Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[113/115] Tra Due Bandiere


Voto alla storia  

48 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

1 hour ago, Grande Tex said:

E in ogni caso,non è per dire,ma guardate il finale di questa storia( che Diablero ha convenientemente dimenticato).Quando Carson chiede a Tex se ha combattuto ancora,Tex gli dice che ha continuato a svolgere missioni di guerra pur senza essere coinvolto in battaglie vere e proprie( e questo spiega perchè in Fuga da Anderville battaglie non ce ne sono.Non è che ci voleva un genio.) Perchè Glb gluelo fa dire? perchè era ovvio che voleva lasciare porte aperte a future storie di Tex sulla guerra civile.

 

Non hai capito il finale...  (chissà come mai la cosa non mi stupisce :laugh: )

 

Ecco cosa gli dice DAVVERO Tex in qwuella storia che evidentemente NON RICORDI:

 

Tex-tramonto-rosso-finale-A.jpg

Tex-tramonto-rosso-finale-B.jpg

 

Tex dice espressamente IL CONTRARIO di quello che dici: dice che al massimo ha fatto da scorta NELLE RETROVIE, e che quindi ha difeso materiale (di solito mandrie di cavalli o bestiame, molto più raramente munizioni) contro LADRI E PREDONI, ma che NON HA PIÙ SPARATO UN COLPO CONTRO UN MILITARE DEL SUD CHE ESEGUIVA GLI ORDINI.

 

Hai capito a rovescio il finale perchè NON HAI CAPITO LA STORIA e NON HAI CAPITO GL BONELLI.

 

GL Bonelli ODIAVA LA GUERRA, e di storie "di guerra" di Tex NON NE VOLEVA FARE PIÙ.

 

MAI PIÙ.

 

In un mondo dove l'editore (suo figlio!) e "l'indegno erede" avessero MINIMAMENTE RISPETTATO i suoi desideri, Fuga da Anderville NON SAREBBE MAI STATO SCRITTO.

 

Già nella PRIMISSIMA VIGNETTA ambientata nella guerra, Tex essendo in territorio nemico si dimostra UN BUGIARDO E UNO SPERGIURO.

 

DUE VOLTE!

 

È uno spergiuro perchè si trova oltre le linee nemiche a fare missioni "di esplorazione" (cioè, DI GUERRA) e in seguito farà strage di soldati di leva ridendo allegramente.

 

È un BUGIARDO, perchè quando Carson e il figlio glielo chiedono, lui conferma che non ha mai più sparato in tutta la guerra civile ad un soldato, MENTRE IN FUGA DA ANDERVILLE LO FA UN SACCO DI VOLTE!

 

Il Tex di "Fuga da Anderville" oltre a pulirsi il xxxx con la promessa del Tex di GL Bonelli, oltre a sparare ad un sacco di militari di leva, oltre a tradire ed abbandonare i propri amici, oltre ad essere un pallone gonfiato isterico e imbecille, RENDE ANCHE IL TEX DI QUESTA STORIA UN BUGIARDO!

 

Ma è normale: quando mai Nizzi ha rispettato GL Bonelli?

 

 

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

4 hours ago, Poe said:

Ora, è vero che Nizzi in "Fuga da Anderville" non fa rispettare la promessa di Tex in "Tramonto rosso" di non voler sparare più su un soldato dopo la morte dell'amico Rod (grave errore di Nizzi), ma da qui a dire che Nizzi sposa il Rambismo! :unsure: Che "Fuga da Anderville" esalta la guerra! :unsure:

 

"Fuga da Anderville" è prima di tutto un mediocre gialletto (quando il politicante confessa, era L'UNICO possibile colpevole rimasto, si capiva da decine e decine di pagine che poteva essere stato solo lui, solo Tex non ci era ancora arrivato...)

 

A Nizzi serviva però uno sfondo di guerra. A lui della guerra non fregava assolutamente nulla (potete sgolarvi quanto vi pare, ma se ad un autore interessa qualcosa, LA FA VEDERE, gli "spiegoni dei personaggi terzi" servono solo a fare sfoggio di nozionismo copia-incollato da un libro di storia e basta).  Gli interessava però questa "soap opera da due soldi" con i due nipoti, uno buonissimo e uno cattivissimo, e mostrare Tex che non ci capiva un tubo e sospettava del nipote "buono" (voleva anche evidentemente che il lettore sospettasse fino all'ultimo del nipote cattivo, e si chiedesse poi chi era il vero colpevole che l'uccide... ma come dicevo, Nizzi come giallista vale poco e si è scordato di aggiungere almeno un altro possibile colpevole, quindi non era poi stò gran mistero...)

 

Dovendo metterci una guerra, mette la più stereotipata, propagandistica, muscolare versione che andava "di moda" mentre scriveva: quella con i "buoni" americani contro i "cattivi", subumani, crudeli, sinistri (e sterminabili) "musi gialli".

 

Quella versione della guerra ha preso il nome di "rambismo" perchè l'esempio da manuale è Rambo II (uscito pochi mesi prima di Fuga Da Anderville con un grandissimo successo di pubblico, quindi non mi meraviglia che Fuga da Anderville sia stato venerato in un paese che già venerava Rambo).

