Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Siete favorevoli all'aumento costante delle uscite "fuori serie" di Tex?


Poe
 Share

Siete favorevoli all'aumento costante delle uscite "fuori serie" di Tex?  

58 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

15 ore fa, Carlo Monni dice:

Questo è ciò che hai scritto e mi sembra abbastanza chiaro: tu il Magazine, sottinteso di Tex perchè è di lui che stiamo parlando qui, lo compri solo se ci sono storie inedite e solo di Tex e non di altri personaggi. Peccato che. 1) il Tex Magazine presenta da sempre solo e soltanto storie inedite e mai ristampe. 2) la sua formula prevede anche una storia breve di un altro personaggio appartenente al mondo di Tex 3) anche il suo predecessore l'Almanacco del West, presentava solo storie inedite. 4) Il Magazine che pubblica le ristampe degli eroi creati da G.L. Bonelli non è il Tex Magazine ma l'Avventura Magazine.

Ribadisco, quindi, che hai fatto molta confusione. E tanto per aggiungere confusione a confusione, cosa fai per confutare l'affermazione che Tex Magazine contiene solo storie inedite e che le ristampe sono solo sull'Avventura Magazine? Mi citi il secondo Tex Magazine del 2018 che appunto conteneva due storie inedite... cioè mi dai ragione pretendendo al tempo stesso di darmi torto.

Qualunque cosa volessi dire, l'hai detta male.

 

Il 26/1/2023 at 22:32, gilas2 dice:

Eppure ho scritto in un italiano comprensibile

A volte "un italiano comprensibile" non basta. Sono gli argomenti a doverli essere!

Edited by texwiller.cover
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">20 ore fa</span>, texwiller.cover dice:

 

A volte "un italiano comprensibile" non basta. Sono gli argomenti a doverli essere!

L'argomento l'ho già esposto

Lo espongo di nuovo

Preferisco più scelta perchè sono IO lettore a scegliere poi cosa prendere e cosa no, e più scelta c'è e meglio è.

E io prendo solo Tex inediti (qualcuno ha capito cosa intendevo col discorso dei Magazine, qualcun altro no).

Poi si può essere d'accordo o meno, il che è assolutamente legittimo.

Ma il tutto è stato esposto in italiano comprensibile, non in turcomanno o sudcoreano.

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, gilas2 dice:

sudcoreano

Esiste solo il coreano!

Adesso si scherza dai; ora è chiaro ciò che intendevi!

Edited by texwiller.cover
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Il 27/1/2023 at 18:33, Loriano Lorenzutti dice:

Finalizzata ad arrivare "la"!

E ti tocca anche guardarlo tutto, guai se ti addormenti. 

 

Visto che non sei stato l'unico a chiederti se fosse finalizzato ad arrivare dove pensate, mi corre l'obbligo di chiudere l'OT e tranquillizzare tutti, precisando che "la" ci sono arrivato. Con un'altra ho dovuto invece guardare (a casa sua) Frankestein Junior che era già meglio. 

Cyclò, Frankestein Junuir o anche Film Blue di Kieslowski :help:, possono essere splendidi, ma io sono di quelli che guardano 10 volte Ritorno al futuro. :)

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">4 ore fa</span>, Angelo1961 dice:

Visto che non sei stato l'unico a chiederti se fosse finalizzato ad arrivare dove pensate, mi corre l'obbligo di chiudere l'OT e tranquillizzare tutti, precisando che "la" ci sono arrivato. Con un'altra ho dovuto invece guardare (a casa sua) Frankestein Junior che era già meglio. 

Cyclò, Frankestein Junuir o anche Film Blue di Kieslowski :help:, possono essere splendidi, ma io sono di quelli che guardano 10 volte Ritorno al futuro. :)

Eh, ma che c'entra...non è un derby "cinema d'autore" vs. "cinema commerciale" dove bisogna schierarsi...io per esempio ritengo "Acapulco prima spiaggia...a sinistra" un capolavoro del cinema italiano, ma mi sono anche visto tutto Bela Tarr senza-eccessivi-problemi. Poi chiaramente è legittimo che ognuno si polverizzi i coglioni con questo o quell'altro:D

Link to comment
Share on other sites

5 hours ago, Angelo1961 said:

Con un'altra ho dovuto invece guardare (a casa sua) Frankestein Junior che era già meglio. 

