Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[Texone N. 13] Sangue Sul Colorado


ymalpas
 Share

Voto alla storia  

48 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

L'Apocalisse di Giovanni è di difficilissima interpretazione.

I quattro cavalieri appaiono all'apertura dei primi quattro dei sette sigilli e così pure i quattro esseri viventi che non necessariamente coincidono con i quattro cavalieri.

È probabile invece che si tratti di "personaggi" diversi, perché ognuno dei quattro esseri viventi dice «Vieni» a qualcuno che può essere soltanto un cavaliere.

La simbologia degli oggetti posseduti dal cavaliere in sella al cavallo bianco, l'arco e la corona, può tranquillamente avere il significato di potere e di conquista: il cavaliere (Ap. 6.2) ... uscì vittorioso per vincere ancora.

Non dimentichiamo che il libro dell'Apocalisse è attribuito a Giovanni, l'apostolo di Cristo che era ai piedi della croce, per cui è abbastanza improbabile che abbia associato arco e corona alla potenza divina del Cristo.

Il colore dei cavalli è: bianco, rosso fuoco, nero, verde (Ap. 6.2-8).

Il versetto 8 recita testualmente: "E vidi: ecco, un cavallo verde. Colui che lo cavalcava si chiamava Morte e gli inferi lo seguivano."

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">15 ore fa</span>, virgin dice:

 

E io che pensavo che il nick "Trinità" si riferisse a Terence Hill. :D

Anche :smile: ... Nel senso che, fra tutti i nick di significato religioso che avrei potuto scegliere, ne ho trovato uno che fosse anche "western"... 🙂

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
Il 2/5/2024 at 14:08, joe7 dice:

 Le sentivo come storie noiose. Il Texone di Magnus era disegnato splendidamente, ma la storia mi sembrava di una banalità allucinante: e mi ero arrabbiato nel vedere Magnus sprecato ad usare le sue ultime energie per una storia così piatta e senza guizzi. Leggevo Fuga da Anderville: disegni splendidi, eppure c'era qualcosa che non mi quadrava, mi lasciava insoddisfatto. Il Tex che strillava come un matto davanti a Walcott mi era sembrato ridicolo, ma sentivo che non era solo quella la scena che non mi quadrava. Stesso discorso per tutti gli altri suoi lavori. Nel vedere l'analisi di Diablero, avevo capito la causa: un Tex idiota e incapace, ma con una idiozia e incapacità nascosti in modo splendido, in mezzo a disegni perfetti e scene azzeccate che riescono a far apparire Tex come un cretino, senza che lo si capisca subito. E' tutta una "narrazione nascosta", dove lo sceneggiatore demolisce il personaggio, senza farlo mai capire apertamente. Complimenti all'abilità di Nizzi: mi ha tenuto nascosto questo fatto per decenni, senza che me ne sia mai accorto. Almeno il Tex di Nolitta era stupido in modo evidente: qui lo è in modo nascosto. Ringrazio Diablero per le sue analisi, che mi hanno anche portato a rivalutare Gianluigi Bonelli. Dovrò lavorare parecchio nel rianalizzare queste storie, ma credo di aver capito l'impostazione giusta di lettura.

Mi permetto di rassicurarti sulla mole di lavoro che dovrai affrontare. Vai tranquillo, qui troverai un sacco di gente che può rieducarti su Nizzi.

Come i giudici culinari in TV gli esperti buongustai di questo forum sono molto abili e puntuali a svilire il suo lavoro e trovare sempre tutti i difetti nelle sue storie con la scusa di difendere la "purezza texiana", quindi non ti stancherai neanche troppo, hanno già fatto gran parte del lavoro di demolizione e revisione al posto tuo. 

 

Purtroppo solo noi che non siamo stati rieducati a volte ce la prendiamo, perché siamo dei buzzurri.  Non corrispondiamo al lettore (o meglio al criticone) modello.

Dobbiamo imparare a stare al nostro posto, ecco. 

