Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[728/729] Una colt per Manuela Montoya


Recommended Posts

Comunque noto come sia sfuggito a tutti il dettaglio più interessante, ovvero che la Montoya ha almeno una terza abbondante :P:D:D

  • Haha (0) 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 198
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Rimango dell'idea che un minimo di tolleranza va pure usata sotto l'aspetto della sintassi. E' vero che un messaggio sconnesso diviene di difficile lettura, ma le lezioni pubbliche sono poco eleganti,

Completata ora la lettura di un albo che mi ha lasciato piuttosto perplesso, cosa che raramente mi succede con Boselli (forse questo è il suo albo peggiore di sempre?). Qui si oscilla tra la telenovel

Forse è da molto che non ti è capitato di leggere "I due rivali" ma è scritto chiaramente che il senor Carlos Montoya ragiona solo in termini di "vecchia nobiltà". Leggi Jean Giono "Un de Baumugnes",

3 ore fa, borden dice:

 

 

E' una trovata per fregare Don Domingo, quella di restare in déshabillé.  Ma se non sono riuscito a farlo capire, mea culpa

A me sembrava ben più trasparente delle vesti succinte indossate da Manuela...  :D

Fra l'altro, mi pare evidente che questa strategia sia anche concordata con Kit, che non si trova nel minimo imbarazzo nella situazione: non tanto perché voglia fare il "guardone", ma perché sa capire benissimo che si tratta di una scaltra linea d'azione volta a far capitolare don Domingo senza eccessivi spargimenti di sangue e anche conducendo il ranchero a fare una figuraccia - cosa di cui i due ragazzi si compiacciono, chiaramente divertiti da questo loro gioco di squadra.
L'evoluzione di Manuela come personaggio a me pare del tutto legittima e ben calibrata, anche se ovviamente avrebbero potuto esserci anche altre strade percorribili. Ma che fosse una ragazza determinata in precedenza e che quindi mostri adesso un volto ulteriormente volitivo (specialmente dopo la scomparsa del genitore), mi sembra più che accettabile. Già la copertina di Villa ce la presenta, con fine allusione, con una mascella volitiva... :P

Edited by dario63
  • +1 1
Link to post
Share on other sites
  • Sceriffi

Completata ora la lettura di un albo che mi ha lasciato piuttosto perplesso, cosa che raramente mi succede con Boselli (forse questo è il suo albo peggiore di sempre?). Qui si oscilla tra la telenovela e la commedia sexy all'italiana - che per carità, hanno anche la loro dignità, ma su Tex... :rolleyes:

Da un lato avrei fatto volentieri a meno di tutte le scene sentimentali tra Kit e Manuela, la cavalcata con il "dialogo esplicativo" (imbarazzante - vedi la disanima semiseria di Diablero), la scena dell'"invito a cena"(???), ma soprattutto la cena :wacko: Bah, a me di leggere delle schermaglie amorose tra Kit e quell'assatanata di Manuela per vedere se alla fine scopano o no - perché alla fine è di questo che si parla tutto il tempo - interessa poco.

Dall'altro lato c'è Carson arrapato per tutto l'albo, che prima fa il pedofilo con la figlia minorenne dell'oste, poi con quell'altra gnoccona mezzo svestita che gli finisce in braccio... E infine ci pensa Manuela rimanere in négligé per pagine e pagine, giusto per aumentare un po' la carica sexy.

Qui, oltre che di contenuti, è anche una questione di stile. Visto che oggi la regola è quella di infilare un po' di erotismo dappertutto, qualche scena pepata qua e là per eccitare un po' il lettore, verrò certamente tacciato di essere un bacchettone se dico che Tex potrebbe fare uno sforzo per resistere alla moda. Ma tanto lo fanno tutti.

E parlando di stile, l'eleganza e il buon gusto lasciano definitivamente il posto allo squallido e volgare con un tizio ubriaco tronco che vomita nel salotto di Dona Manuela.

 

Al di là di questo, tutta la sceneggiatura mi è parsa complessivamente poco ispirata. La trovata di restare in indumenti intimi per fregare Domingo mi è pure sembrata pretestuosa, oltre che già vista - una scena quasi identica si era vista poco tempo fa da parte della signora di Rancho Verde.

