Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[Strisce Anastatiche di Tex]


Diablero
 Share

Recommended Posts

Ma perchè per le vignette o i balloons danneggiati nelle strisce originali non hanno utilizzato le corrispondenti parti della seconda serie gigante non censurata, di cui si trovano certamente più copie e in migliori condizioni rispetto alle strisce? Sempre meglio che ricostruire il lettering o inventarsi le cose!

Link to comment
Share on other sites

3 minutes ago, PapeSatan said:

Ma perchè per le vignette o i balloons danneggiati nelle strisce originali non hanno utilizzato le corrispondenti parti della seconda serie gigante non censurata, di cui si trovano certamente più copie e in migliori condizioni rispetto alle strisce?

Ehh?????   :blink:

 

Per te si trovano più facilmente, e in maggior numero, albi che costano migliaia di euro l'uno (e che comunque non hai mai davvero la certezza che sia davvero totalmente non censurato, se ne scoprono ogni giorno di nuove0 che non albi a striscia da qualche decina di euro?  :laugh:

 

In generale, sarebbe una procedura non corretta (e Piacentini c'e rimasto fregato, con un notevole danno d'immagine, perchè si è fidato a farlo con albi che CREDEVA non censurati), ma in questo caso sarebbe davvero masochistica!

 

(Senza contare anche il fatto che, proprio perchè valgono così tanto e sono così ricercati, c'è un fiorente commercio di copie farlocche, che sono state "decensurate" magari mettendoci una pagina presa da un altra edizione per fregare quelli che guardano solo la censura più famosa di ogni albo. Per un albo che rivendi poi ad un pollo a duemila o tremila euro vasle la pena, non per una striscia, e infatti di casi di strisce farlocche non ne conosco, a parte ovviamente quelli che su ebay vendono asnastatiche come originali, ma in quel caso spesso è il venditore che è uno sprovveduto...)

Link to comment
Share on other sites

Da quello che capito fanno 3 tipi di lavoro di ricerca

Innanzitutto cercano le strisce originali  con meno usura del tempo

In secondo luogo non venendo a trovare strisce originali  in buono stato credo sfruttino la ristampa piacentini

Per quello che riguarda le vignette e i ballons non censurati non trovando strisce senza censura nulla di più facile che quei dialoghi a tutti gli effetti non censurati li scannerizzano dalla prima serie  gigante che non era censurata

Questo potrebbero aver fatto

Una cosa è certa:

Con la anastatica Diabolik a ogni errore di stampa o di numeri con colirometria diversa o diverse vignete diverse dall'originale hanno sempre riparato ristamnpando l'albo in modo corretto

Link to comment
Share on other sites

3 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Da quello che capito fanno 3 tipi di lavoro di ricerca

Innanzitutto cercano le strisce originali  con meno usura del tempo

No. Anche qui l'articolo di Bono è chiaro: HANNO GIÀ due serie a striscia, quella dell'Archivio Bonelli, e quello della Guida al Fumetto Italiano (cioè di Bono stesso)e usano QUELLE. E nel caso in cui si sono trovati con una singola striscia dove nessuna delle due collezioni aveva una copia usabile, non ne hanno comprata un'altra (su ebay si trova a 700 Euro) ma hanno ripiegato sull'anastatica già fatta da Piacentini.

 

(spero che quando arriveranno a strisce meno rare e costose non lo facciano più, ma dubito che se ricapita comprino la striscia originale, anche se costa meno comporterebbe ritardi, le Piacentini ci potrei scommettere che le hanno già...)

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">8 minuti fa</span>, Diablero dice:

No. Anche qui l'articolo di Bono è chiaro: HANNO GIÀ due serie a striscia, quella dell'Archivio Bonelli, e quello della Guida al Fumetto Italiano (cioè di Bono stesso)e usano QUELLE. E nel caso in cui si sono trovati con una singola striscia dove nessuna delle due collezioni aveva una copia usabile, non ne hanno comprata un'altra (su ebay si trova a 700 Euro) ma hanno ripiegato sull'anastatica già fatta da Piacentini.

 

(spero che quando arriveranno a strisce meno rare e costose non lo facciano più, ma dubito che se ricapita comprino la striscia originale, anche se costa meno comporterebbe ritardi, le Piacentini ci potrei scommettere che le hanno già...)