 

Invece chi ha capito questo gioco ormai non ci fa più caso. Poi a me che sono poco abituato a certi discorsi alti (per colpa delle mie letture a quanto pare) è venuto addirittura il mal di testa nel leggere tutti quei post sull'Apocalisse, pieni di nomi e colori di cavalli...

Quasi quasi mi vado a preparare una bella bistecca con le patatine fritte, anzi vado direttamente al fast food a rimpinzarmi (tra i miei simili). Così poi dopo mangiato potrò leggere nell' atmosfera giusta una bella storia sempre di Nizzi (naturalmente) anzi guarderò solo i disegni perché non ho bisogno di leggere, mi basta guardare le scene in cui si mangia! 

Il 2/5/2024 at 02:24, Diablero dice:

ESISTE un pubblico che si riconosce pienamente nel ritratto che ne fa Nizzi (che descrive un pubblico totalmente disinteressato sia alla qualità che al senso stesso delle storie, ma che decide se una storia è bella in base al numero di scene con bistecche e patatine

Com'è buona questa bistecca! Al sangue. 

 

Il 2/5/2024 at 02:24, Diablero dice:

Notare la storia recente con Tex che si fa tremila km per essere lì la notte stessa in cui SANNO che qualcuno tenterà di affondare la nave o di dirottarla... e vanno tutti a dormire senza sentinelle, disarmati e in mutande. Per i pochi "fessi" che "non hanno capito Tex" come me, è una roba intollerabile degna di un film con Franco e Ciccio. Per il lettore di Nizzi, è "perchè, sono andati a fare qualcosa? Ma perchè, hai letto quello che diceva l'origlione? Cosa sono lì a fare? Cosa? Macchissenefrega, HANNO GIÀ MANGIATO PATATINE DUE VOLTE, questa è una BELLA storia di Tex! Quanto mi mancavano le patatine!". Perchè infatti Nizzi, prima di fare questo obbrobrio, si è assicurato di fare ben DUE scene di "pard a tavola" in meno di 60 pagine! "pagato pegno", accontentato il lettore con "l'unica cosa che il lettore di Tex cerca", POI ha fatto tranquillamente la scena di Tex che chiede scusa in mutande! (in questo, Nizzi è estremamente professionale: prima il DOVERE, poi il PIACERE: le figuracce da piccione, le scene in cui Tex viene salvato da un vecchio paralitico quando ormai si è dichiarato sconfitto e piegnucole, le mette di solito nel finale, DOPO che ha accontentato i lettori con due-tre scene ad albo di bistecche e patatine. A quel punto, sicuro che il suo lettore satollo e intorpidito si sia già addormentato con l'albo in mano, si prende le sue soddisfazioni.

Sarà la millesima volta che citi la scena delle mutande, quando ti stuferai? 

 

Poi, hai dimenticato un buon sigaro dopo pranzo prima di addormentarsi con l' albo in mano. Purtroppo noi lettori di Nizzi siamo troppo sbadati per ricordare di raccogliere l' olio della frittura quindi non possiamo garantire il corretto smaltimento, mi dispiace. 

Edited by Hellingen
  • Haha (0) 1
  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, Hellingen said:

Sarà la millesima volta che citi la scena delle mutande, quando ti stuferai? 

Quando ti stuferai di negare che sia avvenuta, così come neghi siano avvenute tutte le altre.

 

Quando smetterai di negare, da vero tifoso nizziano DOC, quello che è evidente semplicemente ad aprire gli albi e leggerli (levandosi prima le fette di prosciutto dagli occhi, ovvio)

 

E magari, quando la pianterai di lanciare offese passivo-aggressive a chi commenta le storie in maniera che non ti piace. Da vero passivo-aggressivo (cioè, un prepotente che si traveste da povera vittima per zittire gli altri), non provi nemmeno a contestare i fatti: fai semplicemente la solita manfrina deridendo chi legge le storie e ne trova i difetti, come se fosse chissà quale violenza alla tua autostima gonfia e debordante...

