Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[745/747] Vancouver


Recommended Posts

<span style="color:red">1 ora fa</span>, San Antonio Spurs dice:

Prossima copertina: solo a me dà impressione che Tex appaia come monco? :o
https://shop.sergiobonelli.it/tex/2022/11/08/albo/artiglio-d-orso-1022412/
Comunque, tornando alla storia, me la immagino ancora pù appassionante e movimentata e Mastantuono mi sta piacendo molto.

 

Prossimo numero, tavole ancora più  belle.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, San Antonio Spurs said:

Prossima copertina: solo a me dà impressione che Tex appaia come monco? :o
https://shop.sergiobonelli.it/tex/2022/11/08/albo/artiglio-d-orso-1022412/
Comunque, tornando alla storia, me la immagino ancora pù appassionante e movimentata e Mastantuono mi sta piacendo molto.

da un punto di vista pugilistico le gambe hanno anche il movimento giusto (la sinistra col piede che fa perno e carica il pugno). 

Però la sensazione di monco la danno secondo me le gambe eccessivamente aperte (non proprio efficace come stile di combattimento soprattutto, in caso si debba schivare un colpo sei bello piantato), e la parte tra torace e braccio che sembra strana.

In generale non mi entusiasmano queste copertine con Tex che da il pugno a un tipo anonimo. 

Odio poi il Tex in posa, bella 1, 2,3 volte, poi stanca, cosa che purtroppo viene proposta in modo molto più pesante su Zagor.

Ho iniziato a comprare Zagor colpito dalle copertine, sicuramente molto accattivanti di Piccinelli, che però devo dire, mi stanno stancando alla lunga con lo Zagor sempre in posa...

 

Se posso muovere un appunto sulle copertine di questi eroi, che sulle copertine sembrano sempre più supereroi, è che sarebbe bello vederli sanguinare più spesso, con camice strappate, sporchi di polvere e non sempre perfetti e con i vestiti usciti freschi di bucato anche sotto alla pioggia torrenziale e in mezzo al deserto. 

Di Galep mi manca un po' quella sensazione di sudicio e far west, che Tex in copertina non ha più molto. A partire dal giallo sempre più fosforescente della camicia. 

 

Non mi stupirei se dovesse uscire un giorno una copertina variant dove il giallo della camicia si illuminasse, ma in questa copertina Tex ingaggia un duello e sembra fresco come un rosa, al di là della moncaggine. Si cercano comunque pose che risaltino i muscoli, con Tex che diventa sempre più mascella, zigomi e bicipiti. Io a guardarlo mi chiedo "ma sembra un essere umano realistico?"

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Perdonate la mia ignoranza in materia, ma mi è venuto un dubbio: Vancouver, per quanto vicina al confine con gli States, è pur sempre una cittadina canadese, quindi come mai in più di una circostanza si fa menzione allo sceriffo?

 

Refuso o realmente anche in Canada si usava questa figura per far rispettare la legge?

 

Non vorrei sbagliare, ma finora mi sembra che nelle trasferte canadesi abbiamo sempre incontrato le vermigle giacche della folkloristica Mounted Police, non le luccicanti stelle di latta tipiche a sud di confine.

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">9 minuti fa</span>, Condor senza meta dice:

Perdonate la mia ignoranza in materia, ma mi è venuto un dubbio: Vancouver, per quanto vicina al confine con gli States, è pur sempre una cittadina canadese, quindi come mai in più di una circostanza si fa menzione allo sceriffo?

 

Refuso o realmente anche in Canada si usava questa figura per far rispettare la legge?

 

Non vorrei sbagliare, ma finora mi sembra che nelle trasferte canadesi abbiamo sempre incontrato le vermigle giacche della folkloristica Mounted Police, non le luccicanti stelle di latta tipiche a sud di confine.