In definitiva Diablero la copertina del numero anastatico  della seconda serie publicato dalla gazzetta tu come lo ritieni?

Buona scelta o altro?

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">20 minuti fa</span>, Diablero dice:

Ehh?????   :blink:

 

Per te si trovano più facilmente, e in maggior numero, albi che costano migliaia di euro l'uno (e che comunque non hai mai davvero la certezza che sia davvero totalmente non censurato, se ne scoprono ogni giorno di nuove0 che non albi a striscia da qualche decina di euro?  :laugh:

 

In generale, sarebbe una procedura non corretta (e Piacentini c'e rimasto fregato, con un notevole danno d'immagine, perchè si è fidato a farlo con albi che CREDEVA non censurati), ma in questo caso sarebbe davvero masochistica!

 

(Senza contare anche il fatto che, proprio perchè valgono così tanto e sono così ricercati, c'è un fiorente commercio di copie farlocche, che sono state "decensurate" magari mettendoci una pagina presa da un altra edizione per fregare quelli che guardano solo la censura più famosa di ogni albo. Per un albo che rivendi poi ad un pollo a duemila o tremila euro vasle la pena, non per una striscia, e infatti di casi di strisce farlocche non ne conosco, a parte ovviamente quelli che su ebay vendono asnastatiche come originali, ma in quel caso spesso è il venditore che è uno sprovveduto...)

Ma mica devono farmi l'anastatica di un intero albo della seconda serie gigante, col rischio che mi vendano l'anastatica di una copia farlocca!

A quello avrebbero potuto attingere per le sole strisce danneggiate, anche solo per riferimento, magari quella vignetta danneggiata non aveva nulla di farlocco nella copia farlocca. Sempre meglio che scrivere "Miller" o prendere il riempimento a penna del titolo "La banda di Kid Billy".

Se poi avessero anche solo preso l'edizione anastatica delle strisce Piacentini, che tra tutte è sicuramente la meno farlocca...

Link to comment
Share on other sites

8 minutes ago, PapeSatan said:

A quello avrebbero potuto attingere per le sole strisce danneggiate, anche solo per riferimento, magari quella vignetta danneggiata non aveva nulla di farlocco nella copia farlocca. Sempre meglio che scrivere "Miller" o prendere il riempimento a penna del titolo "La banda di Kid Billy".

Questi sono semplicemente errori, punti. Se, come dice Bono, hanno 2 copie di ogni striscia a parte una, avevano due copie anche di quelle, quindi:

1) chi di dovere doveva accorgersi che quello su kid billy era un segno di penna

2) chi di dovere doveva sapere che in nessuna delle due strisce c'era Miller.

 

Pensi che dargli un albo diverso, e dirgli di fare il calcolo esatto delle pagine e delle strisce per ritrovare esattamente la vignetta giusta, fatto dalla stessa persona, avrebbe evitato errori?

 

Ci saremmo ritrovati con un collage di vignette prese da strisce diverse...

 

Sui non censurati, se non sei sicuro che non siano censurati, non lo sei di nessuna vignetta. per essere sicuro come fai? Confronti con una striscia originale. Quindi vuol dire che hai la striscia originale...

 

E se scansioni un albo brossurato, lo rovini. A quel punto visto che hai buttato via 3.000 euro per una vignetta, puoi anche scansionarle 2...

 

Ma sono discorsi oziosi. Se dovessero andare a caccia della copia migliore per ogni striscia, questa ristampa anastatica probabilmente sarebbe trimestrale...

 

In generale, mi pare davvero un lambiccamento inutile stare a dire "dovete fare così, che vi garantisco che se spendete 3000 euro a vignetta con una ristampa evitare errori sul lettering", così come qualunque "fate così o cosà".

 

Io quelle strisce non le ho viste, non so il materiale che avevano, non so che tipo di restauro hanno fatto (anche per questo vorrei che me ne parlassero nei prossimi articoli)

 

Se hanno messo al lavoro gente esperta (che probabilmente aveva preso un giorno di ferie per il numero 20) non sto a insegnargli il mestiere.Se hanno preso degli incapaci, è inutile che vado ad insegnargli il mestiere. Che oltretutto non so fare.