 

Mi dispiace: non basta dire "ha dimostrato una cosa che non volevo sentire" per potersi atteggiare a vittima. Non esiste il reato di "capire le cose e spiegarle", così come non esiste il diritto di impedire agli altri di dire cose che non vuoi sentire. Non importa quante volte fai finta di piangere, sperando che qualcuno ci caschi... ti toccherà imparare a convivere con gli altri, alla pari, senza questi atteggiamenti da principino che non vuole essere disturbato dalle opinioni altrui.

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Fast food?

Se tutti fossero come me, avrebbero già chiusi tutti (meno male che non sono tutti come me).

Bistecca al sangue?

Ottima se ne mangi due o tre al mese (magari una fiorentina), ma sempre sempre... (se ci tieni alla salute).

Buon sigaro?

Buono per chi?

Per lo stato e per le industrie del tabacco, non certo per il fumatore.

E buon ultimo l'Apocalisse.

Se un paio di commenti provocano un mal di stesta, la lettura del testo di Giovanni cosa provoca, l'epatite virale?

  • Confused (0) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, Diablero dice:

Quando ti stuferai di negare che sia avvenuta, così come neghi siano avvenute tutte le altre.

 

Quando smetterai di negare, da vero tifoso nizziano DOC, quello che è evidente semplicemente ad aprire gli albi e leggerli (levandosi prima le fette di prosciutto dagli occhi, ovvio)

 

E magari, quando la pianterai di lanciare offese passivo-aggressive a chi commenta le storie in maniera che non ti piace. Da vero passivo-aggressivo (cioè, un prepotente che si traveste da povera vittima per zittire gli altri), non provi nemmeno a contestare i fatti: fai semplicemente la solita manfrina deridendo chi legge le storie e ne trova i difetti, come se fosse chissà quale violenza alla tua autostima gonfia e debordante...

 

Mi dispiace: non basta dire "ha dimostrato una cosa che non volevo sentire" per potersi atteggiare a vittima. Non esiste il reato di "capire le cose e spiegarle", così come non esiste il diritto di impedire agli altri di dire cose che non vuoi sentire. Non importa quante volte fai finta di piangere, sperando che qualcuno ci caschi... ti toccherà imparare a convivere con gli altri, alla pari, senza questi atteggiamenti da principino che non vuole essere disturbato dalle opinioni altrui.

Ma per favore. Se io sono prepotente tu cosa sei? Abbiamo già visto come altri stufi di starti dietro hanno proprio smesso di risponderti. 

 

Mi sono fatto un' idea di come funzionano le cose: ci sono degli utenti qui che possono scrivere tutto quello che vogliono, senza paura di essere mai ripresi perché hanno eliminato per stanchezza tutti coloro che lo facevano. Poi se qualcuno osa rispondere viene etichettato come uno che "non rispetta le opinioni". 

 

Per quanto mi riguarda, così come tu (e chi si ritrova in questo tuo pensiero) hai l' inviolabile diritto di demolire e attaccare in modo ossessivo Nizzi e la sua produzione, oltre che i suoi lettori che chiami impunemente rimbambiti, io e altri abbiamo il diritto di difenderci e difendere la nostra dignità e quella di un autore (Nizzi). 

Questo nostro alzare la testa ogni tanto ti da fastidio, perché reputi la tua l' unica verità a quanto pare e chi non la riconosce si deve levare il prosciutto dagli occhi. Quindi forse sei tu ad avere qualche problema di relazione con gli altri e con quello che scrivi. Dovresti fare pace con te stesso. 

  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Hellingen dice:

come funzionano le cose

Le cose funzionano così:

se qualcuno critica con argomentazioni può essere contestato solo con argomentazioni.

  • Thanks (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
Adesso, Mister P dice:

@Hellingen, alla prossima un punto di avvertimento per te.

Bah , davvero non capisco certe cose, ma va bene così. 

Edited by Hellingen
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">45 minuti fa</span>, Hellingen dice:

Bah , davvero non capisco certe cose, ma va bene così. 

 

A me pare che Letizia abbia dato la risposta corretta:

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Letizia dice:

Le cose funzionano così:

se qualcuno critica con argomentazioni può essere contestato solo con argomentazioni.

