Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[Maxi Tex N.33] La città che scotta


Recommended Posts

Just now, Hellingen said:

Pregherei i moderatori per quanto possibile di vigilare un minimo su certi contenuti, che vanno puntualmente ad alimentare flame e sviare la discussione quando c'è Nizzi di mezzo 

Le flames nascono solo quando arrivano, puntualmente, i fan sfegatati, le groupie di Nizzi.

 

Le persone normali possono citare parti della trama delle storie di Nizzi, discuterne, stigmatizzarle, o difenderle, senza trattare il fatto di citarle come un peccato di lesa maestà.

 

Parlando di Nizzi in un thread su una storia di Nizzi, in seguito all'allargamento del discorso fino a comprendere in generale la sua produzione recente, discutendo il fatto che le sue storie "meritino" la serie regolare, si parla delle cose già pubblicate, e ci si confronta.

 

Se non ne sei in grado, se per te è un offesa alla maestà nizziana di cui NON SI POSSONO DISCUTERE LE STORIE (un po' come nell'Islam non si può rappresentare Dio), tanto da CHIAMARE I MODERATORI per....  l'aver ricordato quanto siano state stupide e ridicole certe trame recenti di Nizzi, direi che il problema sei tu. O meglio, che hai un problema, serio, di relazione con le critiche al tuo idolo.

 

Ti consiglierei di risolverlo, invece di intervenire piccato e offeso ogni volta che qualcuno OSA criticare Nizzi...

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">10 ore fa</span>, juanraza85 dice:

La penso più o meno allo stesso modo, nel senso che credo che la ragione principale del (presunto) dirottamento delle ultime storie di Nizzi sui Maxi sia da imputarsi soprattutto alle polemiche da lui mosse, per quanto la qualità media delle medesime storie sia dal mio punto di vista alquanto modesta, improntata ad una piattezza e ad una prevedibilità delle sceneggiature quasi stucchevole.

Beh se anche fosse non ci sarebbe da scandalizzarsi troppo. L'uscita pubblica di Nizzi contro la saga e il curatore fu davvero squallida e inopportuna. "I panni sporchi bisognerebbe lavarli in famiglia", anche per una forma di rispetto nei confronti dei lettori che in fondo, poco importa delle beghe e le eventuali faide fra autori.

 

Umanamente è comprensibile che in redazione si sia decisa una sottile forma di rivalsa (tipo declassare dalla regolare le storie) di un collega che, non dico dovesse portare riconoscenza per essere stato nuovamente invitato nello staff, ma quantomeno si poteva risparmiare quel veleno gratuito e dannoso per la serie che lo paga.

 

Anzi è già tanto che le sue storie vengano ancora pubblicate (visto quanto sono costate suppongo!) poichè l'arroganza di Nizzi meritava che venissero chiuse nel cassetto e buonanotte. Il fatto che l'autore di Fiumalbo sia stato un baluardo della serie in un periodo delicato (tipo i tardi anni 80), non lo autorizza a simili scempi comportamentali, a mio avviso.

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Diablero dice:

Le flames nascono solo quando arrivano, puntualmente, i fan sfegatati, le groupie di Nizzi.

 

Le persone normali possono citare parti della trama delle storie di Nizzi, discuterne, stigmatizzarle, o difenderle, senza trattare il fatto di citarle come un peccato di lesa maestà.

 

Parlando di Nizzi in un thread su una storia di Nizzi, in seguito all'allargamento del discorso fino a comprendere in generale la sua produzione recente, discutendo il fatto che le sue storie "meritino" la serie regolare, si parla delle cose già pubblicate, e ci si confronta.

 

Se non ne sei in grado, se per te è un offesa alla maestà nizziana di cui NON SI POSSONO DISCUTERE LE STORIE (un po' come nell'Islam non si può rappresentare Dio), tanto da CHIAMARE I MODERATORI per....  l'aver ricordato quanto siano state stupide e ridicole certe trame recenti di Nizzi, direi che il problema sei tu. O meglio, che hai un problema, serio, di relazione con le critiche al tuo idolo.

 

Ti consiglierei di risolverlo, invece di intervenire piccato e offeso ogni volta che qualcuno OSA criticare Nizzi...