 

Non si va a spiegare al cuoco come deve fare la zuppa. Si assaggia il risultato finale e si giudica quello.

 

P.S.:

29 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

In definitiva Diablero la copertina del numero anastatico  della seconda serie publicato dalla gazzetta tu come lo ritieni?

Buona scelta o altro?

la domanda non ha senso. Buona scelta di cosa?

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">18 minuti fa</span>, Diablero dice:

Questi sono semplicemente errori, punti. Se, come dice Bono, hanno 2 copie di ogni striscia a parte una, avevano due copie anche di quelle, quindi:

1) chi di dovere doveva accorgersi che quello su kid billy era un segno di penna

2) chi di dovere doveva sapere che in nessuna delle due strisce c'era Miller.

 

Pensi che dargli un albo diverso, e dirgli di fare il calcolo esatto delle pagine e delle strisce per ritrovare esattamente la vignetta giusta, fatto dalla stessa persona, avrebbe evitato errori?

 

Ci saremmo ritrovati con un collage di vignette prese da strisce diverse...

 

Sui non censurati, se non sei sicuro che non siano censurati, non lo sei di nessuna vignetta. per essere sicuro come fai? Confronti con una striscia originale. Quindi vuol dire che hai la striscia originale...

 

E se scansioni un albo brossurato, lo rovini. A quel punto visto che hai buttato via 3.000 euro per una vignetta, puoi anche scansionarle 2...

 

Ma sono discorsi oziosi. Se dovessero andare a caccia della copia migliore per ogni striscia, questa ristampa anastatica probabilmente sarebbe trimestrale...

 

In generale, mi pare davvero un lambiccamento inutile stare a dire "dovete fare così, che vi garantisco che se spendete 3000 euro a vignetta con una ristampa evitare errori sul lettering", così come qualunque "fate così o cosà".

 

Io quelle strisce non le ho viste, non so il materiale che avevano, non so che tipo di restauro hanno fatto (anche per questo vorrei che me ne parlassero nei prossimi articoli)

 

Se hanno messo al lavoro gente esperta (che probabilmente aveva preso un giorno di ferie per il numero 20) non sto a insegnargli il mestiere.Se hanno preso degli incapaci, è inutile che vado ad insegnargli il mestiere. Che oltretutto non so fare.

 

Non si va a spiegare al cuoco come deve fare la zuppa. Si assaggia il risultato finale e si giudica quello.

 

P.S.:

la domanda non ha senso. Buona scelta di cosa?

Io intendo questa anastatica del numero 1 seconda serie,come copertina,tu come la ritieni?

Buona o scarsa?

Abbiamo capito che le vignete interne sono senza censura,perciò i dialoghi sono della primissima edizione

Ma la copertina?

A me piacciono le copertine che restino come erano in origine senza ritocchi

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, Diablero dice:

Questi sono semplicemente errori, punti. Se, come dice Bono, hanno 2 copie di ogni striscia a parte una, avevano due copie anche di quelle, quindi:

1) chi di dovere doveva accorgersi che quello su kid billy era un segno di penna

2) chi di dovere doveva sapere che in nessuna delle due strisce c'era Miller.

 

Pensi che dargli un albo diverso, e dirgli di fare il calcolo esatto delle pagine e delle strisce per ritrovare esattamente la vignetta giusta, fatto dalla stessa persona, avrebbe evitato errori?

 

Ci saremmo ritrovati con un collage di vignette prese da strisce diverse...

 

Sui non censurati, se non sei sicuro che non siano censurati, non lo sei di nessuna vignetta. per essere sicuro come fai? Confronti con una striscia originale. Quindi vuol dire che hai la striscia originale...

 

E se scansioni un albo brossurato, lo rovini. A quel punto visto che hai buttato via 3.000 euro per una vignetta, puoi anche scansionarle 2...

 

Ma sono discorsi oziosi. Se dovessero andare a caccia della copia migliore per ogni striscia, questa ristampa anastatica probabilmente sarebbe trimestrale...

 

In generale, mi pare davvero un lambiccamento inutile stare a dire "dovete fare così, che vi garantisco che se spendete 3000 euro a vignetta con una ristampa evitare errori sul lettering", così come qualunque "fate così o cosà".

