Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[Speciale Tex Willer N.5] Rancheras


MacParland
 Share

Recommended Posts

<span style="color:red">5 ore fa</span>, MacParland dice:

Se fosse uscita sulla serie regolare sarebbe piaciuta più o meno a tutti,

NO

<span style="color:red">5 ore fa</span>, MacParland dice:

per me sarebbe stato un piacevole intermezzo tra due storie più lunghe. E spesso servono perchè ci sono alcuni albi dove vedi tanti personaggi e un po' sei disorientato

SI, va bene come intermezzo tra rompicapi piacevoli, ma non parliamo di piacere a tutti.

 

<span style="color:red">4 ore fa</span>, Augustus McCrae dice:

Capisco che la storia era nel cassetto e prima o poi andava tirata fuori, ci stava come "tappabuchi"

Esatto. Questo quindi, in fondo è utile, mi porta a considerare l'acquisto del TexWiller Speciale come faccio già per altre collane di Tex. Restano intoccabili Tex regolare e TexWiller regolare.

Link to comment
Share on other sites

Storia appena letta, dal mio punto di vista gradevole anche se la trama si sviluppa in maniera abbastanza prevedibile. Caratteristica, questa, già riscontrata in molte delle sceneggiature di Ruju, cui comunque personalmente riconosco il merito di aver tutto sommato ben caratterizzato le due affascinanti rancheras che danno il titolo all'albo e gli altri personaggi di contorno, in particolare i due rispettivi soprastanti, tutti col giusto equilibrio coprotagonisti nella classica vicenda in cui le cose non stanno come appaiono (a tal riguardo, e per ricollegarmi con quanto affermato a proposito di prevedibilità riscontrata nella sceneggiatura, già alla seconda comparsata di uno dei due soprastanti avevo intuito quale potesse essere il suo ruolo nell'intricata vicenda).

 

Sono inoltre rimasto molto positivamente impressionato dai disegni di Giardo, che mi sono sembrati rimandare un po' allo stile di un certo Piccinelli.

  • Like (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

La storia in se non è male, carina sia nel soggetto/ sceneggiatura che nei disegni.

Confermo però le perplessità sollevate anche da altri utenti sul termine speciale.

Considerando gli altri numeri della serie, questo non ha nulla di speciale e poteva essere inserito tranquillamente come riempitivo nella regolare di Tex Willer.

Temo che la decisione di passare da annuale a semestrale (probabilmente perché le vendite vanno bene e si vuole sfruttare la gallina dalle uova d'oro) se da un lato ci regalerà delle storie in più in uno stesso arco di tempo, magari anche carine dall'altra influirà alla fine sulla qualità e già lo sta facendo, perdendosi appunto questa caratteristica speciale che la testata aveva e che ora è sdoganata, se si rende necessario passarci sopra per pubblicare di tutto.

Questo cambiamento devo dirlo non mi entusiasma, di uscite ce ne sono già abbastanza, avrei preferito mantenere la testata per qualcosa di particolare e diverso da solito anziché ritrovarmi una specie di Maxi Tex Willer.

 

Si, ci sarà il bis con Zagor, ma poi anche storie normalissime possono finirci e forse è un peccato. Diventa un'uscita Extra più che speciale.

 

Resta il parere positivo sulla singola storia

 

 

Link to comment
Share on other sites

Il 5/12/2022 at 10:58, San Antonio Spurs dice:

L'ultima vignetta rende la conclusone dell'albo la più allucinante in 74 anni di Tex.

 

Io l'ho trovata simpatica, per quanto forse un po' inusuale per una storia di Tex, e magari più adatta per un fumetto dal tono più "leggero".

 

Certo, su quel che poi potrebbe avvenire - Il cosiddetto "non narrato, ma sottinteso" - possono fioccare diverse congetture :P

 

Ma non aggiungo altro, chi vuole intendere intenda :D.

