Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[407/409] Il Passato Di Carson


Guest Colonnello_Jim_Brandon
 Share

Voto alla storia  

129 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

  • 2 weeks later...
  • 2 months later...

Riflettevo stasera sul fatto che questa storia ha anche un altro pregio. Ci ha "salvato" da una storia in cui Carson nel suo passato si sposava, ma la moglie veniva subito uccisa...

 

Di che sto parlando? Beh, fate un po' caso a questo strano caso...

 

Nei primi anni 70 GL Bonelli recupera, dopo trent'anni che non veniva più nemmeno citata, la moglie di Tex, Lilyth, per una dei suoi capolavori di quel periodo: "il giuramento".

Inserisce nel passato di Tex una grave perdita e una vendetta, in una storia amatissima dai lettori.  :inch:

 

Anni dopo, Claudio Nizzi, l'uomo che da GL Bonelli ha copiato pure il menù dei ristoranti (e ce ne fosse uno in tutto il west che non presenti bistecche e patatine...), ha "l'idea" per una "storiona", finalmente vuole svelare...   IL PASSATO DI TIGER!

E quale sarebbe il passato di Tiger? Che Tiger aveva una moglie... ma gli è stata uccisa da dei mascalzoni, e lui l'ha vendicata!   :rolleyes:

 

OK, mi meraviglia che nessuno all'epoca abbia notato che la storia era praticamente ricalcata su quella di Lilyth, ma fino a qui la cosa può anche avere un senso: cosa può aver legato insieme così tanto Tiger e Tex, tanto che Tiger ha seguito Tex nei suoi vagabondaggi dopo la morte di Lilyth, risultando il primo dei pards ad essersi unito a Tex con regolarità nelle sue avventure? Il fatto che abbiano vissuto la stessa perdita può accomunarli, OK, ci può stare... ;)

 

...ma poi Nizzi anni dopo fa una storia in cui Kit Willer ha un ruolo più marcato. Quale?

Beh perde la memoria e... si sposa con una moglie indiana, ma poco dopo il matrimonio lei muore, lasciandolo vedovo, a causa della cospirazione di alcuni mascalzoni...  :o

 

OK, qui stiamo arrivando al ridicolo: TRE pards su quattro sono vedovi di una moglie indiana uccisa da mascalzoni? No, dico, ma un minimo di originalità, no?   :mazza:

 

Credo che a questo punto possiamo immaginare cosa sarebbe successo, dopo il ritorno di Nizzi dopo la crisi dei primi anni 90: ad un certo punto, avrebbe avuto "l'idea" per una storia originalissima: LE ORIGINI DI CARSON, in cui si scopre che Kit Carson da giovane è stato sposato con una donna indiana, ma poco dopo il matrimonio, dei mascalzoni...  :lol:

 

E invece no. Boselli è arrivato prima. Almeno uno dei pars non è vedovo, è tutt'ora uno scapolo impenitente che le sue donne le va a trovare ogni tanto, visto che sono ancora vive e vegete. Il gruppo dei pards non è diventato quello dei "quattro vedovi fotocopiati". 

 

Grazie, Borden!!   B)

  • Confused (0) 2
Link to comment
Share on other sites

27 minutes ago, valerio said:

La critica a Nizzi per quello che NON ha fatto, è l'xtrema ratio per poterlo criticare.

Prodezza notevole amico Diablo :D:inch:

Si scherza, eh.

 

In realtà, con un minimo di perspicacia si capiva che la critica era alle storie che HA scritto...  :rolleyes:

 

(insomma, è abbastanza esplicito...)

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red;">15 minuti fa</span>, Diablero dice:

 

In realtà, con un minimo di perspicacia si capiva che la critica era alle storie che HA scritto...  :rolleyes:

 

(insomma, è abbastanza esplicito...)

Certo.

Ma insomma, hai citato due delle migliori e da praticamente tutti considerate delle grandi storie. Meglio attaccarlo sulle storie brutte, forse...

