Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[COLOR TEX N. 22] YAVAPAI E ALTRE STORIE


LedZepp
 Share

Recommended Posts

Uscita: 24/11/2022

 

Soggetto: Rossi (Majo) Mario, Burattini Moreno, Nizzi Claudio, Zamberletti Antonio, Boselli Mauro

Sceneggiatura: Rossi (Majo) Mario, Burattini Moreno, Nizzi Claudio, Zamberletti Antonio, Boselli Mauro

Disegni: Rossi (Majo) Mario, Volante Frederic, Gualandris Giorgio, Barison Emanuele, Gomez Carlos

Colori: Rossi (Majo) Mario, Bendazzoli Erika, Celestini Oscar

Copertina: Venturi Andrea

 

Yavapai
Soggetto, sceneggiatura, disegni e colori: MAJO

La pattuglia di militari inviata a catturare gli Apaches ribelli è sottoposta a un assedio mortale... Ma da quale tribù?...

Il professionista
Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
Disegni: Frederic Volante
Colori: Erika Bendazzoli

Il colpo fatale può arrivare all’improvviso…

Falsa accusa
Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: Giorgio Gualandris
Colori: Oscar Celestini

Nodo scorsoio per un giovane innocente…

Il sicario
Soggetto e sceneggiatura: Antonio Zamberletti
Disegni: Emanuele Barison
Colori: Erika Bendazzoli

Può un incallito killer pentirsi in punto di morte?

Johnny Il Mezzosangue
Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
Disegni: Carlos Gomez
Colori: Oscar Celestini

Johnny cerca vendetta per la madre uccisa!

 

 

 

spacer.png

 

spacer.png

 

1666366860366.jpg--.jpg?1666366860000

 

1666366860852.jpg--.jpg?1666366861000

 

1666366861346.jpg--.jpg?1666366861000

 

1666366861833.jpg--.jpg?1666366862000

 

© Sergio Bonelli Editore 

Link to comment
Share on other sites

Lascio in edicola, come sempre quando ci sono due o più storie assieme.

Queste storie brevi sono forse utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori, ma non lasciano traccia, almeno su di me.

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 minuti fa</span>, valerio dice:

Lascio in edicola, come sempre quando ci sono due o più storie assieme.

Queste storie brevi sono forse utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori, ma non lasciano traccia, almeno su di me.

Idem!! Ma se sono "utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori", come dici tu, per quale scopo un "test" viene fatto pagare ai clienti, cioè noi?  :)

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">7 minuti fa</span>, valerio dice:

Lascio in edicola, come sempre quando ci sono due o più storie assieme.

Queste storie brevi sono forse utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori, ma non lasciano traccia, almeno su di me.

Bhe, sembra logico che se non le compri, non lascino traccia. :dubbioso:

<span style="color:red">5 minuti fa</span>, Angelo1961 dice:

Idem!! Ma se sono "utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori", come dici tu, per quale scopo un "test" viene fatto pagare ai clienti, cioè noi?  :)

Non è uno scopo, è una regola. Paga sempre l'utente finale! :old:

Link to comment
Share on other sites

Spesso i Color brevi li ho lasciati anch'io in edicola, ma stavolta no.

Per tre motivi: primo perché c'è una stoia di Majo, uno dei miei disegnatori preferiti di tutta la Bonelli.

Secondo per la storia di Boselli e Carlos Gomez, che mi fa ben sperare.

E terzo, perché in questo periodo ho particolarmente voglia di leggere dei Tex inediti, di qualunque genere. :lol:

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">23 minuti fa</span>, Loriano Lorenzutti dice:

Bhe, sembra logico che se non le compri, non lascino traccia. :dubbioso:

Non è uno scopo, è una regola. Paga sempre l'utente finale! :old:

In passato ne ho prese diverse, o me le sono fatte prestare, ma da un pò ho smesso per i motivi che ho detto.

Credo servano soprattutto per testare nuovi artisti e autori e per fare cassa.

Difficilmente ne esce qualcosa di memorabile.

Link to comment
Share on other sites

Tentato dalla presenza di Boselli, Gomez e Majo.

Onestamente la presenza di una storia, seppur breve invece di un autore per me ormai completamente anacronistico e fuori dal canone di GLB (quasi sempre, anche in vecchie storie) per Tex, mi fa passar la voglia. 