 

C’erano. Come in tutti i paesi del Common Law. 
allego un link Wikipedia. 
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Sceriffo

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">27 minuti fa</span>, MacParland dice:

C’erano. Come in tutti i paesi del Common Law. 
allego un link Wikipedia. 
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Sceriffo

Grazie della delucidazione Mac, lo ignoravo. :)

Link to comment
Share on other sites

Il 9/11/2022 at 23:27, Jeff_Weber dice:

 

Concordo per la reintegrazione delle didascalie per la presentazione dei personaggi storici. Occupano poco spazio ed evitano acrobazie nei dialoghi che talvolta appaiono artefatti.

 

Per adesso valuto soltanto i disegni di Mastantuono, come sempre fuori dagli stilemi classici, ma accattivanti. A me piacciono molto, anche se in effetti i pards non si riconoscono a prima vista.

 

Faraci? Nooooo, mille volte meglio Ruju :D

 

Mi autocito dopo aver finalmente letto il promo albo di questa storia di Ruju. Soggetto classico, classicissimo direi, con l'unica variante che la donna da proteggere è questa volta una ex-fiamma di Kit Carson. 

 

Per il resto, nella sua prevedibilità e ritmo lento, la storia non presenta alcun svarione, si legge con gusto e molto divertimento considerando fra l'altro che è praticamente funzionale ai magnifici disegni di Mastantuono che necessiterebbero a mio avviso di un formato più grande, quindi un cartonato, per la loro intensità e bellezza.

 

Maestria quella di Mastantuono che offre già in un primo albo disegni relativi a svariate ambientazioni, una più interessante dell'altra, e primi piani eccezionali.

 

Grande generosità da parte di @borden aver ceduto Mastantuono ad una storia scritta non da lui stesso, ma da Ruju ... comunque promosso a pieni voti.

 

Aspetto i numeri successivi per vedere altri capolavori di Mastantuono.

Link to comment
Share on other sites

Dopo sette mesi in cui ho letto il mensile controvoglia finalmente una storia che promette bene dall'inizio alla fine, facendo i dovuti scongiuri, ovviamente. 

Per il momento si parla di una storia classica negli eventi ma originale per l'ambientazione, Tex a Vancouver non ci è mai stato, e per i motivi che portano i nostri nella Columbia Britannica, per una volta non è il solito Jim Brandon a chiamare Tex ma una donna che chiama solo Carson. Quanto è bello vedere in azione un Carson in solitaria, seppur in un antefatto! 
 

Oltre alle vicende di fantasia i nostri incontrano Joe Capilano e il primo capo della polizia di Vancouver insediatosi nel Maggio dell'86 (ma le date in Tex variano leggermente) "At the first meeting of Vancouver City Council, Vancouver's first police officer, Chief Constable John Stewart, was appointed on May 10, 1886." Così come è interessante la storia del grande incendio di Vancouver. 
 

L'unica pecca. 

Spoiler

Esagerata la scena di Kit Willer alla fine dell'albo, davvero evitabile. Il gesto viene addirittura accentuato da una frase di un normalissimo tirapiedi. Tutto si risolve, per carità, ma si poteva evitare. Non è tanto grave perchè a commettere l'errore è il più giovane del gruppo e come stiamo vedendo in questi ultimi anni, il giovane Tex qualche errore lo commetteva. 

 

Capitolo disegni, servono poche parole per descrivere Mastantuono: un mostro. Le sue ragazze rendono di più rispetto a quelle di Civitelli e le sue scene d'azione sono perfette ma l'avevo già detto qualche pagina addietro. 

La cosa che stupisce è la sua versatilità, proprio a Lucca è uscita l'ultima parte della "Saga del tempo", composta da "Topolino e il fiume del tempo" uscita per il sessantennale e la recentissima (nonostante dovesse uscire già qualche anno fa) "Topolino e il cerchio del tempo". Andatevi a vedere come disegna i personaggi gottfredsoniani tipo il gatto Nip.

Link to comment
Share on other sites

Storia che, per il momento, mi piace molto e che scivola via senza pesantezze e spiegoni. I disegni creano ottime ambientazioni e caratterizzazioni dei personaggi, anche se non mi piace molto il volto di Tex contribuendo a renderlo spesso antipatico all'interno dell'albo.

Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Primo albo promosso. Concordo che la parte finale andava gestita diversamente, ma Ruju stavolta non ha scritto male.

(soluzione alternativa: Ross cominciava a seguirle Kit e Tiger, loro se ne accorgevano e lo attiravano in una trappola, ma così non c'era la scazzottata. Oppure, Ross fingeva di volerli avvicinare per riferirgli qualcosa e scoprire dalle loro domande cosa accidente volessero e solo allora aizzargli contro dei compari, soluzione IMO già più plausibile e meno tamarra).

Mastantuono spettacolare, oramai è una garanzia.

Link to comment
Share on other sites

Ricordo quelle pagine in più nella storia che per comodità chiamerò "Gli uomini giaguaro", giusto 30 anni fa, ormai. Tolte alle 586 tavole illustrate da Letteri che costituiscono il record texiano e che sono state pubblicate molto tempo dopo. Qui, come allora, le ultime sono accessorie; perfino superflue, ma non penso appesantiscano troppo la narrazione: in un albo con Carson vero protagonista, si dà spazio a due ottimi comprimari. Poi qualcuno obietterà, come successo di recente, che Tex è troppo in secondo piano, ma se decidi di schierare tutti e quattro i pards è giusto distribuire  gli spazi. Casomai si può pensare che per una storia del genere due sarebbero bastati, ma si vede che nelle storie canadesi - a partire da "Sulle piste del Nord" - è di tacito uso impiegare il quartetto.

Edited by San Antonio Spurs
Link to comment
Share on other sites

La storia mi è piaciuta molto. A mio avviso, sinora, una delle migliori di Ruju. Ritengo poi Mastantuono uno dei migliori disegnatori di Tex.

Link to comment
Share on other sites

Personalmente, la trovata - molto classica - del cavaliere senza macchia e senza paura (in questo caso Carson, e Tex e gli altri pards con lui) che corre in soccorso della dama richiedente aiuto non ha predisposto da parte mia particolare attesa o curiosità per questa storia, che dopo la lettura ho comunque trovato gradevole e ben sceneggiata da Ruju.

 

Primo albo più che altro introduttivo che, tolte un paio di scazzottate affrontate dai Nostri con la consueta nonchalance, sembra dunque procrastinare l'azione più pura alle prossime uscite. Apprezzabili come sempre anche i disegni di Mastantuono, per quanto a mio giudizio il suo stile da western "duro, sporco e cattivo" non si addice particolarmente a storie di stampo cittadino.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">9 ore fa</span>, juanraza85 dice:

Apprezzabili come sempre anche i disegni di Mastantuono, per quanto a mio giudizio il suo stile da western "duro, sporco e cattivo" non si addice particolarmente a storie di stampo cittadino.

E' chiaro che ogni disegnatore di Tex ha dato e dà il meglio in certe situazioni e allora Letteri era da deserto, Ticci da Grande Nord, Fusco da Sud Est, Civitelli da città del Nord Est, ma solo per dire delle prove migliori, però non mi dispiace che si cimentino in campi diversi, perché ad esempio i Cestaro che già apprezzavo nel West sono stati magistrali nel rappresentare una Sean Francisco gotica. Probabilmente la diversificazione li attira e li migliora. In ogni caso, dal punto di vista dei disegnatori questo 2022 è stato un anno memorabile e anche sulle sceneggiature potrei ripetere lo stesso giudizio.

Link to comment
Share on other sites

Primo albo letto. Bello, introduttivo, fresco. Ottimo lo spazio dedicato a Carson. 

Anche i disegni, quando si parla di grandi spazi sono ottimi. 

Unico vero cruccio, i volti dei pards, spesso diversi da vignetta a vignetta, in particolare per Kit Willer.

In particolare, per me indigeribili i volti di profilo, se presi di fronte i vari personaggi sono ben caratterizzati e riconoscibili, di profilo diventano deformi e tutti con lineamenti uguali. Proprio non capisco. 

