Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Mefisto e la sua evoluzione! In Attesa del capitolo conclusivo


MacParland
 Share

Recommended Posts

Una relazione di questo tipo per certi versi ricorderebbe un po' Romeo e Giulietta. 

 

Scherzi a parte, chissà se sentiremo ancora parlare di Villa Rica, ormai ridotta a macerie?

Un'altra cosa, che è un po' come l'azione di un tarlo nella mia mente, prima del bombardamento del castello di Lafayette, Mefisto parla di chiedere aiuto a qualche forza a cui non aveva mai domandato sostegno, chissà che razza di rito avrebbe potuto essere?

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Ho visto nell'utilissimo primo post un riassunto delle apparizioni di Mefisto e Yama. 

Se non chiedo troppo, per chi può andare anche a memoria, a quali numeri corrispondono queste storie nella serie gigante di Tex? 

 

Ieri ho recuperato la storia dal 501 che se non sbaglio è l'ultima apparizione di Mefisto.

L'avevo già letta anni fa ma l'avevo rimossa completamente. Devo dire che mi trovo d'accordo anche con alcune critiche lette proprio in questo topic sulla storia in questione. 

Il primo albo sicuramente piacevole, con la resurrezione di Mefisto sicuramente ben descritta. Poi però si perde un po' tutta l'atmosfera.

I pard vengono tutti beccati come fossero dei novellini, a partire da Carson che si infila nella trappola come fosse uno di primo pelo, dopo essere stato forse l'unico ad intuire che ci fosse proprio Mefisto a dirigere il tutto, Kit Willer che praticamente si fa fregare come un povero scemo e non ha alcuna utilità nella storia (anzi diventa un problema appena entra in scena), e Tiger che dopo essere sfuggito si fa anche lui fregare come mai dovrebbe accadere ad un indiano col suo udito e abilità. 

Già qui si storce il naso.

Poi Mefisto stesso, pare un isterico incapace di reprimere ogni emozione, ok la pazzia, ok l'odio, ma uno stregone  per quanto potente perde di credibilità se non ha un minimo i nervi saldi. Poteva essere caratterizzato diversamente.

E poi tutti i suoi poteri, fermati da un bracciale che da quel che ho capito era stato forgiato per bloccare Yama, certamente non potente come suo padre!

Boris stesso, rappresentato come un demonio che se la intende con Mefisto da subito, non sembra fare una piega nella bettola Black Baron mostrando una freddezza invidiabile, per poi sudare freddo di fronte a Tex ed essere disposto a parlare quasi senza colpo ferire, pur sapendo di cosa Mefisto è capace. 

Non condivido invece la critica al finale, dove Mefisto si prende gioco dei pards, ci può stare perché comunque alla fine lo sconfitto è lui e ci sta lasciarlo scappare per lasciare aperto un suo possibile ritorno. Anche se, stride il mancato tentativo di  Tex di inseguirlo dopo la fuga.

Alla fine il vero punto debole della storia è che Mefisto non è il nemico numero uno, ma bensì è sua sorella, Lily, a elaborare il piano per catturare i pards, a riportare in vita Mefisto stesso, ma soprattutto a compiere forse l'azione più spregevole e degna di una persona senza scrupoli della storia, ovvero non esitare ad uccidere il marito, quando persino Mefisto sembra mostrare un barlume di perplessità e ben maggiore umanità nella circostanza (considerando che si parla di Mefisto). 

Per me resta una storia godibile, perché a prescindere dove c'è Tex e dove c'è azione si riesce sempre a passare del tempo in totale relax, ma se questo può valere per una storia qualunque, non può essere accettabile quando si rimette in campo il nemico numero 1 di Tex. 

Persino i disegni del grande Villa sembrano risentire della storia non proprio eccelsa e seppure belli (perché Villa anche quando non sforna capolavori resta un maestro) sicuramente non spiccano e non riescono a tirare in alto il voto finale. 

In effetti Mefisto sembra più pazzo che malvagio, e quasi privo di controllo senza l'aiuto di Lily e Boris.

Un nevrotico con complessi di inferiorità.

