Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[154/156] San Francisco


[154/156] San Francisco  

23 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

<span style="color:red;">17 minuti fa</span>, Mefisto dice:

Dall'anno scorso ho iniziato a leggere Tex a partire dal n. 1 e mi sono proprio divertito ! 

 

ti aspettano bei momenti ;) 

Link to post
Share on other sites
  • Replies 57
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il Barbanera glbonelliano era un personaggio di primissimo piano ancor prima della storia di Nizzi, un cattivo sui generis, un lupo di mare, un personaggio non stereotipato, che in certi frangenti mos

Con Mefisto stiamo praticamente rileggendo tutto il centinaio d'oro quasi in parallelo  e quoto il suo apprezzamento a questa storia. Anni fa, invece, io ne feci un commento non del tutto lusinghiero,

Io vado controcorrente, e dico che questa storia non mi è piaciuta più di tanto. Ho trovato "macchiettistica" la trovata delle Dame ed in generale fiacca tutta la prima parte, in cui Tex scopre con un

3 hours ago, Leo said:

il Barbanera di Nizzi è forse superiore a quello di GLB, ma è indubbio che l'ossatura del personaggio, su cui Nizzi ha lavorato di cesello, c'era già tutta in San Francisco: questo vecchio pirata ha un suo personalissimo codice d'onore, lo fa vedere con i suoi atti e lo palesa anche nel dialogo, molto divertente, che ha sulla nave con Kit. Sulla maggiore efficacia del personaggio Nizziano rispetto a quello GLBonelliano a mio parere non è estraneo il diverso ruolo che il pirata gioca nelle due vicende,

 

Sono letteralmente decenni che non rileggo la versione di Nizzi di Barbanera, quindi vado un po' a memoria con le mie sensazioni di allora, cioè di un periodo in cui avevo molta più stima di Nizzi: già allora mi era parso che avesse troppo "semplificato" e banalizzato il personaggio, in definitiva tradendolo.

 

In fondo è la stessa discussione che si fa da anni sulle storie di Boselli, con le accuse che "non si capisce se xxx è buono o cattivo", o che "come mai yyyy ha aiutato Tex? Non era cattivo?", dimenticandosi che su questo, è Boselli il "tradizionalista" filo-GLB (che nelle sue storie ha presentato un sacco di emeriti mascalzoni che collaborano con Tex per i più svariati motivi), mentre Nizzi è sempre partito da un ottica che divide nettamente "innocenti" e "colpevoli" con ruoli ben definiti e separati (e i suoi "cattivi" non hanno mai brillato per complessità psicologica, nemmeno ai tempi migliori)

 

GL Bonelli in "San Francisco" ci rende simpatico Barbanera senza fare NULLA per renderlo "buono". È una canaglia fatta e finita, altro che "una simpatica canaglia", non c'è un momento nella storia in cui è "simpatico" dentro la storia, risulta simpatico AL LETTORE anzi per quanto a volte sia "sopra le righe" come personaggio. Si guadagna il rispetto di Tex e dei lettori per le sue capacità, non perchè è "simpatico".

 

Quando lessi la storia di Nizzi, ricordo che non lo riconoscevo più. L'aveva reso "una simpatica canaglia": visto che in quella storia aiuta Tex... allora deve far parte dei "buoni". Deve essere "simpatico". Tanto che per rendere chiara la cosa, quando vede i pards li chiama "amici"...:rolleyes:

 

Quella storia di Nizzi fu una delle ultime che apprezzai (in gran parte per i disegni di Villa), anche se già notavo le numerose figure da piccione che faceva fare ai pards (Tex che si fa fregare un dollaro come un novellino e poi cade nella più ovvia delle trappole - ma davvero Nizzi pensa che Tex correrebbe dietro in quella maniera ad un ladruncolo? Tex che regala dollari in giro come Babbo Natale? - E poi che subito dopo cade in una seconda trappola da novellini, e poi viene riportato via in carrozza...  già diceva "questo Tex viene considerato un sacco per la sua fama, che è quella che lo salva e intimorisce gli avversari, ma in realtà è un pasticcione"), e tutto sommato il personaggio di Barbanera gli è riuscito, ma non somiglia nemmeno al molto più "duro" e sfaccettato personaggio di GL Bonelli...