Link to comment
Share on other sites

Finito di leggere ora lo speciale! In effetti di speciale non ha moltissimo, ma ho trovato la storia comunque piacevole, anche se molto prevedibile. Molto belli i disegni di Giardo!

 

 

Link to comment
Share on other sites

Storia riempitivo, in sé anche carina, seppur viziata da una certa ingenuità di Tex (che si fa catturare due volte) e dal modo a dir poco inverosimile in cui si salva dalle conseguenze della predetta ingenuità.

 

Tuttavia il tasto dolente sta proprio in quello che è stato rimarcato dagli altri pards: perché "sprecare" uno speciale con una storia così ordinaria? Fino ad oggi, gli speciali Tex Willer sono stati contenitori di storie particolari, come il primo, indimenticabile antologia di storie gotiche, e gli altri, dedicati ad incontri con personaggi significativi.

 

D'altronde, a parte quello della scorsa estate, lo spirito di questa pubblicazione speciale è stato sempre quello di un "regalo di Natale" particolare per gli affezionati lettori, la classica strenna che si attende con una certa trepidazione e buone aspettative. La banalizzazione dell'albo 2022 è un piccolo tradimento delle attese di noi bambinoni che ancora attendiamo la sorpresa sotto l'albero, e Borden, da curatore che ha scelto la storia, ne è il diretto responsabile: un Babbo Natale stavolta meno generoso del solito. Avremo fatto i cattivi durante l'anno? :D

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">9 ore fa</span>, Leo dice:

Storia riempitivo, in sé anche carina, seppur viziata da una certa ingenuità di Tex (che si fa catturare due volte) e dal modo a dir poco inverosimile in cui si salva dalle conseguenze della predetta ingenuità.

 

Tuttavia il tasto dolente sta proprio in quello che è stato rimarcato dagli altri pards: perché "sprecare" uno speciale con una storia così ordinaria? Fino ad oggi, gli speciali Tex Willer sono stati contenitori di storie particolari, come il primo, indimenticabile antologia di storie gotiche, e gli altri, dedicati ad incontri con personaggi significativi.

 

D'altronde, a parte quello della scorsa estate, lo spirito di questa pubblicazione speciale è stato sempre quello di un "regalo di Natale" particolare per gli affezionati lettori, la classica strenna che si attende con una certa trepidazione e buone aspettative. La banalizzazione dell'albo 2022 è un piccolo tradimento delle attese di noi bambinoni che ancora attendiamo la sorpresa sotto l'albero, e Borden, da curatore che ha scelto la storia, ne è il diretto responsabile: un Babbo Natale stavolta meno generoso del solito. Avremo fatto i cattivi durante l'anno? :D

 

 

Aho, me state a rompe... Provateci voi a tirar fuori dalla calza ogni volta la storia che accontenta tutti!   Il buon Pasquale non vi ha fatto il capolavoro che volevate? E la colpa sarebbe mia? Ma io e Pasquale siano umani... e la storia in questione non grida affatto vendetta, secondo me. E quella della serie regolare, sempre di Pasquale,  è ottima! Ed è merito suo!

 

(scusate lo sfogo, ma insomma...) :P

Link to comment
Share on other sites

Non mi ci provo nemmeno, non so proprio come tu faccia e hai tutta la mia personale comprensione e solidarietà per il lavoro titanico che tu e tutti gli altri svolgete. Come faccia poi tu a produrre tutto quello che produci, a leggere tutto quello che leggi, a intervenire qui sul forum o ad altri eventi, quello non me lo sono mai spiegato: la tua velocità nel fare le cose rende il tuo tempo più lento, mentre la mia incapacità mi fa percepire le ore come velocissime: questa è la vera relativita del tempo, e tu saresti un soggetto che i fisici dovrebbero studiare...

