Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[120/121] Dugan, Il Bandito


Voto alla storia  

24 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Just now, Leo said:

Quindi stai dicendo che non sono irrazionale, ma che dico cose illogiche o irrazionali. Forse è così, ma almeno nei miei post io non offendo nessuno. Su "Gilas" ero tra l'altro anche ironico e iperbolico e penso che questo si cogliesse. 

 

No, non si coglieva (o almeno, io non ho colto...).

 

Pensa a come appare quel post se non ci vedi il tono ironico...

Link to post
Share on other sites
Just now, Diablero dice:

 

No, non si coglieva (o almeno, io non ho colto...).

 

Pensa a come appare quel post se non ci vedi il tono ironico...

 

Parlavo di una visita di Nizzi in redazione 15 anni prima... E ribadisco che non parlavo solo della piccionata, ma anche delle figuracce di Carson. 

Link to post
Share on other sites

E allora scusami, dopo i giorni di polemiche su Nizzi dopo l'ultima storia ormai mi aspetto il peggio, e finisce che lo vedo anche dove non c'è...  :ops:

Link to post
Share on other sites
Just now, Diablero dice:

E allora scusami, dopo i giorni di polemiche su Nizzi dopo l'ultima storia ormai mi aspetto il peggio, e finisce che lo vedo anche dove non c'è...  :ops:

 

Non sono un nizziano, ma neanche un anti-nizziano. Non troverai mai in me un difensore a oltranza di Nizzi, anche se amo il Nizzi del "mio" periodo.

 

A parte questo, io credo che tu dovresti fare maggiore attenzione alla portata offensiva di certe tue uscite. Sei una risorsa di questo forum, hai una competenza e una cultura pazzesche, penso che tu abbia o avessi a che fare con la scrittura come lavoro (ulteriore valore aggiunto), quindi lungi da me voler litigare con te, apprezzo molto gran parte dei tuoi post. Consentimi, e non prenderla come un'offesa, di dirti che a volte esageri ;) 

Link to post
Share on other sites
  • co fondatore

Dai, fate i bravi. Lo sceriffo vi tiene d'occhio.

Link to post
Share on other sites

Avete tutti un pò rotto con sto Nizzi, pard cari. Lo tirate fuori ovunque. Non capisco come quest'uomo sia diventata una ossessione (con fans e haters) in questa maniera. Dovrò dargli atto di  non passare inosservato, con tutti sti casini che suscita da decenni😀

Perchè non lo considerate come uno degli autori di Tex, e vi limitate a parlarne bene quando occorre e male quando occorre, senza farvi venire il sangue agli occhi? Non è difficile, su.

Io sono ancora in attesa di vedere almeno un post di critica su Nizzi di alcuni e almeno uno di elogio di altri. Sennò qua pare che si parli del Babau o, al contrario, di Dante Alighieri redivivo.

 

Per il resto, io ho promesso solennemente agli sceriffi di non mettermi a litigare con gli haters e non lo farò, tuttavia credo che, essendo tali haters (e lo saranno per motivi loro che rispetto pure) anche persone intelligenti, potrebbero fare in modo di non seminare zizzania, che questo è sempre stato un sito civile, per favore. Altrimenti ci vuole davvero un attimo a trasformare anche questo sito in un bordello ingestibile.

 

P.S. Io non ci vedo nulla di male a criticare anche GLB quando occorre. Mica è Dio.

Link to post
Share on other sites

Scusa, Leo ma toni a parte, Diablero ha comunque ragione. Il tuo post su "Gilas" ha dato fastidio anche a me. Perché sembrava proprio un tentativo di giustificare gli errori di Nizzi dicendo che anche GLB sbagliava, ragionamento che di per sé ha delle falle logiche gigantesche.Secondo, perché da te non me lo sarei aspettato. Mi sono detto che doveva necessariamente essere un post ironico ma, ahimè, l'ironia non è così evidente quanto presumo che avresti voluto.

E con questo chiudo.

  • +1 1
Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">11 minuti fa</span>, Carlo Monni dice:

Scusa, Leo ma toni a parte, Diablero ha comunque ragione. Il tuo post su "Gilas" ha dato fastidio anche a me. Perché sembrava proprio un tentativo di giustificare gli errori di Nizzi dicendo che anche GLB sbagliava, ragionamento che di per sé ha delle falle logiche gigantesche.Secondo, perché da te non me lo sarei aspettato. Mi sono detto che doveva necessariamente essere un post ironico ma, ahimè, l'ironia non è così evidente quanto presumo che avresti voluto.

E con questo chiudo.