 

 

Edited by Diablero
Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">3 ore fa</span>, Leo dice:

il Barbanera di Nizzi è forse superiore a quello di GLB

 

Non sia mai, non esiste.

In Tex nessun personaggio è meglio ora di quello che ha scritto GLB in origine, caso mai ci si avvicina.

Neanche la Lupe o la Tesah di Boselli sono uguali a quelle di GLB, quelle avevano un'aurea particolare. Nemmeno Morisco, Montales, Pat, e tutti gli altri.

I personaggi si evolvono e si rispecchiano con i tempi che corrono, perchè sono scritti da autori che vivono nel proprio tempo, sta a loro essere capaci di raffigurarli come erano in origine, nei tempi passati se vogliono farlo....

Nizzi non è di quelli, forse Boselli un po'.

Non so se mi spiego.

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Diablero dice:

GL Bonelli in "San Francisco" ci rende simpatico Barbanera senza fare NULLA per renderlo "buono". È una canaglia fatta e finita, altro che "una simpatica canaglia", non c'è un momento nella storia in cui è "simpatico" dentro la storia, risulta simpatico AL LETTORE anzi per quanto a volte sia "sopra le righe" come personaggio.

 

Per la verità, è simpatico già dentro la storia, sia nel dialogo con Kit che in quello con Tex nelle vesti di marinaio in cerca di impiego. 

 

<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Diablero dice:

Quando lessi la storia di Nizzi, ricordo che non lo riconoscevo più. L'aveva reso "una simpatica canaglia": visto che in quella storia aiuta Tex... allora deve far parte dei "buoni". Deve essere "simpatico". Tanto che per rendere chiara la cosa, quando vede i pards li chiama "amici"...:rolleyes:

 

Per me, quando li chiama "amici", è già un momento capolavoro. Barbanera è mellifluo, finto, sopra le righe, non che non sia consapevole che quei modi non gli basteranno per accattivarsi i rangers, ma lo fa quasi per scherzo, per gioco, come dici tu, da "simpatica canaglia". Questo significa "tradire" o "banalizzare" il personaggio? Per me no: nel cambiamento del personaggio gioca invece l'elemento che ho già quotato nel mio post e ben rappresentato da @Barbanera:

 

nella storia originaria, il Capitano Drake è un commerciante, con responsabilità di comando (la "solitudine" di cui ben parla @ymalpas), è alle prese con baruffe commerciali con il Capitano Bart oltre che con il grattacapo (lautamente pagato) dell'ostaggio da depositare in qualche isoletta sperduta. Nella storia di Nizzi, invece, il vecchio pirata ha le "unghie spuntate" (cit. @Barbanera ), non ha più responsabilità di comando né è impelagato in questioni di affari; può smettere la sua aria più seriosa e indossare i panni del vecchio filibustiere che sente di poter tornare a respirare libero dopo anni di prigionia (e chissà che anche questo non incida sulla sua rinnovata verve e sull'euforia di cui dà mostra). Sono diverse le circostanze, e a mio parere queste sono sufficienti per mostrarci il lato più simpatico della vecchia canaglia, che non significa affatto "tradirlo" o "banalizzarlo". Siano benedette tutte le banalizzazioni di questo mondo, se poi danno vita a un personaggio così :D 

 

<span style="color:red;">1 ora fa</span>, navajo warrior dice:

Non sia mai, non esiste.

In Tex nessun personaggio è meglio ora di quello che ha scritto GLB in origine, caso mai ci si avvicina.

 

Non lo so, Navajo, la tua mi sembra una presa di posizione un po' dogmatica (senza offesa, pard ;) ).

 

Come ho già detto, il merito principale per un personaggio del genere è di Bonelli. Nizzi, però, cambiando anche le circostanze in cui Drake si trova ad operare (non più capitano con ruoli e responsabilità di governo ma solo un vecchio pirata in procinto di riacquistare la sua libertà), lo rende più simpatico, più "empatico" (sempre @ymalpas), e in buona sostanza gli fa bucare lo schermo quanto e più (IMHO, ovviamente) di quel che aveva fatto Bonelli. 