 

Dove sono le tue argomentazioni? Io non ne vedo. Vedo solo vani tentativi di sarcasmo per nascondere il vuoto.

Dio solo sa Diablero non è irritante qualche volta, ma almeno lui argomenta, pure troppo, il che, tra l'altro aiuta anche a replicare se non si è d'accordo 

  • Like (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Carlo Monni dice:

 

A me pare che Letizia abbia dato la risposta corretta:

 

Dove sono le tue argomentazioni? Io non ne vedo. Vedo solo vani tentativi di sarcasmo per nascondere il vuoto.

Dio solo sa Diablero non è irritante qualche volta, ma almeno lui argomenta, pure troppo, il che, tra l'altro aiuta anche a replicare se non si è d'accordo 

Letizia avrà anche dato la risposta corretta, ma i suoi post sono spesso sarcastici e fatti di pungenti frasi ad effetto, quindi non ti lascio dire (se ti sei rivolto a me) che io uso vani tentativi di sarcasmo per nascondere il vuoto. Così come non mi permetterei di dire lo stesso a Letizia, con cui già l' altra volta ho discusso e non mi va di ripetere la storia. 

È successo questa volta che sono stato sarcastico, e si è già scatenato un putiferio, mentre altri scrivono quello che vogliono e nessuno li tocca. 

 

 

Ti invito a leggere altri miei post su storie che ho commentato, e se sei onesto ritirerai quello che hai detto. Il vuoto tra poco apparirà semmai su questo forum, visto che scrivono sempre gli stessi, chissà perché. 

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Just now, Hellingen said:

Ti invito a leggere altri miei post su storie che ho commentato, e se sei onesto ritirerai quello che hai detto. Il vuoto tra poco apparirà semmai su questo forum, visto che scrivono sempre gli stessi, chissà perché. 

Beh, per esempio conosco diverse persone che non scrivono nel forum (o non ci scrivono più) perchè non voglio beccarsi i soliti insulti passivo aggressivi dai nizziani, che scatenano flame ogni volta che qualcuno tocca il loro idolo. Altri scrivono ancora ma in privato mi dicono che evitano di commentare le storie di Nizzi o di dire quello che pensano per lo stesso motivo.

 

Io sono testardo e non ci sto a farmi zittire, ma molte volte anch'io ho detto "ma chi me lo fa fare? Finisce che salta fuori il solito nizziano a fare le solite flame" E sono stato zitto.

 

NIENTE congela e impoverisce un forum come un gruppetto di permalosissimi fan che trovano intoccabile un loro idolo (o meglio, che hanno un autostima tanto gonfiata e al tempo stesso fragile da considerare offensiva qualunque critica a qualcosa che gli piace). Fanno stare zitti, impoveriscono qualunque community che infestano, portano i forum alla morte.

 

Un forum vive di discussioni. Anche accese. (Anche flame, ma su argomenti, non sul diritto di averne). Comunque vive di gente che parla e ha opinioni diverse. Ma se invece di portare opinioni diverse si attacca CHI HA UN OPINIONE, come hai fatto tu in questo thread, perfetto esempio di principino nizziano permaloso, tu il forum lo vuoi chiudere.

 

Capisco che per chi ha una mentalità come la tua "arricchire" un forum voglia dire impedire che ci si discuta, ma è semplicemente perchè la tua mentalità non è compatibile con la sopravvivenza di un forum.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Se c'è una cosa che mi irrita, sono le etichette.

Io non sono né nizziana né antinizziana, non sono né boselliana né antiboselliana, non sono né bonelliana (GLB) né antibonelliana.

Se Nizzi mi piace, lo dico (Tex il grande), se non mi piace, lo dico.

E argomento.

Così per tutti gli altri.

Ho persino criticato GLB (molto raramente, forse solo una volta, ma l'ho fatto).

Se Nizzi, a mio parere e argomentando, fa una storia buona su dieci, lo osanno per quell'una e lo stronco per le altre nove.

Nove ciofeche su dieci sono troppe?

Certo.

Colpa mia?

No, colpa di Nizzi.

Qualcuno si offende?

Si offende Nizzi?