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red;">37 minuti fa</span>, Diablero dice:

 

In realtà, con un minimo di perspicacia si capiva che la critica era alle storie che HA scritto...  :rolleyes:

 

(insomma, è abbastanza esplicito...)

perfetto

non ti piacciono neanche quelle

se per te Nizzi e' un copione sei da ricovero:azz:

e' una battuta eh

Link to comment
Share on other sites

2 minutes ago, Grande Tex said:

perfetto

non ti piacciono neanche quelle

se per te Nizzi e' un copione sei da ricovero:azz:

e' una battuta eh

 

È vero o non è vero, che a causa di Nizzi TRE PARDS SU QUATTRO hanno avuto una moglie indiana, morta a causa di malfattori, e ora sono vedovi?

 

L'evidenza è lì. Puoi ignorarla, puoi strillare, puoi attaccare chi te la fa notare, puoi dire che sono "da ricovero" (perchè noto le cose che tu non noti?), ma guarda un po'...  alla fine l'evidenza è ancora lì.

 

Per questo le proteste di cerca di negare questa evidenza suonano un po'' disperate, tipo...  arrampicarsi sugli specchi.

 

(no, non mi interessa discutere. La vostra diatriba non è con me, è con la realtà)

Link to comment
Share on other sites

Dannazione., a quella volta  che GlB ha fatto  morire Mae Willer,  Ken Willer  Sam Willer e poi Lihlit, per fortuna  che poi ha lasciato spazio  a Nizzi  altrimenti avrebbe fatto uccidere anche Kit Willer.😃🍻🙋‍♂️

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Diablero dice:

TRE PARDS SU QUATTRO hanno avuto una moglie indiana, morta a causa di malfattori, e ora sono vedovi?

Tre su quattro?

E chi lo dice?

Non lo sai che Carson, prima della storia raccontata nel Passato di Carson (molto prima), si era sposato con rito civile con una Kiowa che poi è stata rapita e uccisa da una banda di Comancheros?

E che naturalmente il vedovo Kit in seguito si è vendicato uccidendo uno ad uno tutti gli assassini della moglie?

E' una storia che verrà pubblicata tra qualche anno e avrà per titolo "Il passato del passato di Carson".

E, se ci ripensano e non la fanno uscire, la scrivo io.

  • Haha (0) 2
Link to comment
Share on other sites

Le mogli già in genere sono una palla al piede, figuriamoci a chi va per il West a raddrizzare torti.

"Mi raccomando la maglia di lana, e guai a te se rientrerai tardi. Già che ci sei passa al General Store e non ti sognare di perdere la lista della spesa, i soldi li anticipi, che qui è una sola cassa e io non li gratto dai muri. E tagliati la barba!"

"Si cara", mentre sellava il cavallo.

...

Edited by Dix Leroy
  • Haha (0) 1
  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red;">1 ora fa</span>, Letizia dice:

Tre su quattro?

E chi lo dice?

Non lo sai che Carson, prima della storia raccontata nel Passato di Carson (molto prima), si era sposato con rito civile con una Kiowa che poi è stata rapita e uccisa da una banda di Comancheros?

E che naturalmente il vedovo Kit in seguito si è vendicato uccidendo uno ad uno tutti gli assassini della moglie?

E' una storia che verrà pubblicata tra qualche anno e avrà per titolo "Il passato del passato di Carson".

E, se ci ripensano e non la fanno uscire, la scrivo io.

:laughing:

Link to comment
Share on other sites

Vi faccio una confessione.

Mi fa sempre piacere quando entro nel forum e leggo che c'è qualche post di @Diablero da leggere.

Da lui ho imparato tante cose su Tex e trovo interessanti le sue annotazioni critiche.

Oggi il suo rilievo mi ha strappato il sorriso: vero, tre dei nostri amici hanno alle spalle una tragedia familiare.

Poi, però, si è lasciato un po' guidare dalla sua disistima per Nizzi.

