Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Le domande a Jacopo Rauch


ymalpas
 Share

Recommended Posts

  • Collaboratori

Questa è la discussione ufficiale per porre le nostre domande a Jacopo Rauch, "Ombra Silenziosa" su questo forum.

 

 

JacopoRauch_small.jpg

 

 

Nato a Siena nel 1970, ha cominciato la sua collaborazione con Sergio Bonelli Editore nel 1999, anno in cui ha scritto le sue prime storie di Zagor (Delaware! e I naufragatori), pubblicate nel 2002. Dopo alcuni anni di pausa, nel 2006 ha ripreso a scrivere continuativamente per lo Spirito con la Scure per poi iniziare a lavorare anche su Tex.

 

Ha esordito sulla serie regolare nel 2020 con la doppia "I forzati di Dryfork" realizzata graficamente da Prisco. Per il ranger ha sceneggiato anche per il Color Tex la breve "Il mescalero senza volto" del 2013, disegni di Bocci e la lunga "Gli amanti del Rio Grande" del 2020, disegni di Scascitelli; mentre per il Tex Magazine ha realizzato le brevi "Raccolto insanguinato" del 2019, disegni di Poli e la recente "La palude del morto" del 2023, disegni di Mastantuono.

 

 

 

Innanzitutto benvenuto all'autore su questo forum e un ringraziamento per la sua iscrizione che ci permette di avere un confronto con lui.

 

La prima domanda è un po' d'obbligo: ci sono altre storie di Tex che stai (ci diamo del tu, come con tutti gli altri autori?) scrivendo o che ti prepari a a scrivere? Conti di essere più presente su Tex nei prossimi anni?

Link to comment
Share on other sites

Ciao e grazie.

Sono iscritto da molto, anche se non sono mai intervenuto. Essendo un collaboratore occasionale, non mi sembrava il caso (e poi ho una naturale ritrosia a confrontarmi nei social).

Rispondo brevemente alla tua domanda (ci diamo del tu, ovviamente). Al momento sto scrivendo un'altra breve (o meglio 'brevina') da 78 pagine per un magazine, disegnata da un altro zagoriano della prima ora, Marco Torricelli. E proprio oggi, dopo averti risposto, manderò a Mauro il trattamento di un soggetto per una storia da un albo nella regolare. Ho però in cantiere, già concluse, un'altra breve (da 32), un Texone, e una da due albi per Tex Willer (che dovrebbe uscire durante l'anno). Avrei anche un soggetto già approvato per una da due albi nella regolare, che però giace ancora in un cassetto, per mancanza di tempo. 

Dunque, direi di sì, mi piacerebbe essere più presente in futuro, sulla testata (Mauro permettendo, ma anche Zagor permettendo, visto che non avrei intenzione di abbandonare lo Spirito con La Scure). 

Edited by Ombra Silenziosa
Link to comment
Share on other sites

Ciao Jacopo, complimenti per i tuoi lavori zagoriani e per "La palude del morto", ho apprezzato molto la tua storia del tex magazine. 

Volevo chiederti quali sono i tuoi film Western preferiti..hai un debole per il Western classico o per lo spaghetti-Western?

Link to comment
Share on other sites

Grazie. 

Mi piacciono entrambi, e anche i western contaminati con l'horror (quei pochi che ci sono). Sono onnivoro.

La lista dei film di genere che mi piacciono è lunga. Così, su due piedi... Ombre Rosse, Per qualche dollaro in più (il meno considerato, ma il mio preferito della trilogia), I Professionisti, Il mucchio selvaggio, Nessuna pietà per Ulzana... ma anche perle poco conosciute tra quelli di seconda fascia, come Chuka o Only the valiant. Ma chissà quanti ce ne sono che ora non mi vengono.

Link to comment
Share on other sites

Il 13/2/2023 at 05:44, Ombra Silenziosa dice:

E proprio oggi, dopo averti risposto, manderò a Mauro il trattamento di un soggetto per una storia da un albo nella regolare.

 

Un futuro Bis, forse? 

 

Il 13/2/2023 at 05:44, Ombra Silenziosa dice:

Avrei anche un soggetto già approvato per una da due albi nella regolare, che però giace ancora in un cassetto, per mancanza di tempo. 

 

Che dirti? Speriamo che il tempo tu lo trovi presto;)

 

19 ore fa, Ombra Silenziosa dice:

Per qualche dollaro in più (il meno considerato, ma il mio preferito della trilogia),

 

Anche il mio.

La sequenza del duello è parere personale, una delle migliori di tutto il cinema western in  assoluto.

e che dire della scena in cui il Colonnello Mortimer se va? "Un altra volta ragazzo" 

 

Il 13/2/2023 at 05:44, Ombra Silenziosa dice:

Dunque, direi di sì, mi piacerebbe essere più presente in futuro, sulla testata (Mauro permettendo, ma anche Zagor permettendo, visto che non avrei intenzione di abbandonare lo Spirito con La Scure). 

 

Per quanto mi riguarda  sarei molto felice sia di vederti di più su Tex ma anche su Zagor dove hai fatto e stai facendo (sono molto fiducioso nel futuro:laugh:) un ottimo lavoro

 

Link to comment
Share on other sites

Innanzitutto, Jacopo, complimenti per "La palude del morto" e per le tue storie zagoriane di vampiri. Leggo solo saltuariamente lo Spirito con la scure, ma le storie classiche e molte delle moderne (anche se non tutte) le conosco: come mai ti sono state affidate proprio storie sui vampiri? Sei un appassionato dell'argomento? E hai mai pensato di proporre soggetti per Dampyr, visto che ti vengono bene le avventure tenebrose?

Infine un'altra domanda: puoi dirci qualcosina sul tuo Texone che sta disegnando Palumbo? Dov'è ambientato... se sono presenti tutti e quattro i pards...

 

Grazie! 

Link to comment
Share on other sites

@Poe @Carlo MonniGrazie per gli apprezzamenti.

Per quanto riguarda le storie di vampiri su Zagor, non mi sono state affidate, ma direi piuttosto che me le sono prese (col benestare di Boselli e Burattini, ovviamente), perché l'argomento mi piace. Sono figlio della cultura popolare cinematografica/fumettistica anni 70/80 e dunque, appassionato di Horror, oltre che di Western.

Per Dampyr non mi sono mai proposto, sebbene Boselli mi abbia sempre lasciato la porta aperta. Avevo in testa un paio di soggetti abbozzati che però non ho mai sviluppato concretamente, per mancanza di tempo. Dampyr è molto impegnativo. Per me, particolarmente, perché mi trovo più a mio agio con personaggi 'classici', piuttosto che moderni.

Sul texone posso al massimo dirti che è una storia di impianto classico e lineare, con i due pards e che si svolge in Arizona.

Edited by Ombra Silenziosa
Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Tutto interessante, ma faccio mia una sua frase sacrosanta e la dedico a chi pensa che i Bonelli costino troppo: "Questo, molto in sintesi, è il lavoro che c’è dietro a un albo che al lettore costa meno di un aperitivo".

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.