Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[297/299] Fuga Da Anderville


ymalpas
 Share

Voto alla storia  

92 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

<span style="color:red">5 minuti fa</span>, Diablero dice:

a quanto ci dicono, diceva peste e corna delle storie di Nizzi)

 

Questa è una novità, che non conoscevo. 

Link to comment
Share on other sites

2 minutes ago, Leo said:

 

Questa è una novità, che non conoscevo. 

Io anche se non l'ho visto confermato da testimonianze dirette fino a quando non ho letto i post di chi lo conosceva nel forum, l'ho sempre dato per scontato.

 

Quel Tex pareva "diverso" a noi, figurati a lui...

Link to comment
Share on other sites

GLB diceva peste e corna e avrebbe detto peste e corna di chiunque,compresi gli scrittori attuali.

Non credo conti molto il suo giudizio.

Un personaggio risente dell'interprete e poi cambia nel corso degli anni.

Pensate che Shakespeare sarebbe contento di vedere come sono messi in scena oggi i suoi personaggi? No. Ma Shakespeare non può sapere come si è evoluta l'interpretazione teatrale nel frattempo, e l'interprete comunque ha una sua sensibilità personale.

Edited by valerio
  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

A me - l' ho già detto - piacciono sia "Tra due bandiere" che "Fuga da Anderville", seppur diverse.

Diablero con tutti i suoi post non mi ha convinto, ma devo riconoscere che mi ha fatto riflettere su cose a cui non avevo pensato prima, e in certi casi obiettivamente non ha torto (in altri casi sì).

 

Comunque, visto che molti parlano spesso di emozioni, di emozioni... (a volte a scapito della ragione), be', a me ha sempre emozionato di più il finale di "Tramonto rosso", uno dei vertici in assoluto di GL Bonelli: tutto il massacro di Shiloh, la morte di Rod, Tex che frantuma il fucile contro l'albero, il suo sguardo verso il lettore che maledice i responsabili della guerra (di tutte le guerre), il fucile piantato sulla tomba con il sole che tramonta all'orizzonte. Ragazzi, questo è grande fumetto!

E le immagini che Diablero ha postato poco più sopra lo testimoniano bene. Qui c'è il dolore per un'amico, il senso di schifo per la morte e per la guerra (e implicitamente anche un senso di colpa personale nel vedere l'amico morto), e in più la rabbia contro i responsabili, ma non una rabbia impotente, una rabbia (come sempre in GL Bonelli) che ti fa agire e prendere decisioni importanti, non deprimere e basta .

Se non vi piace "Tra due bandiere" ok, ma il finale è un capolavoro indiscutibile della serie.

Tex-115-Tramonto-rosso-111.jpg

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Quante persone sono morte a causa di quell'oro maledetto sparito misteriosamente?

Ma ve lo immaginato Tex che per vent'anni si porta dentro il tormento del dubbio che un suo amico si sia macchiato di un crimine così infamante?

Possibile che la frase di un amico morente "vi chiedo solo ... di conservare ... un buon ricordo ... di me" passi da un orecchio all'altro di Tex senza che si scateni in lui il desiderio di far fuoco e fiamme per scoprire la verità?

Perdiana, ma che razza di uomo sei, Tex!?!

In quali altre pagine ti ho visto così remissivo e rassegnato?

Ma sei proprio tu, Tex, oppure tu eri in trasferta in Messico e il tuo posto lo ha preso un impostore?

Ma come si fa a non vedere che questo mollusco inconsistente non è Tex e che non gli somiglia per niente?

Come si fa ad accettare questi atteggiamenti che non sono di sconfitta ma di totale e vile rassegnazione)?

E' facile non far nulla e accettare gli eventi (che tra l'altro non sono molto chiari).

Ed è molto difficile impegnarsi, magari rischiando la pelle, per far luce sugli eventi che inevitabilmente porterebbero alla verità, al ritrovamento dell'oro, alla riabilitazione di un innocente e alla giusta punizione del colpevole.

Ma a Tex non frega niente di tutto ciò.

Cioè non a Tex, ma a Nizzi.

Per favore, qualcuno riscriva la storia e, se proprio non ci vuole mettere Tex, ci metta Carson che si comporterebbe sicuramente come un mastino che non ti molla finché non ti ha interamente spolpato (e che non ti molla neanche dopo).

