Jump to content
TWF - Tex Willer Forum
Guest Colonnello_Jim_Brandon

[466/468] Golden Pass

votate quest' avventura  

51 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Premetto che sono un grande estimatore delle storie di Nolitta (anche se questa è stata scritta a quattro mani con Boselli), la prima storia che ho letto è stata El Muerto, ero bambino e leggevo quel che trovavo in casa. Qualche anno dopo iniziai a comprare autonomamente Tex, e la seconda storia che ho letto è stata I Dominatori della Valle poi scopr? che esisteva anche Tex Tre Stelle e quindi in contemporanea iniziai a leggere Giungla Crudele, dunque le prime tre storie di Tex lette sono state tutte di Nolitta. Trovo che questa non sia la sua miglior storia, ci sono tutti gli ingredienti che ne caratterizzano lo stile, ma credo troppo enfatizzati: siparietti comici che a volta rasentano il grottesco, dialoghi ben curati, ma troppo lunghi sfiorando in qualche occasione la diarrea verbale, e quasi due albi per arrivare al nerbo della storia. Nel complesso è stato piacevole leggerla, però trovo che non sia delle migliori, e gli stessi disegni di Ticci non sono la sua miglior prova.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La storia è bellissima e riesce a tenere viva l'attenzione del lettore nonostante la lunghezza. Il soggetto originario di Nolitta viene trasformato da Boselli che come al solito inventa una serie di coprotagonisti da antologia: da Mamie Smith ( bellissimi i siparietti con il vecchio cammello), a Roger e Barbara Grayson, fino a Steve Behan. L'unica cosa che mi sento di rimproverare a Boselli è forse quella di aver stereotipato troppo i tratti psicosomatici della restante parte della famiglia Behan... troppo poco individui i fratelli di Steve, troppo uguali tra loro, troppo gratuitamente feroce il padre (vedesi la scena della morte di Dan Behan). Bella la scena dell'incontro di pugilato, anche se Pat Mc Ryan le prende troppo di santa ragione e a me, che ho un debole per l'Irlanda, questo fa storcere un pochino il naso. Nonostante questo, la storia come ho già detto è veramente bella e prende un 8 pieno: non la ritengo una delle migliori vicende dell'intera saga, ma sicuramente è superiore alla media delle storie Texiane. Grande Ticci, uno dei miei disegnatori preferiti. Soggetto: 8Sceneggiatura: 8 ( 7,5 Nolitta, 8,5 Boselli)Disegni: 9Voto globale alla storia: 8

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un primo albo letteralmente buttato,tanto che in fin dei conti la storia vera inizia dal secondo albo (cioè quando l ha presa in mano Borden).il primo.albo praticamente non l'ho mai più riletto.

Ciò detto,la storia è decisamente buona:il personaggio in assoluto più riuscito è quello del sergente Buster,con un Pat decisamente in forma.la banda dei fratelli zotici,sfruttata dalla moglie arpia di Grayson non impensierisce molto Tex,che comunque si dimostra all altezza della situazione.una delle poche storie di Borden.in cui è presente una buona dose di humour

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima parte molto lenta e rilassata, come si addice a gran parte delle storie di Nolitta che poi son diventate capolavori. In questo caso, però, non é lui a scrivere la seconda parte, bensì Boselli.
La storia prosegue sullo stesso binario, alternando scene d'azione ad altre di vita quotidiana degli innumerevoli personaggi creati per l'occasione.
La scena più bella? Il pestaggio dello sceriffo da parte di Tex: ho goduto!
Il ritorno sulla scena dei due ragazzini del Tennessee, e la loro dipartita, l'ho visto molto Nolittiano, ma credo di aver letto da qualche parte che è stato ideato da Boselli, che ben si adatta, quindi, alla penna del Maestro.
Per concludere, storia bellissima pur con un Ticci in netto calo che disegna benissimo i due pards ma pecca con tutti gli altri comprimari, con le sue donnine col nasino tagliato e gli uomini tutti alti e robusti. Inoltre dimentica volutamente moltissimi sfondi sia interni che esterni.
Voto alla storia: 8,7
Voto ai disegni: 7,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

La parte scritta da Nolitta è un capolavoro: si comincia con un battibecco a dir poco esilarante, e a seguire una sparatoria lunga ed emozionante e piena di pathos, tipicamente da Nolitta. Si prosegue  con un mucchio di sequenze una più  divertente dell'altra: il vitello nel saloon,  la rissa, Pat che spacca la porta della cella, lo scontro di boxe. Davvero, questa parte è  una goduria pura. Sinceramente, pero, la parte boselliana non mi è piaciuta. Per i motivi che espongo:

 

 I due banditi, per me, non dovevano piu tornare, avevano già  esaurito benissimo il loro compito, è  vero che erano una digressione, ma sinceramente a me spesso quelle nolittiane piacciono.