In alcuni casi corpi anche sproporzionati. Su questi dettagli, con tutto il rispetto, non capisco come si possa aver sparato a zero su Laurenti nella storia della Montoya, mentre si parla qui addirittura di capolavoro... Sarà lo stile del disegnatore, ma è forse quello che gradisco meno nella rappresentazione della fisionomia dei pard. Molto bella e intrigante invece la protagonista femminile. Forse i pard appaiono brutti per far risaltare ancora di più la sua bellezza?

 

Peccato, perché un po' inficia la lettura, ma resta comunque un bell'inizio per una storia che si preannuncia di buon livello

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Beh ... non è che siano brutti i volti dei pards, alcuni sono un pò originali.

 

Il più canonico è Carson, Tex e soprattutto Kit Willer sono i più originali. Quest'ultimo poi perde anche qualsiasi riferimento somatico alla madre.

 

Ma a me piacciono anche così, come le tavole nel loro insieme.

Link to comment
Share on other sites

I disegni di Mastantuono semplicemente MOSTRUOSI...al netto di un errore grossolano a pag. 63...ma a parte questo, la definizione degli ambienti, le panoramiche mozzafiato, i volti lombrosiani dei tipacci, le femmine...tra "Tex" e "Tex Willer" non si contano i disegnatori di alto, altissimo livello, ma Mastantuono può a buon diritto annoverarsi tra i migliori.

Riguardo alla storia : non mi sbilancio troppo, ma per il momento molto apprezzata. Soprattutto il lato nostalgico-sentimentale, i dialoghi ("Ho qui una dozzina di passerotti dal becco di piombo che volerebbero molto veloci a fare il nido nelle vostre carcasse"), un Carson in forma smagliante, e ovviamente Angela Jewell, femmina che buca la pagina.

  • +1 2
Link to comment
Share on other sites

Seguo da tempo, ma non scrivo mai.

La storia pero' è davvero ottima
 

Spoiler

Ruju è capace di restare nello schema classico della serie, innovando con piccoli accorgimenti, senza stravolgere.
Bellissima la scena dei due Kit con le ballerine intorno e l'arrivo di Tex. E' un buon esempio di come Ruju abbia saputo con questa sceneggiatura risollevare e riprendere dei topoi di Tex (il vecchio reprobo Vs il puro Tex) che cominciavano a essere un po' stantie e ridicole (come in certe derive di Nizzi), nuove e interessanti. Ma le ha rese interessanti anche perché arricchiscono la psicologia dei personaggi, evitando di farne macchiette.
In un certo senso, permettetemi, mi sembra che Ruju qui abbia trovato finalmente la quadra: lasciatemi esagerare.  Perché questa mi pare quasi una sintesi fra il classicismo di Nizzi e certe idee e spunti di Bonelli figlio e di Boselli (vedi il personaggio di Angela).
Anche nel linguaggio mi pare si possa riscontrare sta cosa: per esempio, ho apprezzato alcune battute che ho salutato con piacere durante la lettura, ché sembravano uscite dalla penna feroce e ironica di Bonelli padre.

Aspetto con ansia il resto per vedere dove ci portano queste premesse !

L'unico dubbio che ho è cronologico, ed è una domanda per Boselli che so che  a volte passa da qui.

Ho visto l'anteprima del 747 girare: ma il grande incendio di Vancouver non è troppo tardo come evento rispetto alla cronologia di Tex? O è al limite limite?
Non ritrovo sul forum la cronologia proposta e la mega discussione in cui stava e magari ricordo semplicemente male io.

un saluto a tutti; son contento di scrivere il mio primo vero commento in una bella occasione come questa.
 

 

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">26 minuti fa</span>, giulpo dice:

Seguo da tempo, ma non scrivo mai.