Peccato...bella la scena finale della tempesta di sabbia, da quel che ho letto in giro richiesta da Villa a Nizzi per dare un finale in crescendo.

Almeno Mefisto lascia il segno con un colpo di coda. 

In sostanza, in questa storia, ad eccezione di Lily si comportano un po' tutti da imbecilli, Tex che fino all'ultimo pare non voler ammettere che ci sia Mefisto dietro a tutto e non prova nemmeno ad inseguirlo, Carson e gli altri pard che si fanno fregare come degli scemi, Boris che fa lo svelto per quasi tre albi per poi farsela addosso di colpo, Mefisto che si scorda di controllare Tex tramite lo specchio proprio nei momenti in cui Tex sta agendo contro di lui, e che in generale è una comparsa più che l'attore principale e si fa sconfiggere da un bracciale.

Speriamo il Mefisto in arrivo in edicola tra pochi mesi sia caratterizzato meglio e non una macchietta

 

  • Confused (0) 1
  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

18 minuti fa, LedZepp dice:

Poi Mefisto stesso, pare un isterico incapace di reprimere ogni emozione, ok la pazzia, ok l'odio, ma uno stregone  per quanto potente perde di credibilità se non ha un minimo i nervi saldi. Poteva essere caratterizzato diversamente.

 

D'accordissimo che l'ultima apparizione di Mefisto ha deluso un po' le aspettative di noi tutti, chi più chi meno, tuttavia mi permetto educatamente di dissentire riguardo l'emotività palesata dallo stregone. Molto accentuata, senza dubbio, ma dal mio punto di vista pertinente: non sottovalutiamo, difatti, che Mefisto era pur sempre tornato dalla morte. Personalmente, non ho mai provato esperienze del genere, ma non fatico a credere che possano lasciare un certo segno :P: a mio avviso ci sta, dunque, che Mefisto si lasci trasportare da un odio indescrivibile che metta a dura prova i suoi nervi ogni qual volta sbircia dallo spioncino e rivede i suoi acerrimi nemici Carson e Tex (in rigoroso ordine sequenziale e crescente).

 

 

18 minuti fa, LedZepp dice:

E poi tutti i suoi poteri, fermati da un bracciale che da quel che ho capito era stato forgiato per bloccare Yama, certamente non potente come suo padre!

 

Magari, per quel che ne sappiamo, tra il sogno premonitore e l'effettiva ricomparsa di Mefisto, Nuvola Rossa ha provveduto ad aggiornare la magia dei bracciali, un po' sulla falsariga di quanto avviene oggi con pc e cellulari. A me, almeno, piace immaginare possa essere andata così.

 

 

18 minuti fa, LedZepp dice:

Boris stesso, rappresentato come un demonio che se la intende con Mefisto da subito, non sembra fare una piega nella bettola Black Baron mostrando una freddezza invidiabile, per poi sudare freddo di fronte a Tex ed essere disposto a parlare quasi senza colpo ferire, pur sapendo di cosa Mefisto è capace. 

 

Un conto è avere a che fare con i balordi da due soldi che frequentano una taverna, ben altro conto credo sia sostenere la pressione che esercita la minaccia di una pistola maneggiata da Tex Willer, che è in grado di fingere perfettamente assoluta risolutezza :D.

 

 

18 minuti fa, LedZepp dice:

Non condivido invece la critica al finale, dove Mefisto si prende gioco dei pards, ci può stare perché comunque alla fine lo sconfitto è lui e ci sta lasciarlo scappare per lasciare aperto un suo possibile ritorno. Anche se, stride il mancato tentativo di  Tex di inseguirlo dopo la fuga.

 

Su questo mi trovi d'accordo. Partendo dalla liberazione dei pards e dalla contestuale precipitosa fuga di Mefisto, si fatica ad accettare che Tex, pur tenendo conto del fatto che fosse notte ormai fonda e quindi la visibilità assai difficoltosa, non abbia quantomeno provato ad inseguire l'acerrimo nemico, affidando i pards al vicesceriffo Moran affinché li portasse da un medico per disinfettare le ferite loro inferte dai morsi dei topi. Che in conclusione Mefisto si diverta a stuzzicare i pards travestendosi da frate lebbroso, penso anche io che il minimo che potesse concedersi era tentare (vanamente, tuttavia) di infondere un po' di strizza nel quartetto di avversari, lasciando intendere che prima o poi si sarebbero scontrati di nuovo.