Fatico ormai a trovare interessanti anche le storie che si dicono carine o meglio riuscite dell'autore, è un Tex che mi fa passare la voglia di essere letto e comprato.

Il Tex commediola tutto patatine e bistecche, beh...se devo comprare un Color per trovarci dentro il Tex alla naftalina, banale, ripetitivo, che ripete sempre le stesse frasi come un pupazzo a cui si preme la pancia per far ridere i bambini, lascio perdere. Ho problemi di spazio, e in casa voglio essere sicuro di mettermi solo belle storie di Tex.

 

Vedrò dai commenti al massimo, ma i fondi di magazzino della Bonelli con storie da mandar fuori perché ormai realizzate, per me non sono "un regalo", ma qualcosa che pago, e a sto giro non vado a fiducia ma aspetto e valuto

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Tra i Color, quello di storie brevi è da sempre e di gran lunga il formato che prediligo, ed anche quello in uscita tra un mese confido mantenga le mie aspettative. Sono molto curioso di rivedere Majo "uno e trino" nell'insolita veste di sceneggiatore, soggettista e disegnatore, così come mi fa piacere leggere una storia illustrata da Gomez in tale formato.

 

Nel complesso, le anteprime di trama mi sembrano piuttosto classiche, ed anche le tavole postate sembrano promettere piuttosto bene.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, juanraza85 dice:

Tra i Color, quello di storie brevi è da sempre e di gran lunga il formato che prediligo, ed anche quello in uscita tra un mese confido mantenga le mie aspettative. Sono molto curioso di rivedere Majo "uno e trino" nell'insolita veste di sceneggiatore, soggettista e disegnatore,  

 

 

E colorista.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">51 minuti fa</span>, borden dice:
2 ore fa, juanraza85 dice:

Tra i Color, quello di storie brevi è da sempre e di gran lunga il formato che prediligo, ed anche quello in uscita tra un mese confido mantenga le mie aspettative. Sono molto curioso di rivedere Majo "uno e trino" nell'insolita veste di sceneggiatore, soggettista e disegnatore,  

 

 

E colorista.

 

Dunque addirittura QUATRINO (e scusate l'orribile neologismo) :laugh:..!

 

In ogni caso, diventò curioso una volta di più...

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">10 ore fa</span>, Angelo1961 dice:

Idem!! Ma se sono "utilissime per testare disegnatori e sceneggiatori", come dici tu, per quale scopo un "test" viene fatto pagare ai clienti, cioè noi?  :)

Se il Color fosse in edicola gratis, non credi che ne farebbero fuori milioni di copie?

E il risultato del test quale sarebbe?

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

@borden, ma allora davvero ci vuoi male: Majo autore completo + Gomez in un albo in cui troviamo anche 32 pagine di Nizzi?  :rolleyes:

 

Che fare? Vale la pena ricominciare con le solite polemiche nel forum commentando le inevitabili solite nizzate (e quando le vedi, come fai a stare zitto?) per sole 32 pagine di Majo e di Gomez?

 

Se fossero in b/n, direi che 64 batte 32, e tappandomi il naso lo comprerei, ma ho già visto come il colore danneggi Gomez, e in generale tutti o quasi i disegnatori ospitati nella collana.

 

Mah, magari lo sfoglio in edicola, e se le tavole di Majo sono davvero, ma davvero ottime (*), cambio idea, ma per adesso sono più propenso a lasciarlo in edicola....

 

(*) cioè, se non si dimostrano in stampa meglio di quelle di anteprima, che mi sembra la solita colorazione intrusiva e coprente a cui ci ha abituato la collana...

Edited by Diablero
Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Io sono rimasto molto soddisfatto delle storie, ma quella di Boselli come al solito è un gradino superiore a tutte le altre.

Anche i disegni tutti di buon livello. 

Volante ha disegnato una storia cittadina, e lo ha fatto bene, ma aspetto di vederlo impegnato con il vero west.

I disegni di Gualandris assomigliano un po' a quelli della Zuccheri.🙋‍♂️

 

Link to comment
Share on other sites

alla fine ho ceduto e l'ho comprato anche se il Color Tex storie brevi è la cosa che meno mi entusiasma di Tex e nonostante la presenza di una storia di Nizzi, sul quale spero sempre di sbagliarmi. 

L'ho preso però principalmente per la prima storia di Majo e quella di Boselli e per ora ho letto solo le ultime tre storie, lasciandomi la "principale" per futura lettura.

