opinioni e non fatti, per quanto argomentati, ma è come scegliere il ristorante con tripadvisor e rendersi conto che in molti apprezzano quello che noi detestiamo. Diceva Hume che i fatti sono fatti e i valori sono valori e io sono sempre stato concorde con il grande scettico scozzese. Figuriamoci se poi esistono idee preconcette o difese di ufficio ad oltranza, come mi è capitato spesso di pensare leggendo e non mi riferisco ad UBC ma parlo in generale, o scelte di UBC come quella contro il Brad Barron di Tito, che io trovo meraviglioso e che UBC ha bocciato dalla prima uscita senza appello, direi che esistono modi migliori di occupare il tempo.

Modificato da Wasted Years
Itagliano e piccola correzione

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Leggere una recensione, caro Antonio, non equivale a condividerne i contenuti, ma semplicemente conoscere altri punti di vista.
Mentre ultimamente i commenti di ubc apparivano aspramente critici spesso per il solo gusto di esserlo, stavolta a mio avviso sono stati più contenuti.
E' chiaro poi che, prima come adesso, le opinioni loro, come la mia, la tua e quelle di chiunque altro restino per appunto solo opinioni e non hanno né mai avranno la forza di cambiare quelle altrui. 
Quanto poi essere costretti ad assistere alla proiezione della corazzata di fantozziana memoria al posto della partita... non è detto che l'esito sia scontato... a volte meglio la sequenza della carrozzina giù per le scale di certe involuzioni tattiche a centrocampo...

prosit :ç=ç:

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Leggere una recensione però significa anche rendersi conto del valore di qualcosa. Se mi dicono, come Giuseppe Masia nella canzoncina, che la cinquecento nelle curve fa spavento e se la compro me ne pento, occorrerà che abbia dei difetti. E che questi siano misurati in maniera oggettiva, pur trattandosi di una opinione. Se invece prendiamo come metro di misura i nostri gusti ed argomentazioni speciose per distruggere qualcosa, giustamente veniamo ripresi, magari da qualcuno che ha sempre adoperato argomentazioni speciose ed i suoi gusti per difendere a spada tratta lo stesso qualcosa e che farebbe altrettanto bene a riprendere se stesso. Questo per dire che quando ero piccoletto compravo i videogiochi dopo aver valutato attentamente le recensioni, salvo comprare delle schifezze in base a quanto gli sviluppatori avessero forse, e dico forse in base ad un'idea mia basata sulla sensazione, ovviamente, unto i recensori con omaggi e vantaggi. Oppure semplicemente perché chi recensiva aveva gusti molto diversi dai miei. Nel primo caso, come dici tu anche giustamente per un altro verso, siamo di fronte ad un operazione intellettualmente disonesta, nel secondo intellettualmente onesta che si può condividere. Obiettivamente però, anche una cosa intellettualmente onesta può essere basata su un metro che andrebbe rivisto e che non mi piace vedere applicato.
Ciò detto, il calcio farà anche pena a volte, ma la corazzata SEMPRE.

Modificato da Wasted Years

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quando ero piccoletto io i videogiochi non esistevano... giocavo a pallone in strada e leggevo fumetti...:old:
le recensioni forse esistevano, ma io beatamente le ignoravo :rolleyes:

secondo me era meglio. Ignorare, dico. Oggi ci affidiamo agli esperti di non so cosa per film, musica, libri e perdiamo il nostro gusto di sorprenderci o no quando compriamo una storia a fumetti. Certamente la recensione può indirizzarti, farti capire se quel tipo di prodotto rientrerà nei tuoi gusti, ma alla fine il critico deve riempire le pagine, lo pagano per questo, qualcosa deve dì... non può uscirsene con "è bello, o è brutto", alle volte non li invidio. Ma certamente, in alcuni casi, sono ridicoli.
 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Quando ero piccoletto io i videogiochi non esistevano... giocavo a pallone in strada e leggevo fumetti...:old:
le recensioni forse esistevano, ma io beatamente le ignoravo :rolleyes:

secondo me era meglio. Ignorare, dico. Oggi ci affidiamo agli esperti di non so cosa per film, musica, libri e perdiamo il nostro gusto di sorprenderci o no quando compriamo una storia a fumetti. Certamente la recensione può indirizzarti, farti capire se quel tipo di prodotto rientrerà nei tuoi gusti, ma alla fine il critico deve riempire le pagine, lo pagano per questo, qualcosa deve dì... non può uscirsene con "è bello, o è brutto", alle volte non li invidio. Ma certamente, in alcuni casi, sono ridicoli.
 