Per favore, levateci questo Tex vile e incapace e metteteci Jim Bridge, Zagor, magari Cico, ma questo Tex no.

 

 

  • Like (+1) 1
  • Confused (0) 1
  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Diablero dice:

Evidentemente GL Bonelli nelle 6 pagine che ho postato è stato troppo sibillino e non abbastanza esplicito.  Quando dice che sta lontano dal fronte per il resto della guerra doveva specificare DA CHE PARTE e QUANTO LONTANO (per evitare che qualcuno capisse "tre metri dal lato sudista"), e quando dice che non avrebbe più sparato a qualcuno che non fosse un fuorilegge o un riconosciuto mascalzone, Carson doveva chiedergli chiarimenti: "Tex, per riconosciuti mascalzoni, non è che intendi anche quelli che si sono arruolati nell'esercito come il tuo amico Rod, a cui quindi spareresti, vero?"

 

A quel punto, per evitare ogni equivoco, e evitare che poi kit gli chiedesse se sparava ai caporali, ai sergenti, agli scout, ai furieri, alla fine della storia al posto dell'elenco arretrati bisognava postare uno schemino riassuntivo che chiariva a chi Tex poteva sparare.

 

Sarebbe stato uno schema un po' monotono, con un "no, non l'hai letta la storia?" dopo ogni singola voce, in un elenco lunghissimo di ogni persona che si possa trovare in un esercito, dal cuoco ai barellieri, ma se era necessario...

è proprio questo il punto.È una retcon? sì,ma è una retcon molto parziale e comunque in linea con il personaggio e la sua visione della guerra.Se Tex avesse detto,in " Tra due bandiere": " Non abbiamo più sparato a nessun sudista,tranne nei casi in cui era proprio inevitabile per legitttima difesa durante i lavori secondari per l' esercito nordista e comunque sempre cercando di non ucciderli." il concetto rimaneva sempre lo stesso.

Dire che la guerra in questa storua è esaltata perchè non si vedono le macerie è assurdo.Non c'è bisogno delle macerie per capire che la guerra fa schifo.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">15 minuti fa</span>, Poe dice:

Se non vi piace "Tra due bandiere" ok, ma il finale è un capolavoro indiscutibile della serie.

 

Su questo siamo assolutamente d'accordo.

Link to comment
Share on other sites

5 minutes ago, Grande Tex said:

Dire che la guerra in questa storua è esaltata perchè non si vedono le macerie è assurdo.Non c'è bisogno delle macerie per capire che la guerra fa schifo.

 

Se:

1) Non fai vedere il minimo danno inflitto dalla guerra agli "schiavisti"

2) fai vedere pagine e pagine di angherie commesse dagli schiavisti verso le persone di colore

3) fai vedere il personaggio più positivo della storia, un nero, massacrato dai crudeli schiavisti.

4) fai giurare a Tex che combatterà fino alla fine contro gli schiavisti...

 

Direi che è ben difficile continuare, seriamente, a sostenere che la storia non ti sta dicendo "guerra! guerra! guerra allo schiavismo!!!"

 

E infatti, TU STESSO ne hai ricavato che Tex fa benissimo a combattere fino alla fine della guerra! E può farlo (secondo te) senza violare il giuramento, perchè se hanno l'uniforma grigia come Rod) sono sicuramente dei "cattivi" a cui può sparare.

 

Dopo esserti esaltato per la guerra di Tex, inneggiando al fatto che combatta fino alla fine... adesso vorresti farmi credere che questa storia ti ha personalmente detto "la guerra fa schifo" (e quindi Tex sta facendo una cosa schifosa"?

 

Andiamo, dai...  :laugh:

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">4 minuti fa</span>, Diablero dice:

guerra! guerra! guerra allo schiavismo!!!"

ma certo che il messaggio è combattere lo schiavismo! ma questo non significa che si combatta sui campi di battaglia con i cannoni

<span style="color:red">5 minuti fa</span>, Diablero dice:

infatti, TU STESSO ne hai ricavato che Tex fa benissimo a combattere fino alla fine della guerra

fa bene ad aiutare l esercito nordista,senza uccidere nessuno

<span style="color:red">6 minuti fa</span>, Diablero dice:

E può farlo (secondo te) senza violare il giuramento, perchè se hanno l'uniforma grigia come Rod) sono sicuramente dei "cattivi" a cui può sparare.

no,ma considerando che nessuno viene ucciso...