Pazienza, l'importante è che la mia stroncatura sia rivolta all'opera e non all'autore.

Si offende qualcun altro?

E che c'incastra quel qualcunaltro con la mia stroncatura all'opera di Nizzi?

Ecco, se si offende qualcun altro, questo mi irrita ancora di più.

Potrei capire se a un bambino gli rompono il giocattolo preferito.

Ma qui non ci sono né bambini né giocattoli preferiti.

O forse mi sbaglio?

 

P.s.: mi si perdonino le pungenti frasi ad effetto.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">21 minuti fa</span>, Diablero dice:

Capisco che per chi ha una mentalità come la tua "arricchire" un forum voglia dire impedire che ci si discuta, ma è semplicemente perchè la tua mentalità non è compatibile con la sopravvivenza di un forum.

Continuate a dire che io vorrei zittire qualcuno. Non è così. Vi state irritando perché come voi ho "argomentato" in modo più pungente e deciso del solito mentre voi lo fate molto spesso con la massima libertà. Ma non è mia intenzione insistere, è una battaglia persa, una lotta impari. 

Adesso, Letizia dice:

Pazienza, l'importante è che la mia stroncatura sia rivolta all'opera e non all'autore.

Esatto, ma qui si vuole stroncare il più delle volte l' intera opera di Nizzi e lo stesso Nizzi, e si chiamano sempre rimbambiti i suoi lettori. Per Diablero siamo dei rimbambiti. Se io mi permetto di fermare questa opera distruttiva ogni tanto (sottolineo ogni tanto perché qualcuno la porta avanti costantemente) non sono anche io nel giusto, nelle logiche di un forum? E per di più, quando leggo che in realtà voglio nascondere il vuoto, non ho diritto a difendere, ancora una volta, la mia posizione con un briciolo di dignità?  Il fatto che lo abbia scritto un utente autorevole come Carlo Monni mi ha dato da pensare, perché non credo che i post che ho pubblicato finora sul forum siano privi di argomentazioni, perciò l' ho invitato ad una rilettura.  

 

 

Sto cercando di essere calmo e distensivo adesso, abbiamo idee diverse però per cortesia non insistete con queste provocazioni, altrimenti dovrò pensare che c'è una certa malafede di fondo. Finiamola qui e pensiamo ad altro. 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Hellingen dice:

Finiamola qui e pensiamo ad altro

Hai detto la tua opinione.

Noi ora che dobbiamo fare?

La finiamo qui e non replichiamo?

E perché?

 

Hai detto che argomenti?

Benissimo.

Prendiamo la scena delle mutande.

@Diablero ha argomentato (forse anche troppo, ma ogni volta ha argomentato) che in una storia di Tex non c'è mai stato niente di così ridicolmente insulso, privo di qualsiasi logica, di così lontano dalla personalità di Tex, di così infantile e di offensivo nei confronti di un lettore pensante e altro (non ricordo tutte le sue "osservazioni").

 

Facciamo così: adesso tu prendi e smonti tutte queste critiche con argomentazioni serie.

Serie, sì, che non siano del tipo: ma le mutande di Tex erano mutande normalissime, sarebbe stato ridicolo solo se avesse avuto le mutande a fiorellini!

  • Thanks (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Letizia dice:

Hai detto la tua opinione.

Noi ora che dobbiamo fare?

La finiamo qui e non replichiamo?

E perché?

 

Hai detto che argomenti?

Benissimo.

Prendiamo la scena delle mutande.

@Diablero ha argomentato (forse anche troppo, ma ogni volta ha argomentato) che in una storia di Tex non c'è mai stato niente di così ridicolmente insulso, privo di qualsiasi logica, di così lontano dalla personalità di Tex, di così infantile e di offensivo nei confronti di un lettore pensante e altro (non ricordo tutte le sue "osservazioni").

 

Facciamo così: adesso tu prendi e smonti tutte queste critiche con argomentazioni serie.

Serie, sì, che non siano del tipo: ma le mutande di Tex erano mutande normalissime, sarebbe stato ridicolo solo se avesse avuto le mutande a fiorellini!