 

 

 

 

Non ho chiamato i moderatori per non farti parlare di Nizzi come ti pare, tanto sappiamo già quale è il tuo pensiero, semplicemente trovo stucchevole rimescolare sempre la stessa minestra ogni volta che c'è Nizzi di mezzo, usando sempre gli stessi esempi e gli stessi argomenti. Non trovi che sia una richiesta lecita? 

 

Ti ho citato, non a caso , poiché troverei molto più interessante e utile alla discussione che tu partissi almeno dalla lettura del maxi attualmente in edicola (che io sto leggendo e non ho ancora terminato, per la cronaca), piuttosto che rifarti a storie già citate più volte, sempre da te e sempre per mettere l'accento ai difetti...vuoi dirmi che non è così? 

 

Il mio era un invito ad essere un po' più costruttivo nei commenti, senza sempre andare in un' unica direzione, e poiché tu ti metti subito sulla difensiva, aggiungo che sei stato molto più sgradevole in questa tua risposta piuttosto che nel post precedente, perché ti sei messo subito a fare la vittima, senza capire che il mio richiamo ai moderatori era soltanto per regolare la discussione, non zittire le critiche a Nizzi o zittire Diablero. Mi dispiace se c'è stato questo malinteso, ma non credo di aver fatto male, in questo caso. 

 

Detto ciò, non mi nascondo e resto dell' idea che le critiche nei confronti di Nizzi mosse da te e da alcuni utenti più prevenuti dovrebbero moderarsi nei toni e nella frequenza, basandosi almeno sulla lettura delle storie inedite e poi , eventualmente, ricollegarsi al resto ( l'abbandono di Nizzi, le parti di vecchie storie che non vi piacciono ecc) 

 

 

Passo e chiudo, da parte mia non c'è niente contro di te, sappilo.

 

Ma non mi piace che ogni volta ci si basi sui soliti preconcetti quando sul forum ci sono dei nuovi lettori o curiosi che vorrebbero godersi le storie senza la solita retorica volta ad azzoppare in partenza una storia "perché è di Nizzi".  

  • Like (+1) 1
  • +1 3
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">47 minuti fa</span>, Hellingen dice:

Dal momento che Nizzi non è più in redazione

 

Nizzi non è mai stato parte della redazione. Era un libero professionista che lavorava da casa sua, mandava i soggetti che venivano approvati e poi stendeva le relative sceneggiature. La Bonelli era il suo committente non il suo capo. Questo per chiarirti le idee nel caso, per quanto improbabile, che credessi che fosse un dipendente come Boselli, che comunque come sceneggiatore lavora anche lui come libero professionista.

Non so se sia corretto parlare di insofferenza, ma una cosa è certa: Nizzi se n'è andato di sua volontà sbattendo la porta e poi ha cominciato a polemizzare con dichiarazioni al limite dell'insulto nei confronti del curatore di Tex e della casa editrice tutta.

A me sembra normale voler smaltire le sue storie ancora da pubblicare il più in fretta possibile anche per non dare  la falsa impressione che sia ancora un collaboratore.

Comunque, tranquillo: avrai ancora altre cinque storie di Nizzi, di cui due solo quest'anno. Fino al 2026 potrai divertirti.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Condor senza meta dice:

Anzi è già tanto che le sue storie vengano ancora pubblicate (visto quanto sono costate suppongo!) poichè l'arroganza di Nizzi meritava che venissero chiuse nel cassetto e buonanotte. Il fatto che l'autore di Fiumalbo sia stato un baluardo della serie in un periodo delicato (tipo i tardi anni 80), non lo autorizza a simili scempi comportamentali, a mio avviso.

 

Come volevasi dimostrare, c'è una volontà a sottolineare sempre questa cosa, ormai vecchia. 

 

Le storie non sono chiuse nel cassetto, perché alla Bonelli hanno ancora la mente aperta per fortuna, e vanno oltre gli screzi tra autori, riconoscendo il valore oggettivo delle storie e i meriti professionali di chi le scrive. Fatevene una ragione. 

Adesso, Carlo Monni dice:

A me sembra normale voler smaltire le sue storie ancora da pubblicare il più in fretta possibile anche per non dare  la falsa impressione che sia ancora un collaboratore.

Comunque, tranquillo: avrai ancora altre cinque storie di Nizzi, di cui due solo quest'anno. Fino al 2026 potrai divertirti.

 

 

Non è questo il punto, e lo sai benissimo. A parte il tuo velato sarcasmo nei miei confronti , su una cosa hai certamente ragione: leggere una storia a fumetti di Nizzi mi diverte di più del gossip su Nizzi. 