<span style="color:red">7 minuti fa</span>, Diablero dice:

credere che questa storia ti ha personalmente detto "la guerra fa schifo" (e quindi Tex sta facendo una cosa schifosa"?

" Considero la guerra una maledetta pazzia,do' una mano all' esercito nordista solo per battere lo schiavismo ma non partecipo a nessuna battaglia." Più chiaro di così,non so...

 

Guarda che il messaggio di " Tra due bandiere" è: "uccidere altri esseri umani è sempre sbagliato, anche quando combattono per una causa sbagliata non vuol dire siano cattivi." 

Il messaggio non è"Lo schiavismo non va combattuto." Altrimenti perchè quell' aggiunta finale? E il messaggio non è nemmeno" Se mi sparano addosso non mi difendo".

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">11 minuti fa</span>, Diablero dice:

 

Direi che è ben difficile continuare, seriamente, a sostenere che la storia non ti sta dicendo "guerra! guerra! guerra allo schiavismo!!!"

 

Anche qui, ti lasci prendere dalle singole vignette per confezionare una tesi. Ma da nessuna parte, mai, io ho sentito questa storia urlare: "guerra"! Se analizzi le singole vignette perdi il contesto generale, l'atmosfera. Dire che questa storia è guerrafondaia per me è veramente esagerato.

 

<span style="color:red">26 minuti fa</span>, Letizia dice:

Ma sei proprio tu, Tex, oppure tu eri in trasferta in Messico e il tuo posto lo ha preso un impostore?

Ma come si fa a non vedere che questo mollusco inconsistente non è Tex e che non gli somiglia per niente?

Come si fa ad accettare questi atteggiamenti che non sono di sconfitta ma di totale e vile rassegnazione)?

 

Non aveva elementi, e alla luce di ciò ha dubitato sempre di John. Ha preso una cantonata, ci può stare.

 

Comunque, vedo che qui si ritorna a dire sempre le stesse cose, io stesso mi rendo conto di essere diventato un disco rotto. Ho detto già tanto su questa storia, non ci siamo fatti mancare un bel flame, ognuno resta sulle proprie posizioni, anche se ognuno di noi ha avuto motivo di riflettere e, come ammesso da @Poe, ripensare a certe situazioni. Lo stesso ho fatto io, pungolato dalle analisi di @Diablero (che se si mantenesse nei giusti confini sarebbe uno splendido Maestro, un Professore: e quando parlo di giusti confini, non faccio riferimento solo a qualche caduta di stile che è sempre da evitare, ma a certi toni da professore scocciato dal dover spiegare le ovvietà agli scolaretti: anche se molti di noi, qui, sono più giovani di Diablero, non sono comunque più di primo pelo e hanno un pizzico d'amor proprio, da difendere quando ci si sente apostrofati come incapaci di leggere e interpretare. Continua pure a pensarlo, Diablo, sei fatto così e nessuno può impedirtelo, ma perdiana, sai scrivere così bene, cerca almeno di non darlo a vedere in maniera così smaccata o, come accade a volte, sgradevole ;) ), dalle domande retoriche di @Letizia, dalle riflessioni di @Exit.

 

Ma ora basta. Non continuo più, sennò diventa stancante. E poi rischio di farmi venire la nausea per una delle storie che ho più amato in assoluto, e che anche in questo senso devo preservare :)

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">53 minuti fa</span>, Leo dice:

@Thor983 complimenti per il bel messaggio, per nulla prolisso. Mi ritrovo in pieno nel tuo post, sarà che per imprinting (sei del 1983?) siamo pressoché coetanei? 

 

Comunque la penso esattamente come te, e infatti ho già espresso il mio auspicio e le mie aspettative sulle storie sulla guerra civile che potremo leggere in Texwiller.

 

A proposito, ma Missouri è più fedele di Fda ai dettami di Glb? Mi piacque molto, ma ora non la ricordo, dovrei rileggerla.