Siccome insisti ti accontento. 

....................................

 

Non è stupidità, semmai agire con più leggerezza del solito e da come la vedo io ogni tanto ci vuole , perché rende i protagonisti più umani. Io non amo molto le storie in cui tutto va bene e i nostri vincono sempre. E prima che rispondiate: "si ma ci sono tanti modi per rendere avvincente una storia pur non svilendo i personaggi" vi invito a pensare che ogni storia a diritto a espedienti diversi.

 

La scena divertente divenuta tormentone e l'andare a dormire può essere vista come una debolezza non dello sceneggiatore ma dei personaggi utilizzati, anzi lo sceneggiatore grazie alla sua esperienza ha saputo dare una sfumatura perdente a coloro che di solito vincono sempre! Non trovo grandi colpe un tutto questo.

 

Piuttosto ho trovato molto più noiose e insensate le sparatorie inserite in tante storie di Nizzi e di altri, in cui il copione è sempre lo stesso: Tex e i pards vengono presi di mira, tutti i proiettili nemici passano a un cm dalle loro teste, se va bene una feritina di striscio e dopo 3-4 vignette stanno tutti meglio di prima. 

 

Intanto, ogni colpo sparato dai nostri eroi va a segno e chi assiste ripete sempre le stesse cose: "tizzoni d'inferno!" "Bastardi" "Rangers della malora andate al diavolo" ecc. 

 

Per me è più stupido vedere gente che parla in continuazione nelle storie durante le sparatorie, è una cosa superata da decenni, andava bene negli anni 50 forse. Nelle sparatorie ci vuole tensione, suspence; dovrebbero concentrarsi sul pensiero dei tiratori e farli parlare poco, solo se serve. 

 

Invece puntualmente si assiste a un combattimento verbale noiosissimo.

 

............….........

 

Questo è quello che avevo scritto in merito nell' apposita discussione il 20 gennaio. Ho fatto copia e incolla. Addirittura avevo criticato, argomentando ,certe sparatorie inserite nelle storie di Nizzi. Pensa un po'. 

  • Haha (0) 1
  • Sad (0) 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Hellingen dice:

Non è stupidità

Se permetti le argomentazioni di @Diablero sono mille volte più convincenti delle tue.

Se devo dare un esame, studio e mi presento preparata.

Tex si aspetta un attacco, va a letto senza predisporre un benché minimo piano e poi, quando succede quello che si aspetta, dice: oh! cosa sta accadendo? Ci attaccano?

Poi, tra lo stupore generale, suo, dei suoi pard e di tutti i lettori, esce in mutande disarmato?

Se per te questa non è stupidità ma leggerezza, tiro i remi in barca e mi taccio perché, come ben sai, io rispetto le opinioni altrui anche, anzi specialmente, quando non le condivido.

 

Apprezzo però il tuo tentativo di argomentazione.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Signore e signori, mantenete un tono cortese, grazie. Letizia è stata chiara senza offendere, seguite il suo esempio.

Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, Hellingen said:

Esatto, ma qui si vuole stroncare il più delle volte l' intera opera di Nizzi e lo stesso Nizzi, e si chiamano sempre rimbambiti i suoi lettori. Per Diablero siamo dei rimbambiti.

Ti è sfuggito che lì stavo semplicemente citando quello che lo stesso Nizzi ha detto, più volte, anche a video, di TUTTI i lettori di Tex. Tutti. Non solo i suoi fan sfegatati.

 

Non sono io a dire che TUTTI i lettori di Tex vogliono SOLO vedere Tex che mangia bistecche e patatine, perchè è rassicurante e gli ricorda i tempi andati, e che non gliene frega nulla delle storie che tanto non le seguono, non gli importa.

 

Le prime volte che l'ho sentito definirmi così mi sono incazzato. E l'ho detto nel forum. Ma ho ricevuto diverse risposte in cui i suoi fan dicevano di riconoscersi nella descrizione. E una semplice occhiata ai commenti altrove tipo facebook fa capire che esiste questo pubblico: ogni volta una marea di commenti a dire "finalmente bistecche e patatine, basta con quelle storie troppo difficili che non capisco mai chi è il buono e il cattivo" (basterebbe vedere contro chi spara Tex, non so, non mi sembrava un enigma irrisolvibile...).