 

Tuttavia, a parte l'umana solidarietà e l'eterna ammirazione, il mio era un commento da lettore. Che non dice che "la storia in questione grida vendetta", tutt'altro; dice che è una buona storia, ma non in linea con lo spirito di questo Speciale a cui Babbo Natale Borden ci aveva abituati in passato. E questo è un dato di fatto, senza nulla togliere a storie e autori e curatore ;)

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Leo dice:

Non mi ci provo nemmeno, non so proprio come tu faccia e hai tutta la mia personale comprensione e solidarietà per il lavoro titanico che tu e tutti gli altri svolgete. Come faccia poi tu a produrre tutto quello che produci, a leggere tutto quello che leggi, a intervenire qui sul forum o ad altri eventi, quello non me lo sono mai spiegato: la tua velocità nel fare le cose rende il tuo tempo più lento, mentre la mia incapacità mi fa percepire le ore come velocissime: questa è la vera relativita del tempo, e tu saresti un soggetto che i fisici dovrebbero studiare...

 

Tuttavia, a parte l'umana solidarietà e l'eterna ammirazione, il mio era un commento da lettore. Che non dice che "la storia in questione grida vendetta", tutt'altro; dice che è una buona storia, ma non in linea con lo spirito di questo Speciale a cui Babbo Natale Borden ci aveva abituati in passato. E questo è un dato di fatto, senza nulla togliere a storie e autori e curatore ;)

 

 

 

Ok, capisco benissimo  il punto di vista del "lettore" e lo posso condividere.  Mi ha irritato la locuzione "diretto responsabile", semmai sono "indiretto". E non ho doveri solo nei vostri confronti. Dovrei offendere due professionisti come Ruju e Giardo rifiutando una buona storia già fatta e far perdere quattrini all'editore? Ma questo non si può fare neanche per una storia veramente discutibile!  E questa, ne convieni, è molto lungi dall'essere tale! Quindi... ma che cosa pensavi che dovessi fare? L'ho messa sullo Speciale solo ed esclusivamente per non interrompere troppo la continuity e farvi leggere con due mesi d'anticipo le storie di De Angelis, Gomez, Ghion e Brindisi su Cochise, Pedro Raza, Mano Rossa, El Diablo! Ti pare ancora una scelta sbagliata? 

Edited by borden
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">6 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

 

Ok, capisco benissimo  il punto di vista del "lettore" e lo posso condividere.  Mi ha irritato la locuzione "diretto responsabile", semmai sono "indiretto". E non ho doveri solo nei vostri confronti. Dovrei offendere due professionisti come Ruju e Giardo rifiutando una buona storia già fatta e far perdere quattrini all'editore? Ma questo non si può fare neanche per una storia veramente discutibile!  E questa, ne convieni, è molto lungi dall'essere tale! Quindi... ma che cosa pensavi che dovessi fare? L'ho messa sullo Speciale solo ed esclusivamente per non interrompere troppo la continuity e farvi leggere con due mesi d'anticipo le storie di De Angelis, Gomez, Ghion e Brindisi su Cochise, Pedro Raza, Mano Rossa, El Diablo! Ti pare ancora una scelta sbagliata? 

 

Alla luce di queste spiegazioni, la scelta non è sbagliata e credo, senza piaggeria, che le tue scelte raramente lo siano, anche quando non trovano il favore della minoranza rumorosa che c'è qui dentro. Le tue logiche sono spesso ferree, sia come narratore che come editor. 

 

La mia delusione da lettore nasce dal fatto che da questo speciale, per la storia editoriale che lo ha contraddistinto fino ad oggi, mi aspetto sempre una storia diversa da quelle che potrebbero apparire anche sulla collana principale. E quando ho parlato di "diretto responsabile" è perché ho pensato che stavolta non avevi potuto o voluto commissionare un certo tipo di storia che rispecchiasse le precedenti operazioni natalizie. Detto ciò, Ruju e Giardo hanno fatto il loro e tu pure, solo che io, quando penserò allo Speciale di Natale 2022, ricorderò la prima storia "ordinaria" di una collana che fino a quel momento aveva regalato storie d'eccezione. Tutto qui :)

Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi
<span style="color:red">8 minuti fa</span>, borden dice:

L'ho messa sullo Speciale solo ed esclusivamente per non interrompere troppo la continuity e farvi leggere con due mesi d'anticipo le storie di De Angelis, Gomez, Ghion e Brindisi su Cochise, Pedro Raza, Mano Rossa, El Diablo! Ti pare ancora una scelta sbagliata? 