Questa l'hai sposata, spero... :lol:

Link to comment
Share on other sites

Diablero... Un autore americano che conosciamo bene (indovina chi? Ti aiuto, scriveva, anche, storie di fantasmi, è scomparso durante una rivoluzione messicana e ci hanno fatto un film con Gregory Peck) diceva che un matrimonio è una comunità di due persone con un padrone, una padrona e due schiavi. Sempre suo, ma non ne sono sicuro, è un aforisma secondo cui avere rapporti intimi con il proprio coniuge dopo un anno di matrimonio equivale a un incesto. Non ricordo chi, forse Giacomo Belli, diceva che che per fare un buon matrimonio bisogna aprire bene gli occhi prima e chiuderli definitivamente dopo.

 

Penso di averti risposto...:D

 

Link to comment
Share on other sites

6 minutes ago, Angelo1961 said:

Diablero... Un autore americano che conosciamo bene (indovina chi? Ti aiuto, scriveva, anche, storie di fantasmi, è scomparso durante una rivoluzione messicana e ci hanno fatto un film con Gregory Peck)

Potevi fermarti a "messicana"i, considero il suo dizionario più prezioso della Treccani...   :lol:

 

 

Link to comment
Share on other sites

Votato. Provo un discreto sollievo nel vedere che il mio voto rispecchia anche il sentimento di una vasta maggioranza degli utenti, su tutte le domande poste.

Meno uscite e di qualità (per me significa; regolare e magari anche il bis estivo, texone, un maxi, un cartonato e il magazine annuale anche se non è che lo ami così tanto). Per Tex Willer, regolare e uno speciale.

Mia opinione

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 ore fa</span>, LedZepp dice:

Votato. Provo un discreto sollievo nel vedere che il mio voto rispecchia anche il sentimento di una vasta maggioranza degli utenti, su tutte le domande poste.

Meno uscite e di qualità (per me significa; regolare e magari anche il bis estivo, texone, un maxi, un cartonato e il magazine annuale anche se non è che lo ami così tanto). Per Tex Willer, regolare e uno speciale.

Mia opinione

 

 

Io acquisterei tutto il pubblicato se si trattasse "soltanto" di:

12 Tex Regolare

01 Texone

01 Tex Magazine

02 Tex Cartonati

 

12 Tex Willer Regolare

02 Speciali

 

Si eviterebbe di acquistare il Maxi, facendo rientrare le storie che meritano nella serie regolare, i bis piuttosto ordinari (a parte il primo), le storielle del Color Tex (esiste già spazio nel Tex Magazine) e implementerei ad una coppia i cartonati. Vanno bene 2 speciali per il Tex Willer.

 

Allo stato attuale spiace invece lasciare il Color Tex in edicola, come pure qualche Maxi.

 

Ovviamente però sono soltanto nostri pareri che non potranno mai scalfire le decisioni editoriali.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Anche io, al pari del pard @LedZepp, devo dire che per quanto apprezzi il nuovo formato del Magazine (ben più di quanto gradissi il vecchio Almanacco), credo sopravvivrei se un domani la SBE dovesse - MOLTO ipoteticamente - decidere di cessarne la pubblicazione. Così come non mi strapperei certo i capelli se non dovessero più uscire gli albi bis di luglio: la storia con Lorenzo Hubbell del 2021 fu bella ed anche importante, quella dello scorso anno, che tra l'altro andò letteralmente a porsi di mezzo alle due storie concatenate con Mefisto, avrebbe potuto benissimo essere pubblicata più avanti e non mi è certo sembrata meritevole di costituire un'uscita eccezionale. Fermo restando che a me sarebbe piaciuto molto di più se la prima e già citata uscita bis del 2021 fosse stata un unicum.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">7 ore fa</span>, Diablero dice:

Potevi fermarti a "messicana"i, considero il suo dizionario più prezioso della Treccani...   :lol:

 

 

 

 

Ed è un comprimario in Dampyr.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">36 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Ed è un comprimario in Dampyr.