 

I cattivi sono indubbiamente ben caratterizzati, ma sono privi di carisma.

 

Il personaggio di Mamie Smith era interessante, ma ritengo che Boselli avrebbe dovuto dotarla di maggiore umorismo.

 

Il soggetto di questa parte non è un granché: troppo " spoglio" e prevedibile.

 

Facendo la media, direi che le do 7. I disegni di Ticci sono splendidi come sempre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Staffette di disegnatori su un singolo episodio sono capitate sulla regolare, meno frequenti, per usare un eufemismo, quelle riguardanti le sceneggiature. “Golden Pass” è uno di quei casi più eclatanti in tal senso e l’esito finale della prova viene molto influenzato da questo inconsueto passaggio di consegne. Personalmente ho sempre avuto alcune curiosità legate a questo episodio e magari potrei avere qualche risposta qui sul Forum. Ero a conoscenza del fatto che Nolitta, alias Sergio Bonelli, cominciò la stesura della storia nei primissimi anni novanta per destinarla al grande Galep, appena reduce dell’albo celebrativo del numero 400. Purtroppo il compianto papà grafico del nostro ranger “giunto alla fine della pista”, non riuscì a proseguire l’opera e le sue tavole rimasero archiviate in un cassetto dell’editore, così come affermato dallo stesso Sergio Bonelli in una delle sue rubriche pubblicate in appendice nelle ristampe. Desumo che, trascorsi alcuni anni, in redazione si sia deciso di riprendere lo spunto e rimettere in lavorazione la storia. A differenza dell’episodio dei "Wolfers", Ticci viene incaricato di ridisegnare pure la sessione già illustrata anni prima da Galep, presumibilmente per una carenza grafica dovuta alla malattia del grande Aurelio e il resto della sceneggiatura viene affidata a Boselli. Prima domanda: considerata l’esigenza di ridisegnare tutte le tavole, perché non far scrivere in toto la sceneggiatura a Boselli? Seconda curiosità: L’attuale curatore si attenne allo spunto di soggetto originario di Nolitta o modificò a suo piacimento il proseguo della narrazione? A primo impatto la seconda mia domanda può sembrare scontata, ma considerando il netto stacco fra le due sessioni e il fatto che praticamente nel primo albo Nolitta si limiti a tergiversare con lunghe scene e prolissi dialoghi fini a se stessi, dando l’impressione di andare avanti alla cieca senza sapere quali sbocchi far prendere alla storia, qualche dubbio me lo mette.

Inutile nascondere che il primo volume, così come concepito ha poco senso. Ometterlo non solo non avrebbe inficiato l’esito finale, anzi lo avrebbe di gran lunga migliorato.