E' una scelta ambigua perchè in chiusura a Lucca 2019 disse: "Sugli speciali saremo davvero speciali" mentre questa è una storia per la serie regolare. Quindi l'errore c'è.

E ripeto che a me è piaciuta e che tra tutte quelle di due albi era quella che più o meno si adattava. 

 

Faccio i complimenti per Raza. Immagino sia la storia di Brindisi. Altro personaggio che non doveva tornare.

L'anno scorso le chiesi: "Nella storia con Jesse Hawks ci sarà Pedro Raza?" 

Risposta: " No. Forse in una seconda... Vedremo." 

E ancora con Zeke Colter. 

La mia domanda: "Rivedremo Zeke Colter?" 

Risposta: "Non è in programma, boh"

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">17 ore fa</span>, juanraza85 dice:

 

Io l'ho trovata simpatica, per quanto forse un po' inusuale per una storia di Tex, e magari più adatta per un fumetto dal tono più "leggero".

 

Certo, su quel che poi potrebbe avvenire - Il cosiddetto "non narrato, ma sottinteso" - possono fioccare diverse congetture :P

 

Ma non aggiungo altro, chi vuole intendere intenda :D.

In tenda no, hanno due ranch, vuoi che una camera non la trovino?:laughing:

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">45 minuti fa</span>, MacParland dice:

E' una scelta ambigua perchè in chiusura a Lucca 2019 disse: "Sugli speciali saremo davvero speciali" mentre questa è una storia per la serie regolare. Quindi l'errore c'è.

E ripeto che a me è piaciuta e che tra tutte quelle di due albi era quella che più o meno si adattava. 

 

Faccio i complimenti per Raza. Immagino sia la storia di Brindisi. Altro personaggio che non doveva tornare.

L'anno scorso le chiesi: "Nella storia con Jesse Hawks ci sarà Pedro Raza?" 

Risposta: " No. Forse in una seconda... Vedremo." 

E ancora con Zeke Colter. 

La mia domanda: "Rivedremo Zeke Colter?" 

Risposta: "Non è in programma, boh"

 

 

 

Diciamo la verità, che farà contento Diablero.  Se la Direzione mi chiede di fare diventare lo Speciale Tex Willer semestrale, occorre un po' di tempo per organizzarsi, no? Mica le storie si fanno in due giorni. Faccio miracoli, ma mica sempre. Quindi l'affermazione sugli Speciali era valida per quei tempi là...  Mo' vedremo. E finché vado in pensione ci provo, poi fatti vostri.:P

 

Su Jesse ho detto la verità. Nella sua prima storia Pedro Raza NON C'E'. Giusto?

 

Su Zeke ho solo non risposto. Masala ci metterà dieci anni, tanto...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">9 minuti fa</span>, borden dice:

E finché vado in pensione ci provo, poi fatti vostri

 

Perfida minaccia, lanciata per rovinare ciò che resta del Ponte dell'Immacolata...

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi
<span style="color:red">45 minuti fa</span>, borden dice:

Su Jesse ho detto la verità. Nella sua prima storia Pedro Raza NON C'E'. Giusto?

Si, ma leggendo "Forse si farà... vedremo" mi sembra chiaro che in quel momento non era in programma.

<span style="color:red">46 minuti fa</span>, borden dice:

Su Zeke ho solo non risposto. Masala ci metterà dieci anni, tanto...

Quindi era già in lavorazione a Marzo 2021? La domanda è di quel periodo. 

