Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[Color Tex N. 21] La gazza ladra


LedZepp
 Share

Recommended Posts

La scelta di acquistare il Color estivo si è rivelata azzeccata.

Dalle anticipazioni sul forum, avevo desunto che si potesse trattare di un'uscita interessante e la lettura ha confermato le attese.

Esaurita la breve premessa, entro un po' nel dettaglio, ma ovviamente mi avvarrò del comando spoiler. :)

 

Spoiler

Memore della brutta prova manfrediana dello scorso anno, il confronto con la storia attualmente in edicola è quasi impietoso.

 

Ruju ha architettato una buona trama e personalmente ritengo che sia uno dei migliori Color da parecchi anni a questa parte.

Mi fa piacere constatare che l'autore stia pian piano recuperando un po' di smalto creativo e spero possa confermarsi questa tendenza al rialzo, dopo una parentesi a dire il vero poco ispirata.

 

Il soggetto si avvale di un'originale ambientazione, ovvero il variopinto carnevale di New Orleans e si basa sulla notevole caratterizzazione di Lorelai, la simpatica comprimaria che con il soprannome "La gazza ladra" dà il nome all'albo e dello spietato Blackwell.

 

Che Ruju sia da sempre molto abile a creare interessanti figure femminili, non è una novità e si è riconfermato anche stavolta visto che l'affascinte ladruncola buca la pagina e accattiva da subito la simpatia del lettore, oltre quella del giovane Kit, sebbene quest'ultimo vorrebbe non darla a vedere. 

 

Per l'occasione l'autore riesce pure a far agire un villain intrigante: un sadico assassino che sfrutta la sua apparente rispettabilità di gentiluomo inglese, per far abbassare la guardia alle vittime e colpirle a tradimento con il suo affilato coltello prima di derubarle dei loro beni.

Un avversario tosto e pericoloso, di ben diverso spessore rispetto al Killer fantasma dello scorso color.

 

La sceneggiatura è pimpante e ben calibrata e l'idea di far agire su binari separati Kit dai due pards principali, funziona alquanto bene e ci mostra il giovane Willer in discreta forma. 

 

Inevitabilmente la strada di Lorelei s'incontrerà con quella dello spietato assassino e toccherà a Tex mettere ordine nell'epilogo, affidando la Gazza ladra alla giustizia e Blackwell alle schiere infernali; l'autore sceglie una morte alquanto cruenta per l'anima nera della storia ma scommetto che nessuno verserà una lacrima per la dipartita di un simile verme.

In quanto a miss Winter, invece, già dalla bocca di Tex apprendiamo che sarà destinata a ritornare sulla saga e vista la prima apparizione, merita una riproposizione. Riuscirà Kit a tenere a bada l'attrazione?

 

Proprio l'epilogo un po' accelerato rappresenta uno dei pochi punti deboli della prova: magari con una foliazione maggiore (sulla regolare o un maxi), Ruju avrebbe avuto più spazio per escogitare un finale degno, sfruttando a pieno lo scenario del carnevale e dando maggiore verve e tensione a una sequenza che allo stato di fatto appare un po' piatta e semplificata. Poco male, comunque, nel complesso la storia rimane comunque molto piacevole e assolve al pieno la missione di allietare un po' di tempo libero sotto l'ombrellone.

 

La sessione grafica della Zuccheri la reputo soddisfacente: uno stile molto pulito e dettagliato per una sceneggiatura non semplice da disegnare.

Fra scene fluviali, scorci cittadini pieni di folla e folkloristici carri in maschera, le difficoltà non mancano ma l'artista se la cava alla grandissima fornendoci una prova sontuosa, arricchita da un'ottima rappresentazione dei tre pard (Tex in primis) ed efficaci espressioni facciali che recitano alla grande le varie sequenze.

 

I colori di Celestini sono importanti per dare vita alla variopinta manifestazione carnevalesca, ma trovo che sui cartonati la colorazione sia sempre più curata rispetto a questo format, che al netto dell'opera del colorista, appare sempre alquanto uniforme e statica.