 

Adesso, Carlo Monni dice:

La Bonelli era il suo committente non il suo capo. Questo per chiarirti le idee nel caso, per quanto improbabile, che credessi che fosse un dipendente come Boselli, che comunque come sceneggiatore lavora anche lui come libero professionista.

Si lo so grazie lo stesso per il chiarimento. 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, Hellingen dice:

Le storie non sono chiuse nel cassetto, perché alla Bonelli hanno ancora la mente aperta per fortuna, e vanno oltre gli screzi tra autori, riconoscendo il valore oggettivo delle storie e i meriti professionali di chi le scrive. Fatevene una ragione. 

 

La Bonelli deve pubblicare le storie da qualche parte, le ha pagate e deve fare cassa. Parlando di valore oggettivo delle storie e di meriti personali, qui siamo alla preistoria; ho gia letto la prima ciofeca sulla regolare del Nizzi 2, la seconda mi sono limitato a guardare i disegni di Mastantuono dall'albo 2, la prossima guarderò i disegni di Ticci, sperando che sia l'ultima sulla regolare.

E' già da tempo che non spreco più un centesimo per Nizzi, per fare un esempio al di fuori di TEX, ho preso tutta l'ultima miniserie di Nick Raider, eccetto il numero 1.

Arriva per tutti il tempo di riposare.

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Buona la prima!  Storia classica che, essendo strapiena di clichet texiani, si fa leggere con piacere.  A differenza della scontatissima seconda. 

E pensare che qualcuno, in passato, ha rimproverato a Nizzi di far fare a Tex la figura del fesso. Altro che fesso! QUi Tex fa fessi gli avversari! :inch:

Come dovrebbe sempre essere.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">12 ore fa</span>, Diablero dice:

La verità è che Boselli ha richiamato Nizzi perchè non sapeva più come fare a produrre la smodata quantità di pagine causata dalla folle proliferazione di testate di Tex. E ha raschiato il fondo del barile (Nizzi). E il fondo del barile è finito sulla serie regolare già troppe volte.

 

Così facciamo precipitare anche le vendite di Tex ai livelli di Dylan Dog, perchè no? :lol:

 

Hai un pubblico che si lamenta di disegnatori come Mastantuono o Font, e tu ci vorresti mettere ALESSANDRINI????  :laughing:

 

Hai ragione, sarebbe come tirare perle ai PORCI...

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">16 ore fa</span>, San Antonio Spurs dice:

Mi sa che in Bonelli esista un clima da esaurimento scorte di Nizzi, che come sceneggiatore paragonerei all'ultimo Galep, con una sostanziale differenza. Nel caso del maestro creatore c'era riconoscenza per cosa aveva creato; nell'altro insofferenza, ma utilizzo perché è stato pagato, nonostante l'evidente declino. 

 

Non è che molto più semplicemente pubblicano le storie di Nizzi perchè state consegnate (sceneggiate e disegnate)? :P Sull'evidente declino (che va avanti ormai da una trentina d'anni) siamo d'accordo, ma se al suo posto arrivano Mignacco o Zamberletti mi verrebbe da dire meglio Nizzi (che vedo ha ancora i suoi estimatori, probabilmente perchè nonostante tutto il suo stile rimane comunque molto riconoscibile)

Link to comment
Share on other sites

Just now, Magic Wind said:

Sull'evidente declino (che va avanti ormai da una trentina d'anni) siamo d'accordo, ma se al suo posto arrivano Mignacco o Zamberletti

 

La cosa migliore sarebbe ridurre le uscite, ma sappiamo bene che non lo faranno mai, gli unici che possono farli smettere siamo noi lettori (non comprandole, e sto già facendo la mia parte).

 

Fino a quel momento, vista la mancanza di autori capaci di scrivere Tex, usciranno un sacco di storie che in passato non sarebbero mai state pubblicate. Ma almeno, se provi qualcuno nuovo... c'è una possibilità che possa migliorare, imparare con più esperienza su Tex.

 

Nizzi può solo peggiorare. È un ripiego momentaneo che non ti porta da nessuna parte.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Diablero dice:

Ma almeno, se provi qualcuno nuovo... c'è una possibilità che possa migliorare, imparare con più esperienza su Tex.