D'accordo, in questa piazza virtuale le critiche sono legittime, anzi costituiscono il sale del dibattito.

Rimane che Furia Rossa L'uomo senza passato rimangono due pietre miliari dell'epopea texiana e, a mio giudizio, un capolavoro l'una, un'ottima storia l'altra.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Diablero dice:

vero o non è vero, che a causa di Nizzi TRE PARDS SU QUATTRO hanno avuto una moglie indiana, morta a causa di malfattori, e ora sono vedovi?

si e' cosi

visto che le circostanze sono diverse, perche' deve essere una cosa negativa?  a parte che solo Tex si e' sposato

Edited by Grande Tex
Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Ho letto ancora poco di Tex, ma ritengo "il passato di carson" un capolavoro assoluto in termini di soggetto e caratterizzazione dei personaggi con disegni all'altezza dell'opera.

Era un po' che mi chiedevo come mai Carson fosse sempre rilegato a ruolo di riserva, alcune volte anche inutile. Mi chiedevo come mai non fosse mai Kit ad avere l'intuizione giusta o essere lui il protagonista di qualche azione decisiva e non sempre Tex. Eccomi accontentato! Il tutto in una sceneggiatura sublime, degna di un film Oscar, ottime figure femminili molto ben inserite nel contesto e una scenografia, specialmente quella relativa al Montana mozzafiato.

Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi
<span style="color:red;">57 minuti fa</span>, SaWi dice:

Ho letto ancora poco di Tex, ma ritengo "il passato di carson" un capolavoro assoluto in termini di soggetto e caratterizzazione dei personaggi con disegni all'altezza dell'opera.

Era un po' che mi chiedevo come mai Carson fosse sempre rilegato a ruolo di riserva, alcune volte anche inutile. Mi chiedevo come mai non fosse mai Kit ad avere l'intuizione giusta o essere lui il protagonista di qualche azione decisiva e non sempre Tex. Eccomi accontentato! Il tutto in una sceneggiatura sublime, degna di un film Oscar, ottime figure femminili molto ben inserite nel contesto e una scenografia, specialmente quella relativa al Montana mozzafiato.

Capolavoro assoluto!

Non so, se l'hai letta, ma ti consiglio "Maria Pilar", storia contenuta, nel primo Magazine, e vede un Carson in solitaria. (ed in ottima forma)

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red;">4 ore fa</span>, MacParland dice:

Capolavoro assoluto!

Non so, se l'hai letta, ma ti consiglio "Maria Pilar", storia contenuta, nel primo Magazine, e vede un Carson in solitaria. (ed in ottima forma)