Può darsi che il sottoscritto sia prevenuto nei confronti di Nolitta su Tex, ma analizzando l’albo n. 466 caratterizzato da una lunghissima scena, fine a se stessa, di una noiosa sparatoria a opera di due rubagalline che Tex non si prende nemmeno la briga di punire (anzi gli regala pure 100 dollari), dai disastri comici di un Pat, che riesce perfino a farsi umiliare nella box e i dialoghi verbosi dei nostri, pieni di battute e risatine da orticaria di Carson, non succede nient’altro e già allora ebbi il sospetto di aver buttato le 3.500 lire, prezzo di copertina in quel lontano 1999. Appena la sceneggiatura passò in mano a Boselli, il ritmo cambiò repentinamente e la narrazione entrò nel vivo, con la discreta caratterizzazione dei personaggi e un’accettabile trama, sebbene un po’ prevedibile. A tal proposito, si ha l’impressione che Boselli, costretto a cimentarsi in una storia non del tutto sua, appaia come un po’ imbrigliato; riuscì nell’impresa di dare un filo logico agli eventi e rendere leggibile la prova, ma non potendo dare sfogo oltremodo alla sua fantasia e vincolato dalla localizzazione della vicenda tra Nameless Town e Georgetown, portò a casa il risultato senza eccessive pretese. Buone comunque le caratterizzazioni dei suoi personaggi, scoppiettante la sceneggiatura e vivaci i dialoghi. Consueta prova magistrale di Ticci, sempre molto abile nelle rappresentazioni paesaggistiche e dinamismo di narrazione illustrata, tuttavia, a voler trovare un piccolo neo nelle sue tavole, mi convince poco la rappresentazione grafica della moglie del banchiere, un po’ di sensualità e fascino in più non avrebbe guastato, visto che proprio di queste armi la reale villain si serve per circuire il giovane Behan. Il mio voto complessivo è dato anche questa volta da una media aritmetica:  4 per ciò che concerne il minestrone in salsa comica di Nolitta e 7 il proseguo più consono scritto da Boselli. Aggiungo mezzo punto in più, perché non me la sento di affibbiare un voto inferiore alla sufficienza all’ultima storia di Tex in cui appare fra i crediti il nome del suo editore. Il mio voto finale è 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cita
<span style="color:red;">40 minuti fa</span>, Condor senza meta dice:

ma considerando il netto stacco fra le due sessioni e il fatto che praticamente nel primo albo Nolitta si limiti a tergiversare con lunghe scene e prolissi dialoghi fini a se stessi,

 

Non so rispondere alle tue domande, ma mi trovo perfettamente d'accordo con te. Comunque era già da un po' che andava così, probabilmente sono, come dici tu, prevenuto nei confronti di Nolitta . Negli ultimi due anni ho riletto praticamente tutto di TEX , andando per disegnatore o per sceneggiatore, e mi è capitato solo due volte di non riuscire a finire una storia, una di queste era gli uomini giaguaro, incredibilmente prolissa. Salvo rare storie, tra le prime che lui scrisse, non mi è mai andato giù.

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo  il messaggio scritto da Pedro Galindez il 21 dicembre 2008, Ticci avrebbe aiutato Muzzi.

Qualcuno potrebbe dirmi in quale storia?

Grazie molte.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 20/9/2019 at 00:06, ggaaco dice:

e mi è capitato solo due volte di non riuscire a finire una storia, una di queste era gli uomini giaguaro, incredibilmente prolissa. 

 Concordo. Gli uomini giaguaro è l'unica storia che ho letto solo due volte. E la seconda sono riuscito a finirla a stento.

Detto questo, la storia qui sopra mi sembra molto bella, anche se la seconda parte è assolutamente migliore, come già scritto dalla maggioranza di voi. Il mio voto globale è 8. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La storia in questione rappresenta un tentativo eccellente di far rivivere un Tex Glbonelliano di alto profilo.

 

L abbiamo detto tutti,il primo albo è totalmente inutile ai fini della trama...ci presenta però un bel pestaggio in un saloon e uno dei cattivi principali,lo sceriffo...di contro ci sono lungaggini esasperanti iniziali con la sparatoria tra Tex e i due Redneck del Tennessee (due pivelli), la gara di boxe finale, del tutto superflua ai fini della trama,per altro

 

Dall' albo successivo assistiamo ad una bella e solida trama western,con l'inserimento di tutta una serie di personaggi caratteristici del genere, come la grassoccia Mamie Smith,il furbo e simpatico messicano Diego (mi piacerebbe rivederlo)i due Buster,la cantante da saloon e, naturalmente,i Bean,vere e proprie puzzole feroci guidati dalla maliarda Madame Grayson e dal tontolone Steve...

Il finale con la tavolata per festeggiare la vittoria è quanto di più bello sì possa aspettare da una storia western...

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia per me molto godibile, curiosamente scritta a due mani da Nolitta e Boselli.

La prima parte, se ho ben capito, è scritta da Sergio, e devo dire che è impregnata di un umorismo e dei dialoghi molto divertenti e quasi Nizziani. Quando entra in gioco Boselli la storia acquista ritmo e perde un pò di umorismo.