 

 

Giusto, ma c'è un problema non da poco a mio avviso e cioè: se metti un annuncio Cercasi giovane under 30 sceneggiatore western capace di soddisfare i palati raffinati di lettori di età media 60 anni ( e qui forse mi sono tenuto basso) secondo me risponde meno gente di quanti rispondono per chi cerca camerieri (e ti garantisco che oggi i camerieri si trovano con grande difficoltà). E di quei pochi che rispondono, i lettori sopra citati, impegano al massimo 2 uscite per prendere lo scalpo!

 

In questo contesto reputo comprensibile che il curatore in emergenza punti su vecchi cavalli stanchi, magari stanchissimi, ma comunque rodati e fidelizzati a molti dei lettori di cui sopra.

 

La cosa di certo non fa crescere il personaggio, nè pone le basi per il futuro, ma aiuta a sbarcare il lunario in attesa speriamo che venga pescato un jolly non dico under 30, ma magari under 40 in grado di garantire anni e anni di nuova gloria.

 

 

Edited by cuervojones
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">11 ore fa</span>, Hellingen dice:

non ho ancora terminato,

Non lo terminare, non ne vale la pena.

È solo, secondo me, un continuo e insulso battibecco tra Tex e Carson inserito in una trama vista e rivista che non presenta alcun nuovo o interessante elemento che ne giustifichi una rivisitazione.

<span style="color:red">12 ore fa</span>, Hellingen dice:

non credo di aver fatto male

Io credo invece di sì.

Ciascuno è libero di esprimere i suoi giudizi anche se sono stati espressi precedentemente fino alla nausea.

E con questo voglio dire anche che pure tu hai il diritto di esprimere i tuoi giudizi, specialmente perché, anche se non li condivido, il tuo diritto di espressione pesa quanto il mio e quello di chiunque altro.

 

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Letizia dice:

Non lo terminare, non ne vale la pena.

Invece lo terminerò con piacere. 

 

Adesso, Letizia dice:

specialmente perché, anche se non li condivido, il tuo diritto di espressione pesa quanto il mio e quello di chiunque altro.

 

Pensare che ho votato Porter Rockwell, se non sbaglio un tuo personaggio, come il migliore del 2023. E mi era piaciuto davvero. 

 

Sai perché ti dico questo? Perché anche tu sei dannatamente prevenuta quando si tratta di Nizzi. Leggere una storia con occhi cattivi purtroppo non può che far arrivare un cattivo giudizio, perciò non te la prendere ma il tuo giudizio non lo reputo molto attendibile, non in questo specifico caso.

 

Per il resto potete ripetere fino alla nausea gli esempi negativi riguardo Nizzi e la sua produzione, le congetture, potete trovare il torbido anche dove non c'è, ma appesantisce la discussione, e molto. 

 

Fortunatamente la maggior parte dei lettori non hanno questo vostro astio (portato all' estremo) nei confronti degli altri autori, per quanto le loro prove risultino a volte deludenti.  Per questo solo quando c'è di mezzo Nizzi le discussioni vanno in questa direzione, in questo clima da tribunale militare, e con gli altri autori invece no. 

Edited by Hellingen
  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Hellingen dice:

Rockwell, se non sbaglio un tuo personaggio

Sbagli.

Il mio personaggio è Coguaro.

E, a onor del vero, Ruju ha ripreso il soggetto ma ha realizzato una sceneggiatura che rispecchia molto poco la mia trama.

Avevo in mente di pubblicare il mio racconto originale, ma non l'ho fatto e non lo farò per rispetto prima di tutto per Boselli e poi per Ruju.

Adesso, Hellingen dice:

dannatamente prevenuta

Ecco un giudizio che non accetto, che dimostra che non hai capito assolutamente niente.

Io adoro alcune storie di Nizzi, specialmente il primo Texone: se fossi dannatamente prevenuta (che significa dare un giudizio negativo a prescindere), non direi mai una cosa del genere.

E questo è sintomo di scarsa capacità analitica: spari sulla croce rossa perché non ti piace il rosso.

Se non hai afferrato il paragone, sarò più esplicita: esprimi giudizi superficiali.

Adesso, Hellingen dice:

astio (portato all' estremo)

Ecco un altro tuo giudizio a conferma di quanto ho già detto.

Non so se conosci il significato delle parole: astio è il rancore provato nei confronti di una persona da cui ritieni di aver ricevuto un grave torto.