A me piace leggere prima l'opera e poi la recensione. Mi faccio un giudizio sull'opera e dalla recensione posso ricavare qualche spunto interessante da condividere o meno e anche qualche argomento ridicolo -come quelli di comix archi e ad esempio- che mi mette di buon umore.
Quindi viva le recensioni (se non sono pallose 
:lol:)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ah guarda @Red Arrow. quel Comix Archive sfiora proprio il ridicolo. Ma poi è anche supponente e cattivo. Alle volte mi fa pensa quel sito.
Invece se trovo articoli interessanti in rete li leggo, non ho problemi.

Poi naturalmente il mio post non vuole essere contro chi fa il lavoro del recensore. Negli ultimi tempo preferisco affidarmi al mio giudizio,  non perché io capisca qualcosa, anzi, ma perché voglio sbagliare io. Senza farmi guidare da nessun esperto. L'ho fatto per i libri, lo faccio per i film e lo voglio fare anche per i fumetti.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

ho letto la recensione di questo albo su UBC
http://www.ubcfumetti.com/tex/?29569

Devo dire che stavolta i coniugi Loi Feltrin sono stati piuttosto equilibrati nella disanima di questo color e d'altronde come non concordare con Michela sui limiti della cover di Liberatore....
Non si legge astio o preconcetto tra le righe di questa recensione e se fosse sempre così potrei tornare a leggere volentieri anche i loro commenti.

Equilibrati sì ma i loro commenti non mi hanno convinto del tutto, soprattutto circa il ruolo delle donne in Tex. Diciamo che, come osservano per la storia di Boselli, queste storie brevi si fanno apprezzare per la sperimentazione grafica -infatti conordo sul giudizio negativo per Simeoni: storia troppo "piana" per risultare interessante- ma la sceneggiatura viene sempre sacrificata a causa della eccessiva concentrazione. 

ah guarda @Red Arrow. quel Comix Archive sfiora proprio il ridicolo. Ma poi è anche supponente e cattivo. Alle volte mi fa pensa quel sito.
Invece se trovo articoli interessanti in rete li leggo, non ho problemi.

Poi naturalmente il mio post non vuole essere contro chi fa il lavoro del recensore. Negli ultimi tempo preferisco affidarmi al mio giudizio,  non perché io capisca qualcosa, anzi, ma perché voglio sbagliare io. Senza farmi guidare da nessun esperto. L'ho fatto per i libri, lo faccio per i film e lo voglio fare anche per i fumetti.

Fai bene perché altrimenti più che gustarti una storia diventi un"politico del fumetto" che giudica tutto per partito preso. Gli esperti ben vengano per consigliare una lettura e per approfondire eventualmente dopo avere letto.
p.s. Comixarchive altro che sfiorare il ridicolo, lo centrano in pieno...
;)

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono l'unico ad aver notato la discrepanza tra il riassunto in quarta di copertina della seconda storia dove si parla di indiani Comanche e la storia dove gli indiani sono Apache?

No. E se ne avessi la libertà, potrei anche raccontarti un gustoso aneddoto sui retroscena di questa discrepanza.:lol:

  • +1 1

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Sono l'unico ad aver notato la discrepanza tra il riassunto in quarta di copertina della seconda storia dove si parla di indiani Comanche e la storia dove gli indiani sono Apache?