 

Chiudo il commento con alcune stranezze che ho notato durante la lettura:

 

- A differenza della storia breve scritta da Mauro, Ruju ci mostra come Kit evita il sonnifero sciolto nel vino dalla sua bella commensale; certo che per prendere il calice dal tavolo vicino senza che Lorelai se ne accorga o il sonnifero l'ha bevuto lei o i tavoli erano appiccicati (nel west il distanziamento covid ancora non c'era!); :D

- Molto adrenalinica ed effervescente la scena sui tetti della città immersa nelle tenebre notturne, ma la coincidenza del tendone che attutisce la caduta della coppia ha la stessa probabilità di una nevicata nel Sahara;

- Kit si mostra molto attivo e sveglio per buona parte dell'azione ma mi chiedo come possa farsi giocare come un pivello quando crede che Lorelai possa essere caduta in acqua in seguito a uno scivolone sul ponte del battello, qualche dubbietto prima di tuffarsi come un pesce nel fiume magari era dovuto;

- Ruju ci mostra un villain affezionato al suo coltello, a tal punto di farselo recuperare a tutti costi, dettaglio evitabile ma non nuovo per l'autore;

- Nell'ultima vignetta di pagina 50, Tex schiaffeggia il bandito ma l'onomatopea suona con un "Smack" adatto più per simulare un pugno; probabile refuso della Zuccheri che avrebbe potuto usare il più congeniale "schiaff" :lol:

- Nella seconda vignetta di pagina 134, Tex afferma che "La ragazza ladra è passata a ritirare i suoi risparmi" ma presumo che volesse dire "Gazza ladra" e che il letterista abbia aggiunto una sillaba superflua :D.

 

La smetto di cercare il proverbiale pelo dell'uovo e riassumo dicendo che il Color in questione è stato di mio assoluto gradimento e promuovo senza riserve sia Ruju che la Zuccheri. Il mio voto finale è 8

 

 

 

 

 

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">8 ore fa</span>, Condor senza meta dice:

La scelta di acquistare il Color estivo si è rivelata azzeccata.

Dalle anticipazioni sul forum, avevo desunto che si potesse trattare di un'uscita interessante e la lettura ha confermato le attese.

Esaurita la breve premessa, entro un po' nel dettaglio, ma ovviamente mi avvarrò del comando spoiler. :)

 

  Scopri testo nascosto

Memore della brutta prova manfrediana dello scorso anno, il confronto con la storia attualmente in edicola è quasi impietoso.

 

Ruju ha architettato una buona trama e personalmente ritengo che sia uno dei migliori Color da parecchi anni a questa parte.

Mi fa piacere constatare che l'autore stia pian piano recuperando un po' di smalto creativo e spero possa confermarsi questa tendenza al rialzo, dopo una parentesi a dire il vero poco ispirata.

 

Il soggetto si avvale di un'originale ambientazione, ovvero il variopinto carnevale di New Orleans e si basa sulla notevole caratterizzazione di Lorelai, la simpatica comprimaria che con il soprannome "La gazza ladra" dà il nome all'albo e dello spietato Blackwell.

 

Che Ruju sia da sempre molto abile a creare interessanti figure femminili, non è una novità e si è riconfermato anche stavolta visto che l'affascinte ladruncola buca la pagina e accattiva da subito la simpatia del lettore, oltre quella del giovane Kit, sebbene quest'ultimo vorrebbe non darla a vedere. 

 

Per l'occasione l'autore riesce pure a far agire un villain intrigante: un sadico assassino che sfrutta la sua apparente rispettabilità di gentiluomo inglese, per far abbassare la guardia alle vittime e colpirle a tradimento con il suo affilato coltello prima di derubarle dei loro beni.

Un avversario tosto e pericoloso, di ben diverso spessore rispetto al Killer fantasma dello scorso color.

 

La sceneggiatura è pimpante e ben calibrata e l'idea di far agire su binari separati Kit dai due pards principali, funziona alquanto bene e ci mostra il giovane Willer in discreta forma. 

 

Inevitabilmente la strada di Lorelei s'incontrerà con quella dello spietato assassino e toccherà a Tex mettere ordine nell'epilogo, affidando la Gazza ladra alla giustizia e Blackwell alle schiere infernali; l'autore sceglie una morte alquanto cruenta per l'anima nera della storia ma scommetto che nessuno verserà una lacrima per la dipartita di un simile verme.