Edited by juanraza85
Link to comment
Share on other sites

35 minuti fa, LedZepp dice:

Ho visto nell'utilissimo primo post un riassunto delle apparizioni di Mefisto e Yama. 

Se non chiedo troppo, per chi può andare anche a memoria, a quali numeri corrispondono queste storie nella serie gigante di Tex? 

- n. 3-4  prima storia di Mefisto

- n. 39-40  seconda apparizione di Mefisto ("La Gola della morte") IMPERDIBILE

- n. 78-79-80  terzo scontro Tex e Mefisto ("Incubo")

- n. 93-94-95  quarta di Mefisto ("Black Baron")

- n. 125-126-127-128  morte di Mefisto e prima di Yama ("Il figlio di Mefisto") IMPERDIBILE

- n. 162-163-164  "Il ritorno di Yama"

- n. 265-266-267-268  ancora Tex contro Yama  PESSIMA

- n. 501-502-503-504  "Mefisto" di Nizzi   PESSIMA

- n. 673-674-675 "Il segno di Yama" di Boselli

 

- "Pinkerton Lady" in Tex Willer n. 10-11-12-13   prequel di Mefisto (Boselli)  IMPERDIBILE

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi

La storia di Nizzi pessima è esagerato. Il primo albo salva la situazione. E poi ci sono i disegni di Villa. Paragonata all'ultima di Bonelli è un capolavoro senza tempo. Una storia poco ispirata e mal disegnata. 

Link to comment
Share on other sites

Guarda, ti cito la brillante sintesi di LedZepp, che condivido in toto:

<span style="color:red">1 ora fa</span>, LedZepp dice:

In sostanza, in questa storia, ad eccezione di Lily si comportano un po' tutti da imbecilli, Tex che fino all'ultimo pare non voler ammettere che ci sia Mefisto dietro a tutto e non prova nemmeno ad inseguirlo, Carson e gli altri pard che si fanno fregare come degli scemi, Boris che fa lo svelto per quasi tre albi per poi farsela addosso di colpo, Mefisto che si scorda di controllare Tex tramite lo specchio proprio nei momenti in cui Tex sta agendo contro di lui, e che in generale è una comparsa più che l'attore principale e si fa sconfiggere da un bracciale.

Speriamo il Mefisto in arrivo in edicola tra pochi mesi sia caratterizzato meglio e non una macchietta

 

<span style="color:red">1 ora fa</span>, LedZepp dice:

Alla fine il vero punto debole della storia è che Mefisto non è il nemico numero uno, ma bensì è sua sorella, Lily

 

<span style="color:red">1 ora fa</span>, LedZepp dice:

Mefisto sembra più pazzo che malvagio, e quasi privo di controllo senza l'aiuto di Lily e Boris.

Un nevrotico con complessi di inferiorità.

Una storia PESSIMA, nonostante i disegni di Villa.

 

Anche il sempre equilibrato Condor senza meta:laugh: le assegna come voto un sonoro 4 nell'apposito topic...

Link to comment
Share on other sites

bah,io le critiche a quella storia le capisco fino a un certo punto.È vero che i pards non fanno bella figura,ma Mefisto è comunque meglio che in Black Baron,dove era terrorizzato che i pards provassero a contrastarlo.Dopo essete addirittura morto a causa loro,un odio così spropositato è ovvio.

  • Like (+1) 1
  • Confused (0) 1
  • Sad (0) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi

Mah, io non posso dire che la mefistolata di Nizzi sia pessima, perché non me la ricordo quasi per nulla: non l'ho mai riletta da quando è uscita in edicola. E questo qualcosa vuol dire...  :rolleyes:

 

Invece, nell'elenco di @Poe, a mio personalissimo gusto aggiungerei un "imperdibile" a fianco di Black Baron, una storia che ho sempre amato. La sequenza della distruzione della taverna è indimenticabile :lol:

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">12 minuti fa</span>, pecos dice:

Invece, nell'elenco di @Poe, a mio personalissimo gusto aggiungerei un "imperdibile" a fianco di Black Baron, una storia che ho sempre amato. La sequenza della distruzione della taverna è indimenticabile 

Lo stavo per scrivere anch'io.

