Jump to content
TWF MAGAZINE N°18 è online! Read more... ×
Segnalazioni bloccate per gli ospiti Read more... ×
TWF - Tex Willer Forum
ymalpas

[Texone N. 07] Il Pueblo Perduto

Voto alla storia  

29 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

Penso sia uno dei migliori Texoni a mio parere. La vicenda è quantomai godibile e non sono d'accordo con chi lo critica. Di certo non è una storia capolavoro ma abbiamo visto molto di peggio. Ottimo come sempre il tratto di Ticci. Voto complessivo 8/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

... ed eccoci al settimo Texone ...
cercando di nn ripetere quanto già detto da altri ... beh, il giudizio è ottimo per i disegni (come nn dovrebbe esserlo) un grande Ticci, ma ci sarebbe da stupirsi del contrario ... per la trama un pochino "copiata" ma abbastanza filante nel suo svolgersi ... e il giusto nell'essere "contorta": rapimento, anzi, rapimenti, inseguimenti, torture vere e presunte

degli assistenti del Prof. Montoya
, tradimenti, agguati, omicidi (insomma c'è di tutto) e la conclusione di Nayka (magari padre di Malapay ... forse me lo sono perso) che essendo figlio di Tumako ...

ALT, qualcosa qua nn torna ... ovvero quanti anni hanno Tumako e Nayka (se quest'ultimo è già vecchio e decrepito ...?).
:deserto
... ma sè, dai, ci può stare ...

Rivediamo un pochino alcuni passaggi della storia che mi hanno colpito di più:
- La chiacchierata dei Nostri con l'Agente Indiano

che si dimentica di dire le cose ...
e Tex che lo giudica
Questo babbeo tira fuori le notizie con il contagocce

- Il tentativo di stupro a Malapay, correggetemi, forse il primo visto in un albo nei Nostri o comunque mai con una sequenza così lunga

una ventina di vignette

- In primo agguato ai Nostri

e il trucco del cappello con la lucertola

- Il ritrovamento e le cure al Prof. Montoya
- La costernazione e il terrore arcano di Lobo
- La ricerca del tesoro all'Indiana Jones
- L'epilogo degno del diavolo che fa le pentole ecc. ecc.

La mia classifica personale aggiornata al settimo albo:
Trama..................................... Disegni
Fiamme sull'Arizona.................. Il Pueblo Perduto
La Grande Rapina..................... La Grande Rapina
Il Pueblo Perduto...................... Terra senza Legge
Terra senza Legge.................... Il Segno del Serpente
Il Segno del Serpente............... Fiamme sull'Arizona
Tex il Grande........................... Tex il Grande
Piombo Rovente....................... Piombo Rovente
;)

Alla prossima,
ilbor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella storia, questa del "Pueblo perdido". Si fa leggere bene, fila liscia divertendo il giusto, senza strafare. Pur non essendo in sè indimenticabile, questa storia mi torna spesso alla memoria per lo spettacolo rappresentato dal pueblo incastonato nella roccia. Nelle pagine introduttive del Texone originale vi è peraltro la foto di uno di questi pueblo (praticamente identico a quello raffigurato da Ticci): immagino cosa si possa provare a vederli dal vivo. Semplicemente spettacolari. In effetti, l'ambientazione e i disegni impreziosiscono questo Texone, compensando una trama gradevole ma non eccezionale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo è forse il texone meno texone di tutti. Ai testi abbiamo l'erede di G. Bonelli, e alle matite il disegnatore più rappresentativo di Tex, che insieme confezionano una storia molto classica per contenuti. Potrebbe dunque tranquillamente essere una storia della serie regolare. L'unico motivo che ne giustifica la pubblicazione in un texone è una sorta di riconoscimento ufficiale alla grandezza di Ticci ( se mai ce ne fosse stato bisogno ), con la presentazione di un suo lavoro in una edizione di prestigio.

La vicenda non è tra quelle che mi hanno entusiasmato di più, ma è buona. C'è anche un momento piuttosto "forte", quando Tex e Carson trovano il professore agonizzante: la scena viene presentata con classe, cioè senza mostrare i particolari raccapriccianti che pure si intuiscono, e che possiamo leggere nelle espressioni dei pard.