 

Probabilmente avrei dovuto mettere qualche faccina per far meglio comprendere il mio intento. Posso dire pero due cose:

 

1) al di là degli ultimi contributi di Diablero, che ribadisco apprezzo per la maggior parte, già prima del suo arrivo nel forum c'era una vulgata (o almeno questa era la mia sensazione, giusta o sbagliata che fosse) che voleva il Tex glbonelliano infallibile e il Tex nizziano eretico in questo senso perché troppo fallibile. Con il mio post intendevo quindi anche difendere un certo Nizzi, con un'iperbole ironica che evidentemente non è ben riuscita, lo ammetto.

 

2) su Carson non ero ironico, perché ho mal tollerato il trattamento inflittogli su questa storia, e ricordavo bene anche il Carson mezzo addormentato di Chinatown ;) e anche di qualche altra storia. 

 

Chiudo anch'io, buona domenica pard ;)

Link to post
Share on other sites

Sono i toni che contano ragazzi, i toni.

le opinioni possono tutte essere valide, ma se qui qualcuno si sente un padreterno e comincia a a rivolgersi in modo sprezzante agli altri, con dei modi come se ci si rivolgesse a dei minus habens, si crea zizzania e ci si va a cercare il flame e lo scontro, e poi si fa presto a fare una rissa da saloon, eh.

Io ve lo dico, poi fate voi.

<span style="color:red;">1 minuto fa</span>, Leo dice:

 

Probabilmente avrei dovuto mettere qualche faccina per far meglio comprendere il mio intento. Posso dire pero due cose:

 

1) al di là degli ultimi contributi di Diablero, che ribadisco apprezzo per la maggior parte, già prima del suo arrivo nel forum c'era una vulgata (o almeno questa era la mia sensazione, giusta o sbagliata che fosse) che voleva il Tex glbonelliano infallibile e il Tex nizziano eretico in questo senso perché troppo fallibile. Con il mio post intendevo quindi anche difendere un certo Nizzi, con un'iperbole ironica che evidentemente non è ben riuscita, lo ammetto.

 

2) su Carson non ero ironico, perché ho mal tollerato il trattamento inflittogli su questa storia, e ricordavo bene anche il Carson mezzo addormentato di Chinatown ;) e anche di qualche altra storia. 

 

Chiudo anch'io, buona domenica pard ;)

Lascia perdere amico. Critiche a GLB non sono ammesse, e quanto a Nizzi, c'è una parte di persone che lo ha eretto a causa di ogni male e quindi c'è poco da difendere.

  • Sad (0) 1
Link to post
Share on other sites
  • Sceriffi
<span style="color:red;">17 ore fa</span>, Leo dice:

 

Può essere che, facendo in questi giorni il pieno di Tex, e in special modo delle storie del "centinaio d'oro", sia un po' stanco e debba prendere un attimo fiato (anche se la storia successiva è la mitica Sulle piste del Nord...). Tuttavia, forse per questo e forse no, questa storia mi è parsa davvero poca cosa, al di là del merito storico dell'aver introdotto il tema dell'oro dei Navajos e averci quindi spiegato come mai Tex non abbia bisogno di soldi. 

 

 

Chiudendo l'ennesimo OT, torniamo sulla storia in questione, che per quanto "minore" e incastrata tra mostri sacri come "La legge del più forte", "Sulle piste del nord" e "Il figlio di Mefisto" (tre storie che per me vanno direttamente nella top ten di tutta la saga), si fa ricordare. Ci si ricorda soprattutto della scena iniziale - Tex che deposita l'oro dei monti dell'arcobaleno in banca, una scena "di vita quotidiana" che prepara al racconto ma introduce anche un tassello fondamentale del background del personaggio, spiega come faccia Tex ad essere sempre pieno di soldi (anche se lo si sapeva già prima). Del resto la storia non è fenomenale, ma non la definirei "poca cosa", si inserisce alla grande, come "La dama di picche" qualche numero prima o "Silver star" qualche numero dopo, come piacevole lettura che "spezza un po' il fiato" tra le grandi storie di ampio respiro di quel periodo.

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">37 minuti fa</span>, pecos dice:

Del resto la storia non è fenomenale, ma non la definirei "poca cosa", si inserisce alla grande, come "La dama di picche" qualche numero prima o "Silver star" qualche numero dopo, come piacevole lettura che "spezza un po' il fiato" tra le grandi storie di ampio respiro di quel periodo.

 

Come detto, non escludo che una certa stanchezza possa aver influito nel mio giudizio, anche se adesso sto leggendo Sulle piste del Nord e di fronte a tanto portento non c'è stanchezza che tenga. La Dama di picche a mio parere è superiore a questa storia, essendo sì classica ma intrisa di quell'atmosfera di magia che indubbiamente è un punto di forza di quella storia. Silver Star non la ricordo per niente, la rileggerò a breve. 