Per me "Black Baron" è all'altezza delle più riuscite.

D'altro canto la prima Loa non si scorda mai!

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">6 ore fa</span>, Poe dice:

Guarda, ti cito la brillante sintesi di LedZepp, che condivido in toto:

 

 

Una storia PESSIMA, nonostante i disegni di Villa.

 

Anche il sempre equilibrato Condor senza meta:laugh: le assegna come voto un sonoro 4 di più nell'apposito topic...

Ed è pessima proprio per il primo albo, che era buono e prometteva bene e invece non ha mantenuto.  :(

<span style="color:red">6 ore fa</span>, Grande Tex dice:

bah,io le critiche a quella storia le capisco fino a un certo punto.È vero che i pards non fanno bella figura,ma Mefisto è comunque meglio che in Black Baron,dove era terrorizzato che i pards provassero a contrastarlo.Dopo essete addirittura morto a causa loro,un odio così spropositato è ovvio.

Ci avrei giurato. 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">8 ore fa</span>, MacParland dice:

La storia di Nizzi pessima è esagerato. Il primo albo salva la situazione. E poi ci sono i disegni di Villa. Paragonata all'ultima di Bonelli è un capolavoro senza tempo. Una storia poco ispirata e mal disegnata. 

Concordo...Quella del Bos su Yama non mi convinse (la devo rileggere) e le preferisco quella di Nizzi al netto dei difetti riscontrati.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">10 minuti fa</span>, Diablorojo82 dice:

Concordo...Quella del Bos su Yama non mi convinse (la devo rileggere) e le preferisco quella di Nizzi al netto dei difetti riscontrati.

 

 

Giurerei che Mac Parland si riferisse all'ultima  di Bonelli e Galep e non a quella mia e di Civi su Yama, però. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">6 minuti fa</span>, borden dice:

 

 

Giurerei che Mac Parland si riferisse all'ultima  di Bonelli e Galep e non a quella mia e di Civi su Yama, però. 

 

 

Sì... Svista, ho preso Bonelli per Boselli. Sorry in relazione a Mac Parland. Devo rileggerle tutte in attesa del gran finale. :P

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • Sceriffi

Oh, avrò anche opinioni fuori dal coro, ma Civitelli per fortuna non fa ancora storie "mal disegnate". Quindi, Diablo ha sbagliato. Vabbé, capita a tutti. 

<span style="color:red">2 minuti fa</span>, Diablorojo82 dice:

Sì... Svista, ho preso Bonelli per Boselli. Sorry in relazione a Mac Parland. Devo rileggerle tutte in attesa del gran finale. :P

Anche io. Sto smadonnando per il numero 502 che non trovo più. E non c'è nemmeno al mercatino di fiducia. Forse lo trovo online su qualche sito pirata :lol: 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 minuti fa</span>, MacParland dice:

Oh, avrò anche opinioni fuori dal coro, ma Civitelli per fortuna non fa ancora storie "mal disegnate". Quindi, Diablo ha sbagliato. Vabbé, capita a tutti. 

Sì ho sbagliato, sorry. Però probabilmente concordo lo stesso perché l'ultima di Bonelli su Mefisto non mi convinse.

Ho appena riletto quella di Mefisto su Tex Willer...Storia molto bella ma eccessivi poteri soprattutto contestualizzando il mago (sua prima apparizione).

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">8 ore fa</span>, Poe dice:

Anche il sempre equilibrato Condor senza meta:laugh: le assegna come voto un sonoro 4 nell'apposito topic...

Ti ringrazio pard, non so quanto possa valere come riferimento il mio metro di giudizio :D, ma ribadisco fermamente che la prova di Nizzi sul ritorno di Mefisto fu per me una fortissima delusione. Non sto a ripetere i motivi che mi indussero a bocciare in toto la storia (mi par di ricordare che cercai di spiegare le mie ragioni nel topic apposito) ma ancora adesso, a vent'anni di distanza, penso che fu un peccato mortale sprecare tempo di lavoro di Villa per una sceneggiatura simile.