Possibilissimo @Leo, sono del 1983 :-) Su Missouri, non direi. Mi spiego. La storia è ambientata nell'autunno 1862 (dopo Shiloh), e Tex con Dark parla chiaramente di un tacito accordo tra loro due. La missione non è sicuramente una cosa tranquilla dietro le linee, e nel momento in cui Tex accetta di fare da esploratore per la Compagnia J sa benissimo che potrebbe imbattersi nei confederati, tanto che praticamente Dark glielo chiede per favore. E di confederati ne moriranno diversi, anche impiombati da Tex (che pure li aveva riconosciuti). Va detto però che la situazione era particolare: legittima difesa, oppure veri e propri criminali, dediti a saccheggio ed omicidi, esattamente come buona parte della Compagnia J. Diciamo che gli irregolari non ci fanno, per la maggior parte, una bella figura. Cosa tra l'altro molto realistica, dato che lo Stato era conteso ed agivano delle bande di irregolari dai metodi brutali. Comunque, data la situazione, per me è molto coerente con il personaggio, dato che alla fine Tex si batte comunque contro l'ingiustizia, rappresentata dal capitano West e dai suoi accoliti (che pure sono in giacca blu). 

 

<span style="color:red">47 minuti fa</span>, Diablero dice:

Ma anche la prima volta, non partecipa alla guerra. Anzi, non la vede nemmeno. GLB si inventa che "i rangers non partecipano alla guerra" e hanno solo compiti di polizia contro i banditi nell'ovest.

 

E anche le tavole di quegli anni sono molto esplicite sui "politicanti" che provocano la guerra:

 

Tex-017-Gli-sciacalli-del-Kansas-156.jpg
Tex-017-Gli-sciacalli-del-Kansas-157.jpg
Tex-017-Gli-sciacalli-del-Kansas-158.jpg

 

Quindi, l'opinione di GLBonelli sulla guerra (e sul fatto che Tex non poteva combatterla) non è cambiata nei decenni. Ho ipotizzato anch'io che siano state le proteste per la guerra nel vietnam a spingere GLB a "schierarsi pubblicamente" per il pacifismo, ma non gli ha fatto cambiare idea sulla guerra, l'ha solo spinto a esprimerla pubblicamente.

 

Ti fai illusioni su come funzionava la casa editrice all'epoca (alimentate anche dalle bugie stampate per anni sugli albi da Sergio Bonelli, che aveva paura della reazione dei lettori al nuovo autore)

 

L'editore era Sergio Bonelli, e lui aveva "assunto" Nizzi per scrivere Tex. GL Bonelli non lo sapeva nemmeno. Lo scoprì dopo. Non ha mai visto una storia di Nizzi prima della pubblicazione, nemmeno una volta, figurati "approvarla". Non era in suo potere. Vedeva gli albi una volta pubblicati, come gli altri lettori.

 

(e a quanto ci dicono, diceva peste e corna delle storie di Nizzi)

 

 

@Diableroprima di tutto grazie per le tavole, è un episodio che non ricordavo. Per il resto, sono sincero, non conosco le dinamiche interne alla SBE del periodo e non posso sapere come la pensava GLB né giudicare il tutto. Il mio discorso è più ampio e riguarda proprio il tema guerra civile, che data l'importanza che ha avuto nella storia americana è impensabile che Tex non ne abbia preso (a suo modo) parte attiva. Un'evento del genere fa parte del retroterra del personaggio, e Tex deve aver partecipato in qualche modo. Sono d'accordissimo con il fatto che le storie debbano essere scritte con attenzione e criterio, per rispettare sia il pensiero di GLB, sia un evento tragico e divisivo come la guerra civile americana. Però rimango dell'idea che debbano essere scritte.

Tex è un fumetto, un'opera di fantasia, ma non penso di sbagliarmi se dico che, come tutte le opere letterarie, è uno specchio del suo tempo. Oggi determinate sensibilità sono sicuramente cambiate, e resto dell'idea che qualche minima retcon ci possa stare, sempre fatta con criterio.

Narrando le storie di Tex nella guerra civile, non si fa un torto a GLB, se queste storie sono scritte bene. Potrà trattarsi di una missione dietro le linee, di qualche indagine contro affaristi che rubano le scorte nordiste, oppure di Tex che si trova ad avere a che fare con i pellerossa: quasi 8.000 indiani militarono nelle file confederate, la stessa Unione ne arruolò alcuni reggimenti... Potrebbe essere lo spunto per un'avventura del futuro Aquila della Notte.

