Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[756/759] La Tigre colpisce ancora


MacParland
 Share

Recommended Posts

<span style="color:red">14 minuti fa</span>, Claude dice:

La nave che li porterà in oriente sarà quella del capitano Billy Bart?

 

Se partono da New Orleans  che è in Louisiana e quindi sull'Oceano Atlantico, direi proprio di no.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

  • Collaboratori
<span style="color:red">19 minuti fa</span>, Claude dice:

La nave che li porterà in oriente sarà quella del capitano Billy Bart?

 

Billy Bart dovrebbe riapparire, per somma gioia di Diablero, nella storia di Andreucci con Barbanera. Confermi Carlo?

Link to comment
Share on other sites

  • Collaboratori
<span style="color:red">1 ora fa</span>, Diablero dice:

E ti pareva!

 

E invece scherzavo. Il fatto è che non c'è, e sicuramente si è ficcato nei guai. Ma il viaggio dalle tavole in anteprima che ho visto dovrebbe farlo con Tex e i pards. Piuttosto tutto mi lascia pensare che sia la Tigre che Barbanera torneranno come "nemici".

  • Thanks (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

Storia davvero promettente e maestosa. Non so perché, ma me l'immagino impostata e sviluppata similarmente all'ultima del Maestro... A proposito di Nat Mac Kenneth, sbaglio o è dalla storia col pirata alchimista che non si vede sulla regolare? 

Link to comment
Share on other sites

Aspettative ai massimi per il ritorno della Tigre, e soprattutto provo un'enorme curiosità per constatare quale escamotage avrà deciso di adoperare Boselli per il ritorno di Sumankan. 

 

Io a suo tempo un'ipotesi l'avevo avanzata, magari poco affascinante ma pratica, però dalle anticipazioni SBE ho tratto un'ulteriore sensazione, a suo modo decisamente più suggestiva. Staremo a vedere se sarà una di queste due, o in ambedue i casi sarò andato fuori strada.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">6 ore fa</span>, juanraza85 dice:

Aspettative ai massimi per il ritorno della Tigre, e soprattutto provo un'enorme curiosità per constatare quale escamotage avrà deciso di adoperare Boselli per il ritorno di Sumankan. 

 

Io a suo tempo un'ipotesi l'avevo avanzata, magari poco affascinante ma pratica, però dalle anticipazioni SBE ho tratto un'ulteriore sensazione, a suo modo decisamente più suggestiva. Staremo a vedere se sarà una di queste due, o in ambedue i casi sarò andato fuori strada.

 Pure io sono curiosissimo di vedere l'escamotage usato. E poi i nostri in un posto così lontano e l'eventuale scontro con gli inglesi. 

Link to comment
Share on other sites

 

La prima storia della Tigre buona, molto buona, vado a memoria, la seconda come tutti i ritorni non mi ha scaldato il cuore. 

La terza non voglio dire parolacce. :censored2:

Per questo non ho aspettative, mi farò prestare il primo albo, se mi piacerà comprerò tutta la storia sennò continuerò a scrocco. :P

Link to comment
Share on other sites

L'attesa mi riporta indietro di 5 anni: era ottobre 2018 quando uscì l'albo su un ritorno di uno storico anniversario ossia il Maestro. Anche questa volta la storia sarà narrata su 4 albi e si terrà in una location mai vista, addirittura in un altro continente. Ci sono diversi elementi per una storia eventualmente memorabile. Il giudizio però solo all'inizio dell'anno venturo.

Link to comment
Share on other sites

Albo insolitamente uscito dalle mie parti con un giorno di anticipo rispetto alla data comunicata!

Mi permetto solo di dire che, a mio avviso, la ripresa del personaggio della "Tigre nera" è stata effettuata con grande cura e con spiegazioni che riescono a rendere plausibile, senza forzature eccessive, il recupero del personaggio.

Si preannuncia quindi una storia ricca di emozioni, avversari insidiosi e con scenari piuttosto vari: questo lo si coglie bene già nel primo albo.

Per quanto preventivamente fossi un po' scettico su questa operazione di ripescaggio del personaggio, avendo letto questo albo mi devo completamente ricredere (e questo mi fa solo piacere!).

Molto buoni i disegni di Venturi

Link to comment
Share on other sites

Come sempre attendo la conclusione della storia per commentare.

Intanto però voglio dire che la copertina del numero 757 "Fuga sull'oceano" mi piace molto con quel suo sapore esotico: sarebbe stata eccezionale, e credo un unicum almeno nella collana "Tex", la trovata grafica di lasciare che il titolo dell'albo fosse direttamente l'insegna con la denominazione in essa presente "La Perla Negra", cioè senza un lettering aggiuntivo (anche se, in questo caso, avrebbe rappresentato un concetto diverso dalla fuga sull'oceano). Il titolo come parte integrante della scena e non sovraimpresso. La dimensione dell'insegna e il suo posizionamento in alto nella scena di copertina accanto al logo "Tex" sono già quasi perfetti così.