 

Io quelle strisce non le ho viste, non so il materiale che avevano, non so che tipo di restauro hanno fatto (anche per questo vorrei che me ne parlassero nei prossimi articoli)

 

Se hanno messo al lavoro gente esperta (che probabilmente aveva preso un giorno di ferie per il numero 20) non sto a insegnargli il mestiere.Se hanno preso degli incapaci, è inutile che vado ad insegnargli il mestiere. Che oltretutto non so fare.

 

Non si va a spiegare al cuoco come deve fare la zuppa. Si assaggia il risultato finale e si giudica quello.

 

P.S.:

la domanda non ha senso. Buona scelta di cosa?

Tutto giusto ma l'editore doveva scrivere "ristampa riveduta e corretta" e non "ristampa anastatica".

Un azzeccagarbugli potrebbe obiettare che il prodotto venduto non è quello promesso.

Ma sono d'accordo che parliamo del sesso degli angeli, non sono un "Miller" al posto di "Killer" o un riempimento a penna di un titolo che alterano lo spirito totalmente non censurato del puro GLB.

Oltretutto, se non sbaglio, finora gli "aggiustamenti" hanno riguardato solo alcuni testi e mai le immagini (eccetto una piccola parte della colorazione di una copertina, per la quale non mi strappo i capelli).

Però bisogna concludere che nessuna anastatica in giro è davvero anastatica: nè Piacentini (Golden Comics), nè Gazzetta nè, presumo, nessuna delle serie che si trovano su eBay.

Chi ha DAVVERO le strisce originali integre è l'unico a poter dire quali sono i ritocchi nella copia della Gazzetta.

Edited by PapeSatan
Link to comment
Share on other sites

 

3 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Io intendo questa anastatica del numero 1 seconda serie,come copertina,tu come la ritieni?

Buona o scarsa?

Scusa un attimo, ma l'italiano è la tua seconda lingua?

 

La copertina l'ha fatta Galep. Chiedere se è buona o scarsa si riferisce al lavoro di Galep.

 

4 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Abbiamo capito che le vignete interne sono senza censura,perciò i dialoghi sono della primissima edizione

Ma la copertina?

È quella della prima striscia della seconda serie, non l'hanno cambiata con una della sesta serie. Non hanno "scelto" una copertina diversa

 

6 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

A me piacciono le copertine che restino come erano in origine senza ritocchi

Allora devi comprarti la piacentini. (Nel senso dei "senza ritocchi", non del "com'erano in originale", perchè manco la Piacentini lo è)

 

La piacentini seconda serie è censurata, e diversa dall'originale, ma senza ritocchi al computer (o di altro tipo credo)

 

I ritocchi al computer vengono usati in questa serie per [xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx]

(inserire al posto delle x le cose che Bono spero che spieghi per chi avrà la pazienza di attendere che lo dica, nelle prossime settimane. io al massimo posso ipotizzare che facciano correzione colore per ridurre la variazione dello scan e l'invecchiamento della carta, rimozione di scarabocchi e macchie, ripristino di parti mancanti usando l'altra fonte, etc.)

 

Le due variazioni rispetto alla piacentini (che ha colori più diversi dall'originale nella sfumatura perchè immagino qui siano stati restaurati digitalmente) sono "strane" perchè una deriva dalla mancanza di una riga, (probabilmente assente per un danno alla striscia originale, ma NON LO SO, sto TIRANDO A INDOVINARE, ecchiccazzo sa che strisce hanno come fonte?), l'altra dall'aggiunta di un disegno. Sono errori, non so causati da cosa, fra i due la spalla mi pare trascurabile,m il gagliardetto mi lascia perplesso.

 

Adesso la pianto di rispondere che mi state facendo andare fuori di matto....

 

 

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">5 minuti fa</span>, Diablero dice:

 

Scusa un attimo, ma l'italiano è la tua seconda lingua?

 

La copertina l'ha fatta Galep. Chiedere se è buona o scarsa si riferisce al lavoro di Galep.