 

È OVVIO che un lettore dell'epoca non abbia minimamente notato quella visione della guerra come "i buoni buoni buoni fanno fuori i cattivi subumani": C'ERANO IMMERSI DALLA MATTINA ALLA SERA! Anche se Rambo II è l'esempio più eclatante di altri film (in gran parte a basso budget oggi dimenticati) di film simile ce n'erano un sacco, e gli stessi politici dell'epoca dipingevano così la situazione internazionale! L'URSS era "l'impero del male"

 

Ma anche se non la vedevate allora e non la vedete adesso, o vi rifiutate di ammetterla...  è un problema dei vostri occhiali mentali.  CARTA CANTA. Questa è una storia in cui la guerra è fra "buoni" e "cattivi" subumani e crudeli. Non è la tipica guerra holliwoodiana "contro i nazi", persino in quelli si distingueva fra soldati e civili, e fra soldati regolari ed SS. La totale equiparazione fra combattenti regolari, guerriglieri e popolazione civile come un unica massa di mostri subumani è tipica dei film degli anni 80 sul Vietnam. È tipica del rambismo.

 

Non so cosa vedete voi, non so che effetto fanno i vostri occhiali. Io ho fatto quelle domande apposta per farveli levare, e vedo che non ci sono riuscito. La difesa a prescindere di fuga da Anderville evidentemente è più forte dell'evidenza. L'evidenza è chiarissima, la visione della guerra di Fuga da Anderville è la guerra di Rambo II (porco giuda, NE COPIA LA TRAMA! La trama di sfondo "bellica" è PRESA PARI PARI DA RAM,BO II, con "l'eroe" che deve salvare militari prigionieri di un campo di prigionia delle scimmie subumane...)

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Diablero dice:

NON HA PIÙ SPARATO UN COLPO CONTRO UN MILITARE DEL SUD CHE ESEGUIVA GLI ORDINI.

NON DICE QUESTO.DICE CHE NON HA PIÙ SPARATO  SE NON CONTRO RICONOSCIUTI MASCALZONI.E TU COME LI CHIAMI QUELLI IN FUGA DA ANDERVILLE? 

 

Continuo a non capire il tuo punto.In Fuga da Anderville si da' una versione stereotipata della guerra. E ALLORA? HAI MAI PENSATO CHE A QUALCUNO DI QUESTO PUO' NON FREGARE MINIMAMENTE? 

 

P.S.: in ogni caso a me il colpo di scena finale mi ha sorpreso, e molto.

Edited by Grande Tex
  • Sad (0) 1
Link to comment
Share on other sites

2 minutes ago, Grande Tex said:

NON DICE QUESTO.DICE CHE NON HA PIÙ SPARATO  SE NON CONTRO RICONOSCIUTI MASCALZONI.E TU COME LI CHIAMI QUELLI IN FUGA DA ANDERVILLE? 

 

"gente con una divisa grigia"

 

È vero che Nizzi, con impegno, ci fa vedere che al sud esistono SOLO serial killer subumani, che godono delle sofferenze degli altri e ridono all'idea di ammazzare qualcuno (TRENTA ce ne fa vedere, su TRENTA personaggi del sud che fanno cose significative... vuole davvero MARTELLARE NEL CERVELLO DEL LETTORE che tutti gli abitanti del sud sono gli Orchi di Mordor, creature malefiche, sadiche e crudeli create da Sauron e Haruman che non meritano la minima pietà umana  (e quindi Tex può derubarli, ammazzarli, sterminarli ridendo senza il minimo problema)

 

Il problema è questa non solo la totale negazione della visione del mondo di GL Bonelli (che ha invece sempre fatto vedere nelle sue storie un sacco di brava gente), ma è anche una visione che IO trovo moralmente ripugnante.

 

Liberissimo tu di abbracciarla e di trovarla eticamente condivisibile.  Farebbe anche capire meglio perchè non ti piace GL Bonelli che aveva una visione totalmente opposta.

 

Io, sto con GL Bonelli e per l'umanità. Nessun popolo è una massa di subumani da sterminare in una pulizia etnica.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">14 minuti fa</span>, Diablero dice:

Questa è una storia in cui la guerra è fra "buoni" e "cattivi" subumani e crudeli. Non è la tipica guerra holliwoodiana "contro i nazi", persino in quelli si distingueva fra soldati e civili, e fra soldati regolari ed SS. La totale equiparazione fra combattenti regolari, guerriglieri e popolazione civile come un unica massa di mostri subumani è tipica dei film degli anni 80 sul Vietnam. È tipica del rambismo.

 

Non so cosa vedete voi, non so che effetto fanno i vostri occhiali. Io ho fatto quelle domande apposta per farveli levare, e vedo che non ci sono riuscito.

Be', però sei riuscito a combinare un bel casino nel forum. :lol:

Il termine rambismo significa (da dizionario): "Ostentazione di aggressività indiscriminata e violenta. Visione del mondo fondata sul presunto valore eroico della spettacolarità e della forza bruta."

Non mi sembra la definizione adatta a "Fuga da Anderville", che non esalta da nessuna parte la guerra e la violenza, che è una storia principalmente CONTRO IL RAZZISMO degli stati del Sud (popolazione civile compresa).

Poi sì, Nizzi è piuttosto manicheo, ma questo non lo fa diventare automaticamente un seguace di Rambo!

 

Il giallo vale poco ed era prevedibile? Sì, è vero, ma anche GL Bonelli faceva gialli così, in cui si capiva subito chi era il colpevole. Questo per obiettività. 

 

"Fuga da Anderville" ha diversi difetti, ma secondo me non tali da rovinare la storia, che a me continua a piacere (e non sono certo nizziano, anzi...). 