Portato all'estremo è un sentimento peggiore dell'odio.

Se non sapessi che tu hai usato questa parola con la superficialità che ti contraddistingue, ti direi: "ma come ti permetti di bollarmi come un essere così schifoso?", ma sono sicura della tua immaturità e, per questa volta, ci passo sopra.

Ma in futuro stai ben attento a sparare sentenze così offensive, perché io non sono uno zuccherino.

  • +1 3
Link to comment
Share on other sites

Non so, sarò di bocca buona, ma a me la storia di Nizzi non è dispiaciuta. Leggerne così... 

Certo, non si avvicina neanche un minimo ai capolavori che sforna Boselli senza (apparente) fatica, ma è molto di più di quanto si può leggere, per esempio, in Zagor!

Un cattivo violento e arrogante, un Tex che prima lo umilia e poi lo elimina senza tentennamenti, senza rischiare nulla, senza creare apprensione 

nel lettore che si sente sicuro e rassicurato. QUESTO E' TEX!!!

Edited by Angelo1961
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Letizia dice:

Sbagli.

Il mio personaggio è Coguaro.

E, a onor del vero, Ruju ha ripreso il soggetto ma ha realizzato una sceneggiatura che rispecchia molto poco la mia trama.

Avevo in mente di pubblicare il mio racconto originale, ma non l'ho fatto e non lo farò per rispetto prima di tutto per Boselli e poi per Ruju.

Ecco un giudizio che non accetto, che dimostra che non hai capito assolutamente niente.

Io adoro alcune storie di Nizzi, specialmente il primo Texone: se fossi dannatamente prevenuta (che significa dare un giudizio negativo a prescindere), non direi mai una cosa del genere.

E questo è sintomo di scarsa capacità analitica: spari sulla croce rossa perché non ti piace il rosso.

Se non hai afferrato il paragone, sarò più esplicita: esprimi giudizi superficiali.

Ecco un altro tuo giudizio a conferma di quanto ho già detto.

Non so se conosci il significato delle parole: astio è il rancore provato nei confronti di una persona da cui ritieni di aver ricevuto un grave torto.

Portato all'estremo è un sentimento peggiore dell'odio.

Se non sapessi che tu hai usato questa parola con la superficialità che ti contraddistingue, ti direi: "ma come ti permetti di bollarmi come un essere così schifoso?", ma sono sicura della tua immaturità e, per questa volta, ci passo sopra.

Ma in futuro stai ben attento a sparare sentenze così offensive, perché io non sono uno zuccherino.

Bene, ci starò attento, scusami forse tu hai frequentato una scuola migliore della mia. Io sarò superficiale ma tu a quanto pare aspettavi al varco un mio " azzardo", ho sbagliato io a rispondere. Sono stato uno sciocco. 

Resta il fatto che sei stata tu a continuare un discorso che per me era già chiuso, distruggendo in modo SUPERFICIALE la storia di Nizzi e accusandomi di voler mettere il bavaglio a qualcuno. 

<span style="color:red">14 ore fa</span>, Hellingen dice:

Non ho chiamato i moderatori per non farti parlare di Nizzi come ti pare, tanto sappiamo già quale è il tuo pensiero, semplicemente trovo stucchevole rimescolare sempre la stessa minestra ogni volta che c'è Nizzi di mezzo, usando sempre gli stessi esempi e gli stessi argomenti. Non trovi che sia una richiesta lecita? 

 

Ti ho citato, non a caso , poiché troverei molto più interessante e utile alla discussione che tu partissi almeno dalla lettura del maxi attualmente in edicola (che io sto leggendo e non ho ancora terminato, per la cronaca), piuttosto che rifarti a storie già citate più volte, sempre da te e sempre per mettere l'accento ai difetti...vuoi dirmi che non è così? 

 

Il mio era un invito ad essere un po' più costruttivo nei commenti, senza sempre andare in un' unica direzione, e poiché tu ti metti subito sulla difensiva, aggiungo che sei stato molto più sgradevole in questa tua risposta piuttosto che nel post precedente, perché ti sei messo subito a fare la vittima, senza capire che il mio richiamo ai moderatori era soltanto per regolare la discussione, non zittire le critiche a Nizzi o zittire Diablero. Mi dispiace se c'è stato questo malinteso, ma non credo di aver fatto male, in questo caso. 