 

È quella della prima striscia della seconda serie, non l'hanno cambiata con una della sesta serie. Non hanno "scelto" una copertina diversa

 

Allora devi comprarti la piacentini. (Nel senso dei "senza ritocchi", non del "com'erano in originale", perchè manco la Piacentini lo è)

 

La piacentini seconda serie è censurata, e diversa dall'originale, ma senza ritocchi al computer (o di altro tipo credo)

 

I ritocchi al computer vengono usati in questa serie per [xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx]

(inserire al posto delle x le cose che Bono spero che spieghi per chi avrà la pazienza di attendere che lo dica, nelle prossime settimane. io al massimo posso ipotizzare che facciano correzione colore per ridurre la variazione dello scan e l'invecchiamento della carta, rimozione di scarabocchi e macchie, ripristino di parti mancanti usando l'altra fonte, etc.)

 

Le due variazioni rispetto alla piacentini (che ha colori più diversi dall'originale nella sfumatura perchè immagino qui siano stati restaurati digitalmente) sono "strane" perchè una deriva dalla mancanza di una riga, (probabilmente assente per un danno alla striscia originale, ma NON LO SO, sto TIRANDO A INDOVINARE, ecchiccazzo sa che strisce hanno come fonte?), l'altra dall'aggiunta di un disegno. Sono errori, non so causati da cosa, fra i due la spalla mi pare trascurabile,m il gagliardetto mi lascia perplesso.

 

Adesso la pianto di rispondere che mi state facendo andare fuori di matto....

 

 

Tu vai fuori di matto?

E allora io e gli altri utenti che acquistiamo questa collezione convinti che sia interamente anastatica?

Per quello che mi riguarda il restauro in digitale,può venire fuori davvero bene

Così ridare i colori giusti alle copertine come erano quelli dell'epoca

La Bonelli per riparare a questi sbagli dovrebe rieditare questi albi con i colori giusti delle copertine e le vignette senza censura come erano in origine

Link to comment
Share on other sites

Quante palle. Bono ha chiarito da dove provengono. A meno che stia discutendo con fior di collezionisti, a me, poverino,  che volevo solo capire l'entità delle censure ed il loro contesto, basta ed avanza.

 

Diablero, apprezzo anche la tua pazienza di Giobbe.

Edited by ggaaco
Link to comment
Share on other sites

Ma un "restauratore" che ricostruisce "Miller" anzichè "Killer" (o, più naturalmente, "Willer") e "tonti" anzichè "monti" su che basi l'ha fatto? Non certamente avendo consultato qualcuno, oppure visionato un qualsiasi albo della seconda serie gigante (non dico per forza un originale non censurato, ma bastava anche solo una qualsiasi ristampa). Quindi c'è da pensare che possa fare di sua libera iniziativa senza che nessuno faccia un controllo sui "restauri" che gli vengono commissionati? Oppure che i ritocchi li faccia il "fotocopiatore" che, man mano che trova pagine danneggiate, le ripristina con la competenza del fotocopiatore e non del conoscitore del fumetto (o della semplice lingua italiana e della logica semantica, perchè "tonti" e "monti" non sono la stessa cosa)? Non basta che Bono parli genericamente di sviste, perchè sono ben di più e minano la credibilità e affidabilità di tutta l'operazione.

 

 

Edited by PapeSatan
Link to comment
Share on other sites

La minano a tal punto che io avevo deciso di fermarmi con Satania! (15a striscia, serie seconda), invece andrò a completare l'opera. Anche perchè mi sembra che le prime strisce della serie seconda, siano le più censurate in assoluto.

Naturalmente tutto ciò ha un costo non indifferente (per me), quindi comporterà dei tagli alle uscite attuali di TEX, tagli anche sulla regolare (dopo più di 40 anni)  quando verrà proposto il decano.

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, PapeSatan dice:

Non basta che Bono parli genericamente di sviste, perchè sono ben di più e minano la credibilità e affidabilità di tutta l'operazione.

Mah... Mettere addirittura in discussione la credibilità di queste anastatiche, solo per qualche svista, mi sembra un po' esagerato.

 

<span style="color:red">1 ora fa</span>, PapeSatan dice:

Ma un "restauratore" che ricostruisce "Miller" anzichè "Killer" (o, più naturalmente, "Willer") e "tonti" anzichè "monti" su che basi l'ha fatto?

Esistono gli errori, e ce ne sono continuamente in ogni fumetto, in ogni libro pubblicato. 