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 minuti fa</span>, Diablero dice:

, sto con GL Bonelli e per l'umanità. Nessun popolo è una massa di subumani da sterminare in una pulizia etnica.

mi sa che ti è sfuggita la parte in cui Tex evita di uccidere dei soldati sudisti che gli sparano contro

Link to comment
Share on other sites

3 minutes ago, Poe said:

Non mi sembra la definizione adatta a "Fuga da Anderville", che non esalta da nessuna parte la guerra e la violenza

Dici?  :P

 

Fra un po' arriviamo anche a quello...  B)

 

 

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Diablero dice:

eticamente

ma cosa c' entra l' etica? è un fumetto

 

 

per me ti fai delle pi**e mentali.Ma secondo te quando uno scrive una storia si fa tutte questi ragionamenti? non credo ptoprio che neanche Glb se li facesse.Ha fatto una storia contro la guerra,senza farci tante metafore,in un modo lineare,mica si è messo a fare tanti ragionamenti

Edited by Grande Tex
Link to comment
Share on other sites

Arrivati a questo punto... credo che si possa far intervenire direttamente uno dei due autori.

 

Prima, ho mostrato come per GL Bonelli non esistesse una parte dei "buoni" e una "dei cattivi". Esistono ovviamente le cause giuste e quelle sbagliate (altrimenti Tex non si sarebbe unito ai rivoluzionari messicani, non sarebbe entrato nei Ranger e non avrebbe fatto la guerra in Sangue Navajo), ma gli eserciti sono sempre composti da poveracci mandati al macello dai loro superiori, e in ciascuna di queste occasione Tex si è rifiutato di sparare su quella povera gente.

 

Viceversa, all'opposto e in totale negazione della tesi di GL Bonelli, c'è Nizzi. Ho già mostrato nel thread su "Fuga da Anderville" come in quella storia TUTTI i sudisti sono mostri subumani, affetti da cretinismo che godono sadicamente nel torturare le loro vittime (come gli Orchi del Signore degli Anelli o i Vietcong di Rambo II), TUTTI i nordisti sono santi immacolati che non fanno male a nessuno ("nemmeno una tegola di una casa dei sudisti hanno scheggiato, signora mia! Così gentili ed educati che hanno fatto la guerra con le pattine per non sporcare il pavimento") e quindi Tex può sparare tranquillamente anche a soldati di leva, ridendo.

 

Però è giusto che chiunque (persino Nizzi...  :rolleyes: ) abbia il diritto di difendersi. Personalmente, visto che (immagino con sua grande frustrazione) chi lo difende fra i suoi fan spesso dimostra di non avere nemmeno letto le sue storie.

 

Lasciamo quindi la parola a Nizzi!  da "Tex Secondo Nizzi" (intervista a Nizzi fatta dal suo fan sfegatato Roberto Guarino, pubblicato da Allagalla nel 2012), pagina 54, quando arrivano, storia dopo storia, a parlare di "Fuga da Anderville" (e quindi, di "fra due bandiere"). Le parti segnalate come "NdD = Note di Diablero" sono mie aggiunte quando proprio non reggevo a sentire certe cose senza reagire), le parti nelle risposte di Nizzi segnalate in grassetto sono le enormità che non si possono sentire.

 

-----------------------

Domanda: "Fuga da Anderville (Tex 297-299) disegnato da Ticci viene considerato il tuo primo grande capolavoro [...]

 

Nizzi: "Volevo scrivere una storia sulla Guerra di Secessione fin dai tempi in cui avevo letto "Fra due bandiere", nella quale Tex fa praticamente le stesse cose di sempre [cioè non si fa prendere per il sedere da tutti e non ammazza innocenti, NdD], e la guerra la si vede e la si sente poco [GL Bonelli ha messo la battaglia di Shiloh Church con i campi disseminati di migliaia di cadaveri, giuggiola, mentre tu non hai messo una sola battaglia e non hai fatto vedere il minimo danno ai civili, NdD].

Avendo Ticci come disegnatore fui stimolato a progettare una trama complessa, con forti componenti di mistero attorno ad una domanda "Chi ha rubato l'oro della Confederazione?" [ma guarda, lui lo ammette che questa era la cosa importante della storia, cosa che i suoi fan negano... NdD]  Ma anche con personaggi più approfonditi del solito [i subumani crudeli razzisti torturatori?] , e con la presenza dei due cugini schierati su fronti opposti, che si rivelano sempre diversi dalle prima apparenze [????? Questa dove l'ha sognata?] Chi è il buono? Chi è il cattivo?  [Uno è disegnato bello e fa solo cose eroiche, l'altro è brutto come la fame e ha la faccia da isterico imbecille e fa solo cose malvagie, accidenti che dubbio amletico, Nizzi si chiede se il lettore sarà in grado di capire questi piccoli dettagli]... e con quel loro potente Zio che alla fine si risulta anche lui diverso da com'era apparso nel corso della storia. A rigor di termini, si trattava di una vicenda poco bonelliana, perchè nelle storie di GL Bonelli il grigio non esiste: tutto è bianco o nero, o si è buoni o si è cattivi, non ci sono vie di mezzo!

------------

 

Ecco. È stato difficile ricopiare questa fila di immonde puttanate e di insulti ad un autore a cui Nizzi deve TUTTO (Che senza Tex, Nizzi oggi sarebbe un autore dimenticato noto al massimo per Nick Raider].

 

Capisco che Nizzi si faccia intervistare solo dal suo fedelissimo fan Guarino: chiunque altro, chiunque dotato di un minimo di memoria o di senso critico, a sentire certe boiate come farebbe a non intervenire contestandogli tutte le bugie che dice? A non ricordargli magari che proprio con il personaggio di Rod Bonelli ci mostra una persona che combatte dalla parte sbagliata perchè indottrinato, anche senza essere malvagio?