 

Ridatemi gli zombi e i medaglioni di Ruju :P

  • +1 4
Link to post
Share on other sites
<span style="color:red">2 ore fa</span>, Diablero dice:

Che poi, tutte queste critiche alle donne troppo intraprendenti su Tex... parlando di intraprendenza, lo vogliamo ricordare che ancora nessuna a parte la Santa Lilith è arrivata ad usare un palo della tortura e decine di guerrieri minacciosi, per "convincere" il malcapitato che gli era capitato fra le grinfie?  :P

 

(e quell'ingenuo di Kit lo va pure anche a raccontare in giro... non ci pensa che prima o poi qualcuna potrebbe pensare che se ha funzionato una volta...)

 Veramente era Freccia Rossa ad averlo messo al palo.

Lilith, visto un viso pallido giovane, fusto e coraggioso o forse anche il fatto che non avendo ancora trovato tra i pellerossa un uomo che le piacesse (altrimenti sarebbe già stata sposata) e, come dice GLB contraria alla guerra che avrebbe portato alla distruzione dei Navajo, lo salva.

Sacrificio in nome di un bene superiore (la pace) o colpo di fulmine per un vero "macho" ?

Secondo l' epoca (anni 50) sicuramente il primo motivo, noi più smaliziati ci aggiungiamo anche il secondo.

Fatto è che poi i 2 si innamorano veramente uno dell' altro ( Sul sentiero dei ricordi).

 

Quale destino sentimentale sia riservato al figlio vedremo.

Che comunque sia attratto da belle ragazze è normale come è normale che non le illuda

con promesse di vita stanziale insieme tutto casa e bestiame o albergo (con Donna).

 

Solo una donna disposta ad accettare un marito sempre in missione può conquistarlo.

 

Che poi avere il marito lontano è quello che vivono le mogli dei marinai, dei militari, degli emigranti, dei commessi viaggiatori, degli inviati speciali, degli esploratori.....

E in passato ancor più di oggi e per tempi più lunghi.

 

Tanto Kit è come lo zio Carson, una donna in ogni porto (ops città del west).

  • +1 1
Link to post
Share on other sites
<span style="color:red">46 minuti fa</span>, pecos dice:

Completata ora la lettura di un albo che mi ha lasciato piuttosto perplesso, cosa che raramente mi succede con Boselli (forse questo è il suo albo peggiore di sempre?). Qui si oscilla tra la telenovela e la commedia sexy all'italiana - che per carità, hanno anche la loro dignità, ma su Tex... :rolleyes:

Da un lato avrei fatto volentieri a meno di tutte le scene sentimentali tra Kit e Manuela, la cavalcata con il "dialogo esplicativo" (imbarazzante - vedi la disanima semiseria di Diablero), la scena dell'"invito a cena"(???), ma soprattutto la cena :wacko: Bah, a me di leggere delle schermaglie amorose tra Kit e quell'assatanata di Manuela per vedere se alla fine scopano o no - perché alla fine è di questo che si parla tutto il tempo - interessa poco.

Dall'altro lato c'è Carson arrapato per tutto l'albo, che prima fa il pedofilo con la figlia minorenne dell'oste, poi con quell'altra gnoccona mezzo svestita che gli finisce in braccio... E infine ci pensa Manuela rimanere in négligé per pagine e pagine, giusto per aumentare un po' la carica sexy.

Qui, oltre che di contenuti, è anche una questione di stile. Visto che oggi la regola è quella di infilare un po' di erotismo dappertutto, qualche scena pepata qua e là per eccitare un po' il lettore, verrò certamente tacciato di essere un bacchettone se dico che Tex potrebbe fare uno sforzo per resistere alla moda. Ma tanto lo fanno tutti.

E parlando di stile, l'eleganza e il buon gusto lasciano definitivamente il posto allo squallido e volgare con un tizio ubriaco tronco che vomita nel salotto di Dona Manuela.

 

Al di là di questo, tutta la sceneggiatura mi è parsa complessivamente poco ispirata. La trovata di restare in indumenti intimi per fregare Domingo mi è pure sembrata pretestuosa, oltre che già vista - una scena quasi identica si era vista poco tempo fa da parte della signora di Rancho Verde.

 

Ridatemi gli zombi e i medaglioni di Ruju :P

Boh, resto perplesso.

Imho questo albo poteva avere una carica sexy nel 1952. Forse.

Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, pecos dice:

Da un lato avrei fatto volentieri a meno di tutte le scene sentimentali tra Kit e Manuela, la cavalcata con il "dialogo esplicativo" (imbarazzante - vedi la disanima semiseria di Diablero), la scena dell'"invito a cena"(???), ma soprattutto la cena :wacko: Bah, a me di leggere delle schermaglie amorose tra Kit e quell'assatanata di Manuela per vedere se alla fine scopano o no - perché alla fine è di questo che si parla tutto il tempo - interessa poco.

Dall'altro lato c'è Carson arrapato per tutto l'albo, che prima fa il pedofilo con la figlia minorenne dell'oste, poi con quell'altra gnoccona mezzo svestita che gli finisce in braccio... E infine ci pensa Manuela rimanere in négligé per pagine e pagine, giusto per aumentare un po' la carica sexy.

Qui, oltre che di contenuti, è anche una questione di stile.

Ridatemi gli zombi e i medaglioni di Ruju :P

Al di là delle più che legittime differenze di gusti, non riesco però a comprendere questa indignazione così intensa per una storia che non mi pare proprio che forzi oltremodo le situazioni... Manuela "assatanata"? Io proprio non l'ho vista nei suoi comportamenti! La (s)cena di seduzione mi pare chiaramente funzionale ad un intento ben preciso e non così gratuita. E che in UNA storia su 728 albi si possa fare spazio anche in Tex a questo tipo di situazioni non mi fa affatto gridare allo scandalo né tanto meno ad una sorta di cedimento alle mode del momento. E' UNA storia, non è il nuovo e consolidato filone delle vicende di Tex. Andiamo...

UNA storia che ha l'ardire di scalfire il "canone" consolidato, facendo anche di Kit Willer un essere umano, con le sue esigenze/pulsioni sentimentali e, se proprio vogliamo, anche sessuali. E' così assurdo e censurabile tutto questo, oppure un elemento che lo rende più autentico e realistico? Dobbiamo sempre e soltanto avvalorare un'idea di eroi a una sola dimensione, forse pienamente coerenti (con se stessi o con l'idea che NOI ce ne siamo fatti, in base ai nostri gusti?), ma anche prevedibili e monotoni, che rimangono entro una struttura rigida e sempre identica a se stessa, o personaggi che, entro certi limiti, possono anche essere presentati con aspetti ulteriori della loro personalità?

Se poi, per "riequilibrare" lo stile perso mi citi gli zombi (nemmeno tali) e i medaglioni di Ruju della storia che ha preceduto questo, allora devo dirti che, pur rispettando senz'altro le tue preferenze, sono alquanto perplesso sulla tua nozione di stile... 

Edited by dario63
  • +1 1
Link to post
Share on other sites
  • Sceriffi
<span style="color:red">9 minuti fa</span>, dario63 dice:

Al di là delle più che legittime differenze di gusti, non riesco però a comprendere questa indignazione così intensa per una storia che non mi pare proprio che forzi oltremodo le situazioni...

 

Ma sì, ho scritto un commento con qualche parola un po' forte ma non sono mica "intensamente indignato"... non è che se uno dice di non aver gradito la storia vuol dire che non ci dorme la notte eh.

 

<span style="color:red">9 minuti fa</span>, dario63 dice:

Manuela "assatanata"? Io proprio non l'ho vista nei suoi comportamenti! La (s)cena di seduzione mi pare chiaramente funzionale ad un intento ben preciso e non così gratuita. E che in UNA storia su 728 albi si possa fare spazio anche in Tex a questo tipo di situazioni non mi fa affatto gridare allo scandalo né tanto meno ad una sorta di cedimento alle mode del momento.

 

Ma la stessa scena, con la donna che si presenta poco vestita - nuda, in quel caso - per fregare il nemico, l'abbiamo vista solo pochi numeri fa...

 

<span style="color:red">9 minuti fa</span>, dario63 dice:

E' UNA storia, non è il nuovo e consolidato filone delle vicende di Tex. Andiamo...

 

Ma dove ho mai detto che questo sarebbe il nuovo canone texiano? È UNA storia e sto appunto parlando di QUESTA storia.

 

<span style="color:red">9 minuti fa</span>, dario63 dice:

UNA storia che ha l'ardire di scalfire il "canone" consolidato, facendo anche di Kit Willer un essere umano, con le sue esigenze/pulsioni sentimentali e, se proprio vogliamo, anche sessuali. E' così assurdo e censurabile tutto questo, oppure un elemento che lo rende più autentico e realistico?