In quanto a miss Winter, invece, già dalla bocca di Tex apprendiamo che sarà destinata a ritornare sulla saga e vista la prima apparizione, merita una riproposizione. Riuscirà Kit a tenere a bada l'attrazione?

 

Proprio l'epilogo un po' accelerato rappresenta uno dei pochi punti deboli della prova: magari con una foliazione maggiore (sulla regolare o un maxi), Ruju avrebbe avuto più spazio per escogitare un finale degno, sfruttando a pieno lo scenario del carnevale e dando maggiore verve e tensione a una sequenza che allo stato di fatto appare un po' piatta e semplificata. Poco male, comunque, nel complesso la storia rimane comunque molto piacevole e assolve al pieno la missione di allietare un po' di tempo libero sotto l'ombrellone.

 

La sessione grafica della Zuccheri la reputo soddisfacente: uno stile molto pulito e dettagliato per una sceneggiatura non semplice da disegnare.

Fra scene fluviali, scorci cittadini pieni di folla e folkloristici carri in maschera, le difficoltà non mancano ma l'artista se la cava alla grandissima fornendoci una prova sontuosa, arricchita da un'ottima rappresentazione dei tre pard (Tex in primis) ed efficaci espressioni facciali che recitano alla grande le varie sequenze.

 

I colori di Celestini sono importanti per dare vita alla variopinta manifestazione carnevalesca, ma trovo che sui cartonati la colorazione sia sempre più curata rispetto a questo format, che al netto dell'opera del colorista, appare sempre alquanto uniforme e statica.

 

Chiudo il commento con alcune stranezze che ho notato durante la lettura:

 

- A differenza della storia breve scritta da Mauro, Ruju ci mostra come Kit evita il sonnifero sciolto nel vino dalla sua bella commensale; certo che per prendere il calice dal tavolo vicino senza che Lorelai se ne accorga o il sonnifero l'ha bevuto lei o i tavoli erano appiccicati (nel west il distanziamento covid ancora non c'era!); :D

- Molto adrenalinica ed effervescente la scena sui tetti della città immersa nelle tenebre notturne, ma la coincidenza del tendone che attutisce la caduta della coppia ha la stessa probabilità di una nevicata nel Sahara;

- Kit si mostra molto attivo e sveglio per buona parte dell'azione ma mi chiedo come possa farsi giocare come un pivello quando crede che Lorelai possa essere caduta in acqua in seguito a uno scivolone sul ponte del battello, qualche dubbietto prima di tuffarsi come un pesce nel fiume magari era dovuto;

- Ruju ci mostra un villain affezionato al suo coltello, a tal punto di farselo recuperare a tutti costi, dettaglio evitabile ma non nuovo per l'autore;

- Nell'ultima vignetta di pagina 50, Tex schiaffeggia il bandito ma l'onomatopea suona con un "Smack" adatto più per simulare un pugno; probabile refuso della Zuccheri che avrebbe potuto usare il più congeniale "schiaff" :lol:

- Nella seconda vignetta di pagina 134, Tex afferma che "La ragazza ladra è passata a ritirare i suoi risparmi" ma presumo che volesse dire "Gazza ladra" e che il letterista abbia aggiunto una sillaba superflua :D.

 

La smetto di cercare il proverbiale pelo dell'uovo e riassumo dicendo che il Color in questione è stato di mio assoluto gradimento e promuovo senza riserve sia Ruju che la Zuccheri. Il mio voto finale è 8

 

 

 

 

 

Condivido in gran parte l'analisi puntuale e molto attenta svolta da @Condor senza meta. Tuttavia, mi permetto un rilievo su un punto che non l'aveva particolarmente convinto.