La guerra di secessione può essere una vera e propria miniera di storie. Storie che, se scritte con criterio, rispettando il personaggio e le sue regole di ingaggio, possono arricchire il contesto del personaggio stesso, il suo retroterra, il suo passato, e quindi in definitiva anche la serie. Oltre a dare agli sceneggiatori parecchie possibilità di proporre soggetti.

Tutto questo per dire che ho il massimo rispetto per TDB, una storia che trovo magnifica e che costituisce uno spartiacque (prima Tex spara ai confederati, dopo no. Personalmente credo sia difficile ambientare una storia prima proprio per questo motivo, ma sarei felice di essere smentito). Però ritengo che con la guerra civile si possa anche andare leggermente oltre il giuramento e le affermazioni dello struggente finale di Tramonto Rosso.

Sempre con criterio e senza abusare.

Mio personale parere :)

  • +1 3
Link to comment
Share on other sites

Boselli ha detto che liquidera la guerra di secessione com massimo 2 -3 storie. ( mi sembra). E ci credo, dopo questo ambaradam. 😎

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, valerio dice:

Letizia è molto conservatrice su Tex

Non si tratta di essere conservatrice ma coerente.

Se leggi i miei romanzi (mi si perdoni l'autopubblicità) te ne accorgi subito.

Il mio Tex viene da Terra2, ma è molto coerente.

Poco conservatore ma coerente.

Il fatto che il mio Tex si innamori, cosa vietatissima in SBE, ha una sua coerenza.

Chi può dire che un uomo tutto di un pezzo, che giura fedeltà eterna alla memoria della moglie, non possa incontrare una donna eccezionale che gli fa perdere la testa?

 

E il figlio Kit, è impossibile che trovi una ragazza che fa per lui e che la sposi?

Persino in SBE ci hanno pensato.

E ancora Kit Willer, se gli uccidono un parente, non credete che possa arrivare a togliere scalpi e torturare l'omicida?

 

Sono coerente (a modo mio) ma per nulla conservatrice.

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, Letizia dice:

Non si tratta di essere conservatrice ma coerente.

Se leggi i miei romanzi (mi si perdoni l'autopubblicità) te ne accorgi subito.

Il mio Tex viene da Terra2, ma è molto coerente.

Poco conservatore ma coerente.

Il fatto che il mio Tex si innamori, cosa vietatissima in SBE, ha una sua coerenza.

Chi può dire che un uomo tutto di un pezzo, che giura fedeltà eterna alla memoria della moglie, non possa incontrare una donna eccezionale che gli fa perdere la testa?

 

E il figlio Kit, è impossibile che trovi una ragazza che fa per lui e che la sposi?

Persino in SBE ci hanno pensato.

E ancora Kit Willer, se gli uccidono un parente, non credete che possa arrivare a togliere scalpi e torturare l'omicida?

 

Sono coerente (a modo mio) ma per nulla conservatrice.

Ok.

Comunque sai, a me pare che tutti gli autori facciano giustamente un Tex diverso da quello originale.

E' normale. Pensa che GLB lasciava scrivere Tex a Sergio, che altro che fuori canone... Se ne lamentava, ma glielo lasciava fare.

Ognuno ci mette del suo, poi i lettori secondo i loro gusti inorridiranno o plaudiranno.

Io, finchè non vedo Tex completamente rammollito o impazzito cerco di accontentarmi, a patto che le storie siano belle però, che se sono brutte smetto di comprarlo.

 

Edited by valerio
Link to comment
Share on other sites

Massimo rispetto per il regolamento e i suoi tutori, massimo rispetto per la sensibilità altrui, ma reputo che due settimane di sospensione dell'account di @Diablero siano una pena esagerata rispetto al "reato" (che definirei una prevaricazione dialettica di stampo "sgarbiano"), per il quale tra le righe mi era sembrato di cogliere le sue scuse, o comunque la moderazione dei suoi toni, nei suoi post ancora prima che la sanzione venisse comminata.