 

P.s. Mi reputo da sempre un nizziano, ma da dire questo, a perdere lo spirito critico per partito preso (nemmeno fosse tifo calcistico) ce ne corre. Ho lodato Nizzi quando, a mio avviso meritava di esserlo, e criticato fermamente quando il suo livello qualitativo è sceso.  

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

10 hours ago, Poe said:

- n. 3-4  prima storia di Mefisto

- n. 39-40  seconda apparizione di Mefisto ("La Gola della morte") IMPERDIBILE

- n. 78-79-80  terzo scontro Tex e Mefisto ("Incubo")

- n. 93-94-95  quarta di Mefisto ("Black Baron")

- n. 125-126-127-128  morte di Mefisto e prima di Yama ("Il figlio di Mefisto") IMPERDIBILE

- n. 162-163-164  "Il ritorno di Yama"

- n. 265-266-267-268  ancora Tex contro Yama  PESSIMA

- n. 501-502-503-504  "Mefisto" di Nizzi   PESSIMA

- n. 673-674-675 "Il segno di Yama" di Boselli

 

- "Pinkerton Lady" in Tex Willer n. 10-11-12-13   prequel di Mefisto (Boselli)  IMPERDIBILE

grazie gentilissimo! Ne ho alcune che ricordo anche di aver letto, recupererò in vista delle nuove uscite con Mefisto

11 hours ago, juanraza85 said:

Magari, per quel che ne sappiamo, tra il sogno premonitore e l'effettiva ricomparsa di Mefisto, Nuvola Rossa ha provveduto ad aggiornare la magia dei bracciali, un po' sulla falsariga di quanto avviene oggi con pc e cellulari. A me, almeno, piace immaginare possa essere andata così.

Non so, per carità il fumetto ci da la possibilità di inserire tra le vignette tante cose e in fondo di costruirci anche questo genere di stratagemmi. Ma da come Nizzi l'ha messa, Tex fino all'ultimo se ne frega di cercare quei bracciali e soltanto quando manda a chiamare Tiger e Kit scrive loro di portarli. L'impressione è che nessuno abbia fatto aggiornamenti. Magari sarebbe stato un bel stratagemma dedicare un paio di pagine allo stregone Navajo che all'insaputa di Tex, che si continua a mostrare scettico, decide di forgiare dei nuovi bracciali, essendosi reso conto dell'enorme pericolo e del potere di mefisto...

11 hours ago, juanraza85 said:

Un conto è avere a che fare con i balordi da due soldi che frequentano una taverna, ben altro conto credo sia sostenere la pressione che esercita la minaccia di una pistola maneggiata da Tex Willer, che è in grado di fingere perfettamente assoluta risolutezza

Vero, ma se vogliamo spaccare il capello, Mefisto e sua sorella avranno sicuramente parlato di Tex a Boris e gli avranno detto che si, è un duro, ma non è di certo un tipo che spara a sangue freddo su un uomo per estorcere una confessione. Boris passa dall'essere spavaldo al diventare un frignone, senza nemmeno che Tex debba spremerlo. Io (ma non faccio lo sceneggiatore, per cui potrei dire una frescaccia) avrei dato a Boris un altro po' di spavalderia, gli avrei fatto sfidare Tex, che toltosi il cinturone gli avrebbe estorto a suon di sganassoni una sana confessione. 

Solo a quel punto, Mefisto avrebbe ucciso Boris per evitare un testimone scomodo, ignaro del fatto che sceriffo e aiutante sceriffo avevano udito la confessione. 

Anche perché qui il vero buco sta nel fatto che sceriffo e vicesceriffo non credono minimamente a Tex all'inizio.

Poi capita il miracolo, Boris muore senza confessare, Tex inizia a parlare da solo (con Mefisto in realtà) e i due appena escono anziché confermare che Tex deve essere impazzito, gli credono sulla parola e lo seguono. 

Allora mi chiedo, a cosa serviva la confessione di Boris?