 

GL Bonelli ci mostra un amico di Tex, una brava persona (altrimenti come poteva essere amico di Tex?) indottrinato, convinto a combattere "per la sua patria", e infine UCCISO proprio dall'esercito per cui Tex combatte. E alla fine Tex, schifato dai MASSACRI a cui ha assistito (e che GL Bonelli CI FA VEDERE) dice che quando combatti in una guerra, non spari ai "cattivi", ma speri solo a poveracci, a brava gente mandata al macello dai "politicanti", che solo per il caso e il posto dove sono nati combattono per una causa o contro di essa..

 

Questo, censura sarebbe un autore per cui "tutto è bianco o nero, o si è buoni o si è cattivi".

 

Mentre i suoi TRENTA SUDISTI SU TRENTA in tutta la storia, che sono TUTTI sadici assassini torturatori serial killer che ridono a vedere gente morire di fame o godono all'idea di uccidere qualcuno, sarebbero "personaggi grigi", "psicologicamente più approfonditi" (:laughing::craniate::mazza: )

 

Un personaggio come Rod, ad un autore pomposo ma mediocre come Nizzi, non potrebbe mai nemmeno venire in mente.  Nel suo delirio guerrafondaio di una guerra "buona e giusta" contro "il popolo del male" non c'è posto, in quasi 300 pagine, per l'idea di un "nemico" che sia un essere umano. De-umanizzare, rappresentare come subumani degni solo di essere uccisi: sono le tipiche classiche tecniche dei propagandisti razzisti e guerrafondai.

 

Anche nella rappresentazione dei due nipoti... quale "grigio"? Uno dei due è CATTIVO e fa SOLO COSE CATTIVE, l'altro è BUONO e fa SOLO COSE BUONE perchè come "caratterizzazione", Nizzi più in là di così non ci arriva, non ne è in grado. Per lui il massimo del "grigio" è dire "sono cugini! Quindi nella stessa RAZZA ci possono essere anche buoni e cattivi! Non come ho rappresentato i sudisti!" (se qualcuno un giorno racconterà a Nizzi la storia di Caino e Abele, lo riempirà di stupore, ma per poco, dopo cinque minuti si convincerà che l'ha scritta lui...)

 

Io, davvero, MI METTEVO A RIDERE di fronte alla gente che, di fronte alle puttanate dette nel video dell'ultima intervista a Nizzi, in cui attaccava Boselli "perchè usava solo Tex e Carson" mentre Nizzi "usava equamente tutti i pard", si dichiarava "sorpresa" da un simile comportamento e diceva che la loro opinione di Nizzi era calata...

 

Ma SORPRESA DE CHE? DOVE? io con Nizzi ci ho parlato la prima volta nel 1988, TRENTADUE ANNI FA e già allora sparava cazzate dicendo che era molto meglio lui di GL Bonelli! (purtroppo, all'epoca a sentirla sparare così grossa, pensavo scherzasse...), lo dice nelle interviste da vent'anni, e c’è gente che ANCORA SI STUPISCE????

------------------

 

Infine... notate che Nizzi non fa che ripetere LE STESSE COSE RIPETUTE A PAPPAGALLO DA CHI NON CONOSCE TEX.

 

Ma come fanno a nascere e a diventare "verità rivelate" tante immonde puttanate, tante schifose bugie su GL Bonelli?

 

Si parte dall'invidia dei mediocri. Non solo Nizzi, anche fanzinari autori frustrati e magari mai pubblicati, persino altri autori Bonelli frustrati. Gente che si rode nell'invidia, magari associata ad un ego ipertrofico che odia chiunque gli possa fare un minimo ombra. E queste serpi spargono veleno, diffamando continuamente persone molto migliori di loro a cui devono tutto (e questo amplifica la loro invidia e il loro odio)

 

A seguire, arrivano i leccaculo. Gente che nella speranza di avere un esclusiva, un intervista, un occhio di favore magari per entrare nella Bonelli, è disposta a dire tutto e il contrario di tutto. Ci sono quelli che sanno che è un cumulo di letame sparso da invidiosi, e che lo fanno lo stesso, ma la maggior parte sono solo ignoranti che ripetono a pappagallo, anche online su Facebook o su YouTube, qualunque puttanata detta da qualcuno "in alto" (rispetto a loro)

 

A seguire, la massa dei conformisti. Che non sanno un cazzo e magari un Tex non l'hanno mai letto, ma ripetono a pappagallo "quello che dicono tutti", magari con l'aria saccente di quello che la sa lunga.

 

infine, ci siamo noi. Che GL Bonelli l'abbiamo letto. Eppure tanti di noi stanno zitti, o addirittura ripetono senza riflettere "verità rivelate" che riconoscerebbero subito come puttanate se solo si rileggessero davvero quelle storie senza gli occhiali del pregiudizio.

 

Io zitto non ci sto. E se per voi uno che vuole ristabilire la verità, contro le calunnie e le bugie sparse da Nizzi è "uno che odia Nizzi", allora ditemi pure che odio Nizzi. Come odio tutti i bugiardi e i mediocri che attaccano a tradimento i loro benefattori, e le persone migliori di loro.

 

Edited by Mister P
  • Confused (0) 1
  • Sad (0) 1
  • +1 3
Link to comment
Share on other sites

Che Fuga da Anderville sia antitexiana fino al midollo lo riconosce dopo la prima tavola chiunque sia cresciuto col Tex di GLB.