 

Che dire, delle ultime tre storie, quella del mezzosangue; bei disegni di Gomez, ma questa colorazione a me proprio non piace, sicuramente peggiore e piatta rispetto al cartonato. Si tratta di un Tex b/n colorato, il colore non aggiunge nulla di particolare se non il colore stesso. E fine.

Storia nei limiti delle pagine piacevole e che svolge la sua funzione. Poteva essere un buon soggetto anche per una lunga, ma va bene anche così.

 

Il Sicario che si pente in fin di vita nella storia di Zamberletti è una trovata interessante, considerando i personaggi coinvolti nella vicenda forse è un po' ambizioso fare tutto nel giro di poche pagine, ma alla fine ci si riesce e viene fuori una storia più che sufficiente e che il suo nel Color lo fa.

 

La storia di Nizzi non varrebbe la pena nemmeno commentarla. Dispiace perché qualcuno la scambierà per la solita critica antiNizziana, ma per me una storiella del genere è davvero imbarazzante. 

Per carità, se hai 30 pagine a disposizione la storiella lineare e senza pretese ci sta ma io ci ho letto solo svogliatezza.

Si tratta della prima storia che ho letto del Color, per levarmi il dente da un lato ma con un briciolo di speranza che fosse carina.

La partenza non è male, anzi non ci si nota nulla degno di critiche.

Il soggetto è banale, un accusato ingiustamente cui Tex da una mano per professare la sua innocenza. Ma va bene, è un classico.

I cattivi si dimenticano già dopo poche pagine, i personaggi principali spuntano dal nulla, senza avere alcun peso. 

La storia non è scritta pensandola come una storia breve, non ha ritmo da storia breve come ad esempio quella di Borden.

Pare più una storia pensata alla maniera classica e poi scritta in 30 pagine.

Bum bum bang bang e in una pagina il cattivo piagnone che risolve la situazione facile facile. 

Verso il finale si cade rovinosamente verso la storiella. 

 

Dicono queste storie brevi servano anche per testare gli autori, anche se dai nomi presenti a questo giro non sembra.

MI chiedo, se questa storia l'avesse scritta un esordiente, l'avreste più voluto/rivisto su Tex?

 

Vediamo a breve il resto, per ora a tutto grido tranne che al miglior Color di storie breve. 

Non dico che lo sconsiglio a)perché mi mancano 2 storie b) perché sicuramente non essendo un fan delle storie brevi e del color questo ha un peso sul mio giudizio

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

Spoiler

Lo sapevate che il sole asciuga le impronte umide degli zoccoli?
E avete mai visto uno sceriffo talmente coscienzioso da non inseguire il condannato per mantenere l'ordine in città e da non bere in servizio?
E lo avete visto Butler, il boss, che vuol punire Tex a rate?
Prima Hoss a cazzotti, poi Blasco a coltello-contro-sedia, poi lo spettinato colla colt e infine l'invincibile boss stesso con un duello mortale (per lui, ovvio).
E li avete visti gli scagnozzi che, rimasti disoccupati per lutto, invece di accendere un cero per essersi conservati la buccia, pensano giustamente: a che mi serve la pelle ora che il boss non c'è più?
E allora vanno dallo straniero (che nel sudovest nessuno conosce) e gli chiedono gentilmente di levargliela (la pelle).
Ma il bello è che l'unico superstite, lo spettinato, dopo esser già stato spazzolato e aver constatato che l'avversario ha già cadaverizzato i migliori pistoleri della città, insiste per avere un biglietto di sola andata per il purgatorio (all'inferno gli scemi non li vogliono).
E Tex, dispettoso, che fa?
Si limita a ri-fracassargli la mano (sempre quella) che, però, pare di ferro perché lo sfortunato la userà per firmare la confessione che scagionerà il povero Jimmy.
Io adoravo Nizzi (ho letto, oltre a tutti i suoi Tex, tutti i suoi Raider), ma questo è l'ombra di quello che è stato.

Molto buona l'accoppiata Boselli-Gomez che sarebbe stata ottima con una colorazione un po' meno piatta.

Quanto mi manca Vattani!

Majo così così: può fare di meglio.