La storia pero' è davvero ottima
 

  Nascondi il contenuto

Ruju è capace di restare nello schema classico della serie, innovando con piccoli accorgimenti, senza stravolgere.
Bellissima la scena dei due Kit con le ballerine intorno e l'arrivo di Tex. E' un buon esempio di come Ruju abbia saputo con questa sceneggiatura risollevare e riprendere dei topoi di Tex (il vecchio reprobo Vs il puro Tex) che cominciavano a essere un po' stantie e ridicole (come in certe derive di Nizzi), nuove e interessanti. Ma le ha rese interessanti anche perché arricchiscono la psicologia dei personaggi, evitando di farne macchiette.
In un certo senso, permettetemi, mi sembra che Ruju qui abbia trovato finalmente la quadra: lasciatemi esagerare.  Perché questa mi pare quasi una sintesi fra il classicismo di Nizzi e certe idee e spunti di Bonelli figlio e di Boselli (vedi il personaggio di Angela).
Anche nel linguaggio mi pare si possa riscontrare sta cosa: per esempio, ho apprezzato alcune battute che ho salutato con piacere durante la lettura, ché sembravano uscite dalla penna feroce e ironica di Bonelli padre.

Aspetto con ansia il resto per vedere dove ci portano queste premesse !

L'unico dubbio che ho è cronologico, ed è una domanda per Boselli che so che  a volte passa da qui.

Ho visto l'anteprima del 747 girare: ma il grande incendio di Vancouver non è troppo tardo come evento rispetto alla cronologia di Tex? O è al limite limite?
Non ritrovo sul forum la cronologia proposta e la mega discussione in cui stava e magari ricordo semplicemente male io.

un saluto a tutti; son contento di scrivere il mio primo vero commento in una bella occasione come questa.
 

 

 

 

La serie di Tex classico non ha una cronologia precisa. Gli avvenimenti degli anni 1870, 80, 90 avvengono nello stesso "presente".

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, borden dice:

 

 

La serie di Tex classico non ha una cronologia precisa. Gli avvenimenti degli anni 1870, 80, 90 avvengono nello stesso "presente".

Ok, grazie per la risposta! Nella mia testa erano storie non in ordine cronologico, ovvio, ma tutte comunque comprese fra '70 e 85 massimo.

Quindi la cronologia è solo per il periodo fino alla secessione in pratica, e ti è servita per mettere insieme il Tex giovane più che altro?
Spero tu non l'abbia detto già 100 volte... al caso chiedo perdono!

 

Link to comment
Share on other sites

Riesco a visualizzare solo fino al post di San Antonio Spurs dell'11 Novembre, malfunzionamento del forum o capita solo a me ?:blink:

Ecco...adesso che ho postato me li ha sbloccati, va a capire...

Link to comment
Share on other sites

Il 11/11/2022 at 22:55, Condor senza meta dice:

Grazie della delucidazione Mac, lo ignoravo. :)

 

Tranquillo non sei certo il solo. Io ho scoperto l'esistenza degli sceriffi canadesi solo qualche anno fa quando ne è apparso uno in una storia dell'Uomo Ragno ambientata in Canada.

Se poi vogliamo essere pignoli i Mounties in British Columbia svolgevano e svolgono tuttora  essenzialmente le funzioni di polizia federale e provinciale ma non quelle di polizia cittadina nelle comunità urbane che non hanno un proprio dipartimento di polizia cosa che Vancouver ebbe, appunto dal 1886

 

Link to comment
Share on other sites

@Carlo Monni il bello del forum è pure questo: imparare sempre cose nuove.

Un' autentica miniera d'informazioni preziose, che aiuta ad arricchire il proprio bagaglio culturale.

Sempre più fiero di farne parte. :)

Link to comment
Share on other sites

Il 10/11/2022 at 17:40, Per la barba di Giosafatte dice:

Buongiorno a tutti, sono appena iscritto, devo dire che la storia mi sta piacendo, vediamo come si svilupperà

Altrimenti avrebbero fatto tutto quello che si può fare per farsi rapinare in un locale notturno: due cartoni di Don Perignon fatti con il bicarbonato, cenetta di mezzanotte alla fiamma, tragiche foto ricordo della serata - Carson ne ordinò 40 copie - violini tzigani... (semicit.)

 

Scusate, non ho resistito.

E TRE SCOTECHES!!

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.