Chissà se Villa e/o Boselli ci abbiano mai pensato per una copertina, non necessariamente questa (che però mi ha fatto venire l'idea), come tocco di originalità una tantum...

Edited by PapeSatan
  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, PapeSatan dice:

Come sempre attendo la conclusione della storia per commentare.

Intanto però voglio dire che la copertina del numero 757 "Fuga sull'oceano" mi piace molto con quel suo sapore esotico: sarebbe stata eccezionale, e credo un unicum almeno nella collana "Tex", la trovata grafica di lasciare che il titolo dell'albo fosse direttamente l'insegna con la denominazione in essa presente "La Perla Negra", cioè senza un lettering aggiuntivo (anche se, in questo caso, avrebbe rappresentato un concetto diverso dalla fuga sull'oceano). Il titolo come parte integrante della scena e non sovraimpresso. La dimensione dell'insegna e il suo posizionamento in alto nella scena di copertina accanto al logo "Tex" sono già quasi perfetti così.

Chissà se Villa e/o Boselli ci abbiano mai pensato per una copertina, non necessariamente questa (che però mi ha fatto venire l'idea), come tocco di originalità una tantum...

 

 

Bella idea. Questa non andava bene, ma ci penso: tipo cartello indicatore con nome di città o insegna del saloon.

Edited by borden
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">11 minuti fa</span>, Sam Stone dice:

dodge-city.jpg

 

Un pò come questa, anche a me piacerebbe :)

Queste copertine sono sempre fantastiche, ho sotto mano la copia della mia collezione un po' pasticciata e usurata, ma sempre affascinante:)

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Sam Stone dice:

dodge-city.jpg

 

Un pò come questa, anche a me piacerebbe :)

L'idea è quella, ma non è integrata nella scena, in quanto semplicemente ricalca uno stile o un font "western"

In tal senso, quel "Dodge City" non è dissimile dal logo degli Albi d'Oro:

1015898-1.jpg

  • Like (+1) 1
Link to comment
Share on other sites

Un bel primo albo che lascia ben sperare per il proseguimento. Il modo in cui viene ripresa la Tigre Nera viene spiegato subito e, per me, è soddisfacente e plausibile (plausibile ovviamente nel mondo dei fumetti). Ci si è tanto arrovellati qui sul forum sui possibili escamotage per il suo ritorno, ma alla fine non è questa la cosa fondamentale (in fondo i modi per far tornare i vecchi avversari sono sempre quelli, e non dico altro per non spoilerare): l'importante è che questo primo albo non assomiglia per niente a quelli precedenti della Tigre e lasci presagire un'avventura coinvolgente, con personaggi e scenari inediti e avvincenti.

L'intrigo è ben costruito, i dialoghi sono scorrevoli , tutto fila liscio e i disegni di Venturi sono notevoli, soprattutto nel raffigurare le scene nella palude (o anche sul versante orrorifico-visonario, p. 98). Per tutto l'albo si respira una bella atmosfera di mistero, tensione, pericolo, e, insomma, questo inizio è un po' come il primo albo del Mefisto dei Cestaro, quindi pienamente promosso. Speriamo continui così.

 

Dalle prime pagine si può già prevedere, comunque, un tema interessante, già accennato nell'ultima storia di Nizzi: la voglia di riscatto delle minoranze straniere (cinesi e malesi, in questo caso) contro il sopruso  e il razzismo dei bianchi ("è il fardello di noi uomini bianchi comandare alle razze inferiori", dice un personaggio). E' questo il motivo per cui la Tigre Nera si è dedicata al crimine, per vendicarsi degli invasori bianchi che prima gli hanno sottratto il suo regno e poi l'hanno sfruttato e umiliato una volta giunto in terra americana. La sua è sempre stata una forma di vendetta contro una civiltà basata sull'oppressione dei più deboli (tema non certo inedito in Tex, vedi, uno su tutti, Lucero). Quindi la curiosità per il seguito della storia non è solo per come Tex riuscirà a catturare la Tigre Nera, ma anche per come si rapporterà con un personaggio che non è un semplice cattivone, ma che nelle mani di Boselli potrebbe diventare qualcosa di più complesso e interessante...

 

 

Edited by Poe
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Comprato e letto oggi :smile:.