  • Confused (0) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

12 minutes ago, Letizia said:
  Hide contents

Lo sapevate che il sole asciuga le impronte umide degli zoccoli?
E avete mai visto uno sceriffo talmente coscienzioso da non inseguire il condannato per mantenere l'ordine in città e da non bere in servizio?
E lo avete visto Butler, il boss, che vuol punire Tex a rate?
Prima Hoss a cazzotti, poi Blasco a coltello-contro-sedia, poi lo spettinato colla colt e infine l'invincibile boss stesso con un duello mortale (per lui, ovvio).
E li avete visti gli scagnozzi che, rimasti disoccupati per lutto, invece di accendere un cero per essersi conservati la buccia, pensano giustamente: a che mi serve la pelle ora che il boss non c'è più?
E allora vanno dallo straniero (che nel sudovest nessuno conosce) e gli chiedono gentilmente di levargliela (la pelle).
Ma il bello è che l'unico superstite, lo spettinato, dopo esser già stato spazzolato e aver constatato che l'avversario ha già cadaverizzato i migliori pistoleri della città, insiste per avere un biglietto di sola andata per il purgatorio (all'inferno gli scemi non li vogliono).
E Tex, dispettoso, che fa?
Si limita a ri-fracassargli la mano (sempre quella) che, però, pare di ferro perché lo sfortunato la userà per firmare la confessione che scagionerà il povero Jimmy.
Io adoravo Nizzi (ho letto, oltre a tutti i suoi Tex, tutti i suoi Raider), ma questo è l'ombra di quello che è stato.

Molto buona l'accoppiata Boselli-Gomez che sarebbe stata ottima con una colorazione un po' meno piatta.

Quanto mi manca Vattani!

Majo così così: può fare di meglio.

nel tuo hide content hai riportato cose che ho pensato esattamente anche io ma non avevo dettagliato nella critica di sopra.

Però quegli scagnozzi a rate fanno tanto video-game, dove sconfitto uno si passa al secondo con l'aumento di difficoltà.

MI sembra di tutte, la cosa che poteva potenzialmente essere figa in una storia lunga e con tempi diversi, ma che nel tam tam di una sola pagina diventa buffa.

 

 

Link to comment
Share on other sites

YAVAPAI

di Majo/Majo

Un buon Majo dimostra di conoscere bene Tex ed imbastisce una classica storia con indiani e duello finale. A proposito di quest’ultimo, piccola tiratina d’orecchi all’autore, quando fa dire a rivolto a Tex, “Che vuoi fare? Un duello?”, come se non lo conoscesse abbastanza.

Voto alla storia: 6,5

Voto ai disegni: 7,5

IL PROFESSIONISTA

di Burattini e Volante

Con Burattini ci si sposta in città, ed esattamente a San Francisco, alle prese con un killer di professione ingaggiato da un gangster. Purtroppo, la trama è piuttosto telefonata e di facile conclusione, senza particolari sussulti. Disegni nella media.

Voto alla storia: 6

Voto ai disegni: 7,5

FALSA ACCUSA

di Nizzi e Gualandris

“Che cosa ci guadagnava Butler a liberarsi di te?”. Ma come? Lo aveva visto uscire armato dalla casa del delitto, ecco perché doveva liberarsi di lui, non per il ranch. E ancora, Tex dice allo sceriffo di voler salutare Butler, ma se questi fosse entrato nel saloon con lui? Secondo me, Nizzi, ormai, scrive le sue storie senza neanche rileggerle altrimenti si accorgerebbe facilmente di questi grossolani errori di sceneggiatura, come quando Tex si vanta, nella sua mente, di essere un celebre baro. Per il resto, la storia non dice molto e i duelli sono costruiti male. Appena sufficiente. Disegni molto macchinosi con poca fluidità nelle scene d’azione.

Voto alla storia: 6

Voto ai disegni: 6,5

IL SICARIO

di Zamberletti e Barison

La trama di Zamb si avvicina a quella di Moreno, ed anche il titolo. La storia però è leggermente migliore, non fosse altro perché si svolge nel west e non in città.

Barison non mi fa impazzire, con le sue immagini squadrate.

Voto alla storia: 6,5

Voto ai disegni: 7

JOHNNY IL MEZZOSANGUE

di Boselli/Gomez

Ci voleva Boselli per risollevare un albo, fin qui, appena sopra la sufficienza. Ed il Boss lo fa da par suo, con una bella trama anche ben illustrata.

Voto alla storia: 7

Voto ai disegni: 8

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.