 

Non ho mai detto che sia censurabile. Ho solo detto che delle tresche amorose del giovane Willer mi interessa poco, e preferisco gli zombi di Ruju ai dialoghi da romanzo rosa (ah, la frase degli zombi era evidentemente una battuta con tanto di faccina :rolleyes:). Gusti personali, le scene sentimentali non mi entusiasmano e ne farei volentieri a meno. Se gli autori vogliono scrivere una storia che ha questo come punto nevralgico sono liberi di farlo, ma io dico che è una lettura che non mi appaga particolarmente.
E poi se voglio una storia autentica e realistica leggo altro...

 

Link to post
Share on other sites

Più che altro, una cosa mi pare strana... anche se riguarda una parte della storia che ho preferito non commentare perchè ancora troppe cose potrebbero cambiare, e magari dare una luce diversa alla scena...

 

Che Manuela tenti di sedurre Kit per me ci sta. Anche senza altri motivi, se non il ricordo della loro storia. Figurati se di motivi ce ne sono altri.

 

Mi lascia perplesso il COME.

 

Cena a lume di candela, tutta in tiro e profumata 9tanto che il suo profumo "lo stordisce"), cerca di farlo bere... non so, mi sembra si sia dimenticata chi è lui, e non mi meraviglia che lui sospetti che lo faccia per chiedere il suo aiuto, tanto pare "forzata" la cosa.

 

Ma vabbè, come ho detto, ne sappiamo ancora poco, magari c'e una spiegazione...

Link to post
Share on other sites
42 minuti fa, Diablero dice:

 

 

Mi lascia perplesso il COME.

 

Cena a lume di candela, tutta in tiro e profumata 9tanto che il suo profumo "lo stordisce"), cerca di farlo bere... non so, mi sembra si sia dimenticata chi è lui, e non mi meraviglia che lui sospetti che lo faccia per chiedere il suo aiuto, tanto pare "forzata" la cosa.

 

Ma vabbè, come ho detto, ne sappiamo ancora poco, magari c'e una spiegazione...

Imho semplicemente non è una grande e raffinata seduttrice - che non sia la contessa du Barry mi pare evidente e logico - non ha esperienza e utilizza la tecnica più semplice e scontata, quella che potrebbe immaginare pure una "timida ingenua arcaica pastorella": ossia generosa scollatura, profumo litri, vino, ecc.

Mi pare lo abbia accennato pure Boselli.

 

 

  • Like (+1) 1
Link to post
Share on other sites

Adesso mi verrete pure a dire che non avete mai visto nessuno fare qualcosa del genere...!!!

Link to post
Share on other sites

Niente da dire sul comportamento di Kit e Manuela, quello che preoccupa è il comportamento di Carson.

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red">12 ore fa</span>, borden dice:

 

 

E' una trovata per fregare Don Domingo, quella di restare in déshabillé.  Ma se non sono riuscito a farlo capire, mea culpa

 

In quanto alla serata seduttiva mi sembra del tutto normale. Liz poverina non ne aveva la possibilità né la cultura, essendo protestante dell'Est. Forse è un mio pregiudizio sulle donne cattoliche e latine, che SANNO anche usare queste armi, per fortuna... Manuela è ben determinata ad avere Kit, ma forse esagera un po' e rischia di farlo scappare di nuovo... Non mi sembra una femme fatale, ma una poveretta molto sola. Tuttavia la lettura personale dipende, evidentemente, da quello che si pensa sul mondo, in questo caso delle donne. A me questi atteggiamenti sembrano normali e suscitano tenerezza, ad altri sembrano da puttane... :rolleyes:

Sono gli stessi problemi che abbiamo quando parliamo di personaggi di colore o di cattivi a tutto tondo o a mezzo servizio etc... Visioni diverse del mondo.

A me suscitano tenerezza Liz, Rose e la Manuela Montoya di GLB.. la tua Manuela o donne come Gambit o Marie Leveau accendono una forte attrazione sessuale perchè sono più disinibite..Sono donne che piacciono per motivi diversi..ma non per forza da una parte ci sono le sante o dall'altra le puttane..

Per farti un esempio cinematografico se nei "Due rivali" ci vedo Marian Starrett ( Jean Arthur "Il Cavaliere della valle Solitaria") in "Una colt per Manuela Montoya" ci trovo Gilda (Rita Hayworth)..