 

Quindi, visto che IO non pretendo di parlare per TUTTI i lettori di Tex, dico NON TUTTI sono così come dice NIZZI.

 

NON TUTTI cercano solo bistecche e patatine.

 

Se ti offendi per essere definito uno che cerca solo bistecche e patatine, perchè te la prendi con chi ha detto che esisti (cioè, che esistono lettori che badano alla trama e alla qualità della storia) mentre canti gli osanna di chi invece sostiene che stai mentendo, e che COME A TUTTI I LETTORI DI TEX a te interessano solo bistecche e patatine?

 

Sarà perchè Nizzi, per definizione, "non può fare peccato", e "con quella bocca può dire ciò che vuole"?

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Mister P dice:

Signore e signori, mantenete un tono cortese, grazie. Letizia è stata chiara senza offendere, seguite il suo esempio.

Grazie.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">57 minuti fa</span>, Hellingen dice:

La scena divertente divenuta tormentone e l'andare a dormire può essere vista come una debolezza non dello sceneggiatore ma dei personaggi utilizzati, anzi lo sceneggiatore grazie alla sua esperienza ha saputo dare una sfumatura perdente a coloro che di solito vincono sempre! Non trovo grandi colpe un tutto questo.

 

Sei serio? Ti ricordo che stiamo parlando di Tex, un personaggio che ha una certa caratterizzazione. Uno come Tex se si aspetta che ci possa essere un attacco notturno predispone turni di guardia, non va a dormire come se niente fosse e non si fa trovare in mutande.

Ci sono altri modi per dare, se la si vuole dare una sfumatura di umanità ai personaggi senza farli apparire ridicoli o stupidi . Nolitta e D'Antonio erano maestri in questo.

  • Thanks (+1) 2
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

@Diablero io non mi offendo se mi definisci un lettore semplice...ma magari sarebbe bello che un lettore che magari non bada troppo a certe cose non venisse definito " rimbambito" ( e no,nemmeno Nizzi ha mai definito così qualcuno dei lettori. " Semplici,non badano a molte cose,gli importa solo di bistecche e patatine eccetera..." Ma non ha mai usato offese.E si capice bene perché,visto che é ovvio che per lui quelli sono meriti.)

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Grande Tex dice:

lettori. " Semplici,non badano a molte cose,gli importa solo di bistecche e patatine eccetera..." Ma non ha mai usato offese.E si capice bene perché,visto che é ovvio che per lui quelli sono meriti.)

Cioè, se Nizzi mi definisce semplice, che non bado a molte cose e che mi importano sole le bistecche e patatine, mi devo sentire gratificata perché essere così è un merito?

  • Thanks (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Just now, Grande Tex said:

@Diablero io non mi offendo se mi definisci un lettore semplice...ma magari sarebbe bello che un lettore che magari non bada troppo a certe cose non venisse definito " rimbambito" ( e no,nemmeno Nizzi ha mai definito così qualcuno dei lettori. " Semplici,non badano a molte cose,gli importa solo di bistecche e patatine eccetera..." Ma non ha mai usato offese.E si capice bene perché,visto che é ovvio che per lui quelli sono meriti.)

E infatti, io non chiamato nessuno "rimbambito".

 

Consiglierei anche a te di leggere con più attenzione: ad usarlo (3 volte) è stato Hellingen

Link to comment
Share on other sites

Nizzi è l'autore di cui ho letto meno storie (la più parte dopo il 400) e non mi sento di darne un giudizio complessivo. Chiedo a voi:  non è che le scene leggere (bistecche e patatine o mutandoni che fossero) inizialmente erano meglio inserite nell'economia del racconto, funzionali a un voluto combio di ritmo e quindi rappresentassero un gradevole intermezzo? Non è che solo in un secondo tempo abbiano acquisito per l'autore un "valore" anche fuori contesto?

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.