 

Detto ciò, non mi nascondo e resto dell' idea che le critiche nei confronti di Nizzi mosse da te e da alcuni utenti più prevenuti dovrebbero moderarsi nei toni e nella frequenza, basandosi almeno sulla lettura delle storie inedite e poi , eventualmente, ricollegarsi al resto ( l'abbandono di Nizzi, le parti di vecchie storie che non vi piacciono ecc) 

 

 

Passo e chiudo, da parte mia non c'è niente contro di te, sappilo.

 

Ma non mi piace che ogni volta ci si basi sui soliti preconcetti quando sul forum ci sono dei nuovi lettori o curiosi che vorrebbero godersi le storie senza la solita retorica volta ad azzoppare in partenza una storia "perché è di Nizzi".  

Come avevo già spiegato nella risposta a Diablero. 

 

Per quanto mi riguarda la chiuderei qui, poiché tutto questo inquina la discussione, e non vorrei mai che qualcuno mi accusasse ancora perché ho osato (questa volta si) chiedere un po' di buon senso. Pace e bene. 

  • Confused (0) 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Angelo1961 dice:

Non so, sarò di bocca buona, ma a me la storia di Nizzi non è dispiaciuta. Leggerne così... 

Certo, non si avvicina neanche un minimo ai capolavori che sforna Boselli senza (apparente) fatica, ma è molto di più di quanto si può leggere, per esempio, in Zagor!

Un cattivo violento e arrogante, un Tex che prima lo umilia e poi lo elimina senza tentennamenti, senza rischiare nulla, senza creare apprensione 

nel lettore che si sente sicuro e rassicurato. QUESTO E' TEX!!!

Poi Kit, Tiger e Carson dicono la loro. Cosa che per me non guasta mai...😉

Link to comment
Share on other sites

Mancherebbero le bistecche con la montagna di patatine e la torta di mele. Ma almeno c'è il succulento arrosto cucinato da Red! Non è una battuta. 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">14 ore fa</span>, Hellingen dice:

Come volevasi dimostrare, c'è una volontà a sottolineare sempre questa cosa, ormai vecchia. 

 

Le storie non sono chiuse nel cassetto, perché alla Bonelli hanno ancora la mente aperta per fortuna, e vanno oltre gli screzi tra autori, riconoscendo il valore oggettivo delle storie e i meriti professionali di chi le scrive. Fatevene una ragione. 

Scusami, ma sarò franco: non mi piace tanto il tono che stai usando nei miei confronti.

Il "fatevene una ragione" è una frase fuori luogo (soprattutto nel mio caso), poichè se mi conoscessi meglio in questi anni di Forum, sapresti che sono stato sempre molto legato a Nizzi, che ha caratterizzato il periodo in cui da ragazzo mi sono interfacciato alla lettura di Tex.

 

Ma ciò non toglie che ho sempre mantenuto una sorta di onestà intellettuale, che mi ha portato a difenderlo quando l'ho ritenuto opportuno e criticarlo a par modo, e la sua "svaccata" polemica del recente passato la reputo una scelta biasimabile a tutto pari. Posso esprimere questa mia opinione, o devo chiedere prima permesso?

Non ho mai avuto alcun preconcetto contro nessun autore, ma la libertà di critica è sacrosanta, sennò che ci facciamo qui?

 

Senza voglia di polemiche pard, ma ci tenevo a chiarire questo punto.

Link to comment
Share on other sites

Ma, a proposito. Questo lo avete letto?????:o

La morale a fumetti. Rivoluzione: in Tex esordiscono le corna (in amore)

di Valter Vecellio
+
La morale a fumetti. Rivoluzione: in Tex esordiscono le corna (in amore)
Per la prima volta trova ruolo un adultero, e infatti è malvagio e gli brucia la casa.
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Condor senza meta dice:

Scusami, ma sarò franco: non mi piace tanto il tono che stai usando nei miei confronti.

Il "fatevene una ragione" è una frase fuori luogo (soprattutto nel mio caso), poichè se mi conoscessi meglio in questi anni di Forum, sapresti che sono stato sempre molto legato a Nizzi, che ha caratterizzato il periodo in cui da ragazzo mi sono interfacciato alla lettura di Tex.