Come hai scritto bene tu :Visioni diverse del mondo!

Link to post
Share on other sites
Il 12/6/2021 at 12:21, Nick78 dice:

Comunque noto come sia sfuggito a tutti il dettaglio più interessante, ovvero che la Montoya ha almeno una terza abbondante :P:D:D

Questa è in effetti una osservazione piuttosto gustosa. :P

Link to post
Share on other sites

Salve a tutti, sono un lettore di Tex che talvolta ha navigato sul vostro forum ed oggi ho voluto dire anch'io la mia.

Leggo Tex dall'estate del 1992. Da lettore di lungo corso, non posso non fare i complimenti ad un "collega" che riesce a scrivere il suo nome nel libro d'oro degli autori di Tex! Tuttavia questo albo mi ha lasciato davvero perplesso  e provo a illustrarvene i motivi.

  1. Personalmente ho sempre amato molto i "ritorni" di qualche personaggio già visto, ma a patto che i suddetti avessero carisma/interesse/qualcosa da dire. Negli ultimi anni sono tornati tutti, davvero tutti, anche gente che personalmente non avrei voluto vedere nemmeno la prima volta (come i tre fratelli Rainey, per dirne una). Nello specifico di Manuela Montoya, recuperare un personaggio di una storia che era a malapena "un onesto riempitivo" (come si diceva una volta) e nella quale trovai GLB in vistosa difficoltà, non mi è sembrata una grande idea;
  2. va bene l'evoluzione del personaggio, ma la Manuela di questo albo onestamente stravolge moltissimo della ragazza vista 500 numeri fa. La precedente non era certo una "spaurita pulzella", ma nemmeno la viziata panterona a tratti isterica di questo numero;
  3. sebbene lungo 4 pagine, il "riassunto della puntata precedente" fatto da lei e Kit è parso anche a me evitabilissimo;
  4. la storia è troppo verbosa, come sempre più spesso accade su Tex, imho;
  5. gli antagonisti non brillano certo per originalità, tuttavia più andavo avanti e più "tifavo" per loro piuttosto che per i piccioncini. Questi ultimi, come si dice dalle mie parti, "se la sentono calda", se mi passate l'espressione colloquiale. Sembrano due pavoni che si atteggiano a ficone/ficona in qualunque situazione e la cosa ha finito per farmi prudere le mani...
  6. la gag dell'ubriacatura coatta mi è sembrata davvero avvilente e più in tono con fumetti come quelli della gloriosa Essegesse, per capirci;
  7. i disegni mi hanno fatto temere il peggio per quanto avevo visto nella preview sul sito, ma devo riconoscere che, fatto salvo l'avvio di storia davvero infelice, la qualità sale discretamente. Sembra quasi che l'autore abbia faticato all'inizio a trovare le fisionomie, per poi registrarsi su uno standard accettabile. Certo il tratto è un po' pesantino e Manuela cambia spesso fisionomia di vignetta in vignetta, ma alla fine ci siamo beccati cose ben peggiori.

Spero vivamente in un'inversione di tendenza nel prossimo albo, perché al momento questa storia mi sembra in linea con le ultime uscite che mi erano parse davvero di bassa caratura. Dopo tanti anni inizio quasi a disinnamorarmi del personaggio anche per altri motivi che non sto qui a scrivere, per non andare offtopic e per non allungare oltre il mio già chilometrico intervento.

  • +1 1
Link to post
Share on other sites

A me, più che altro, non piace molto Carson, che in teoria è il mio pards preferito.

Oltre alle battute di dubbio gusto rivolte a una ragazzina, di cui si è già discusso, passa pure per mezzo rincoglionito quando prima casca completamente nel tranello tesogli dalla messicana e rischia di finire in pieno nell'agguato, si salva solo grazie a Tex, poi nella scena finale si mette a raccontare tutto gli affari privati del figlioccio alla presenza di due estranei, di cui uno pure prigioniero.

Per fortuna che Tex lo stoppa subito, però mi perplime assai.

Link to post
Share on other sites
2 hours ago, Nick78 said:

[Kit Carson] poi nella scena finale si mette a raccontare tutto gli affari privati del figlioccio alla presenza di due estranei, di cui uno pure prigioniero.