 

E riflettendoci: 

<span style="color:red">1 ora fa</span>, borden dice:

L'ho messa sullo Speciale solo ed esclusivamente per non interrompere troppo la continuity e farvi leggere con due mesi d'anticipo le storie di De Angelis, Gomez, Ghion e Brindisi su Cochise, Pedro Raza, Mano Rossa, El Diablo! Ti pare ancora una scelta sbagliata? 

Ok, ci saranno queste storie (quella su Raza dovrebbe essere di Gomez, non Brindisi, ho sbagliato), ma la sua continuity abbastanza serrata si interromperà comunque perchè le storie di Rauch/Giardo e Ruju/Zaghi dove vanno? Dubito sugli speciali visto che a Giugno c'è il Minstrel e l'anno prossimo Zagor.

 

Link to comment
Share on other sites

Allora...Di "speciale" questa storia ha un Tex tra due affascinanti figure femminili entrambe a capo dei rispettivi ranch. Poi è una storia "normale" che scorre bene, con un Dinamite pimpante, un Tex sparatorie contorsionista e, dopo varie peripezie, beato tra le donne (ultima vignetta docet). La storia di Ruju non annoia, ha un buon ritmo, i personaggi sono credibili. Tutto è abbastanza lineare e i disegni del buon Giardo sono precisi ed efficaci.

 

Link to comment
Share on other sites

Tutte e tre le storie che Ruju ha scritto per la serie Tex Willer, anche se di sole 124 pagine, sono buone e scorrono bene, senza situazioni improbabili forzate, cosa che non di può dire delle storie sulla regolare di Tex, e che si vedono anche nel secondo albo di Vancouver, che comunque ha una buona trama, ma ha queste scene di Tex e anche di altri protagonisti troppo fortunose che mandano avanti si la storia ma che vanno a discapito della bellezza della stessa.🙋‍♂️

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, MacParland dice:

Si, ma leggendo "Forse si farà... vedremo" mi sembra chiaro che in quel momento non era in programma.

Quindi era già in lavorazione a Marzo 2021? La domanda è di quel periodo. 

 

E riflettendoci: 

Ok, ci saranno queste storie (quella su Raza dovrebbe essere di Gomez, non Brindisi, ho sbagliato), ma la sua continuity abbastanza serrata si interromperà comunque perchè le storie di Rauch/Giardo e Ruju/Zaghi dove vanno? Dubito sugli speciali visto che a Giugno c'è il Minstrel e l'anno prossimo Zagor.

 

A proposito di quel che hai  capito su Raza, è affar tuo. Non posso certo rispondere delle TUE illazioni sbagliate.:P

 

Su Zeke Colter, se la domanda è dell'anno scorso, forse allora ho cambiato idea e hai ragione tu.  Chi non cambia idea? Fammi un nome... Conte? Di Maio? Berlusconi?:lol:

 

 

Per la continuity, accontentati di DUE mesi risparmiati: le altre, dopo il cancan che avete fatto, col fischio che le metto sugli Speciali!;):P

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 ore fa</span>, Piombo Caldo dice:

Tutte e tre le storie che Ruju ha scritto per la serie Tex Willer, anche se di sole 124 pagine, sono buone e scorrono bene, senza situazioni improbabili forzate, cosa che non di può dire delle storie sulla regolare di Tex, e che si vedono anche nel secondo albo di Vancouver, che comunque ha una buona trama, ma ha queste scene di Tex e anche di altri protagonisti troppo fortunose che mandano avanti si la storia ma che vanno a discapito della bellezza della stessa.🙋‍♂️

Se tre indizi fanno una prova...A Ruju stanno riuscendo ultimamente meglio le storie del giovane Tex? Concordo a grandi linee.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Diablorojo82 dice:

Se tre indizi fanno una prova...A Ruju stanno riuscendo ultimamente meglio le storie del giovane Tex? Concordo a grandi linee.