 

Ma ciò non toglie che ho sempre mantenuto una sorta di onestà intellettuale, che mi ha portato a difenderlo quando l'ho ritenuto opportuno e criticarlo a par modo, e la sua "svaccata" polemica del recente passato la reputo una scelta biasimabile a tutto pari. Posso esprimere questa mia opinione, o devo chiedere prima permesso?

Non ho mai avuto alcun preconcetto contro nessun autore, ma la libertà di critica è sacrosanta, sennò che ci facciamo qui?

 

Senza voglia di polemiche pard, ma ci tenevo a chiarire questo punto.

Ammetto di non conoscere molto il tuo vissuto sul forum, e ti chiedo scusa. Purtroppo il tuo intervento è giunto nel momento in cui si parlava proprio della non necessità di ricordare sempre e comunque la famosa uscita polemica di Nizzi, e questo potrebbe aver inasprito i toni più del dovuto. 

 

<span style="color:red">14 ore fa</span>, Hellingen dice:

Le storie non sono chiuse nel cassetto, perché alla Bonelli hanno ancora la mente aperta per fortuna, e vanno oltre gli screzi tra autori, riconoscendo il valore oggettivo delle storie e i meriti professionali di chi le scrive. Fatevene una ragione. 

Io sono contro la cancel culture, e non mi piace il clima da tribunale militare che si crea spesso nei confronti di Nizzi. In poche parole, stiamo parlando di un autore e delle sue storie, poi certo, c'è il modo in cui si può essere posto, ha sbagliato e tutto, poteva aver avuto anche le sue ragioni poiché noi non siamo chissachi per giudicare in modo assoluto, ma non è possibile che ogni benedetta volta in cui esce Nizzi inedito si deve rimescolare la stessa minestra. Letizia dice che non dovrei usare la parola astio, ma se l'ho usata è perché SEMBRA che ci sia un vero e proprio astio verso Nizzi. Perciò forse non sono del tutto pazzo. 

 

Spero che questa mia spiegazione sia sufficiente, mi scuso se ho avuto un comportamento sbagliato, ma invito anche alcuni di voi a riflettere un attimo, se potete, sul modo e la frequenza in cui criticate Nizzi. E l' attinenza con le discussioni. Invito, non obbligo non bavaglio, non sia mai. Non dubito dell' intelligenza di nessuno, siamo tutti lettori con pregi e difetti, si può litigare e avere opinioni diverse. 

 

Buon pomeriggio a tutti. 

 

 

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Adesso, Hellingen dice:

Ammetto di non conoscere molto il tuo vissuto sul forum, e ti chiedo scusa. Purtroppo il tuo intervento è giunto nel momento in cui si parlava proprio della non necessità di ricordare sempre e comunque la famosa uscita polemica di Nizzi, e questo potrebbe aver inasprito i toni più del dovuto. 

Non scusarti, nulla di grave. Tuttavia ci tenevo a farti capire che prima di attribuire eventuali giudizi o "patenti", non guasterebbe informarsi un minimo. Oltretutto il "takle" su un commento che non era nemmeno rivolto a te, non è il modo migliore per distendere i toni. Qua la mano e chiudiamola qui! :)

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Ho visto che si sono alzati i toni. Per caso qualcuno/a vuole farsi qualche giorno di vacanza forzata?

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">25 minuti fa</span>, Angelo1961 dice:

Ma, a proposito. Questo lo avete letto?????:o

La morale a fumetti. Rivoluzione: in Tex esordiscono le corna (in amore)

di Valter Vecellio
+

La morale a fumetti. Rivoluzione: in Tex esordiscono le corna (in amore)

Per la prima volta trova ruolo un adultero, e infatti è malvagio e gli brucia la casa.

 

Altre volte, in realtà, si è accennato ad adulteri nella saga di Tex. Mi vengono in mente la moglie del maggiore Parker che - ci è stato narrato - lo tradiva col capitano Loraine ne La maschera dell'orrore, o la moglie del rancher Longford che se la intendeva col soprastante - anche questo ci è stato narrato - ne I fratelli Donegan.

 

L'adulterio di questo Maxi, al massimo, potrebbe essere il primo ad essere stato esplicitamente sdoganato. Facendo così crollare un ulteriore tabù :lol:.

Link to comment
Share on other sites

L'adulterio in Tex.

Se i due sono consenzienti non ci trovo niente di così scandaloso.

In Tex si è visto anche lo stupro.

E questo è "leggermente" peggio.

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.