Lungi da me il voler prendere le difese di chicchessia (ancor oggi su Felipe di "Aguas Negras" la pensiamo in modo diametralmente opposto, dopo esserci confrontati in modo altrettanto acceso ma mai offensivo), ma confido nella corte (e nell'accusa) per una riduzione della pena.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">4 minuti fa</span>, PapeSatan dice:

Massimo rispetto per il regolamento e i suoi tutori, massimo rispetto per la sensibilità altrui, ma reputo che due settimane di sospensione dell'account di @Diablero siano una pena esagerata rispetto al "reato" (che definirei una prevaricazione dialettica di stampo "sgarbiano"), per il quale tra le righe mi era sembrato di cogliere le sue scuse, o comunque la moderazione dei suoi toni, nei suoi post ancora prima che la sanzione venisse comminata.

Lungi da me il voler prendere le difese di chicchessia (ancor oggi su Felipe di "Aguas Negras" la pensiamo in modo diametralmente opposto, dopo esserci confrontati in modo altrettanto acceso ma mai offensivo), ma confido nella corte (e nell'accusa) per una riduzione della pena.

Ma anche no. 

Dura lex sed lex.

E qui mi taccio.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">58 minuti fa</span>, PapeSatan dice:

Massimo rispetto per il regolamento e i suoi tutori, massimo rispetto per la sensibilità altrui, ma reputo che due settimane di sospensione dell'account di @Diablero siano una pena esagerata rispetto al "reato" (che definirei una prevaricazione dialettica di stampo "sgarbiano"), per il quale tra le righe mi era sembrato di cogliere le sue scuse, o comunque la moderazione dei suoi toni, nei suoi post ancora prima che la sanzione venisse comminata.

Lungi da me il voler prendere le difese di chicchessia (ancor oggi su Felipe di "Aguas Negras" la pensiamo in modo diametralmente opposto, dopo esserci confrontati in modo altrettanto acceso ma mai offensivo), ma confido nella corte (e nell'accusa) per una riduzione della pena.

Ma dico, a parte insultare tutti per 3 anni, ha definito un autore "miserabile sacco di immondizia" e si chiede riduzione pena?

Capisco che sia sempre un dispiacere una sospensione, ma direi che la abbiamo tirata anche troppo per le lunghe.

Link to comment
Share on other sites

Diablero ha commesso un grave errore e penso ne sia consapevole anche lui. Sarà un peccato la sua assenza nei prossimi 14 giorni, perché lui è uno che arricchisce il forum, in qualità ma anche in quantità, perché scrive tanto, e su tanti aspetti. 

 

Io stesso, che ho invocato la sua sospensione di fronte a espressioni inaccettabili, oggi sono dispiaciuto per come è andata. Ma la decisione dei moderatori è da rispettare, è probabilmente la misura più opportuna e, da scafato frequentatore di forum qual è, immagino che la condivida anche lo stesso Diablero. 

 

Personalmente, spero che questa decisione induca a una maggiore moderazione per il futuro. Anche se trovo spesso sgradevoli i suoi toni, non ce l'ho con l'utente Diablero, cui riconosco, oltre che la competenza, almeno la buona fede. Buona fede nel suo tentativo di difendere a ogni costo la memoria di Glb e la sua creatura Tex. Solo che va troppo oltre, ed è giusto, anche se non piacevole, censurarlo.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Esatto Leo, e dirò di più. Questa sospensione certifica la serietà di questo forum. E potrebbe far persino bene all'utente in questione. Non so se il suo comportamento sia incontrollabile, se lo è c'è poco da fare, ma se non lo è potrebbe aver compreso e provare a moderarsi, finalmente.

Sulla buona fede avrei un pò da ridire, perchè se ce l'ha su GLB, come giustamente dici, non ce l'ha sull'autore che continua a insultare e a deridere a testa bassa da anni. Li c'è solo risentimento e questo inficia il giudizio come è normale e matematico che sia.

Detto questo, nessuno ha nulla contro l'utente, tutti concordano sul fatto che sia enciclopedico addirittura e che potrebbe arrichire tutti molto, ma per poterlo fare deve cambiare atteggiamento, perchè quando sei anche un fenomeno, ma poi sei talmente rissoso da impedire a una community di interloquire serenamente, perchè sei alla ricerca ossessiva dei fans di quell'autore per poi poterli deridere e trattare da scolaretti, e qualunque cosa buona si dica di quel determinato autore si ritorce contro a chi l'ha detta, attaccato per mesi e anni, diventa dura.