No sono un principiante,  grazie mille del consiglio!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Un esordio del genere su una testata del calibro di Tex solamente Boselli avrebbe potuto farlo! Infatti, il Bos esordisce con un capolavoro immenso. Per me non è la sua storia migliore, dato che preferisco "La grande invasione" e ritengo "Gli Invincibili" sullo stesso livello di questa (sarà un caso, ma sono tutte storie illustrate da Marcello:rolleyes:), ma è comunque una storia perfetta e impeccabile. Se poi la storia è illustrata da Marcello, il capolavoro è assoluto! Il duo Boselli-Marcello è il mio preferito su Tex:wub::inch:
Recensire un fumetto così bello mi fa già tremare i polsi!
Partiamo dall'inizio: bellissima la prima scena, in cui il lettore conosce i superstiti della banda degli Innocenti. Ebbene, nel corso della storia, tutti questi antagonisti verranno caratterizzati perfettamente, come solo Boselli sa fare. Veniamo anche a conoscenza di alcune frasi del complesso linguaggio in codice degli Innocenti. Ottima ed emblematica l'enigmatica frase con cui la scena si chiude: Boone dice infatti: "LUI è tornato...ma questa volta saremo noi i più furbi".
Molto bella poi la scena, sempre nel presente, in cui il vecchio Carson, uccidendone un ex-membro, capisce che avrà di nuovo a che fare con gli Innocenti. Anche qui, meravigliosa la frase di Carson (realizzato in modo incredibilmente espressivo da Marcello): "Bannock non esiste". Una frase che mi ha, inspiegabilmente, colpito molto
In seguito, semplicemente ottimo ed entusiasmante il racconto che Tex fa a Kit sul passato di Carson. Il giovane Carson mi è piaciuto moltissimo, così come l'affascinante Lena, una ragazza di questa storia che mi ha colpito moltissimo. Conosciamo anche Ray, che, se devo essere sincero, avevo sospettato fin da subito che avesse qualcosa da nascondere. Bella la scena in cui Kit Carson arriva di notte alla casa di Lena: tra i due c'è infatti un'attrazione reciproca molto interessante:wub:
Fantastico il colpo di scena in cui Carson scopre che Ray è a capo della banda degli innocenti. Ottima anche la scena nella quale Carson, inseguendo Ray, viene fermato da Lena. "Dovevo proteggere il padre di mia figlia", dirà in seguito... chissà a chi si riferisse. A me piace pensare che si riferisse allo stesso Carson.
Finito il flashback, la parte nel "presente" non è meno intrigante e appassionante. Bello l'incontro tra Carson e Lena, venticinque anni dopo, così come quello tra lui e il suo amico/nemico Ray. Ho apprezzato anche il personaggio di Donna, seppur sia molto simile alla madre.
Ottimo il piano che mettono in atto Tex e il figlio Kit: il primo si infiltra nella banda, facendo credere di essere un Innocente, mentre l'altro cerca di liberare Donna, agendo di nascosto. Bellissima tutta la lunga scena, ricca d'azione, di suspence e di tensione, che si svolge a Bannock. Tesisissima la scena in cui, dopo che Kit, che è stato ferito, ha liberato Donna, i due si sono nascosti e vengono cercati dall'inquietante nemico Larry il Contabile. In questa scena, Donna si dimostra una ragazza in gamba, come la madre. Meraviglioso e avvincente lo scontro a fuoco nella cittadina. Emozionante il rapporto di affetto che lega Chester a Grimes, e mi è spiaciuto vedergli fare una brutta fine al primo. La resa dei conti tra Boone e Waco da una parte e Carson, Tex e Ray dall'altra è ricca di tensione. Conclusasi con un bellissimo scontro a fuoco, sono rimasto emozionato dalla frase "Per un amico, questo e altro", il motto che Carson ripete a Ray, che gli ha chiesto di pronunciare, prima di morire. Scena da brividi. Che personaggio meraviglioso Ray, che come dice lo stesso Carson: "Tutti commettono degli errori, nella vita...ma non tutti sanno riscattarli". Ray, senza dubbio, si è riscattato, e a me questo personaggio lascerà un bel ricordo.
Magnifico anche il sospetto che, nel corso della storia, Boselli, saggiamente, infonde nel lettore, pur non rivelandolo apertamente: Kit è il padre di Donna. Io ne sono convinto, e mi piace pensarla così.
Posso quindi solo fare un enorme applauso per Boselli, al quale, per aver scritto storie come questa, "La grande invasione", "Gli invincibili", "Patagonia" e molte altre, bisognerebbe alzare almeno un monumento. 
Altrettanti complimenti vanno a Marcello, che ho imparato ad apprezzare sempre di più e che ora adoro alla follia. Il suo stile, particolarissimo e inimitabile, mi fa impazzire, punto e basta.
Ottime le cover di Villa.
Viva Boselli e viva Tex!

 

Soggetto/Sceneggiatura: 10 e lode
Disegni: 9,5

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

2 hours ago, Magico Vento said:

l'affascinante Lena, una ragazza di questa storia che mi ha colpito moltissimo

 

Ha colpito moltissimo anche Carson... col badile! :laugh:

  • Haha (0) 2
Link to comment
Share on other sites

On 9/12/2009 at 14:01, ymalpas dice:

Immagine postata


Copertina scartata ( la colorazione è mia ) perchè ritenuta troppo malinconica.