E mi stupisce chi non concorda su quanto detto da Diablero che non tocca neanche tutti i punti.

L'apice dell'iconoclastia è Tex che tradisce un amico che gli ha salvato la vita. Dovrebbe star lì anni a provare che era innocente, invece lo scopre - solo lui perché tutti l'avevano capito prima - solo per ammissione dello zio.

Se in Tramonto rosso perde un amico come tutti in guerra, ma resta un eroe, con Nizzi si rivela il peggiore di tutti. Persino dello zio che ha la soddisfazione oltretutto d'averlo preso per il c**o fini alla fine.

  • Confused (0) 1
  • +1 3
Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, Diablero dice:

dice che quando combatti in una guerra, non spari ai "cattivi", ma speri solo a poveracci

ci ha mseeo però tre albi per accorgersene, Il Nostro Tizzone di Inferno, però: perchè per i primi tre albi ha ammazzato poveracci a go go

Nei primi tre albi QUANTI IGNARI E POVERI FIGLI DI BIFOLCHI E CAMPAGNOLI HA UCCISO?per difesa certo, ma li ha uccisi... lui la guerra l'ha vista da vicino, ma non ha esitato ad ammazzare la sua parte di Bifolchi, nello squadrone del capitano Dark...IN CUI PER ALTRO PRENDE PI§ PARTE AD AZIONI DI GUERRIGLIA CHE GUERRA GUERREGGIATA, E UCCIDE MOLTISSiMI SOLDATINI, se si escluide quando fa saltare il forte...Tex cambia idea SOLO dopo aver assistito NON PRENDENDONE PARTE all'UNICA VERA battaglia DELLA STORIa, quella di Shiloh Church, e dopo aver visto Rod morente...La storai è un po'deboluccia proprio per questo secondo me: TEX SI RAVVEDE SULLA GUERRA SOLO QUANDO VEDE ROD MORENTE.Qui sta per me il limite della storia in qusetione, un messaggio antimilitarista IN RITARDO DI TRE ALBI PERò

Edited by Barbanera
Link to comment
Share on other sites

Vabbè, io credo che Diablo farebbe bene ad imbracciare un fucile e a fare fuori direttamente il suo nemico, forse così troverebbe pace. Un mondo senza Nizzi e lui vivrebbe felice e senza più frustrazioni e notti insonni.

P.S. ma "miserabile sacco di immondizia" e altre amenità dette di un autore, è consentito su questo forum? Se è consentito ok, sennò credo sia inaccettabile consentire a certa gente restare qui dentro.

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Diablero dice:

Arrivati a questo punto... credo che si possa far intervenire direttamente uno dei due autori.

 

Prima, ho mostrato come per GL Bonelli non esistesse una parte dei "buoni" e una "dei cattivi". Esistono ovviamente le cause giuste e quelle sbagliate (altrimenti Tex non si sarebbe unito ai rivoluzionari messicani, non sarebbe entrato nei Ranger e non avrebbe fatto la guerra in Sangue Navajo), ma gli eserciti sono sempre composti da poveracci mandati al macello dai loro superiori, e in ciascuna di queste occasione Tex si è rifiutato di sparare su quella povera gente.

 

Viceversa, all'opposto e in totale negazione della tesi di GL Bonelli, c'è Nizzi. Ho già mostrato nel thread su "Fuga da Anderville" come in quella storia TUTTI i sudisti sono mostri subumani, affetti da cretinismo che godono sadicamente nel torturare le loro vittime (come gli Orchi del Signore degli Anelli o i Vietcong di Rambo II), TUTTI i nordisti sono santi immacolati che non fanno male a nessuno ("nemmeno una tegola di una casa dei sudisti hanno scheggiato, signora mia! Così gentili ed educati che hanno fatto la guerra con le pattine per non sporcare il pavimento") e quindi Tex può sparare tranquillamente anche a soldati di leva, ridendo.

 

Però è giusto che chiunque (persino Nizzi...  :rolleyes: ) abbia il diritto di difendersi. Personalmente, visto che (immagino con sua grande frustrazione) chi lo difende fra i suoi fan spesso dimostra di non avere nemmeno letto le sue storie.

 

Lasciamo quindi la parola a Nizzi!  da "Tex Secondo Nizzi" (intervista a Nizzi fatta dal suo fan sfegatato Roberto Guarino, pubblicato da Allagalla nel 2012), pagina 54, quando arrivano, storia dopo storia, a parlare di "Fuga da Anderville" (e quindi, di "fra due bandiere"). Le parti segnalate come "NdD = Note di Diablero" sono mie aggiunte quando proprio non reggevo a sentire certe cose senza reagire), le parti nelle risposte di Nizzi segnalate in grassetto sono le enormità che non si possono sentire.

 

-----------------------

Domanda: "Fuga da Anderville (Tex 297-299) disegnato da Ticci viene considerato il tuo primo grande capolavoro [...]

 

Nizzi: "Volevo scrivere una storia sulla Guerra di Secessione fin dai tempi in cui avevo letto "Fra due bandiere", nella quale Tex fa praticamente le stesse cose di sempre [cioè non si fa prendere per il sedere da tutti e non ammazza innocenti, NdD], e la guerra la si vede e la si sente poco [GL Bonelli ha messo la battaglia di Shiloh Church con i campi disseminati di migliaia di cadaveri, giuggiola, mentre tu non hai messo una sola battaglia e non hai fatto vedere il minimo danno ai civili, NdD].

