Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[728/729] Una colt per Manuela Montoya


Recommended Posts

Il 9/6/2021 at 16:25, borden dice:

Beh, qui c'e' la mia idea di una donna capricciosa, viziata e mercuriale. E non dite adesso che non esistono! Secondo me sono  anzi la stragrande maggioranza.

 

Il 9/6/2021 at 16:45, Poe dice:

Mi sembra chiaro che l'idea di base è proprio quella di far vedere Manuela e Kit cambiati rispetto a com'erano una volta, meno timidi, meno insicuri e più disinibiti, maggiormente espliciti e diretti nel parlare di sé. Relazione da saloon? E' una relazione tra persone più adulte e non tra adolescenti. Odori da camera da letto? E be', che male c'è? Nessuno ha avuto niente da dire in una situazione simile tra la donna del Rancho Verde e il tenente Castillo... Forse che Kit deve essere sempre rappresentato come un eterno ragazzino romantico?

 

Sul fatto, poi, che è una donna dell'800 di buona famiglia e queste cose non si fanno, mi scappa da ridere. Basta solo aver letto Madame Bovary on qualsiasi romanzo di quell'epoca. Il resto sono le tipiche schermaglie amorose presenti in tutti i romanzi con scene sentimentali.

 

Il 9/6/2021 at 16:56, Betta 53 dice:

Che ne capite di cavalli e armi non ho dubbi.

Che ne capiate di donne invece ne ho parecchi.:smile:

 

Prima Manuela e Kit erano adolescenti al primo innamoramento , oltretutto contrastato da don Carlos e dalla "voglia di avventura" di Kit, certamente influenzato dalla vita errabonda che ha sempre condotto il padre (anche se sakem).

 

(...)

 

I due giovani sono sempre attratti  uno dall' altro, ma nessuno dei 2 vuole far credere che lo fa per "chiedere aiuto" o "offrire aiuto".

Lo fanno perchè ne hanno voglia (che poi di solito è la motivazione più semplice e la più frequente) e c'è anche del sentimento oltretutto.

Non devono rendere conto a nessuno del loro agire, Kit è uomo ed è celibe, Manuela è indipendente, ricca e potente.

Donna Manuela la sua reputazione la avrà sempre, perchè deriva dal potere e dai soldi, 

non dal suo comportamenti, peraltro "auspicati" dai suoi servitori che ambiscono a mantenere forte e temuto e potente il Rancho Montoya.

 

Ho letto solo ieri l'albo e stamane ho inziato a leggere i commenti, prima di postare il mio contributo.

Giunto, però, alla quinta pagina di post, non mi trattengo dall'intervenire, anche se così facendo sono forse fuori tempo e fuori sincronia.

 

Mi pare che quello che scrivono @borden, @Betta 53 e @Poe spieghi chiaramente la relazione tra Kit e Manuela; relazione, peraltro, che a me sembra piuttosto ben esplicata nelle pagine dell'albo.

 

Kit e Manuela sono cresciuti, ma ancora non sono del tutto formati nel carattere e nelle esperienze; si piacciono, ma hanno dell'orgoglio da difendere; Manuela, dal canto suo, è ricca, viziata, umorale, e quindi i suoi comportamenti possono sembrare contraddittori.

 

Ma davvero non avete frequentato, stimato, magari amato una donna che cambia più o meno repentinamente umore? Forse solo sul monte Athos non ci sono donne così (ma lì ci saranno uomini così, che non non siamo meno complessi di carattere ;) ).

 

Ovviamente, anche nell' '800, due ventenni che si piacciono fanno, se ne hanno occasione, quello che fanno anche i ventenni (e trentenni, e quarantenni, etc. ) di oggi. Il fatto che fossero più attenti alle apparenze non significa che non lo facessero e che un fumetto non possa farcelo intendere.

 

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Quanto alla scena di seduzione di Manuela nei confronti i don Domingo, invece, ho un dubbio sulla ricostruzione storica dell'abbigliamento.

 

Cosa indossa la ragazza sotto la vestaglia?

 

Sembrerebbe un c.d. bodysuit, ma dubito che nel XIX secolo questo capo esistesse e che, ove anche mi sbagliassi, una donna di rango lo potesse indossare. Si potrebbe trattare, piuttosto, di un corsetto. Ma non avrebbe dovuto, allora, essere accompagnato da "mutandoni" sino a mezza gamba?

 

E', sia chiaro, un dubbio di scarsissimo rilievo, ma mi consente di domandare a @borden se, nel creare questa storia, lui e il disegnatore si siano interrogati anche su questo aspetto. Tanto più che, forse per la prima volta, nella saga del nostro ranger appare una modista...

 

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, F80T dice:

Quanto alla scena di seduzione di Manuela nei confronti i don Domingo, invece, ho un dubbio sulla ricostruzione storica dell'abbigliamento.

 

Cosa indossa la ragazza sotto la vestaglia?

 

Sembrerebbe un c.d. bodysuit, ma dubito che nel XIX secolo questo capo esistesse e che, ove anche mi sbagliassi, una donna di rango lo potesse indossare. Si potrebbe trattare, piuttosto, di un corsetto. Ma non avrebbe dovuto, allora, essere accompagnato da "mutandoni" sino a mezza gamba?