Io non riesco a vedere l'immagine, potresti rimetterla?

Sono molto curioso di vedere la copertina scartata😀

Edited by Magico Vento
Link to comment
Share on other sites

52 minuti fa, Magico Vento dice:

Io non riesco a vedere l'immagine, potresti rimetterla?

Sono molto curioso di vedere la copertina scartata😀

 

La copertina scartata era molto bella, ma non quanto l'originale. E io credo che l'originale sia la copertina più bella, più suggestiva, mai apparsa in Tex, come se il contenuto - magnifico - avesse trasferito, per osmosi, la sua luminosità nel contenitore.

 

L'idea del Passato è resa magnificamente sia da quel volto sorridente con neri e sicuri occhi che guardano lontano e fiduciosi verso il futuro, che dal tenue rosso del sole al tramonto, il momento della giornata in cui si è più riflessivi, più esposti all'introspezione, a guardare al passato appunto (perdonate l'afflato poetico, ma in questi giorni di ferie invernali sono stato spesso su una piccola collina che mi ha letteralmente emozionato tutti i pomeriggi per i prematuri e coloratissimi tramonti a cui mi ha fatto assistere; una collina in campagna, con case abbandonate che sanno di passato, vecchi ruderi immobili lì da più di un secolo ad assistere inerti e nel silenzio a quei tramonti, con i muri che scricchiolano, magari come quelli del Golden North...).

 

Ma anche l'idea dell'Azione, con i due pards che ventre a terra galoppano verso il Passato del Vecchio cammello. Un'immagine dinamica che esprime però, più di ogni altra cosa, l'inossidabilita' di un'amicizia straordinaria, trasformatasi col tempo in vera fraternità.

 

Può una sola immagine essere così bella, così potentemente evocativa?

Sì e no.

Sì perché lo è, è evidente.

No, perché non è solo merito della copertina, ma anche della consapevolezza del significato della stessa che trae origine dalla lettura a mio parere più bella mai proposta su Tex. 

 

Pensateci bene: è un racconto, potente, che tratta non (solo) di Tex e Carson, ma dei Grandi Temi della vita:

- il Tempo che passa, il Passato, le sue conseguenze sul Presente, sulla vita;

- l'Amicizia, questo sentimento mutevole e ineffabile, che a volte sa essere molto potente (tanto da consentire a quella canaglia di Clemmons di provare davvero dell'affetto per Kit);

- ovviamente l'Amore, incarnato nelle sembianze della bella Lena;

- il senso del Dovere, che è anche quello di Clemmons che torna a salvare Kit, nonostante potesse scappare con l'oro. 

 

Ma poi i dialoghi, mammamia i dialoghi: così, in ordine sparso:

a che gioco stai giocando, Ray? al mio gioco, Boone...

fate come vi dice, quello è Kit Carson!...

è un vero piacere risentire la tua voce, Sceriffo, dopo tanti anni...

fiuuu, tutte leggende del West...

Mi ero posto la stessa domanda anch'io Waco...

A chi appartiene quel morello là fuori, quello con la sella messicana?

 

Io mi chiedo, e GLI chiedo, se Borden si sia mai reso VERAMENTE conto di quanto sia bella e importante questa storia, di quanto abbia fatto sognare alcuni lettori texiani, di quante suggestioni essa abbia provocato in menti infiammabili (come la mia). Mi chiedo se sia consapevole, ma veramente consapevole, del livello di profondità a cui è giunto con questa opera (ché definirla storia sarebbe riduttivo).

 

Io lo ringrazierò sempre, per Carson giovane, per Ray, per Lena, per il Golden North, per il trading post di Cyrus Skinner.

 

Perdonatemi, la collina, evidentemente, non mi fa bene...

 

Edited by Leo
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.