No. E se ne avessi la libertà, potrei anche raccontarti un gustoso aneddoto sui retroscena di questa discrepanza.:lol:

dimmelo in privato! Ciao Carlo, ben ritrovato.
 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Ho avuto la liberatoria da Boselli:lol:

In pratica le cose stanno così: Boselli aveva avuto l'idea per un soggetto per Tisselli in cui Tex aiutava a fugire una donna bianca prigioniera dei Comanches e che aveva avuto un figlio dal loro capo. Contemporaneamente Ruju, completamente ignaro, presentava un soggetto molto simile dove, però, gli indiani erano Apaches ed il rapimento era più recente. Quando l'ha letto, Boselli l'ha trovato migliore del suo che ha così deciso di cestinare assegnando Tisselli a Ruju.
L'accenno ai Comanches in seconda di copertina è stato un lapsus freudiano da parte di Boselli che non si è nemmeno accorto di averlo fatto.:lol:
 

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Lessi ieri "Minaccia nelle tenebre". Pur essendo una storia breve, è stata proprio di mio gradimento perché avvincente, un clima "horror" che mi ha ricordato vagamente la storia con la Diablera Mitla.
Qui però l'avversario è ancora più misterioso e pericoloso: Il demone è proprio inquietante. Pure Sangston è psicologicamente ben caratterizzato, un personaggio privo di scrupoli e non poco minaccioso.
Ho apprezzato il fatto che sia stato Tex a chiamare el Morisco per risolvere il problema del senatore, in passato era giä successo con la problematica dei ricci alieni; spero di vedere il buon Ahmed al fianco di Tex in una delle future storie con Mefisto.
I disegni mi sembrano degni di nota.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

Scusate questo mio post che arriva "leggermente" in ritardo.
Ma i motivi sono tanti.
All'epoca non conoscevo ancora questo sito, ho trovato il cartonato "Tisselli & Ruju - Prigioniera degli Apaches" solo di recente e infine penso che il confronto con "Sfida alla vecchia missione" presente nel Tex Color n. 8 sia assolutamente necessario.
La storia naturalmente è la stessa anche se le due versioni hanno il titolo diverso.
Ma i colori... ah, i colori!
Quelli nel Tex Color 8 sono piaciuti e non sono piaciuti, così come la storia di Ruju è piaciuta e non è piaciuta.
La mia opinione, che naturalmente è solo un'opinione personale (io rispetto profondamente tutte le altre, soprattutto quelle che sono contrarie alla mia), è che raramente c'è stato un connubio così perfetto tra il testo e le tavole, stupendi entrambi.
Ma io voglio analizzare solo le tavole e, soprattutto, confrontare le due versioni.
Ho detto che le tavole sono stupende ed è vero, ma la resa "editoriale" nel Tex Color 8 non rende giustizia a Tisselli.
I colori sono sbiaditi (lavati con candeggina?) e non hanno niente a che vedere con quelli del cartonato.
Riporto solo un paio di tavole, quella inserita da Sam Stone a pagina 1 di questa discussione e quella che riporta anche la vignetta inserita da Ymalpas a pagina 2, nel commento che sotto cito, perché possiate fare il vostro confronto e dare un vostro giudizio.

 

On 22/11/2015 at 15:14, ymalpas dice:

Mi permetto di aggiungere una vignetta che renda palese l'idea di disegno "impressionistico" per i non addetti ai lavori:

PdA1.png

PdA2.png

Non sono magistralmente stupende?

Avete notato l'assenza dei bordi neri delle vignette che così, se ce ne fosse stato bisogno, vengono ancor più valorizzate?

I colori delle due pagine poi sono uniformi ma diversi fra loro: nella prima prevale l'azzurro (i colori sono freddi come richiede l'azione) mentre nella seconda prevale il rosso arancio (per accentuare la presenza della figura femminile che fa quasi sparire il personaggio maschile).

Guardate l'ultima vignetta della seconda pagina: è una vignetta di un fumetto o il particolare di un quadro?

Spero proprio che i colori "impressionistici" di Tisselli saranno ancora presenti nelle storie a colori di Tex.

Devo anche dire che, pur non amando i disegni di Ticci, non mi dispiace per niente l'omaggio che Tisselli ha voluto rendergli nel raffigurare il volto spigoloso di Tex.

Condividi questo messaggio


Collegamento al messaggio
Condividi su altri siti

  • Recentemente attivi qui   0 Membri

    Nessun membro registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Informazione importante

Termini d'utilizzo - Politica di riservatezza - Questo sito salva i cookies sui vostri PC/Tablet/smartphone/... al fine da migliorarsi continuamente. Puoi regolare i parametri dei cookies o, altrimenti, accettarli integralmente cliccando "Accetto" per continuare.