A me pare una follia questa sequenza, nonostante ci sia dentro una delle scene più belle, ovvero la finta pazzia di Tex

Link to comment
Share on other sites

Sono capitato per caso su un mio post di quasi due anni fa e c'è una parte che per me sta meglio qui, perché è una valutazione generale su COME viene presenta la magia su Tex (o in generale), e su una critica che farei alla rappresentazione dei poteri di Yama anche nell'ultima storia di borden.

 

Spero che le nuove storie non presentino i problemi che segnalo qui...

 

-------- inizio copia-incolla --------------

 

[...]Ma non voglio parlare tanto di questo, che è un argomento di cui avevo già parlato all'epoca, quanto di una cosa che mi dà un po' fastidio della spiegazione "ipnosi" in particolare: la "necessità", che mi aveva disturbato anche nella recente storia di Yama, di dare "spiegazioni razionali" alla magia che usano.

 

Avrei preferito (gusto personale, eh, non sto dicendo che doveva essere scritta così) che [...]  c'è un altro aspetto che mi avrebbe fatto preferire quella soluzione: il fatto che per me, le spiegazioni razionali e i poteri di Mefisto stanno insieme come il Diavolo e l'Acqua Santa.

 

Cosa diventa la magia se la spieghi razionalmente? Scienza. E se ci fai cose strane? Fantascienza. E se ci fai cose superumane? Superpoteri. Se dai una sorta di "razionalità" ai poteri magici di Mefisto, definendone portata, gittata, potenza, limiti, etc come è stato fatto nella recente storia di Yama, allora Mefisto non è più un mago, è un supercriminale, che può essere battuto grazie a trucchetti basati sui limiti dei suoi poteri.

 

Il fatto che i poteri di Mefisto fossero erratici e variabili in base a fattori a noi ignoti, non solo ne accresceva il fascino, ma dava veramente un atmosfera di "magia nera". il fatto che bastava che passasse una nube davanti alla luna per indebolirli, o che certe notti fossero più forti, O in certi luoghi "maledetti". Non solo faceva sì che il lettore non sapesse cosa poteva o non poteva fare Mefisto, ma, soprattutto... era chiaro che non poteva saperlo neanche lui! Gran parte dei suoi poteri nelle ultime storie non erano "suoi", ma erano concessi da entità infernali, dietro sua richiesta o preghiera. Quanto è "forte" il fatto che, alla fine, quando cerca l'aiuto di queste entità...  queste glielo neghino, perché "il suo tempo è finito", come se da tempo non attendessero quel momento in cui l'avrebbero ghermito? un superpotere non funziona così. Un superpotere non ha quella potenza evocativa.

 

O, per fare un altro esempio sempre basato su "il figlio di Mefisto"...  quando Yama cerca informazioni su come i pards stanno bloccando i suoi attacchi, cosa fa? Non usa il suo "superpotere di vedere ed ascoltare a distanza" come nell'ultima storia (magari una di queste volte indicando esattamente a che distanza può ascoltare, per quanto tempo e a che volume in decibel può percepire suoni), ma scende in un mondo infernale a fare la sua domanda ad una stele nera, protetto solo da tre flebili fiammelle e rischiando la vita. Ecco, QUESTA è la differenza fra la magia nera presente in quelle storie, e un superpotere come nelle ultime!

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Non definisco quindi pessima questa storia, per me non esiste tra l'altro una storia di Tex pessima. 

Però è chiaro che con Mefisto la forza della storia non sta nella finale, si sa che Mefisto perde, magari muore, magari scompare nel nulla, magari scappa. 

Ma perde!

La forza di una storia con Mefisto e la sua credibilità stanno secondo me nel modo in cui lo sceneggiatore rende credibili dei passaggi chiave per tenere alta la suspanse.

In questa storia i passaggi chiave erano la resurrezione di Mefisto, la sua caratterizzazione, il rapimento dei pards, la vittoria di Tex su Mefisto nel loro duello "psichico", il modo in cui Tex riesce a trovare l'appoggio di sceriffo e vicesceriffo, e la fuga/conclusione di Mefisto. 

Direi che solo la resurrezione di Mefisto, per assurdo, è la cosa veramente credibile di questa storia mentre sul resto ci sono falle o soluzioni grossolane... 