Avendo Ticci come disegnatore fui stimolato a progettare una trama complessa, con forti componenti di mistero attorno ad una domanda "Chi ha rubato l'oro della Confederazione?" [ma guarda, lui lo ammette che questa era la cosa importante della storia, cosa che i suoi fan negano... NdD]  Ma anche con personaggi più approfonditi del solito [i subumani crudeli razzisti torturatori?] , e con la presenza dei due cugini schierati su fronti opposti, che si rivelano sempre diversi dalle prima apparenze [????? Questa dove l'ha sognata?] Chi è il buono? Chi è il cattivo?  [Uno è disegnato bello e fa solo cose eroiche, l'altro è brutto come la fame e ha la faccia da isterico imbecille e fa solo cose malvagie, accidenti che dubbio amletico, Nizzi si chiede se il lettore sarà in grado di capire questi piccoli dettagli]... e con quel loro potente Zio che alla fine si risulta anche lui diverso da com'era apparso nel corso della storia. A rigor di termini, si trattava di una vicenda poco bonelliana, perchè nelle storie di GL Bonelli il grigio non esiste: tutto è bianco o nero, o si è buoni o si è cattivi, non ci sono vie di mezzo!

------------

 

Ecco. È stato difficile ricopiare questa fila di immonde puttanate e di insulti ad un autore a cui Nizzi deve TUTTO (Che senza Tex, Nizzi oggi sarebbe un autore dimenticato noto al massimo per Nick Raider].

 

Capisco che Nizzi si faccia intervistare solo dal suo fedelissimo fan Guarino: chiunque altro, chiunque dotato di un minimo di memoria o di senso critico, a sentire certe boiate come farebbe a non intervenire contestandogli tutte le bugie che dice? A non ricordargli magari che proprio con il personaggio di Rod Bonelli ci mostra una persona che combatte dalla parte sbagliata perchè indottrinato, anche senza essere malvagio?

 

GL Bonelli ci mostra un amico di Tex, una brava persona (altrimenti come poteva essere amico di Tex?) indottrinato, convinto a combattere "per la sua patria", e infine UCCISO proprio dall'esercito per cui Tex combatte. E alla fine Tex, schifato dai MASSACRI a cui ha assistito (e che GL Bonelli CI FA VEDERE) dice che quando combatti in una guerra, non spari ai "cattivi", ma speri solo a poveracci, a brava gente mandata al macello dai "politicanti", che solo per il caso e il posto dove sono nati combattono per una causa o contro di essa..

 

Questo, secondo quel miserabile sacco di rispettabile immondizia, sarebbe un autore per cui "tutto è bianco o nero, o si è buoni o si è cattivi".

 

Mentre i suoi TRENTA SUDISTI SU TRENTA in tutta la storia, che sono TUTTI sadici assassini torturatori serial killer che ridono a vedere gente morire di fame o godono all'idea di uccidere qualcuno, sarebbero "personaggi grigi", "psicologicamente più approfonditi" (:laughing::craniate::mazza: )

 

Un personaggio come Rod, ad un autore pomposo ma mediocre come Nizzi, non potrebbe mai nemmeno venire in mente.  Nel suo delirio guerrafondaio di una guerra "buona e giusta" contro "il popolo del male" non c'è posto, in quasi 300 pagine, per l'idea di un "nemico" che sia un essere umano. De-umanizzare, rappresentare come subumani degni solo di essere uccisi: sono le tipiche classiche tecniche dei propagandisti razzisti e guerrafondai.

 

Anche nella rappresentazione dei due nipoti... quale "grigio"? Uno dei due è CATTIVO e fa SOLO COSE CATTIVE, l'altro è BUONO e fa SOLO COSE BUONE perchè come "caratterizzazione", Nizzi più in là di così non ci arriva, non ne è in grado. Per lui il massimo del "grigio" è dire "sono cugini! Quindi nella stessa RAZZA ci possono essere anche buoni e cattivi! Non come ho rappresentato i sudisti!" (se qualcuno un giorno racconterà a Nizzi la storia di Caino e Abele, lo riempirà di stupore, ma per poco, dopo cinque minuti si convincerà che l'ha scritta lui...)

 

Io, davvero, MI METTEVO A RIDERE di fronte alla gente che, di fronte alle puttanate dette nel video dell'ultima intervista a Nizzi, in cui attaccava Boselli "perchè usava solo Tex e Carson" mentre Nizzi "usava equamente tutti i pard", si dichiarava "sorpresa" da un simile comportamento e diceva che la loro opinione di Nizzi era calata...

 

Ma SORPRESA DE CHE? DOVE? io con Nizzi ci ho parlato la prima volta nel 1988, TRENTADUE ANNI FA e già allora sparava cazzate dicendo che era molto meglio lui di GL Bonelli! (purtroppo, all'epoca a sentirla sparare così grossa, pensavo scherzasse...), lo dice nelle interviste da vent'anni, e c’è gente che ANCORA SI STUPISCE????

------------------

 

Infine... notate che Nizzi non fa che ripetere LE STESSE COSE RIPETUTE A PAPPAGALLO DA CHI NON CONOSCE TEX.

 

Ma come fanno a nascere e a diventare "verità rivelate" tante immonde puttanate, tante schifose bugie su GL Bonelli?