Io dissi due cose buone su Nizzi due anni fa e andò a ricercarsi tutti i miei post passati e me li sbattè uno a uno qui dicendo che parlavo solo di Nizzi e che ero li solo per lodarlo, mi accusò anche di essere uno iscritto all'altro forum da 20 anni tra i Nizziani, quando io sull'altro forum ho messo piede solo nell'ultimo anno scrivendo 4 post in tutto, e questo è andato avanti per mesi.

Capite anche voi che è ben difficile districarsi in mezzo a un simile "disagio" sul tema in questione.

Io credo che il solo modo per goderci Diablero sia mettergli un ban su Nizzi:D, cioè appena scrive quel nome gli si cancella in automatico il post, e sul resto è invece davvero godibile, perchè il soggetto del suo rancore non c'è e quindi è bellissimo da leggere.

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">8 minuti fa</span>, valerio dice:

Esatto Leo, e dirò di più. Questa sospensione certifica la serietà di questo forum. E potrebbe far persino bene all'utente in questione. Non so se il suo comportamento sia incontrollabile, se lo è c'è poco da fare, ma se non lo è potrebbe aver compreso e provare a moderarsi, finalmente.

Sulla buona fede avrei un pò da ridire, perchè se ce l'ha su GLB, come giustamente dici, non ce l'ha sull'autore che continua a insultare e a deridere a testa bassa da anni. Li c'è solo risentimento e questo inficia il giudizio come è normale e matematico che sia.

Detto questo, nessuno ha nulla contro l'utente, tutti concordano sul fatto che sia enciclopedico addirittura e che potrebbe arrichire tutti molto, ma per poterlo fare deve cambiare atteggiamento, perchè quando sei anche un fenomeno, ma poi sei talmente rissoso da impedire a una community di interloquire serenamente, perchè sei alla ricerca ossessiva dei fans di quell'autore per poi poterli deridere e trattare da scolaretti, e qualunque cosa buona si dica di quel determinato autore si ritorce contro a chi l'ha detta, attaccato per mesi e anni, diventa dura.

Io dissi due cose buone su Nizzi due anni fa e andò a ricercarsi tutti i miei post passati e me li sbattè uno a uno qui dicendo che parlavo solo di Nizzi e che ero li solo per lodarlo, mi accusò anche di essere uno iscritto all'altro forum da 20 anni tra i Nizziani, quando io sull'altro forum ho messo piede solo nell'ultimo anno scrivendo 4 post in tutto, e questo è andato avanti per mesi.

Capite anche voi che è ben difficile districarsi in mezzo a un simile "disagio" sul tema in questione.

Io credo che il solo modo per goderci Diablero sia mettergli un ban su Nizzi:D, cioè appena scrive quel nome gli si cancella in automatico il post, e sul resto è invece davvero godibile, perchè il soggetto del suo rancore non c'è e quindi è bellissimo da leggere.

 

😀😀

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">21 minuti fa</span>, Diablorojo82 dice:

😀😀

Si, ma poi accusava me di essere un fan di Nizzi, che a me non frega una beata sega nè di Nizzi nè di chiunque altro. Mi leggo gli albi e se mi piacciono elogio, se non mi piacciono critico e non me ne può fregar di meno di chi sia l'autore, nè della loro vita. Va alla ricerca dei fan di Nizzi come se fosse Pokemon go, deve avere una app sul telefonino che gli indica dove sono i Fan di Nizzi ovunque vada e li distrugge. Boh, io non lo so...:lol:è incredibile.

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, PapeSatan dice:

Siamo sicuri che al termine della pena vorrà nuovamente intervenire?

Ho riletto CON ATTENZIONE e senza preconcetti l'escalation di commenti e, ripeto, mi è parso che i toni fossero tornati accettabili e la decisione sia stata affrettata o comunque sproporzionata. Senza voler fare l'avvocato di nessuno, avrei auspicato una censura/cancellazione dei post incriminati, non un ban che rischia di allontanare definitivamente una risorsa del forum.