Io l'ho interpretata diversamente quella scena.  Lo sceriffo sa già tutto dei trascorsi fra Manuela e Kit (probabilmente all'epoca quel flirt aveva dato scandalo anche in paese e se ne era parlato, o forse quello sceriffo era già apparso nella vecchi storia, non ricordo e non è importante, l'importante è Carson non deve dirgli niente, sa già che Manuela è una che Tex e Carson conoscono già). Quindi Carson non sta "spifferando" niente, fa battute come i pards fanno sempre a tavola.

 

È Tex che è "strano". Teso e nervoso, e chiaramente iperprotettivo, ha paura che la bella Manuela faccia soffrire Kit.

 

È una visione del comportamento di Tex in linea con quello che ha detto borden, che ritiene che Kit la prima volta sia stato spinto anche dal padre a lasciare Manuale (oltre che dall'idea di avere poi a che fare con la famiglia del suocero). È una visione che la prima storia non avvalora, ma nemmeno nega, io ancora oggi interpreto la scelta di Kit come più libera, ma sono aperto a vedere come verrà sviluppato questo spunto (abbastanza "rischioso" su una testata come Tex) nella seconda parte della storia.

Link to post
Share on other sites

Ritrovo l'acume di Diablero.

Link to post
Share on other sites

Ma se in quella occasione Tex lo aveva quasi spalleggiato! A me sembra un' incongruenza,e poi non è proprio del carattere di Tex.Ma come? Induce suo figlio a lasciare una donna che gli piace,senza lasciagli libera scelta? Ma ti pare? 

Link to post
Share on other sites

A me la scena dell' ubriacatura è piaciuta. 

Don Domingo, Reno, Lope e Perez + altri 3 messi fuori combattimento e ridicolarizzati. 

Pensate un pò che bel ritorno al ranch Luna Doble del propietario e dei suoi più cattivi servitori che manco stanno in piedi!

Che figuraccia con gli altri servitori rimasti a casa!

Cosa devano fare? 

Ammazzarli tutti?

Hanno respinto un prepotente che era andato al ranch per "sottomettere" la padrona, senza spargimento di sangue, a parte Perez che se la è cercata.

Kit e Manuela sono una "bella coppia" anche come "attaccanti", non solo "in difesa".

Poi sappiamo che comunque la "risoluzione" del caso sarà in maggior parte, merito di Tex.

 

Riguardo l' ingerenza di Tex sull' abbandono di Manuela al primo incontro, non ne ho vista molta e la stessa Manuela, che invece pensava ci fosse stata, dice a Kit "hai fatto tutto di tua iniziativa? ..Peggio ancora!"

"Come vedi non era una grande passione". E lo dice quasi a se stessa.

 

Nelle famose 4 pagine di "spiegazioni" bisogna leggere attentamente tutte le frasi.

Non c'è parola che Mauro non abbia ben studiato, prima di scriverla (come fa sempre).

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red">2 ore fa</span>, Diablero dice:

... Kit come più libera, ma sono aperto a vedere come verrà sviluppato questo spunto (abbastanza "rischioso" su una testata come Tex) nella seconda parte della storia.

Si, direi che ha perfettamente senso, questa opzione non l'avevo valutata.

<span style="color:red">51 minuti fa</span>, Betta 53 dice:

Riguardo l' ingerenza di Tex sull' abbandono di Manuela al primo incontro, non ne ho vista molta e la stessa Manuela, che invece pensava ci fosse stata, dice a Kit "hai fatto tutto di tua iniziativa? ..Peggio ancora!"

"Come vedi non era una grande passione". E lo dice quasi a se stessa.

Non concordo.

Chiunque, al posto di Kit, avrebbe risposto allo stesso modo: per orgoglio è ben difficile ammettere di essere stati "succubi" di un genitore, sia pure ingombrante come Tex.

Ed è anche ovvio che l'altra non potesse rispondere diversamente, il giovane Willer si era infilato in una situazione dove ne sarebbe uscito sempre perdente.

 

A me personalmente questa storia interessa parecchio e confido parecchio nel prossimo albo perché, pur non essendo memorabile, potrebbe essere fondamentale per spiegare certe dinamiche tra padre e figlio mai affrontate in precedenza (e invero pensavo che mai sarebbero state affrontate in Tex).

Se ben gestito da parte dell'autore, chiaramente, visto che è chiaramente un campo minato, e magari scivolerà (magari nemmeno a torto).

Link to post
Share on other sites
<span style="color:red">42 minuti fa</span>, Nick78 dice:

Si, direi che ha perfettamente senso, questa opzione non l'avevo valutata.