 

 

Io invece lo trovo molto più bravo nella regolare e sono quelle le storie che gli affido. Ruju è una persona seria:D, funziona meglio con il personaggio maturo.

 

E non trovo tortuosità in Vancouver. Macché!

Edited by borden
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">38 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Io invece lo trovo molto più bravo nella regolare e sono quelle le storie che gli affido. Ruju è una persona seria:D, funziona meglio con il personaggio maturo.

 

E non trovo tortuosità in Vancouver. Macché!

Non ho letto ancora Vancouver ma, per i miei gusti, devo ammettere che mi è piaciuta più quella dello Speciale rispetto alle ultime prove sulla regolare.

Poi sicuramente è più rodato con il Tex maturo ma il giovane non gli viene affatto male.

Link to comment
Share on other sites

Ancora con questa leggenda urbana secondo cui gli Speciali dovrebbero essere "speciali"?  :laughing:

 

È solo pubblicità. Se credete davvero che uno speciale abbia qualcosa di "speciale" solo perchè c'è scritto "speciale" sopra, vuol dire che credete davvero che se bevete una Red Bull vi crescono le ali?

 

Ci si può provare, a renderli "un po' diversi" con cose tipo autori diversi dal solito, effetti o colori strani, storie particolari, ma questo li può rendere al massimo "diversi", poi per vedere se sono davvero "speciali" bisogna vedere il risultato. E si può fare finché gli speciali sono POCHI, non quando FAI PIÙ SPECIALI CHE ALBI REGOLARI, ORMAI.

 

Ma non vi rendete conto che ad essere "speciale" ormai... è la serie regolare? Che viene per quanto possibile "protetta" dalla roba che finisce su Color, magazine o maxi o bis?

 

Aggiorniamo i conti: ogni anno adesso escono

12 albi della serie regolare   (1320 pp,  52,80€)

1 Albi bis       (110 pp, 4,40€)

12 albi di Tex Willer   (744 pp, 42€)

2 Speciali Tex Willer  (256 pp, 12,80€)

1 Texone  (224 pp, 9,90€)

2 Color Tex  (320 pp, 15,80€)

2 Maxi Tex  (656 pp,  17,80 €)

2 cartonati formato "francese"  (92 pp,  19,80 €)

1 Tex Magazine (110 pp, 8,50€)

 

Già così sono TRENTACINQUE uscite (tre tex al mese...) cioè 3832 pagine e 184 Euro, se ci aggiungiamo anche le strisce inedite (che non si sa ancora se saranno 6 o 9) arriviamo a QUARANTUNO O QUARANTAQUATTRO Tex all'anno.

 

Questo è semplicemente "spremere il limone" ormai oltre ogni decenza. Le uscite di Tex sono TRIPLICATE in poco più di un decennio! E c'è chi ancora pensa ad "occasioni speciali", ad un "regalo ai lettori"?

 

(per fare un confronto, ecco i dati del 2010:

12 albi della serie regolare  (1320 pp,  32,40 €)

1 Texone (224 pp, 5,80 €)

1 Maxi (328 pp, 6 €)

1 Almanacco (110 pp, 5,70 €)

Cioè, in totale, QUINDICI uscite, 1982 pagine e 49,90 Euro. La spesa è quasi QUADRUPLICATA...)

 

Cioè, il povero Borden ormai deve sfornare 4000 pagine di Tex all'anno, il doppio di dodici anni fa, e le volete pure "speciali"?  :laughing:

 

Mi pare ovvio che, ormai, alla Bonelli, l'ultimo a cui frega ancora qualcosa della qualità di Tex è Borden. Per la casa editrice siamo una mucca da mungere, e hanno visto che tanto, compriamo qualunque cosa...

 

Questo "speciale" non è altro che l'ovvio e prevedibile risultato di questa proliferazione di uscite.

 

E andrà sempre peggio. Vedrete che roba uscirà quanto usciranno settanta albi di Tex all'anno...

