Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[Texone N. 13] Sangue Sul Colorado


ymalpas
 Share

Voto alla storia  

44 members have voted

You do not have permission to vote in this poll, or see the poll results. Please sign in or register to vote in this poll.

Recommended Posts

  • co fondatore
<span style="color:red">14 minuti fa</span>, Grande Tex dice:

Nella sua descrizione dei lettori di Tex,mi ci riconosco eccome.

Fatti due domande.

Link to comment
Share on other sites

Su cosa esattamente? Sul perché é così? É così e basta,non vedo cosa ci sia da analizzare.

Non ho proprio capito cosa intendi🤔

Link to comment
Share on other sites

Il 10/3/2024 at 21:04, Diablero dice:

Può darsi che sia la solita "sparata" in cui Nizzi si gonfia da solo: in realtà anche se dopo la famigerata "crisi per superlavoro" Nizzi è passato dalle 1100 pagine annue che lo mandarono in crisi a... oltre 1500 pagine annue in media (segno che ci metteva davvero impoegno, sì...) con un massimo di circa 1800 pagine nel 2003: se scriveva davvero dieci tavole al giorno, vorrebbe dire che ogni anno lavorava al massimo 180 giorni?

 

 

Non confondere il numero di pagine pubblicate con quello delle pagine effettivamente sceneggiate. In ogni caso, 50 pagine alla settimana per 10 mesi all'anno fanno circa 2000 pagine . Direi che più o meno ci siamo 

Il dato di dieci pagine al giorno è realistico, se pensi che Boselli, che ha anche compiti da curatore e quindi scrive sostanzialmente part time, riesce a scriverne almeno sei.

 

Il 10/3/2024 at 21:04, Diablero dice:

Quando prendeva Nizzi, all'epoca, rapportato alle cifre in Euro attuali? (all'epoca ovviamente era ancora pagato in lire). 150-200 Euro a tavola?

 

Credo sui 120 o 130 al massimo. 

 

 

Link to comment
Share on other sites

On 2/22/2024 at 3:54 PM, Poe said:

 

Il mio giudizio su questa storia è che Nizzi aveva sicuramente la grande capacità di imitare (quando voleva) lo stile di altri sceneggiatori, soprattutto quando scriveva Texoni, dove cercava di adattarsi al disegnatore di turno e al tipo di storie che questi era solito affrontare, che fosse Kubert, Bernet, Ortiz o Magnus.

In questo caso, dovendo sceneggiare una storia per Ivo Milazzo, decide di rifarsi allo stile di Ken Parker, pur con un ritmo più blando e un montaggio delle scene meno veloce rispetto all’originale; l’attenzione alla psicologia e all’umanità dei personaggi, così come ai rapporti economici e sociali, però, sono quelli tipici delle storie del biondo scout.

 

Però, secondo me, nonostante gli spunti e le influenze altrui, questo Texone, come la “Ballata di Zeke Colter”, non appare un albo derivativo, o un semplice esercizio di stile, ma una storia che Nizzi riesce a far sua, cercando di far immedesimare il lettore nei personaggi (come nel Texone di Parlov, e contrariamente invece a quello di Brindisi, secondo me abbastanza farlocco - a prescindere dal plagio prattiano). E la riprova è che anche Milazzo qui dà il meglio di sé (non l’avrebbe fatto con una sceneggiatura mediocre), realizzando una prova splendida.

 

Nel complesso, storia da 8.

@Poe, Recensione stupenda. Mi hai fatto venire voglia di riprenderlo in mano.

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

Un grazie sentito a @Lucero e @Leo per aver riportato il giudizio e la recensione di @Poe, davvero molto bella=>

¡Messo +1 !

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.