Non concordo.

Chiunque, al posto di Kit, avrebbe risposto allo stesso modo: per orgoglio è ben difficile ammettere di essere stati "succubi" di un genitore, sia pure ingombrante come Tex.

Ed è anche ovvio che l'altra non potesse rispondere diversamente, il giovane Willer si era infilato in una situazione dove ne sarebbe uscito sempre perdente.

 

A me personalmente questa storia interessa parecchio e confido parecchio nel prossimo albo perché, pur non essendo memorabile, potrebbe essere fondamentale per spiegare certe dinamiche tra padre e figlio mai affrontate in precedenza (e invero pensavo che mai sarebbero state affrontate in Tex).

Se ben gestito da parte dell'autore, chiaramente, visto che è chiaramente un campo minato, e magari scivolerà (magari nemmeno a torto).

 Ne "I due rivali" Kit, prima ancora di incontrare il padre, non immaginava di fare "il grande allevatore di vacche" nel suo futuro e comprendeva anche le preoccupazioni di Don Carlos.

Lo scontro tra quelli che avrebbero dovuto diventare "consuoceri" fa in modo che Tex, Carson e Kit lascino il ranch la sera stessa, e Tex si preoccupa che il figlio non ne soffra.

Anche in quel momento Kit ribadisce che preferisce l' avventura (La cosa non era così seria da perderci la testa, dice Kit stesso).

Quella sera  viene rapita Manuela.

Kit e Manuela si salutano senza spiegazioni, e si capisce che quella più addolorata è lei.

 

Nuovo incontro fortuito.

Nessuno dei 2 era preparato a rivedere l' altro.

Un pò di schermaglie nella cavalcata.

Kit si lascia sfuggire un "mi fa piacere" quando lei dice "ormai siamo solo buoni amici".

Manuela fino a quel momento pensava ci fosse stata un' ingerenza di Tex, ma scopre che Kit

rivendica la scelta di averla lasciata.

Ci ha sofferto un pò, ma la vita continua e i guai la aiutano a non pensare a lui.

 

Ma l' attrazione e la passione tra i due riesplode e nessuno dei due vuole "forzare" l' altro.

Non ti aiuto per avere qualcosa in cambio.

Non ti desidero per avere aiuto ( e a gestire il ranch sono capace da sola, tranne quando gli avvoltoi sono troppi)

 

Manuela sa che Kit ama l' avventura.

L' unico modo per stare insieme è lasciarlo andare sempre in missione e averlo ospite

solo tra una missione e l' altra.

 

Anche io sono curiosa di vederle come Mauro e Carlo risolveranno la cosa.

Link to post
Share on other sites
Il 9/6/2021 at 16:25, borden dice:

Beh, qui c'e' la mia idea di una donna capricciosa, viziata e mercuriale. E non dite adesso che non esistono! Secondo me sono  anzi la stragrande maggioranza.

 

Il 9/6/2021 at 16:45, Poe dice:

Mi sembra chiaro che l'idea di base è proprio quella di far vedere Manuela e Kit cambiati rispetto a com'erano una volta, meno timidi, meno insicuri e più disinibiti, maggiormente espliciti e diretti nel parlare di sé. Relazione da saloon? E' una relazione tra persone più adulte e non tra adolescenti. Odori da camera da letto? E be', che male c'è? Nessuno ha avuto niente da dire in una situazione simile tra la donna del Rancho Verde e il tenente Castillo... Forse che Kit deve essere sempre rappresentato come un eterno ragazzino romantico?

 

Sul fatto, poi, che è una donna dell'800 di buona famiglia e queste cose non si fanno, mi scappa da ridere. Basta solo aver letto Madame Bovary on qualsiasi romanzo di quell'epoca. Il resto sono le tipiche schermaglie amorose presenti in tutti i romanzi con scene sentimentali.

 

Il 9/6/2021 at 16:56, Betta 53 dice:

Che ne capite di cavalli e armi non ho dubbi.

Che ne capiate di donne invece ne ho parecchi.:smile:

 

Prima Manuela e Kit erano adolescenti al primo innamoramento , oltretutto contrastato da don Carlos e dalla "voglia di avventura" di Kit, certamente influenzato dalla vita errabonda che ha sempre condotto il padre (anche se sakem).

 

(...)