 

11 hours ago, borden said:

Diciamo la verità, che farà contento Diablero.  Se la Direzione mi chiede di fare diventare lo Speciale Tex Willer semestrale, occorre un po' di tempo per organizzarsi, no? Mica le storie si fanno in due giorni. Faccio miracoli, ma mica sempre

Era più che ovvio che questa era una storia da due albi per Tex Willer che è finita nello speciale per "tappare il buco"...  :lol:

 

Ma non tutto il male viene per nuocere...  sarebbe stata una delle peggiori storie di Tex Willer finora pubblicate, finendo sullo speciale non abbassa la media della serie regolare...  :P

 

4 hours ago, borden said:

Io invece lo trovo molto più bravo nella regolare e sono quelle le storie che gli affido. Ruju è una persona seria:D, funziona meglio con il personaggio maturo.

 

Concordo.

 

Ho fatto un sacco di critiche ai due albi di Vancouver (e se le meritava), ma lì le critiche erano soprattutto perchè troppo spesso "tira via" o ricorre sempre agli stessi cliché. Cioè "rovina" una storia potenzialmente molto interessante.

 

Questa sullo speciale non aveva nulla di interessante. La finisci e pensi "tutto qui?". 

 

 

  • +1 3
Link to comment
Share on other sites

Questione di punti di vista, per mè le storie di Ruju su Tex Willer non sono male, certo non sono capolavori ma fanno la loro figura.

Concordo invece su Vancouver che ha una buona trama se non ci fossero quelle stonature. Spero in un buon finale nel terzo albo.🙋‍♂️

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">11 ore fa</span>, Diablero dice:

Ancora con questa leggenda urbana secondo cui gli Speciali dovrebbero essere "speciali"?  :laughing:

 

È solo pubblicità. Se credete davvero che uno speciale abbia qualcosa di "speciale" solo perchè c'è scritto "speciale" sopra, vuol dire che credete davvero che se bevete una Red Bull vi crescono le ali?

 

Ci si può provare, a renderli "un po' diversi" con cose tipo autori diversi dal solito, effetti o colori strani, storie particolari, ma questo li può rendere al massimo "diversi", poi per vedere se sono davvero "speciali" bisogna vedere il risultato. E si può fare finché gli speciali sono POCHI, non quando FAI PIÙ SPECIALI CHE ALBI REGOLARI, ORMAI.

 

Ma non vi rendete conto che ad essere "speciale" ormai... è la serie regolare? Che viene per quanto possibile "protetta" dalla roba che finisce su Color, magazine o maxi o bis?

 

Aggiorniamo i conti: ogni anno adesso escono

12 albi della serie regolare   (1320 pp,  52,80€)

1 Albi bis       (110 pp, 4,40€)

12 albi di Tex Willer   (744 pp, 42€)

2 Speciali Tex Willer  (256 pp, 12,80€)

1 Texone  (224 pp, 9,90€)

2 Color Tex  (320 pp, 15,80€)

2 Maxi Tex  (656 pp,  17,80 €)

2 cartonati formato "francese"  (92 pp,  19,80 €)

1 Tex Magazine (110 pp, 8,50€)

 

Già così sono TRENTACINQUE uscite (tre tex al mese...) cioè 3832 pagine e 184 Euro, se ci aggiungiamo anche le strisce inedite (che non si sa ancora se saranno 6 o 9) arriviamo a QUARANTUNO O QUARANTAQUATTRO Tex all'anno.

 

Questo è semplicemente "spremere il limone" ormai oltre ogni decenza. Le uscite di Tex sono TRIPLICATE in poco più di un decennio! E c'è chi ancora pensa ad "occasioni speciali", ad un "regalo ai lettori"?