  • +1 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Diablero dice:

GL Bonelli in "San Francisco" ci rende simpatico Barbanera senza fare NULLA per renderlo "buono". È una canaglia fatta e finita, altro che "una simpatica canaglia", non c'è un momento nella storia in cui è "simpatico" dentro la storia, risulta simpatico AL LETTORE anzi per quanto a volte sia "sopra le righe" come personaggio. Si guadagna il rispetto di Tex e dei lettori per le sue capacità, non perchè è "simpatico".

 

Quando lessi la storia di Nizzi, ricordo che non lo riconoscevo più. L'aveva reso "una simpatica canaglia": visto che in quella storia aiuta Tex... allora deve far parte dei "buoni". Deve essere "simpatico". Tanto che per rendere chiara la cosa, quando vede i pards li chiama "amici"...:rolleyes:

Incredibile,una volta tanto sono QUASI del tutto d accordo con Diablero...😉😉😉

Il post che scrive Diablero sul mio avatar,per cui mi sento chiamato in causa, è corretto...Nella storia di GLb il buon Drake è un dannato pirata,un marinaio di primo ordine e un ceffo da bettola di mare.la geniale intuizione di GLb è condensare in tale personaggio tali caratteristiche, cui se ne aggiunge però un altra ancora più importante: l rispetto della parola data, caratteristica di Barbanera principale che Nizzi ripresenta FEDELMEMTE E VOLUTAMENTE nella sua storia e che ne fanno probabilmente il motivo principale per cui tale personaggio è rispettato dal lettore, oltre che da Tex. Tex ammira del vecchio pirata anche il coraggio, la capacità di comando e  il rispetto misto a paura e ammirazione che riscuote tra i suoi marinai: diavolo, chi di noi non ammira in fondo un Long John Silver...

Contesto a Diablero solo la critica che fa a Nizzi: Nizzi lo fa diventare "quasi"buono (copyright di Boselli) non solo per esigenze di trama... ,Barbanera lo diventa "quasi" dopo che Tex  rischia letteralmente l'osso del collo per liberarlo da Alcatraz... e il vecchio pirata, che è un uomo di azione e che ammira il coraggio e la fratellanza marinaresca, si affida a Tex e lo tratta per questo da camerata.Se si nota all'inizio della storia Tex lo apostrofa come "gran bastardo"e non di fida...la fiducia tra i due cresce pagina dopo pagina ed è commovente come due ex nemici facciano fronte contro un nemico comune trovando nel finale profondo rispetto,non certo amicizia: due uomini con gli attributi, Tex e Drake...è un virile rispetto quello che li unisce.

Detto ciò,sono certo che Borden sia stato combattuto nel ripresentare il vecchio Drake proprio perché è un personaggio non banale e che ormai ha assunto una fisionomia più da alleato che da avversario di Tex...ciò non toglie che Bos tirerà fuori dal cappello il classico coniglio, come ci ha abituato nelle sue storie...pardon, pescecane 🤣 

2 ore fa, navajo warrior dice:

Non sia mai, non esiste.

In Tex nessun personaggio è meglio ora di quello che ha scritto GLB in origine, caso mai ci si avvicina.

Nizzi ha completato un personaggio maiuscolo

Edited by Barbanera
  • +1 1
Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Storia che mi ha colpito leggermente meno di quanto pensassi in precedenza, dato che è considerata un capolavoro da molti Texiani. Le scene di dialogo sono abbastanza noiose e non ho capito il motivo del rapimento di Kit, davvero inspiegabile. Quanto però l'ambientazione si sposta sul mare, la storia decolla e il finale è molto bello, così come è molto interessante il personaggio di Barbanera.
Stesso discorso per Bonelli vale anche per Galleppini, che si esalta molto di più nelle scene sul mare che in quelle a San Francisco.
Belle le copertine.
Storia: 8,5
Disegni: 9

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

Erano almeno 35 anni che non rileggevo questa avventura: l'ho trovata sempre godibile, con la parte ambientata in mare davvero avvincente, grazie anche ai disegni di Galep, davvero magistrali, tranne in qualche primo piano di Kit Willer, non proprio riuscito.