 

Spoiler

Quella scena in cui Kit non esita a tuffarsi dal battello, oltre a mostrare come la bella Lorelai sia alquanto scaltra, credo che permetta di capire come Kit sia decisamente preso dal suo indubbio fascino. Infatti, di fronte ad una situazione di potenziale pericolo della ragazza, Kit (che ovviamente, a mente fredda, non fa altro che la figura del "pesce") fa prevalere la sua componente più galante di uomo che, di fronte ad una donna in pericolo, pensa senza indugio anzitutto a salvarla, anteponendo le sue capacità di ragionamento e da "ranger", che avrebbero dovuto metterlo in guardia di fronte a questo tranello abilmente ordito contro di lui. D'altra parte, proprio questo lato "galante" di Kit, confermato, sia pure con mano leggera, in altri passaggi dell'albo, gli merita indubbiamente un magari divertito rispetto da parte della bella avventuriera, tanto che questa, alla fine, sente il bisogno di scrivergli una lettera, riconoscendo di avere in qualche modo un debito nei suoi confronti... O che stia semplicemente gettando un'ulteriore esca da poter sfruttare in vista di un successivo incontro? ;)

 

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

SPOILER

Per la scena di cui scriveva @Condor senza meta, credo che prevalga la stessa regola per cui prima di uccidere un condannato a morte, lo si cura, lo si ingessa, ecc..

Kit anche per una possibilità su un milione non poteva permetterle di morire

P.S. Qualcuno mi sa dire qual è il codice per lo spoiler?

Link to comment
Share on other sites

Complimenti a Ruju che, con il Bis estivo, sforna una doppia di tutto rispetto. Questo, poi, è superiore all’albo citato, con una doppia trama che si incrocia perfettamente, il serial killer, la bella ladruncola e tutta l’accozzaglia di contorno.
Bravissima la disegnatrice, soprattutto con i pards, tutti e tre. Se posso muoverle un appunto: Nat , molto spesso, è praticamente uguale al pazzo omicida. Secondo appunto: Lorelei è carina, ma non bella, così come osannata da tutti. Forse che una disegnatrice abbia più problemi nell’illustrare donne belle rispetto ai colleghi maschi?
Voto alla storia:7,7
Voto ai disegni: 8

Link to comment
Share on other sites

Finalmente l'ho letto! Che dire... probabilmente il miglior Color mai fatto. 

 

Molto importante anche vedendo la programmazione attuale... Dopo 5 mesi di Mefisto e di scene sovrannaturali  una bella storia "normale" ci voleva. 

 

Ruju unisce più ambientazioni classiche, come: il battello e i fiumi, al classico west con i soliti ranch fino ad arrivare alla sezione cittadina che la fa da padrone in questa storia. Infatti rivedere New Orleans, Bourbon Street e Nat Mc Kenneth è un piacere, soprattutto l'ultimo che non si vedeva da un po'. Oltre a questo si aggiungono il carnevale e il Mardì Gras che hanno tanto spazio in questo volume a partire dalla copertina. 

 

Questa è una delle poche storie che mi dà l'idea di esser stata pensata per il Color! Le ambientazioni, i carri e le maschere avrebbero perso tantissimo fascino in bianco e nero, mentre risaltano con i colori. 

 

Sul ritorno della Gazza Ladra posto questo: 

Il 17/1/2022 at 20:25, MacParland dice:

Buonasera! Grazie per le risposte, altro giro veloce. 

1) Ruju sul forum appare e scompare, quindi lo chiedo a lui: Ha presentato qualche soggetto con il ritorno di un suo personaggio, o anche non suo? Spero in Makua. 

 

Il 17/1/2022 at 20:49, borden dice:

1) Sì, ma non diciamo quale.

 

E se non ce l'avesse detto perchè il personaggio in questione non aveva ancora debuttato? 

Link to comment
Share on other sites

@Andrea67 Allora non sono solo io che per qualche secondo di lettura mi sono confuso!

@MacParland Speriamo nel ritorno di questo personaggio magari anche sulla regolare!

Sarebbe il primo personaggio ad approdare dal Color sulla regolare? 

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
  • Collaboratori

Storia piacevole e divertente, ma anche più zagoriana che texiana, più nolittiana che bonelliana insomma.

 

Laura Zuccheri fa un onesto lavoro anche se siamo ancora  lontani dai vertici creativi offerti dai migliori disegnatori presenti nello staff di Tex.