Ogni numero di Tex inedito viene letto e riletto da varie persone competenti, dagli autori stessi, e nonostante questo ogni tanto sfugge qualcosa, un'incongruenza, nei testi, nei disegni, uno sbaglio, un refuso. (E probabilmente la causa principale è la fretta).

Avviene dappertutto, anche nei libri più famosi e importanti. Quindi perché un'operazione di restauro delle strisce anastatiche di Tex dovrebbe esserne immune?

 

Gianni Bono l'ha spiegato chiaramente:

"Tanto lavoro e tanto impegno è stato profuso per riportare al miglior restauro possibile la nostra preziosa collezione storica. Nel certosino lavoro di pulizia, di ricostruzione di tratti e soprattutto di riposizionamento all'interno delle nuvolette di centinaia di lettere nuove per sostituire quelle improponibili degli albi originali qualche svista c'è stata e ci spiace [...] è comprensibile che, pur con la massima attenzione prestata, ci sia scappato l'errore umano come succede purtroppo ancora oggi con i refusi che sfuggono alla revisione del più attento dei redattori."

 

Forse, per correttezza, dovrebbero ristampare la striscia (o le strisce) incriminate, allegandole in omaggio in un prossimo numero, questo sì, ma per il resto non si può certo lamentarsi del lavoro compiuto. Secondo me non si può che esserne soddisfatti.

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Io lo sto dicendo da 3 giorni ormai

Adesso la seconda serie a strisce di Tex a partire dalla copertina ha avuto correzioni non si sa da chi sono state decise

Però una cosa voglio fare notare

Dalla prima uscita,ho visto strisce davvero ben riuscite e in molti hanno notato che la piacentini aveva i colori sempre più accesi,mentre le strisce di quella che doveva essere una anastatica con i dialoghi non censurati,anche li loro hanno toppato

Il mio augurio è che ora alla Sergio Bonelli,prendano provvedimenti e ristampino le strisce che non sono corrette

La Astorina con Diabolik anastatica,è corsa immediatamente ai ripari quando sono usciti albi fallati

Mi aspetto la stessa cosa con questa anastatica di Tex

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, andreadelussu74@gmail.com dice:

Scusate tutti

Mi sono accorto oggi che nella uscita 23 la 3  e 4 pagina i fanciulli del West è ripetuta

Qualcuno di voi si è accorto di questa cosa??

Su un forum come questo, a distanza di una settimana, è come chiedere a un autotrasportatore se si è accorto che il prezzo dei carburanti nell'ultimo periodo è aumentato spropositatamente. :P

<span style="color:red">13 ore fa</span>, Poe dice:

Mah... Mettere addirittura in discussione la credibilità di queste anastatiche, solo per qualche svista, mi sembra un po' esagerato.

 

L'operazione è lodevole, unica, infatti comprerò l'intera opera.

Non è credibile che si parli di "anastatica" quando dietro c'è una mano incontrollata che può interpretare e modificare le vignette a suo piacimento, con risultati ridicoli ("tonti") o senza senso ("Miller"), senza che nessuno controlli.

Edited by PapeSatan
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Io sono di quelli che di queste famose sviste mi sono accorto solo grazie alle foto che postano in Vintage Comics

Diablero ha ragione a dire che qualcuno in redazione sta facendo qualche pasticcio

Ricordiamoci però che varie di queste strisce anastatiche sono perfette,molto più della piacentini

La mia opinione è quella di farci sentire scrivendo email alla Sergio Bonelli Editore facendo presente questi difetti delle varie uscite

Non possono restare così senza che nulla sia accaduto

In più Diablero ha detto che in Bonelli,sono in possesso di ogni singolo numero delle strisce originali per quanto riguarda queste due prime serie

Vi porgano rimedio nel più breve tempo possibbile

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, andreadelussu74@gmail.com dice:

 

In più Diablero ha detto che in Bonelli,sono in possesso di ogni singolo numero delle strisce originali per quanto riguarda queste due prime serie

Vi porgano rimedio nel più breve tempo possibbile

Il buon Giobbe-Diablero ha già detto e ridetto, citando quello che è riportato nel fascicolo oggi in edicola e sul sito Bonelli, che sono sì in possesso delle strisce originali (eccetto la nr. 40 della prima serie) ma danneggiate in alcuni punti. E' proprio in queste vignette logore che hanno lavorato in parte bene, in parte di creativa fantasia.