 

Bellissima storia ... @borden.

 

Continuo a pensare che nonostante tutto l'affetto per Tex e negli ultimi anni particolarmente per Tex Willer, Dampyr abbia potenzialità anni luce maggiori.

 

E quella storia non è l'eccezione che conferma la regola, anzi :Ave:

Link to comment
Share on other sites

Io comprerei:

Tex principale settimanale

Maxitex quindicinale

Tex color (lungo) mensile

Tex cartonato, ma di 100 pagine mensile

Tex Willer ma di 110 pagine settimanale

Tex Willer speciale mensile

Texone mensile

Texwillerone mensile

 

 

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

19 hours ago, Angelo1961 said:

Io comprerei:

Tex principale settimanale

Maxitex quindicinale

Tex color (lungo) mensile

Tex cartonato, ma di 100 pagine mensile

Tex Willer ma di 110 pagine settimanale

Tex Willer speciale mensile

Texone mensile

Texwillerone mensile

 

 

quindi non ti piace il Magazine

Link to comment
Share on other sites

Ah sì, dimenticavo il magazine.

Almeno due magazine annuali, ma con 2 storie di almeno 110 pagine l'una dedicate ai comprimari. 

E anche il vecchio Almanacco del west con una storia di almeno 110 pagine.

Poi vorrei una serie, diciamo quindicinale, parallela, con le avventure del giovane Kit Carson, ambientate prima del 1958.

E una ulteriore serie, pure quindicinale alternata a Kit Carson, con Kit Willer maturo a cavallo del 1900.

Vedi, gli anni trenta-quaranta.cinquanta del 1800 sono interessatissimi, ma poco sfruttai. C'è il nostro Kerry, c'è Lance di Tufts, c'è qualcosa nella BD (Buddy Longway), un po' si Storia del West di D'Antonio, ma poi? Ecco che il giovane Kit Carson potrebbe muoversi lì... :D

Un KitCarsonone

Un Ktwillerone

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">23 minuti fa</span>, Angelo1961 dice:

Ah sì, dimenticavo il magazine.

Almeno due magazine annuali, ma con 2 storie di almeno 110 pagine l'una dedicate ai comprimari. 

E anche il vecchio Almanacco del west con una storia di almeno 110 pagine.

Poi vorrei una serie, diciamo quindicinale, parallela, con le avventure del giovane Kit Carson, ambientate prima del 1958.

E una ulteriore serie, pure quindicinale alternata a Kit Carson, con Kit Willer maturo a cavallo del 1900.

Vedi, gli anni trenta-quaranta.cinquanta del 1800 sono interessatissimi, ma poco sfruttai. C'è il nostro Kerry, c'è Lance di Tufts, c'è qualcosa nella BD (Buddy Longway), un po' si Storia del West di D'Antonio, ma poi? Ecco che il giovane Kit Carson potrebbe muoversi lì... :D

Un KitCarsonone

Un Ktwillerone

 

 

Passerò le tue richieste alla Direzione.

Link to comment
Share on other sites

E l'infanzia di Mefisto?

L'infanzia di Lilyth e Tesah?

L'infanzia di Cochise , Geronimo, Mangas Coloradas, Custer, Cavallo Pazzo, Toro seduto?

L'infanzia di Freccia Rossa?

L'infanzia di Buffalo Bill, Calamity Jane, Wild Bill Hickock...

...della Mano Rossa, Coffin, dei fratelli Dalton, di Dente di Lupo, di El Diablo e sua figlia Florecita, di Jeff Weber, di Bill Mohican...

Mi fermo qui altrimenti non finisco più.

Link to comment
Share on other sites

Facciamo che chi chiede altre collane deve anche indicare a chi le farebbe scrivere? Sono davvero curioso... (tenete conto che gli attuali sceneggiatori sono già credo completamente impegnati, fra Tex, Zagor e Dampyr, quindi dovete dire nomi nuovi...

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Diablero dice:

Facciamo che chi chiede altre collane deve anche indicare a chi le farebbe scrivere? Sono davvero curioso... (tenete conto che gli attuali sceneggiatori sono già credo completamente impegnati, fra Tex, Zagor e Dampyr, quindi dovete dire nomi nuovi...