 

Due appunti al suo lavoro: l'ultima vignetta di pagina 157 non si può vedere, il volto di Tex deve restare inespressivo anche di fronte a una decapitazione, quella smorfia non ci sta proprio. L'altra vignetta è anche l'ultima dell'albo: Tex ha cambiato posizione, da destra è passato a sinistra. O mi sbaglio? Occhio ai dettagli nei lavori futuri!

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">4 ore fa</span>, ymalpas dice:

Due appunti al suo lavoro: l'ultima vignetta di pagina 157 non si può vedere, il volto di Tex deve restare inespressivo anche di fronte a una decapitazione, quella smorfia non ci sta proprio. L'altra vignetta è anche l'ultima dell'albo: Tex ha cambiato posizione, da destra è passato a sinistra. O mi sbaglio? Occhio ai dettagli nei lavori futuri!

Sulla strana espressione di Tex concordo Sandro, può anche darsi però che ci sia pure un concorso di colpa con Ruju.  Si dovrebbe vedere cosa c'era scritto nella sceneggiatura: è una vignetta senza testo e credo che lo sceneggiatore, prevedendo un primo piano "muto", abbia spiegato per sommi capi l'espressione da disegnare. 

 

L'ultima vignetta è un errore, ma veniale volendo. Tex può aver cambiato posizione tra uno stacco e l'altro. :)

Link to comment
Share on other sites

Il 19/8/2022 at 11:30, Andrea67 dice:

Forse che una disegnatrice abbia più problemi nell’illustrare donne belle rispetto ai colleghi maschi?

Ohibo! Detto questo, cioè niente, passo ad una notarella: i tratti del signore e della signora Hoskins a pagina 21 mi hanno ricordato quelli del fratello e della cognata di Ethan Edwards in "Sentieri selvaggi". Laura Zuccheri ha fatto un eccellente lavoro, mostrandosi a suo agio in ogni tipo di sequenza. Il colore forse non le giova, staremo a vedere quelli del prossimo cartonato che la stessa Laura ha detto di avere appena finito e che saranno colorati da Annalisa Leoni                                                        , però viene da considerarlo importantissimo per valorizzare le scene sul Carnevale. Curiosa la sequenza del duello finale, soprattutto per l'assenza di elementi sullo sfondo, che mi ha riportato indietro a certi Tex della numerazione ancora in doppia cifra.
La storia è originale, ben sviluppata e meglio gestita e non mi lamento per un presunto spazio inferiore alle attese (o ai meriti della Zuccheri) riservato al Carnevale, perché trovo che sia proposto a sufficienza e poi, e poi c'è l'inedito Tex "paterno" che predice al figliolo che la Gazza Ladra tornerà a svolazzare intorno a loro e lo fa con un sorriso furbetto, come lo era quello di Kit nell'ultima vignetta della pagina precedente sventolando la lettera ricevuta. A Manuela Montoya devono essere fischiate le orecchie: «Kit, ma che cos'ha quella buzzicona di tanto speciale?».

Link to comment
Share on other sites

Dopo alcune prove opache, la mia opinione è che Ruju abbia ritrovato l'abituale qualità, sfornando due storie gradevoli, cioè il bis estivo e questo Color.

Ho trovato la storia ritmata e briosa e mi è piaciuto il Tex sorridente e paterno delle ultime vignette. Segnalo, tra gli elementi fortemente positivi, il ruolo di primo piano assegnato a Kit.

Avevo apprezzato già sul Texone il tratto di Laura Zuccheri, che si è confermata molto adatta a disegnare le avventure del nostro ranger.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ho letto solo adesso la storia. C'è una cosa che non capisco: Kit si tuffa  nel fiume. OK a questo punto si aprono due possibilità

1) Kit riesce a risalire a bordo ( grande prova atletica) ma ciò non viene mostrato eppoi si sarebbe rimesso a cercare la Gazza ladra a bordo. Quindi non è così.

2) Kit rimane in acqua. Cosa fa? Nuota sino a New Orleans? Come mai sbarca da un battello? Ha preso il prossimo che passava? Cosa ci fa Nat ad attenderlo ? Boh. Probabilmente c'è una spiegazione logica che io non riesco a trovare . Se non ci fosse allora .....