Link to post
Share on other sites
  • Sceriffi
Just now, Leo dice:

Come detto, non escludo che una certa stanchezza possa aver influito nel mio giudizio

 

Così come, nel mio caso, una certa nostalgia data dal fatto che queste sono state le mie prime storie di Tex ha certamente influenzato il mio giudizio ;)

 

Just now, Leo dice:

anche se adesso sto leggendo Sulle piste del Nord

 

Mi sembra decisamente un buon modo per passare la domenica! :clapping:

Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, pecos dice:

 

Così come, nel mio caso, una certa nostalgia data dal fatto che queste sono state le mie prime storie di Tex ha certamente influenzato il mio giudizio ;)

 

Ma sono le tue prime storie perche le hai recuperate, non perché tu le abbia lette in diretta no? Se non ricordo male, siamo più o meno coetanei, o no?

 

<span style="color:red;">4 minuti fa</span>, pecos dice:

Mi sembra decisamente un buon modo per passare la domenica! :clapping:

 

Decisamente sì, anche se ho dovuto abbandonare per minacce muliebri. Riprenderò più tardi ;)

Link to post
Share on other sites
  • Sceriffi
Just now, Leo dice:

Ma sono le tue prime storie perche le hai recuperate, non perché tu le abbia lette in diretta no? Se non ricordo male, siamo più o meno coetanei, o no?

 

Sì sì, li recuperò mio padre da un suo vecchio scatolone in cantina per farmeli leggere - c'erano diversi Tex in ordine sparso, ma quelli dal 117 al 121 c'erano tutti, e iniziai proprio da lì in modo da leggere storie complete. Contemporaneamente iniziammo a comprare l'inedito in edicola, "L'oro di Klaatu", era il lontano '94 ed io avevo quasi 9 anni :lol:

  • Like (+1) 1
Link to post
Share on other sites
3 ore fa, pecos dice:

 

Sì sì, li recuperò mio padre da un suo vecchio scatolone in cantina per farmeli leggere - c'erano diversi Tex in ordine sparso, ma quelli dal 117 al 121 c'erano tutti, e iniziai proprio da lì in modo da leggere storie complete. Contemporaneamente iniziammo a comprare l'inedito in edicola, "L'oro di Klaatu", era il lontano '94 ed io avevo quasi 9 anni :lol:

La storia che si ripete. Sembra di sentire me quando racconto di come ho conosciuto Tex.

Soltanto che io nel '94 erano già parecchi anni che avevo ricominciato la collezione, anche se il mio vecchio puntualmente

me li sequestrava per leggerli per primo!

In particolare sul primo "Dugan il bandito" che avevo campeggiava scritto a penna il nome e cognome di mio cugino,

che non ricordo aver mai visto leggere Tex. Avevo sempre in mente di domandarne il motivo, ma poi trovai un esemplare

in condizioni migliori e me ne sbarazzai.

Edited by Dix Leroy
Link to post
Share on other sites

Anche io leggo Tex per merito di mio padre.

Appena nato mi mise sotto il naso il numero uno, e da li furono 20 anni di amore, poi interruppi per molti anni, per poi riprendere e rimettimi in pari oltre un lustro fa.

Link to post
Share on other sites
  • 8 months later...

Storia breve, forse con poche pretese, ma che fila benissimo.

E trovo anche una certa originalità nella sceneggiatura, non tanto per il tema (bianchi disonesti e indiano amante del whisky) quanto per come questo sia calato in un contesto di vita quotidiana di Tex. In effetti tutta la vicenda parte da un fatto abbastanza banale (Tex che si reca a Gallup per acquistare rifornimenti) ma che, grazie ad un'abile intuizione dello sceneggiatore, si trasforma in una vicenda drammatica, risolta forse un pò troppo in fretta.

La dipartita della banda Dugan e dell'infido Cane Giallo è abbastanza insipida, senza il consueto guizzo di GLB.

Ma la storia, nel suo complesso, è veramente gradevole, aiutata dagli ottimi disegni di Nicolò, artista che amo moltissimo.

Tra i vari personaggi fa la sua comparsa Kelly, il proprietario del "Silver Star" (nome ripreso per una successiva, bellissima, storia) che ritroveremo in seguito in quello che considero il capolavoro di GLB.

Le parole finali di Tex in risposta a Carson che considerava chiusa la faccenda, contengono "in nuce" le drammatiche vicende che il Ranger dovrà affrontare:

"Il giorno in cui il segreto dei monti dell'Arcobaleno trapelerà sino a giungere alle orecchie di qualche avventuriero con alle spalle il solito pezzo grosso, allora sarà la fine di molte cose [...] Fatalmente succederà il grosso incidente che, abilmente gonfiato dai soliti politicanti, provocherà l'intervento dei militari e da quel momento lascio a te immaginare il resto".

Link to post
Share on other sites
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.