Link to comment
Share on other sites

Il buon Giobbe Diablero come tu dici,dovrebbe capire che una casa editrice come la Sergio Bonelli Editore,è impossibbile che non abbiano le strisce originali di ciascuna serie a strisce di Tex

Mi rifiuto di credere che una casa come la Astorina sia stata capace  di fare autentiche anastatiche delle primissime edizioni di Diabolik mentre la Sergio Bonelli Editore no riesca in questa impresa

é inammissibbile che neglki archivi non abbiano tutto ciò

Anni fa ho visto una intervista a Sergio Bonelli mentre sfogliava le prime strisce di Tex nel loro archivio  e ora mi vengono a dire che non ne hanno in buone condizioni

Va bene a difenderli ma ora basta

  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

6 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Il buon Giobbe Diablero come tu dici,dovrebbe capire che una casa editrice come la Sergio Bonelli Editore,è impossibbile che non abbiano le strisce originali di ciascuna serie a strisce di Tex

 

:laughing::laughing::laughing::laughing::laughing::laughing::laughing::laughing::laughing::laughing:

 

E già qui si capisce quanto poco ne sai non solo della Bonelli, ma del mondo del fumetto in generale...  :rolleyes:

 

7 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Mi rifiuto di credere che una casa come la Astorina sia stata capace  di fare autentiche anastatiche delle primissime edizioni di Diabolik mentre la Sergio Bonelli Editore no riesca in questa impresa

 

E come credi che abbia fatto l'Astorina?

 

Come credi che abbia fatto la Marvel a ristampare i vecchi Spider-man di Lee e Kirby? (che erano del 1963, non del 1948)

 

9 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Anni fa ho visto una intervista a Sergio Bonelli mentre sfogliava le prime strisce di Tex nel loro archivio  e ora mi vengono a dire che non ne hanno in buone condizioni

Forse hai visto un video dove maneggiava una striscia di Zagor che gli era stata portata da un fan (è abbastanza famoso quel video per come "smanacciava" la striscia, altro che film horror...), e in cui dice appunto che non ce l'aveva nemmeno lui.

 

Oppure era un intervista dopo che era passato al bancone di Piacentini, dove andava lui stesso a procurarsi le anastatiche degli albi che non aveva più..

 

Ti pare assurdo? Mi sa che, davvero, non hai la minima idea delle pratiche usuali del mondo del fumetto.

 

NESSUNO, e dico NESSUNO, a parte casi davvero rarissimi fra gli editori, ha mai conservato originali e/o materiali di stampa dell'epoca. Erano roba da usare e gettare.

 

La Disney ha distrutto tutte le tavole originali di Barks passandole nel trinciacarta (se ne sono salvate pochissime rubate da qualcuno prima che facessero quella finer, e ora vangono decine di migliaia di dollari l'una. Ma ne hanno distrutte come minimo 5.000. Solo di Barks, se guardiamo a tutti gli autori ne avranno distrutte probabilmente quasi un milione.

 

Ma credi davvero che all'epoca tenessero in minimo conto il fumetto e quei materiali?

 

Guarda, per evitare in futuro di far scrivere ad altri (o a me) ovvietà come questa...  PER FAVORE, fai una di queste due cose:

1) Studia, leggiti libri sulla storia del fumetto, informati... 

2) Altrimenti, non essere così "arcisicuro" di sapere come va il mondo dell'editoria...

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

11 minutes ago, andreadelussu74@gmail.com said:

Il buon Giobbe Diablero come tu dici,dovrebbe capire che una casa editrice come la Sergio Bonelli Editore,è impossibbile che non abbiano le strisce originali di ciascuna serie a strisce di Tex

Mi rifiuto di credere che una casa come la Astorina sia stata capace  di fare autentiche anastatiche delle primissime edizioni di Diabolik mentre la Sergio Bonelli Editore no riesca in questa impresa

é inammissibbile che neglki archivi non abbiano tutto ciò

Anni fa ho visto una intervista a Sergio Bonelli mentre sfogliava le prime strisce di Tex nel loro archivio  e ora mi vengono a dire che non ne hanno in buone condizioni

Va bene a difenderli ma ora basta

Ammissibile o no, questo è quanto si dichiara e questo è il materiale a disposizione. 