 

 

 

 

Edited by Joe Silver
Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Joe Silver dice:

Ho letto solo adesso la storia. C'è una cosa che non capisco: Kit si tuffa  nel fiume. OK a questo punto si aprono due possibilità

1) Kit riesce a risalire a bordo ( grande prova atletica) ma ciò non viene mostrato eppoi si sarebbe rimessi a cercare la Gazza ladra a bordo. Quindi non è così.

2) Kit rimane in acqua. Cosa fa? Nuota sino a New Orleans? Come mai sbarca da un battello? Ha preso il prossimo che passava? Cosa ci fa Nat ad attenderlo ? Boh. Probabilmente c'è una spiegazione logica che io non riesco a trovare . Se non ci fosse allora 

 

 

 

 

E' arrivato in un modo o nell'altro ad una 'stazione' lungo il fiume della linea battelliera e da li, prima di prendere il battello successivo, ha telegrafato a McKennet comunicandogli quando sarebbe arrivato

Semplice.

Edited by gilas2
Link to comment
Share on other sites

Bravo Gilas2 . Spiegazione convincente ! Peccato però che Ruju non l'abbia fatto dire da Kit a Nat, quando si sono incontrati sul molo. 

Niente di grave, per carità ma è una svista che si poteva facilmente evitare 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Joe Silver dice:

Bravo Gilas2 . Spiegazione convincente ! Peccato però che Ruju non l'abbia fatto dire da Kit a Nat, quando si sono incontrati sul molo. 

Niente di grave, per carità ma è una svista che si poteva facilmente evitare 

 

 

Ma figurarsi. Allora ditelo che volete gli spiegoni e tutte quelle cose lì... Ma dai!

Link to comment
Share on other sites

Colpa vostra @borden, li avete abituati così...  :P

 

("vostra" nel senso di quasi tutti gli sceneggiatori italiani, purtroppo...)

 

 

Edited by Diablero
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, Diablero dice:

Colpa vostra @borden, li avete abituati così...  :P

 

("vostra" nel senso di quasi tutti gli sceneggiatori italiani, purtroppo...)

 

 

 

 

Perché i lettori italiani se li meritano così...:P

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Personalmente, ho trovato quest'ultimo Color uno dei migliori dall'inizio della collana, se non il migliore in assoluto o, perlomeno, quello meglio riuscito. Sono rimasto piuttosto convinto sia dalla sceneggiatura di Ruju, variegata e mai banale, sia dai disegni della Zuccheri, autrice di un'ottima seconda prova, forse addirittura valorizzata dalla colorazione di Celestini, vivace ma non eccessivamente accesa, e comunque in grado di esaltare l'atmosfera festosa e chiassosa del Mardi Gras di New Orleans.

 

Di festa, in realtà, ve ne è fino ad un certo punto, data la presenza in città del bieco Blackwell, ladro ed assassino psicopatico che si è lasciato alle spalle una lunga scia di delitti, ed a cui Tex e Carson da una parte e Kit dall'altra danno la caccia seguendo piste diverse. 

 

Una volta tanto, e con mio grande piacere, la sceneggiatura conferisce un certo spazio al giovane Kit, che per larghi tratti si erge di fatto a protagonista principale della vicenda. Dapprima ha la (s)ventura di imbattersi nella fascinosa Lorelai Winter, alias Gazza Ladra, lestofante abilissima ed estremamente astuta, in grado di sgattaiolare più volte dalle mani del giovane ranger ma, incidentalmente, anche colei che nei fatti indirizza i tre pards sulla scia del ben più pericoloso Blackwell, anch'egli cliente assai difficile. 

 

Nel finale, i canoni della più classica "texianità" - senza dubbio cari a molti di noi - ottengono soddisfazione nell'intervento decisivo di Tex che, al termine di una breve lotta nel bel mezzo della sfilata del Mardi Gras, mette ko Blackwell, di lì a pochi attimi fatalmente travolto da un carro. A breve distanza, Carson e Nat Mac Kennet riescono finalmente ad acciuffare la Gazza Ladra, facendola finire al fresco (fino a quando, non si sa, poiché si lascia intendere che in qualche modo potrebbe presto tornare ad incrociare il suo cammino con i Nostri).

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.