 

I due giovani sono sempre attratti  uno dall' altro, ma nessuno dei 2 vuole far credere che lo fa per "chiedere aiuto" o "offrire aiuto".

Lo fanno perchè ne hanno voglia (che poi di solito è la motivazione più semplice e la più frequente) e c'è anche del sentimento oltretutto.

Non devono rendere conto a nessuno del loro agire, Kit è uomo ed è celibe, Manuela è indipendente, ricca e potente.

Donna Manuela la sua reputazione la avrà sempre, perchè deriva dal potere e dai soldi, 

non dal suo comportamenti, peraltro "auspicati" dai suoi servitori che ambiscono a mantenere forte e temuto e potente il Rancho Montoya.

 

Ho letto solo ieri l'albo e stamane ho inziato a leggere i commenti, prima di postare il mio contributo.

Giunto, però, alla quinta pagina di post, non mi trattengo dall'intervenire, anche se così facendo sono forse fuori tempo e fuori sincronia.

 

Mi pare che quello che scrivono @borden, @Betta 53 e @Poe spieghi chiaramente la relazione tra Kit e Manuela; relazione, peraltro, che a me sembra piuttosto ben esplicata nelle pagine dell'albo.

 

Kit e Manuela sono cresciuti, ma ancora non sono del tutto formati nel carattere e nelle esperienze; si piacciono, ma hanno dell'orgoglio da difendere; Manuela, dal canto suo, è ricca, viziata, umorale, e quindi i suoi comportamenti possono sembrare contraddittori.

 

Ma davvero non avete frequentato, stimato, magari amato una donna che cambia più o meno repentinamente umore? Forse solo sul monte Athos non ci sono donne così (ma lì ci saranno uomini così, che non non siamo meno complessi di carattere ;) ).

 

Ovviamente, anche nell' '800, due ventenni che si piacciono fanno, se ne hanno occasione, quello che fanno anche i ventenni (e trentenni, e quarantenni, etc. ) di oggi. Il fatto che fossero più attenti alle apparenze non significa che non lo facessero e che un fumetto non possa farcelo intendere.

 

 

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites

Quanto alla scena di seduzione di Manuela nei confronti i don Domingo, invece, ho un dubbio sulla ricostruzione storica dell'abbigliamento.

 

Cosa indossa la ragazza sotto la vestaglia?

 

Sembrerebbe un c.d. bodysuit, ma dubito che nel XIX secolo questo capo esistesse e che, ove anche mi sbagliassi, una donna di rango lo potesse indossare. Si potrebbe trattare, piuttosto, di un corsetto. Ma non avrebbe dovuto, allora, essere accompagnato da "mutandoni" sino a mezza gamba?

 

E', sia chiaro, un dubbio di scarsissimo rilievo, ma mi consente di domandare a @borden se, nel creare questa storia, lui e il disegnatore si siano interrogati anche su questo aspetto. Tanto più che, forse per la prima volta, nella saga del nostro ranger appare una modista...

 

Link to post
Share on other sites
24 minuti fa, F80T dice:

Quanto alla scena di seduzione di Manuela nei confronti i don Domingo, invece, ho un dubbio sulla ricostruzione storica dell'abbigliamento.

 

Cosa indossa la ragazza sotto la vestaglia?

 

Sembrerebbe un c.d. bodysuit, ma dubito che nel XIX secolo questo capo esistesse e che, ove anche mi sbagliassi, una donna di rango lo potesse indossare. Si potrebbe trattare, piuttosto, di un corsetto. Ma non avrebbe dovuto, allora, essere accompagnato da "mutandoni" sino a mezza gamba?

 

E', sia chiaro, un dubbio di scarsissimo rilievo, ma mi consente di domandare a @borden se, nel creare questa storia, lui e il disegnatore si siano interrogati anche su questo aspetto. Tanto più che, forse per la prima volta, nella saga del nostro ranger appare una modista...

 

 

 

Ci siamo presi una libertà perché Tex è una serie popolare e a Laurenti riusciva bene così.  In Tex Willer, quando Kate Warne si spoglia, indossa una perfetta biancheria vittoriana.

 

Siamo comunque in buona compagnia (vedi Un dollaro d'onore e le varie Maylin e Jane Russell nei film western...). Il body calzamaglia esisteva eccome, anche se in effetti  lo usavano le ballerine. Quindi niente anacronismi

Edited by borden
Link to post
Share on other sites
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.