 

Si parte dall'invidia dei mediocri. Non solo Nizzi, anche fanzinari autori frustrati e magari mai pubblicati, persino altri autori Bonelli frustrati. Gente che si rode nell'invidia, magari associata ad un ego ipertrofico che odia chiunque gli possa fare un minimo ombra. E queste serpi spargono veleno, diffamando continuamente persone molto migliori di loro a cui devono tutto (e questo amplifica la loro invidia e il loro odio)

 

A seguire, arrivano i leccaculo. Gente che nella speranza di avere un esclusiva, un intervista, un occhio di favore magari per entrare nella Bonelli, è disposta a dire tutto e il contrario di tutto. Ci sono quelli che sanno che è un cumulo di letame sparso da invidiosi, e che lo fanno lo stesso, ma la maggior parte sono solo ignoranti che ripetono a pappagallo, anche online su Facebook o su YouTube, qualunque puttanata detta da qualcuno "in alto" (rispetto a loro)

 

A seguire, la massa dei conformisti. Che non sanno un cazzo e magari un Tex non l'hanno mai letto, ma ripetono a pappagallo "quello che dicono tutti", magari con l'aria saccente di quello che la sa lunga.

 

infine, ci siamo noi. Che GL Bonelli l'abbiamo letto. Eppure tanti di noi stanno zitti, o addirittura ripetono senza riflettere "verità rivelate" che riconoscerebbero subito come puttanate se solo si rileggessero davvero quelle storie senza gli occhiali del pregiudizio.

 

Io zitto non ci sto. E se per voi uno che vuole ristabilire la verità, contro le calunnie e le bugie sparse da Nizzi è "uno che odia Nizzi", allora ditemi pure che odio Nizzi. Come odio tutti i bugiardi e i mediocri che attaccano a tradimento i loro benefattori, e le persone migliori di loro.

 

un po' di valium, magari?o forse qualcuno può ricordaer a Diablero ched ) Gli utenti che, per deliberato intento, siano artefici di messaggi che per la loro natura gratuita, sleale, offensiva o colpevolmente indisponente - ovvero messaggi ostentatamente critici, eccessivamente caustici e sarcastici - si presentano esplicitamente lesivi dell'opera creativa, della professionalità dell'autore, ecc incorrono nelle sanzioni di cui al punto e ).

 

non voglio afre il moderatore, Dio me ne guardi non ne sono capace: ma dopo molti messaggi di sano e leale schermaglia, in cui non sono volati insulti da parte di nessuno, ci ritroviamo SEMPRE E COMUNQUE da capo

NIZZI é IL SECONDO AUTORE, O FORSE PRIMO IN TEX PER NUMERO DI PAGINE SCRITTE...UN po'più di rispetto non per lui solo ma anche per i tanti lettori ch eleggono Tex ANCHE GRAZIE ALLA SUA OPERA, forse non guastrebbe...grazie

Edited by Barbanera
Link to comment
Share on other sites

Devo dire però( udite) che sono d' accordo con Diablero sul fatto che Nizzi in quell' intervista abbia detto alcune cavolate( in Tra due bandiere la guerra si sente eccome,e personaggi grigi ogni tanto in Bonelli ci sono stati,pur se raramente) meno su altri fatti( Leslie non è assolutamente un personaggio solo cattivo,già il fatto che si faccia in quattro per aiutare il cugino dice tutto.Ma il punto non è tanto chi è,quanto in che luce viene mostrato).

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, Diablero dice:

Ho già mostrato nel thread su "Fuga da Anderville" come in quella storia TUTTI i sudisti sono mostri subumani, affetti da cretinismo che godono sadicamente nel torturare le loro vittime (come gli Orchi del Signore degli Anelli o i Vietcong di Rambo II)

 

Sti mostri subumani li vedi solo tu.

 

Nell'oste che vuole scacciare Tom io vedo invece un uomo del suo tempo, incattivito dalle contingenze. 

Nei soldati, c'è quello compassionevole di cui tu non parli.

Ti ostini a vedere Leslie solo come negativo, senza contestualizzarlo nella sua epoca.

Non hai dimostrato niente.

 

11 ore fa, Diablero dice:

e con la presenza dei due cugini schierati su fronti opposti, che si rivelano sempre diversi dalle prima apparenze [????? Questa dove l'ha sognata?] Chi è il buono? Chi è il cattivo?  [Uno è disegnato bello e fa solo cose eroiche, l'altro è brutto come la fame e ha la faccia da isterico imbecille e fa solo cose malvagie, accidenti che dubbio amletico, Nizzi si chiede se il lettore sarà in grado di capire questi piccoli dettagli]...

 

Il lettore a un certo punto pensa che Leslie sia il cattivo, ed invece è un uomo di saldi ideali, anche se ottuso e arrogante. E pensa che John sia il buono, ma poi c'è il sospetto che abbia trafugato l'oro. I personaggi, lungo il dipanarsi della storia, sono grigi. Lo sono eccome. 

 

11 ore fa, Diablero dice:

immonde puttanate

 

11 ore fa, Diablero dice:

secondo quel miserabile sacco di rispettabile immondizia

 

Ti qualifichi da solo. Certe espressioni quando sono entrato in questo forum non me le ricordo. Il clima poteva essere arroventato, ma non avvelenato. E c'è pure chi ti ha messo il "mi piace". Forse è giunto il momento, dopo dieci anni, di prendere una pausa da questo luogo virtuale. Credo nei valori dell'educazione e del confronto costruttivo: qui invece c'è chi crede di avere la Verità Rivelata, crede di doverla imporre agli altri, se ne esce con un turpiloquio inqualificabile che non colpisce solo l'autore oggetto della discussione, ma anche i forumisti che, con ben altro approccio, stanno tentando di difenderne l'opera. Forumisti che sono definiti così: 

 

11 ore fa, Diablero dice:

A seguire, la massa dei conformisti. Che non sanno un cazzo e magari un Tex non l'hanno mai letto, ma ripetono a pappagallo "quello che dicono tutti", magari con l'aria saccente di quello che la sa lunga.