Si è detto che il formato gigante avrebbe lasciato insoddisfatto lo stesso Ticci. Sarà.
La mia ammirazione nei confronti dell'arte del Senese è sconfinata, in qualunque formato e su qualsiasi supporto. Se Ticci facesse uno scarabocchio con la biro su una delle pareti di casa mia, asporterei il pezzo di muro contenente il graffito, lo incornicerei e chiuderei il tutto sotto vetro.
Quindi anche questa sua prova per me è preziosissima. Tutte le tavole hanno il consueto, inconfondibile potere suggestivo del maestro. L'apparizione del pueblo, poi, è da perdercisi dentro. Per inciso, a me la parte finale ricorda il film "L'oro di Mackenna".

Considerato che il soggetto non mi sembra eccelso, direi che siamo a metà tra l'8 e il 9.
Arrotondo per difetto a 8 perchè per me i Texoni dovrebbero avere qualcosa che giustifichi la denominazione di "Albo speciale"
( uno sceneggiatore o un disegnatore d'eccezione, o quantomeno una vicenda inconsueta ).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tesoro perduto nel Pueblo anasazi,spunto "vecchio come Matusalemme" (come direbbe Carson :lol:) e stra usato da tutti i più prolifici autori di Tex:ma se sviluppato bene, è uno spunto formidabile ;)

 

Qui Nizzi riesce ad imbastire una trama solida e buona, sicuramente non del tutto originale ma comunque più che dignitosa e abbastanza intrigante

Si parte dalla attacco alla riserva papago col rapimento del vecchio curandero e della nipote.

Il tesoro dei Gesuiti, nascosto in un vecchio Pueblo in cui i Papagos vegliano da più di un secolo, protetto da trabocchetti e trappole, è un ossessione sia per Rochas sia per il professore.

Di tutto ciò ne approfitta il losco ranchero che organizza una seconda spedizione e che entrerà in possesso della mappa.

I pard seguono l azione, ma ciò è un bene, perché danno modo ai malviventi di entrare nel Pueblo e trovare il tesoro.in seguito penserà Madama Dinamite a distruggere tutto.finale non dissimile da quello della Leggenda della Missione,in cui il tesoro e il luogo che lo custodisce vengono completamente distrutti.

Gli avversari sono abbastanza tosti e interessanti, soprattutto la figura di Rochas e quella dell'Apache rinnegato.

Una storia che certamente non è un capolavoro,ma si rilegge sempre volentieri.

Disegni di Ticci perfetti

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Partiamo dai disegni. Ticci in grande spolvero ed enorme nelle sequenze ambientate nel deserto e nel pueblo dove sta il tesoro. Le sue pennellate danno ancora una volta il sapore di puro West per cui è stato decretato Maestro del genere. Dieci ai disegni.

Arriviamo alle dolenti note... Sino al 2001, quando lessi Il fantasma dai proiettili d'oro, dodicesimo volume della serie di Blueberry e secondo della saga della Miniera del Tedesco e di "Prosit" Luckner, ero entusiasta della storia e amavo la parte finale col guardiano Papago che vegliava sul tesoro. Che stupore (e delusione) quando scoprii che

Spoiler

l'intero impianto del finale era copiato spudoratamente dal classico blueberriano, cambiando pochi elementi.

In effetti, da allora o poco meno non mi ricapita più di riprendere un Texone che prima avevo letto non so quante volte (e che grazie a questo fatto ricordo ancora a memoria). E che pure aveva diversi momenti godibili anche nei primi tre quarti del racconto, sequenze sceneggiate molto bene e al servizio dei disegni del Maestro. Non do un voto ai testi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Storia  niente  di che,  ma passabile. La parte finale è  nettamente  superiore, coi misteri che aleggiano  intorno  al pueblo , i trabocchetti e la dinamite. Inoltre, avendo saltato la vignetta  in cui appariva  per la prima  volta il vecchio custode, per me fu un vero rompicapo capire  la vicenda, ed è  un pregio. Disegni di Ticci PERFETTI. Colorazione  di repubblica ottima (  io ce l' ho solo in questa  versione). Voto 7.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa volta non é il tesoro degli Aztechi, ma quello dei Gesuiti. La storia però é carina e scorre agevolmente aiutata anche dagli ottimi disegni di Ticci.
Voto alla storia: 6,8
Voto ai disegni: 8,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.