La parte ambientata a San Francisco ha toni piuttosto leggeri, con le dame della santa lega e la banda di Lefty, ma è nei battibecchi serrati fra i due capitani che Bonelli tocca le vette più alte (il più divertente quello che vede anche la partecipazione di Carson).  Barbanera personaggio davvero riuscito (più dell'antagonista Billy Bart) , burbero e avido, ma in qualche modo, pur nel suo essere un lestofante, fedele ad un codice d'onore.  Non ho letto la storia con la sua seconda apparizione (uscita nel periodo della mia lunga pausa texiana), ma mi riprometto di farlo, tanto più che, come leggevo nel topic, si prevede un suo nuovo ritorno. Sarebbe interessante anche rivedere il capitano Bart e, magari, Mapua (che troviamo nel prosieguo, "il tiranno dell'isola"), ma mi rendo conto che per loro è un po' più difficile trovare il soggetto adatto.

 

Link to post
Share on other sites
  • 6 months later...

Mi fa sempre un certo effetto tornare a leggere questa storia, soprattutto in considerazione del fatto che l'albo di mezzo, da cui trae il nome l'intera avventura, è il primo albo di Tex in assoluto che acquistai presso un'isola dell'aeroporto di Fiumicino in un rovente pomeriggio di fine giugno 2001, e che lessi durante il viaggio verso l'isola di Reunion, facendomi dunque innamorare di questo fumetto. Lascio quindi immaginare il mio sconcerto quando mi sono reso conto che, al contrario di quel che ricordavo, non le avevo dedicato alcun commento in questa sezione.

 

Eccomi dunque a rimediare, ed inizio subito con il dire che in questa storia non manca davvero nulla, tutti i canoni della texianità sono rispettati: azione, imprevisti, scazzottate, repulisti di delinquenti, trionfo della giustizia, senza trascurare una discreta dose di ironia, nel più tipico stile di Gianluigi Bonelli. Di straordinaria fattura i disegni di Galep, impeccabile sia nel raffigurare la vita urbana di San Francisco che la routine (si fa per dire, con Tex ed i pards imbarcati!) a bordo della nave, per tacere della violenta tempesta che si scatena alla fine, e che rischia di vanificare la liberazione di Kit, prigioniero di capitan Barbanera. Un personaggio assai complesso, il vecchio Drake (nomen omen, del resto), che mi risultò tutto sommato simpatico e soprattutto interessante sin dalla prima lettura dell' albo singolo: aspetto poco raccomandabile, ma lupo di mare di prim'ordine; contrabbandiere senza scrupoli, ma a suo modo persona di parola; impossibile da etichettare, quindi.

Non da meno il suo eterno rivale Billy Bart, cui Tex si rivolge per salvare il figlio dal destino cui Diamond Jim lo aveva condannato, incaricando Barbanera di abbandonarlo in uno sperduto isolotto per una vendetta trasversale ai danni di Aquila della Notte.

 

Audace e rischioso come poche altre volte il piano ordito da Tex per liberare Kit, arruolandosi a bordo del Black Shark di Drake e filandosela su un guscio di noce, tra pallottole fischianti ed onde minacciose. Da antologia, a mio parere, la fase preparatoria all'arruolamento del "marinaio" Tex imbastita da GLB, tra l'epica scazzottata nella taverna di Nakalele e l'ancor più epico siparietto tra il Ranger ed il barbuto Drake, tra minacce, battute e balle :laugh:.

 

Non meno memorabile, in ogni caso, anche la precedente rissa scatenatasi a Frisco tra il locale di Diamond Jim e la funeraria del suo alleato Li-Wang, grazie anche alla partecipazione della simpaticissima cricca di Lefty Potrero e delle dame della Santa Lega :D. Unica mezza delusione, l'inconsistenza del gangster Diamond Jim, machiavellico nel pianificare e mettere in atto il rapimento di Kit ma pressoché nullo nel tenere testa alla furia di Tex.

Link to post
Share on other sites
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.