 

 

Lucarelli, Ammaniti, Carofiglio, Cognetti, Mauro Corona, Elena Ferrante, Leo Chiosso, Mogol e Alessandro Manzoni,

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, borden dice:

 

 

Lucarelli, Ammaniti, Carofiglio, Cognetti, Mauro Corona, Elena Ferrante, Leo Chiosso, Mogol e Alessandro Manzoni,

 

Da non dimenticare ... scrittori anche loro e di successo, Fabio Volo e Luciana Littizzetto :laugh:

Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, borden said:

 

 

Lucarelli, Ammaniti, Carofiglio, Cognetti, Mauro Corona, Elena Ferrante, Leo Chiosso, Mogol e Alessandro Manzoni,

 

Lista provinciale! Charles Bukowski e Kurt Vonnegut o niente!

 

(Ah, sono morti? Allora niente!)

 

P.S.:  Il Manzoni poi...  già mi lamentavo del Tex nizziano che si salvava sempre per puro culo, figurati anni e anni di albi in cui Tex si salva solo per la Divina Provvidenza...

  • Haha (0) 2
Link to comment
Share on other sites

38 minutes ago, Angelo1961 said:

Suggerirei Boselli, Boselli, Boselli, Boselli Rauch, Rauch, Rauch,Rauch.

O, al limite, GLB, D'Antonio, Lavezzolo (a piccole dosi), Nolitta (senza esagerare), EsseGesse...

Al di là delle battute, Boselli, per quanto bravo (issimo) e volenteroso/professionale, penso sia quasi al limite fisiologico di qualsiasi essere umano.

Se gli si chiedesse di scrivere ancora di più, oltre a fargli uno sgarbo (secondo me, io la prenderei così perché la gente oltre a lavorare magari avrà diritto di dormire), si rischia di portarlo ad abbassare la qualità del suo lavoro (è fisiologico, pure uno con il talento e la costanza di Boselli, se costretto a ritmi assurdi diminuirà la qualità).

La creatività necessita anche di pause, e non va a comando.

 

Stesso discorso si può fare per Rauch, lasciamo che scriva il giusto e che possa esprimere la sua bravura senza dover correre come un matto.

Ruju già scrive tanto, altri sceneggiatori se non scrivono centinaia di tavole per Tex evidentemente, o hanno altri impegni, o non vogliono, o non possono reggere una simile produzione di Tex.

 

Penso Tex sia davvero al suo limite fisiologico, produrre di più significherebbe far esaurire qualche sceneggiatore o ridurre Tex ad un giornaletto di bassa qualità.

 

In alternativa basterebbe assumere qualche cinese, capace di scrivere Tex e pronto a lavorare 23 ore al giorno (ho lavorato con diversi cinesi e ho rischiato il burnout vedendo quanto lavoravano LORO). Forse il numero 100 in cinese serve ad aprire qualche spiraglio in tale direzione. 

 

Oppure lasciamo che sia l'intelligenza artificiale a scrivere Tex, col rischio però di vedere Tex lasciarsi sfuggire un nemico mentre è intento a ingozzarsi di patatine e bistecche, o vederlo in mutande intento a chiedere scusa...beh ecco...a proposito di sceneggiatori spremuti fino all'osso

Link to comment
Share on other sites

2 hours ago, LedZepp said:

In alternativa basterebbe assumere qualche cinese, capace di scrivere Tex e pronto a lavorare 23 ore al giorno (ho lavorato con diversi cinesi e ho rischiato il burnout vedendo quanto lavoravano LORO). Forse il numero 100 in cinese serve ad aprire qualche spiraglio in tale direzione. 

Questo era un piano che andava messo in atto vent'anni fa (io l'avevo pure proposto in un forum, ma nessuno mi ha ascoltato...

 

1)  Acquistare al mercato nero diversi neonati

2) Allevarli isolandoli dalla società moderna, e facendogli leggere autori "pulp", Salgari, Spillane e altri autori "di genere" specialmente western. E soprattutto tutti i Tex di GL Bonelli.

3) Quando diventano grandi, fargli sceneggiare Tex...

  • Haha (0) 2
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.