Ma nonostante questo, ho letto la storia tutta di un fiato, perché Tex è Tex e da tempo non mi rileggevo una storia di Mefisto... Però lascia un po' l'amaro in bocca per la storia che poteva essere e non è stata (a mio parere). 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">57 minuti fa</span>, Diablero dice:

Sono capitato per caso su un mio post di quasi due anni fa e c'è una parte che per me sta meglio qui, perché è una valutazione generale su COME viene presenta la magia su Tex (o in generale), e su una critica che farei alla rappresentazione dei poteri di Yama anche nell'ultima storia di borden.

 

Spero che le nuove storie non presentino i problemi che segnalo qui...

 

-------- inizio copia-incolla --------------

 

[...]Ma non voglio parlare tanto di questo, che è un argomento di cui avevo già parlato all'epoca, quanto di una cosa che mi dà un po' fastidio della spiegazione "ipnosi" in particolare: la "necessità", che mi aveva disturbato anche nella recente storia di Yama, di dare "spiegazioni razionali" alla magia che usano.

 

Avrei preferito (gusto personale, eh, non sto dicendo che doveva essere scritta così) che [...]  c'è un altro aspetto che mi avrebbe fatto preferire quella soluzione: il fatto che per me, le spiegazioni razionali e i poteri di Mefisto stanno insieme come il Diavolo e l'Acqua Santa.

 

Cosa diventa la magia se la spieghi razionalmente? Scienza. E se ci fai cose strane? Fantascienza. E se ci fai cose superumane? Superpoteri. Se dai una sorta di "razionalità" ai poteri magici di Mefisto, definendone portata, gittata, potenza, limiti, etc come è stato fatto nella recente storia di Yama, allora Mefisto non è più un mago, è un supercriminale, che può essere battuto grazie a trucchetti basati sui limiti dei suoi poteri.

 

Il fatto che i poteri di Mefisto fossero erratici e variabili in base a fattori a noi ignoti, non solo ne accresceva il fascino, ma dava veramente un atmosfera di "magia nera". il fatto che bastava che passasse una nube davanti alla luna per indebolirli, o che certe notti fossero più forti, O in certi luoghi "maledetti". Non solo faceva sì che il lettore non sapesse cosa poteva o non poteva fare Mefisto, ma, soprattutto... era chiaro che non poteva saperlo neanche lui! Gran parte dei suoi poteri nelle ultime storie non erano "suoi", ma erano concessi da entità infernali, dietro sua richiesta o preghiera. Quanto è "forte" il fatto che, alla fine, quando cerca l'aiuto di queste entità...  queste glielo neghino, perché "il suo tempo è finito", come se da tempo non attendessero quel momento in cui l'avrebbero ghermito? un superpotere non funziona così. Un superpotere non ha quella potenza evocativa.

 

O, per fare un altro esempio sempre basato su "il figlio di Mefisto"...  quando Yama cerca informazioni su come i pards stanno bloccando i suoi attacchi, cosa fa? Non usa il suo "superpotere di vedere ed ascoltare a distanza" come nell'ultima storia (magari una di queste volte indicando esattamente a che distanza può ascoltare, per quanto tempo e a che volume in decibel può percepire suoni), ma scende in un mondo infernale a fare la sua domanda ad una stele nera, protetto solo da tre flebili fiammelle e rischiando la vita. Ecco, QUESTA è la differenza fra la magia nera presente in quelle storie, e un superpotere come nelle ultime!

 

 

 

Veramente anche nel mio ritorno Yama scende all'inferno per acquistare un determinato potere.

 

Poi, pur capendo quello che dici, purtroppo trovo impossibile scrivere una storia  senza definire in qualche modo che cosa è possibile e che cosa no, altrimenti la storia, se scritta da me oggi, non da Bonelli quarant'anni fa, riuscirebbe anche peggiore e totalmente insensata e farlocca.

Link to comment
Share on other sites

4 hours ago, borden said:

Poi, pur capendo quello che dici, purtroppo trovo impossibile scrivere una storia  senza definire in qualche modo che cosa è possibile e che cosa no, altrimenti la storia, se scritta da me oggi, non da Bonelli quarant'anni fa, riuscirebbe anche peggiore e totalmente insensata e farlocca.