 

E', sia chiaro, un dubbio di scarsissimo rilievo, ma mi consente di domandare a @borden se, nel creare questa storia, lui e il disegnatore si siano interrogati anche su questo aspetto. Tanto più che, forse per la prima volta, nella saga del nostro ranger appare una modista...

 

 

 

Ci siamo presi una libertà perché Tex è una serie popolare e a Laurenti riusciva bene così.  In Tex Willer, quando Kate Warne si spoglia, indossa una perfetta biancheria vittoriana.

 

Siamo comunque in buona compagnia (vedi Un dollaro d'onore e le varie Maylin e Jane Russell nei film western...). Il body calzamaglia esisteva eccome, anche se in effetti  lo usavano le ballerine. Quindi niente anacronismi

Edited by borden
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Arrivo come sempre a leggere e commentare a giorni di distanza (vado in edicola una volta al mese quindi ci sono anche il TW e il Texone).

 

Dopo la lettura del primo albo, e recuperato anche la discussione, posso dire che le critiche spuntate qua e là sono del tutto ingiustificate e, come si dice in legalese, anche 'infondate e pretestuose' ;)

Se c'è una qualche critica sulla storia forse è che c'è un po' troppa carne al fuoco e un po' troppi personaggi in scena ma con Boselli ormai ci si è fatta ampiamente l'abitudine ;)

Non so se sarà un capolavoro ma si fa leggere con piacere e questo alla fine è quel che conta.

 

Sui disegni invece proprio non ci siamo, da nessun punto di vista: la lettura si è dimostrata anche peggiore delle impressioni delle tavole in anteprima. Male i primi piani (irriconoscibile una figura ben nota come lo sceriffo Rupert, altri primi piani anche dei pards usciti persino al limite della deformità), male le figure, male gli interni (la sala da pranzo dei Montoya senza nemmeno un quadro giusto due lampade sembra l'interno di un convento, la 'biblioteca' consiste in uno scaffale con quattro ripiani ed un divano), il tutto accompagnato da un segno molto spesso e pesante.

Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi
<span style="color:red">1 ora fa</span>, gilas2 dice:

Dopo la lettura del primo albo, e recuperato anche la discussione, posso dire che le critiche spuntate qua e là sono del tutto ingiustificate e, come si dice in legalese, anche 'infondate e pretestuose' ;)

 

Sinceramente mi sembra una frase poco rispettosa verso chi ha espresso un'opinione critica prima di te - anche perché non ti sforzi minimamente di spiegare perché quelle critiche sono immotivate :rolleyes:

E poi, perché sarebbero pretestuose? Perché ce l'abbiamo tutti col Monni e godiamo a criticarlo?

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

48 minuti fa, pecos dice:

 

Sinceramente mi sembra una frase poco rispettosa verso chi ha espresso un'opinione critica prima di te - anche perché non ti sforzi minimamente di spiegare perché quelle critiche sono immotivate :rolleyes:

E poi, perché sarebbero pretestuose? Perché ce l'abbiamo tutti col Monni e godiamo a criticarlo?

 

Ohh è una battuta! :D (nel linguaggio 'professionale' del Monni)

Una chicca invece: ma Tex che si esibisce con l'espressione "lieti conversari"?? Settant'anni di 'peste!' e 'dannazione!' e all'improvviso diventa Petrarca :D

(anzi, google mi dice Gozzano)

Edited by gilas2
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">5 ore fa</span>, gilas2 dice:
<span style="color:red">6 ore fa</span>, pecos dice:

non ti sforzi minimamente di spiegare perché quelle critiche sono immotivate :rolleyes:

E poi, perché sarebbero pretestuose? Perché ce l'abbiamo tutti col Monni e godiamo a criticarlo?

 

Ohh è una battuta! :D (nel linguaggio 'professionale' del Monni)

 

Che è esattamente come l'ho intesa io, infatti.:D

 

<span style="color:red">5 ore fa</span>, gilas2 dice:

Una chicca invece: ma Tex che si esibisce con l'espressione "lieti conversari"?? Settant'anni di 'peste!' e 'dannazione!' e all'improvviso diventa Petrarca :D

(anzi, google mi dice Gozzano)

 

Non l'ho trovato poi così strano. Lo stesso GLB ogni tantp esibiva anche lui questo linguaggio letterario.

Link to comment
Share on other sites

La storia in questione ha spaccato letteralmente l'utenze del forum: chi la sta apprezzando oltremodo e chi rimane alquanto perplesso e attende l'epilogo per stilare un bilancio definitivo, ma ciò è fisiologico e diventa un bene per il confronto e le discussioni del forum. Anch'io come Pecos però ho trovato da ridire sul termine pretestuoso, usato più volte per apostrofare alcune critiche. Lo reputo fuori luogo perchè qui nessuno (credo) si diverte a bersagliare Carlo, anzi il coro di complimenti per la coronazione del suo sogno è pressoché unanime. Tuttavia il fatto che sia Carlo che Mauro siano presenti sul sito non vuol dire che bisogna esimersi dall'esprimere alcuni appunti critici, che poi ovviamente possono essere condivisi o meno, ma tutto è soggettivo. Questo punto di vista porterebbe a trasformare in pretestuosa ogni eventuale critica mossa anche ad altri autori, visto che ci sarà sempre qualcuno che la penserà diversamente da te, ma non credo funzioni così.  