 

(per fare un confronto, ecco i dati del 2010:

12 albi della serie regolare  (1320 pp,  32,40 €)

1 Texone (224 pp, 5,80 €)

1 Maxi (328 pp, 6 €)

1 Almanacco (110 pp, 5,70 €)

Cioè, in totale, QUINDICI uscite, 1982 pagine e 49,90 Euro. La spesa è quasi QUADRUPLICATA...)

 

Cioè, il povero Borden ormai deve sfornare 4000 pagine di Tex all'anno, il doppio di dodici anni fa, e le volete pure "speciali"?  :laughing:

 

Mi pare ovvio che, ormai, alla Bonelli, l'ultimo a cui frega ancora qualcosa della qualità di Tex è Borden. Per la casa editrice siamo una mucca da mungere, e hanno visto che tanto, compriamo qualunque cosa...

 

Questo "speciale" non è altro che l'ovvio e prevedibile risultato di questa proliferazione di uscite.

 

E andrà sempre peggio. Vedrete che roba uscirà quanto usciranno settanta albi di Tex all'anno...

 

Era più che ovvio che questa era una storia da due albi per Tex Willer che è finita nello speciale per "tappare il buco"...  :lol:

 

Ma non tutto il male viene per nuocere...  sarebbe stata una delle peggiori storie di Tex Willer finora pubblicate, finendo sullo speciale non abbassa la media della serie regolare...  :P

 

 

Concordo.

 

Ho fatto un sacco di critiche ai due albi di Vancouver (e se le meritava), ma lì le critiche erano soprattutto perchè troppo spesso "tira via" o ricorre sempre agli stessi cliché. Cioè "rovina" una storia potenzialmente molto interessante.

 

Questa sullo speciale non aveva nulla di interessante. La finisci e pensi "tutto qui?". 

 

 

Naturalmente l'aggettivo "Speciale " è pubblicitario però qualcosa di "diverso" nelle uscite precedenti c'era ma non in questa.

Assodato questo aspetto la storia può piacere e non piacere (ed è questo secondo me l'aspetto più importante).

Mi piace avere in edicola "Tex diversi" però concordo con te che si viaggia verso la saturazione con il rischio della qualità (a tratti già si nota).

Però questo è il mercato.

Io adoro il calcio (ma si gioca veramente troppo), adoro i fumetti di un certo tipo(Tex, Ken Parker, Storia del West, Magico Vento), le serie tv e i film però le uscite sono troppe.

Forse dovrei boicottare tutto, disdire le piattaforme, selezionare gli albi da comprare.

Però non ci riesco...

Fortunatamente per soldi e spazio me le posso permettere (ancora) queste passioni. Perché rinunciarci allora vista la caducità della vita?

Ovviamente spero sempre in prodotti validi e soddisfacenti.

Naturalmente i "rischi " che tu evidenzi sono innegabili.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">11 ore fa</span>, Diablero dice:

Ancora con questa leggenda urbana secondo cui gli Speciali dovrebbero essere "speciali"?  :laughing:

 

È solo pubblicità. Se credete davvero che uno speciale abbia qualcosa di "speciale" solo perchè c'è scritto "speciale" sopra, vuol dire che credete davvero che se bevete una Red Bull vi crescono le ali

 

Da vecchio lettore, so che gli speciali non sono davvero tali e che sono una trovata pubblicitaria. Però è un fatto che tutte le pubblicazioni precedenti a Rancheras hanno avuto tutte un contenuto particolare, impreziosito poi dalla costina rossa che faceva tanto regalo di Natale. La speranza che si continuasse su questa china, dopo tre anni di sorprese vere (l'antologia deliziosa di racconti gotici con quei suggestivi effetti grafici, il fratello di Tex, Zagor) non era quindi del tutto infondata: uno spera sempre di avere a che fare, almeno per Natale, non con una casa editrice che deve fare di necessità virtù vista la proliferazione delle uscite; ma con un Babbo Natale vero, con tanto di barba e cappello posticci che, applicati sul volto di Borden, non sfigurerebbero affatto. :D

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.