 

Ma tu puoi benissimo definire esattamente i limiti della magia di Mefisto a tuo uso personale per le storie (e magari dalli anche a Ruju per dirgli di non creare streghe più potenti di Mefisto), basta che non ce li vieni a spiegare a noi...  :laugh:

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">4 ore fa</span>, Diablero dice:

 

Ma tu puoi benissimo definire esattamente i limiti della magia di Mefisto a tuo uso personale per le storie (e magari dalli anche a Ruju per dirgli di non creare streghe più potenti di Mefisto), basta che non ce li vieni a spiegare a noi...  :laugh:

 

 

Beh, ma è quello che invece molti mi chiedono. SPIEGARE ciò che non capiscono. Tu esprimi una posizione minoritaria...:lol:

Link to comment
Share on other sites

5 hours ago, Diablero said:

 

Ma tu puoi benissimo definire esattamente i limiti della magia di Mefisto a tuo uso personale per le storie (e magari dalli anche a Ruju per dirgli di non creare streghe più potenti di Mefisto), basta che non ce li vieni a spiegare a noi...  :laugh:

in effetti... non avevo fatto il paragone "strega della palude" vs Mefisto (se è a lei che ti riferisci), ma anche se è vero che definire limiti precisi nei poteri è quasi un controsenso d'altro canto penso sia necessario avere dei riferimenti stabili. Mefisto non può essere declassato e se nell'universo di Tex ci sono stregoni e maghi vari, Mefisto non dovrebbe avere eguali, o comunque non essere inferiore/paragonabile ad una strega qualunque che mai rivedremo, altrimenti che nemico numero 1 mi diventa?

Anche per questo, la scelta di bloccare i suoi poteri mediante un bracciale che era stato forgiato per bloccare Yama mi lasciava perplesso... 

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">5 minuti fa</span>, LedZepp dice:

in effetti... non avevo fatto il paragone "strega della palude" vs Mefisto (se è a lei che ti riferisci), ma anche se è vero che definire limiti precisi nei poteri è quasi un controsenso d'altro canto penso sia necessario avere dei riferimenti stabili. Mefisto non può essere declassato e se nell'universo di Tex ci sono stregoni e maghi vari, Mefisto non dovrebbe avere eguali, o comunque non essere inferiore/paragonabile ad una strega qualunque che mai rivedremo, altrimenti che nemico numero 1 mi diventa?

Anche per questo, la scelta di bloccare i suoi poteri mediante un bracciale che era stato forgiato per bloccare Yama mi lasciava perplesso... 

 

Infatti  ho eliminato bracciali e anelli vari che consideravo da sempre un errore del grande GL

Link to comment
Share on other sites

A me lo Yama di Boselli non solo è piaciuto ma mi ha esaltato. E' la storia che mi ha fatto tornare a leggere Tex dopo molti anni di stop. Per questo sono assolutamente certo che il suo Mefisto sarà una storia (o una dppia storia) che resterà negli annali come una storia epocale.

Sin qui, è logico che le storie migliori con Mefisto siano alcune di quelle scritte da GLB, in particolare la prima storia con Yama, davvero insuperabile. Purtroppo la sua ultima mefistolata non chiude degnamente la sua carriera "mefistofelica".

Quella di Nizzi deluse per vari motivi. Innanzitutto aprì ufficialmente il brutto periodo del centinaio 500, che lo vide in seria difficoltà (e nel suo Mefisto si vedono i prodromi), e poi era forse troppo attesa, essendo la prima volta che qualcuno che non era GLB trattava Mefisto. Per mio conto il problema principale fu il teatro dell'azione. Mefisto richiuso in un retrobottega, dove poi verranno presi in ostaggio i pards, è ben poco suggestivo. Ci sono poi alcune ingenuità dei nostri di troppo. Però il primo albo è molto bello e anche dopo ci sono due tre scene di grande impatto. Non la ritengo una storia brutta, la ritengo discreta con punte in alto e in basso, ma certo non del tutto risolta.

 

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.