Allora va cambiato il regolamento in funzione di Diablero, della serie che lui può insultare chi vuole, mentre gli altri no:D

Ma davvero cosa tocca leggere.:lol:

Edited by valerio
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

[Tex: Ecco Tom! ... Ma dove ha lasciato il cavallo?] scena eliminata (a proposito, che fine hanno fatto i tre cavalli?)

 

Quando Tex e John raggiungono il luogo dove Tom aveva lasciato i cavalli, Tex capisce subito la verità.
Gli animali ci sono tutti e tre: Tom è rimasto indietro a sacrificarsi per proteggere la loro fuga.
Nel frattempo si odono gli spari che Tom indirizza verso i soldati inseguitori.
Tex, rivolgendosi a John, gli dice: "John, prendetevi due cavalli e andatevene alla svelta. Io torno indietro con l'altro cavallo a prendere quella testa calda di Tom. Vi raggiungeremo al più presto."
"Willer, fermatevi! E' un suicidio! Non potete far più nulla per Tom ormai!"
"Andatevene, ho detto!"
E si allontana velocemente tenendo per le redini il secondo cavallo.
Intanto Tom vuota il serbatoio del suo fucile creando scompiglio tra i soldati.
Il comandante del carcere è colpito a morte e confessa al tenente Clifford la sua intenzione di far parlare il prigioniero Walcott in merito all'oro trafugato.
Clifford incita i suoi soldati a togliere di mezzo il negro e a catturare I due fuggiaschi.
Tex arriva da Tom, giusto in tempo per ascoltare le sue ultime parole: "Muoio da uomo libero! Tex, fa' in modo che la mia morte non sia vana! Aiuta la mia gente a liberarsi dal giogo della schiavitù!"
"Sì, Tom! Te lo giuro sul mio onore! Mi batterò(*) fino a quando non ci sarà più un solo schiavo in tutti gli Stati Uniti."
Così dicendo, chiude gli occhi del povero Tom, balza in sella e, sparando ai cavalli degli inseguitori, si dirige verso l'amico John.

 

(*) NdL: battersi in senso figurato, non con le armi.

Link to comment
Share on other sites

Buonasera!

 

Leggendo questa caterva di commenti mi è venuta la voglia di rileggermi "Fuga da Anderville" dopo oltre 15 anni dall'ultima volta per vedere che effetto mi avrebbe fatto.

Devo dire che non l'ho trovata quel capolavoro che ricordavo, sarà che con gli anni sono diventato più esigente, ma una bella, anzi bellissima storia quello sì.

 

Innanzitutto c'è lo scenario sempre affascinante della guerra civile americana: non sono d'accordo con il fatto che Nizzi non mostri la guerra, la mostra eccome, fa solo vedere cose diverse rispetto a quello che ha fatto vedere Bonelli in "Tra due bandiere": i campi di concentramento, l'atmosfera da crepuscolo degli dèi (viene detto che siamo nella fase finale del conflitto, con il sud ormai avviato all'inevitabile sconfitta), le piccole pattuglie di uomini induriti, la popolazione civile esasperata e incattivita, eccetera. 

I due cugini: se John è fin troppo stereotipato (buono e giusto in tutto, anche se non brilla d'intelligenza), Leslie si dimostra un personaggio più complesso con la sua fede per la Confederazione, ma che cerca di salvare il cugino internato ad Anderville.

La figura di Tom.

E poi, Ticci: superbo. Non so se ci sia lo zampino di Monti (qualche primo piano mi sembra suo), nel caso il "superbo" vale anche per lui.

 

Qualcosa per me non gira per il verso giusto: qualche scelta contraddittoria (per dirne una: Tex che NON sfrutta la sua falsa identità nella scena della locanda dove Tom viene malmenato dal locandiere. Se avesse detto di essere un fornitore della Confederazione con il proprio schiavo nessuno gli avrebbe detto niente) e la scena della morte di Tom che non riesco a non considerare sbrigativa nella sua risoluzione e anche lo stesso Tex non ne esce benissimo.

 

A parte questo, una lettura piacevolissima che mi ha riportato con la mente a una qualche domenica pomeriggio a casa dei miei nonni quando leggevo le centinaia di Tex che mio nonno aveva in casa (dico aveva perché poi vecchio cowboy, con il beneplacito di mia nonna che non li voleva più a occupare posto, li ha smollati a me e ancora oggi un po' se ne pente).

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.