 

Nella migliore delle ipotesi, siamo conformisti che non sanno un cazzo di Tex. Rei di aver apprezzato Fuga da Anderville, colpevoli di non vederne le oscenità (che vedi solo tu), di non rendersi conto di quanto questa storia non sia canonica (con questo metro, anche GLB stesso e lo stesso Boselli, a guardarne le singole vignette col lanternino, non sono affatto canonici o coerenti tra di loro in molte circostanze).

 

Credi di argomentare, ma offendi, perdendo di credibilità. Il dibattito che mi ricordo io era un'altra cosa. E lo dico anche ai due che ti hanno messo "mi piace": complimenti, ragazzi. 

Edited by Leo
  • Thanks (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Ormai qua è diventato una persona che pontifica con la verità rivelata e gli altri costretti ad abbozzare dopo essere stati accusati nella migliore delle ipotesi di essere ciechi e nella peggiore degli idioti che sparano cazzate. Tutto questo in mezzo a chilometrici post di pesanti insulti a un autore, post giornalieri, sempre uguali per mesi ed anni.

O questo utente fa comodo o non capisco cosa ci faccia ancora qui.

Edited by valerio
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore
Posted (edited)

Ho mitigato il messaggio di Diablero, censurando un'espressione forte e mettendo sotto spoiler una frecciatina agli utenti che difendono FDA. Mi auguro che basti a calmare le acque.

 

Ricordo che il linguaggio irrispettoso nei confronti degli autori è vietato dal regolamento.

Edited by Mister P
  • Thanks (+1) 1
  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, Mister P dice:

Ho mitigato il messaggio di Diablero, censurando un'espressione forte e mettendo sotto spoiler una frecciatina agli utenti che difendono FDA. Mi auguro che basti a calmare le acque.

 

Ricordo che il linguaggio irrispettoso nei confronti degli autori è vietato dal regolamento.

Scusa la domanda...e questo è quanto?

Cioè se io domani entro qui e dico che Boselli e Ruju sono miserabili sacchi di immondizia e i forumisti dei deficienti che dicono cazzate mi mettete lo spoiler?:D

Link to comment
Share on other sites

@valerio, pensi che sia facile moderare un forum in pochi e, per giunta, in questi giorni con difficoltà di connessione?

Naturalmente ci stiamo confrontando fra di noi sul da farsi, ma non è una cosa rapidissima... Anche perché altrimenti tutto questo bel pateracchio sarebbe stato stroncato sul nascere.

 A titolo personale, mi scuso con tutti gli utenti del forum per l'accaduto; ma sono via, mi connetto col telefono e la linea funziona pure male. A malapena sono riuscito a seguire la situazione e confrontarmi con i colleghi.

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 minuti fa</span>, virgin dice:

@valerio, pensi che sia facile moderare un forum in pochi e, per giunta, in questi giorni con difficoltà di connessione?

Naturalmente ci stiamo confrontando fra di noi sul da farsi, ma non è una cosa rapidissima... Anche perché altrimenti tutto questo bel pateracchio sarebbe stato stroncato sul nascere.

No, certo, ma mi chiedevo se questo era quanto o era la comunicazione di un avvio di provvedimenti, pertchè n el primo caso non è più il mio forum e saluto sin da domani.

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Ho spedito un messaggio di avvertimento a Diablero. Lo staff lavora per il forum ma non è tenuto a spiegare per filo e per segno all'utenza ogni sua singola azione.

 

Tutto 'sto casino mi ha obbligato a staccare un'ora dal lavoro dopo pranzo e quando ho ripreso non avevo più la freschezza e la lucidità necessaria per completare quello che stavo facendo. Meno male che posso lavorare da casa con i miei ritmi e se ritardo di mezza giornata non accade niente. Ma mi ha comunque scocciato e molto.

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

La mia impressione è che, ormai dopo anni, si tratti di un utente non moderabile.

Per quanto mi riguarda da quello che verrà deciso trarrò le conseguenze sul mio futuro qui dentro.

Comprendo le difficoltà, ci mancherebbe.

Edited by valerio
Link to comment
Share on other sites

7 hours ago, Leo said:
19 hours ago, Diablero said:

A seguire, la massa dei conformisti. Che non sanno un cazzo e magari un Tex non l'hanno mai letto, ma ripetono a pappagallo "quello che dicono tutti", magari con l'aria saccente di quello che la sa lunga.

 

Nella migliore delle ipotesi, siamo conformisti che non sanno un cazzo di Tex.

 

Chiarisco una cosa: quando in un paragrafo parlo di "gente che magari un Tex non l'ha mai letto", mi pareva ovvio che non parlavo del forum.

 

Visto oltretutto che nel paragrafo successivo, quando invece parlo del forum, inizio con "e poi ci siamo noi"

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 minuti fa</span>, Diablero dice:

 

Chiarisco una cosa: quando in un paragrafo parlo di "gente che magari un Tex non l'ha mai letto", mi pareva ovvio che non parlavo del forum.

 

Visto oltretutto che nel paragrafo successivo, quando invece parlo del forum, inizio con "e poi ci siamo noi"

L'abbiamo letto ma non ci abbiamo capito una sverza però.

Non molto meglio, direi.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">19 ore fa</span>, Diablero dice:

addirittura ripetono senza riflettere "verità rivelate" che riconoscerebbero subito come puttanate se solo si rileggessero davvero quelle storie senza gli occhiali del pregiudizio.

non è che ne parli molto meglio

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.