Non penso che se Bonelli avesse a disposizione materiale migliore ne farebbe a meno solo per il gusto masochista di fare lavoro extra di restauro digitale e col rischio di fare errori. 

Tra l'altro parliamo di un paio di errori da quel che ho capito. 

Sergio Bonelli avrà sfogliato pure le strisce in un video, ma magari non erano di sua proprietà o della Bonelli, magari erano in prestito, magari erano delle anastatiche, magari ne aveva si alcune di proprietà ma non delle intere serie. Come puoi fare deduzioni da un vecchio video?

Tra l'altro, a parte un paio di sviste, mi pare di capire che le anastatiche fino ad ora uscite siano anastatiche fatte bene. 

Per cui, se vuoi il prodotto originale con la stessa grammatura della carta, etc. devi comprare l'originale ma sono certo che anche li, confrontando 100 copie originali della stessa striscia si potrebbero trovare differenze dovute alla stampa, qualche macchiolina di inchiostro o segni di stampa solo su alcune. 

L'anastatica farà riferimento quindi a un paio di collezioni originali, come detto, e di quelle semplicemente replica il contenuto in modo fedele (ad eccezione di un paio di sviste). 

Il restauro digitale non è un problema se riproduce il fumetto nella sua veste originale.

 

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

19 minuti fa, andreadelussu74@gmail.com dice:

Il buon Giobbe Diablero come tu dici,dovrebbe capire che una casa editrice come la Sergio Bonelli Editore,è impossibbile che non abbiano le strisce originali di ciascuna serie a strisce di Tex

Mi rifiuto di credere che una casa come la Astorina sia stata capace  di fare autentiche anastatiche delle primissime edizioni di Diabolik mentre la Sergio Bonelli Editore no riesca in questa impresa

é inammissibbile che neglki archivi non abbiano tutto ciò

Anni fa ho visto una intervista a Sergio Bonelli mentre sfogliava le prime strisce di Tex nel loro archivio  e ora mi vengono a dire che non ne hanno in buone condizioni

Va bene a difenderli ma ora basta

Ti do ragione, ma è un dato di fatto quello che scrive Bono. Probabilmente l'operazione, che materialmente avviene esternamente presso le edizioni If, come riportato nell'articolo, comporta la smembratura delle strisce e allora hanno usato quelle più sacrificabili, chissà... 

Bisognerebbe che rispondesse Davide Bonelli su come sia la situazione archivi della casa editrice. Possibilissimo che non abbiano conservato nulla, le prime edizioni a striscia erano una produzione "artigianale" e non industriale. Diabolik è nato in un periodo in cui il fumetto era ormai diventato seriale e industriale.

Edited by PapeSatan
Link to comment
Share on other sites

5 minutes ago, PapeSatan said:

Bisognerebbe che rispondesse Davide Bonelli su come sia la situazione archivi della casa editrice.

In generale, anche per materiale più recente che la casa editrice ha in archivio, molto raramente si fanno anastatiche da quello.

 

Perché sono i fumetti più devastati e distrutti del mondo (pensa a come sono messi i libri in biblioteca al confronto di quelli di casa tua, e moltiplica per gli anni e i collaboratori che li hanno consultati)

 

Per fare anastatiche decenti, si deve cercare materiale in buone condizioni (e se vuoi evitare il restauro in digitale, ormai ti servono condizioni ultraterrene, da collezione mai toccata da mano umana negli ultimi 30 anni), e questo significa cercare materiale ottimo da collezionisti.

 

E se non fai il restauro digitale per materiale cosi vecchio...  se andreadelossu passasse più tempo a leggere e meno a scrivere, avrebbe letto il fascicolo dell'uscita 24. Rispetto all'articolo online, ci sono FOTO DEL MATERIALE DI PARTENZA. Fa capire abbastanza chiaramente come sarebbero state le anastatiche senza restauro digitale (sarebbero state marroni scuro, tanto per dirne una)

 

Piacentini le ha fatte più di 30 anni fa, le prime serie. Erano albi con 30 anni di meno e si potevano trovare molto più facilmente di oggi.

 

 

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.