Link to comment
Share on other sites

Riprendo la lettura di Tex dopo un paio d’anni di pausa (niente di personale contro il ranger, ho solo staccato un po’ coi fumetti) e quale migliore occasione della storia dell’Avvocato Monni? :P

 

Facendo innanzitutto i complimenti a Carlo :Ave:, devo dire che per adesso non mi sta entusiasmando. Da un lato sono abbastanza allergico a questi ritorni dopo decenni di personaggi ormai cristallizzati nella memoria dei lettori, da un lato quando li scrive mi pare che Boselli (s)cada sempre un po’ nel feuilleton.

 

La sceneggiatura peraltro mi pare penalizzata in più parti da dialoghi artefatti e posticci e da personaggi che si parlano addosso, con la conseguenza di risultare spesso verbosa e poco scorrevole. Comunque, come si suol dire, attendiamo fiduciosi il secondo albo.

 

Capitolo disegni: Laurenti è sempre stato uno dei miei bonelliani preferiti con le sue linee morbide e il suo tratteggio elegante. Qui mi trovo davanti quasi un altro disegnatore, dal tratto spesso e spigoloso e dalle fisionomie poco curate (quando l’espressività dei suoi personaggi, soprattutto femminili, era invece il suo punto di forza). Non so se sia un’evoluzione stilistica o se stia semplicemente “tirando via” ma lo preferivo di gran lunga prima.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Ho mollato dopo poche pagine. Un "Puppo" Laurenti così in caduta libera ammazza la voglia di leggere.

Link to comment
Share on other sites

Io per la seconda volta in 21 anni di Tex comprerò il secondo albo (solo per non avere un buco nella collezione dell'inedito) e lo riporrò senza nemmeno aprirlo. La prima volta era successo con gli ultimi tre albi della storia del Maestro. Spero non ci sarà un terza volta (che in realtà è stata sfiorata con la storia Zamberletti/Candita).

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">22 minuti fa</span>, Gunny dice:

prima volta era successo con gli ultimi tre albi della storia del Maestro.

non sai cosa ti sei perso

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Grande Tex dice:

non sai cosa ti sei perso

Guarda, non voglio neanche saperlo :lol:

Link to comment
Share on other sites

Bah, sembri qualcuno che dice che Tex  Willer è  "roba da bambini" senza neanche averlo letto.

Link to comment
Share on other sites

Infatti non leggo TW però non lo giudico proprio perchè non lo leggo, anche se ho l'impressione che attualmente sia qualche spanna sopra la serie regolare.

 

Della storia del Maestro mi è bastato il primo albo per capire che gli altri tre non li avrei retti.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">4 ore fa</span>, Gunny dice:

Io per la seconda volta in 21 anni di Tex comprerò il secondo albo (solo per non avere un buco nella collezione dell'inedito) e lo riporrò senza nemmeno aprirlo. La prima volta era successo con gli ultimi tre albi della storia del Maestro.

Esagerato!:lol: Il ritorno del Maestro è ottimo e quello di Manuela Montoya anche se non ti è piaciuto almeno incuriosisce... Io sono riuscito a finire persino "Gli uomini giaguaro" di Nolitta (una maratona) e il Mefisto di Nizzi!! ( è stata dura...):D

Link to comment
Share on other sites

@Poe, se sei riuscito a finire anche "Fort Sahara", "Oltre il fiume" e "Attacco alla diligenza" ti propongo ufficialmente per il titolo di masochista texiano supremo. :D

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">3 minuti fa</span>, virgin dice:

se sei riuscito a finire anche "Fort Sahara", "Oltre il fiume" e "Attacco alla diligenza" ti propongo ufficialmente per il titolo di masochista texiano supremo. :D

"Fort Sahara" mi manca, per fortuna!:D  Però, sì, devo essere un po' masochista perché anche al cinema non sono mai uscito prima della fine, anche se il film era inguardabile!

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, borden dice:

Bah, sembri qualcuno che dice che Tex  Willer è  "roba da bambini" senza neanche averlo letto.

 

Ma kit Willer era sposato?????

Con fiore di luna:blink:

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">12 minuti fa</span>, Grande Tex dice:
<span style="color:red">2 ore fa</span>, Nick78 dice:

 

Ma kit Willer era sposato?????

Con fiore di luna:blink:

non lo era,no

 

Kit sembrava averne tutta l'intenzione, purtroppo il colpo di fucile che uccise Fiore di Luna non gli permise neanche di pensarci meglio...

Link to comment
Share on other sites

Sul matrimonio la penso  diversamente e spiegherò la mia opinione in uno dei prossimi Tex Willer nella rubrica Wanted

 

Secondo voi Kit e Fiore hanno consumato? O la loro era un'amicizia platonica? 

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.