Comunque storia davvero bella, con dei bei personaggi. Una intera famiglia di delinquenti, con tanto di padre infermo che frusta i figli. Una donna serpe e arrivista che è la vera mente della vicenda, il marito cornuto, banchiere "grigio", solito stilema Boselliano, Mamie (belli i siparietti con Carson), la ragazza e poi Pat e tanti altri.

La scena più divertente direi quella di Pat al saloon e del vitello.

Ticci bravissimo ma meno di altre volte.

Nolitta/Boselli 8

Ticci 7

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">1 ora fa</span>, valerio dice:

Storia per me molto godibile, curiosamente scritta a due mani da Nolitta e Boselli.

La prima parte, se ho ben capito, è scritta da Sergio, e devo dire che è impregnata di un umorismo e dei dialoghi molto divertenti e quasi Nizziani. Quando entra in gioco Boselli la storia acquista ritmo e perde un pò di umorismo.

Comunque storia davvero bella, con dei bei personaggi. Una intera famiglia di delinquenti, con tanto di padre infermo che frusta i figli. Una donna serpe e arrivista che è la vera mente della vicenda, il marito cornuto, banchiere "grigio", solito stilema Boselliano, Mamie (belli i siparietti con Carson), la ragazza e poi Pat e tanti altri.

La scena più divertente direi quella di Pat al saloon e del vitello.

Ticci bravissimo ma meno di altre volte.

Nolitta/Boselli 8

Ticci 7

 

Le prime 120 pagine sono state scritte da Nolitta, e devo dire che le trovai sì divertenti ma un po' molli, annacquate, con una storia che non partiva mai.

La seconda parte, invece, non mi vergogno a considerarla un piccolo capolavoro per via dei personaggi che la animano. Questi infatti, con la loro umanità e con la loro mostruosità, sono a mio parere tra le figure più autentiche e vere mai apparse nelle pagine texiane.

 

On 19/9/2019 at 23:17, Condor senza meta dice:

Appena la sceneggiatura passò in mano a Boselli, il ritmo cambiò repentinamente e la narrazione entrò nel vivo, con la discreta caratterizzazione dei personaggi e un’accettabile trama, sebbene un po’ prevedibile. A tal proposito, si ha l’impressione che Boselli, costretto a cimentarsi in una storia non del tutto sua, appaia come un po’ imbrigliato; riuscì nell’impresa di dare un filo logico agli eventi e rendere leggibile la prova, ma non potendo dare sfogo oltremodo alla sua fantasia e vincolato dalla localizzazione della vicenda tra Nameless Town e Georgetown, portò a casa il risultato senza eccessive pretese.

 

Per le ragioni sopra esposte, una volta tanto non sono d'accordo con una recensione di Condor senza meta ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
<span style="color:red;">33 minuti fa</span>, Leo dice:

Per le ragioni sopra esposte, una volta tanto non sono d'accordo con una recensione di Condor senza meta ;) 

Può capitare pard, non sempre ci si trova sulla stessa frequenza d'onda e meno male: sai che noia se i giudizi fossero sempre monocordi! 🙂  Proprio il garbato e costruttivo confronto di opinioni fra appassionati, rappresenta l'energia vitale di questo interessantissimo forum. :cowboy:   

  • +1 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, che sia riuscita bene o male non lo so, ma non ero affatto vincolato. Da che cosa sarei dovuto essere vincolato, di grazia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio avviso la tua parte è riuscita abbastanza, non a caso avevo specificato nel mio commento che la seconda sessione meritava un sette pieno. Non intendevo certamente sostenere che tu fossi stato vincolato da veti o opposizioni di Sergio, più che altro pensavo che il riprendere un'opera già iniziata, con un'ambientazione definita, alcuni personaggi già abbozzati e una collocazione geografica fissa, non sia la stessa cosa di poter lavorare in toto su uno spunto proprio. Magari sono totalmente in errore, ma era questo il pensiero che intendevo esprimere.  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiaro. Credevo pensassi che Sergio mi avesse imposto un soggetto preciso. Naturalmente non è così e nella sua parte non c'è nessun personaggio fisso, perciò non è stato un problema. La storia reinizia da quando i nostri  entrano in banca, cioè da quando subentro io. Tutti i personaggi, a parte Pat, compaiono in seguito. E' stato divertente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.