 

 

 

SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER SPOILER 

È un gran bel primo albo. La scena iniziale esprime appieno ciò che sta a/nel cuore a Sumankan, un qualcosa di pienamente avverso ai bianchi invasori, quindi ho apprezzato la circostanza di schiavitù rappresentata per tirare fuori la combattività della Tigre contro l'oppressione ingiusta, (eh sì, sarebbe stato bello vederlo alleato di Tex prima che potesse approfondire troppo i suoi omicidi in America...). Altro dettaglio che mi ha fatto apprezzare l'inizio è stato il travestimento: mi ha ricordato Brad Stroke de La Città nascosta ahahahah :laughing:... In particolare, l'elemento che mi ha fatto gioire di più, nonostante sia sia un pregio sia un difetto, è la grande panoramica di personaggi, richiami, ritorni, insomma, questa spirale... Lohana, Omoro, Juffure, ma soprattutto Mac Parland, Tom Devlin, Mike Tracy e Nat Mac Kenneth in un albo solo :clapping:! Addirittura - e qui sono rimasto piacevolmente sorpreso - l'agente Chabrol del pirata alchimista Tenebres, storia che lessi su tuttotex e il cui finale è tra i miei preferiti :inch:! Davvero un buon inizio, con tanto di apertura delle danze dei clarinetti proprio in chiusura... Di nei ne ho visti solo due, per ora: come dicevo prima questa panoramica è un anche un difetto perché, dati tutti questi personaggi, per riuscire a tenere sveglia la mente sulla scena viene il mal di testa :laugh:... E, come secondo neo, anche se del tutto trascurabile visto che siamo solo all'inizio, il fatto che Kit Willer appaia solo in 4 vignette, (eh, è il mio pard preferito, quindi sono piuttosto esigente sulla sua caratterizzazione, infatti la storia con Sarah Wyatt mi lasciò molto perplesso. Però, nei post precedenti, se non ricordo male, era stato detto che ad un certo punto si sarebbe separato dai pards, quindi spero vivamente di vederlo un po' più protagonista nei prossimi albi, senza piccionata alcuna :old:). 

 

P.S. Concordo con Poe sulla plausibilità dell'escamotage, semplice e appassionante! 

 

 

Edited by Tenente Castillo
Link to comment
Share on other sites

Così come ho manifestato il mio parere negativo per la storia precedente, oggi mi sento di fare i complimenti a Mauro Boselli per come ha gestito il ritorno della Tigre Nera...non dico altro perché è ancora presto e tanti ancora dovranno leggerlo....Buona lettura a tutti, le premesse direi che sono ottime

  • Like (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Buonasera a tutti, storia davvero maiuscola, che sembra raggiungere i livelli dei capolavori del Bos come Il Passato di Carson.

Edited by topos83
Link to comment
Share on other sites

Semplice mica tanto e con questo mi riferisco al salvataggio della Tigre Nera. Imho assai più inverosimile di molti altri che potrebbero venirmi in mente.

Ed è qui l'errore. Voler dare una spiegazione così dettagliata e improbabilissima, impedisce a me di crederla possibile

 

SPOILER

Le probabilità di sopravvivere cadendo da simili altezze e finendo sopra uno scoglio sono pari a vincere al superenalotto.

Il presunto rallentamento sarebbe stato visibile dagli astanti che invece non si sono accorti di nulla, boh.

E che nessuno di loro noti che il presunto cadavere si sta allontanando e un altro cada da notevole altezza per prenderne il posto?

Un corpo che piomba giù dovrebbe fare un po' di casino, ma nessun uomo di Devlin, né Tex che era lì appeso, vede o sente nulla!?

Il corpo di quest'ultimo poi viene riconosciuto non malese. Piomba giù da una scogliera e cadendo a peso morto sopra un grosso masso dovrebbe ridursi ad un ammasso di carne, ossa e sangue.

E il medico legale riesce a stabilirne la nazionalità?

A parte che è già impegnativo pensare che a San Francisco nell'800 un medico conosca così bene le differenze tra le varie etnie, qui il corpo ha i tratti somatici sicuramente alterati.

Invece riconosce che non è malese, ma cinese. Perché poi non giapponese o coreano non si sa.

FINE SPOILER

 

Ci sono molti altri particolari che mi lasciano perplesso, ma uno è di troppo

 

SPOILER

Tex non si fa comandare da uno sbirro qualunque. Quando è mai successo? È lui che fa, decide, ordina.

Oltre a questo, se dubita di finire in un agguato, e la sua esperienza sbaglia raramente, prende a calci nel fondo schiena il tirapiedi e convince tutti che si faccia come dice lui.

Ai bei tempi, ai comandanti di forti, quindi alti ufficiali, gliele cantava e se non poteva far disobbedire i sottoposti, agiva in modo da prevenire o limitare i danni.

Qui finisce in un bell'agguato ritrovandosi nella scomoda situazione di essere attaccato su due fronti su una scomodissima canoa.

FINE SPOILER

 

È un po' presto per giudicare, ma mi sento di dissentire verso queste valutazioni entusiastiche.

Edited by Exit
Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, Exit dice:

Semplice mica tanto e con questo mi riferisco al salvataggio della Tigre Nera. Imho assai più inverosimile di molti altri che potrebbero venirmi in mente.

Ed è qui l'errore. Voler dare una spiegazione così dettagliata e improbabilissima, impedisce a me di crederla possibile

 

SPOILER

Le probabilità di sopravvivere cadendo da simili altezze e finendo sopra uno scoglio sono pari a vincere al superenalotto.

Il presunto rallentamento sarebbe stato visibile dagli astanti che invece non si sono accorti di nulla, boh.

E che nessuno di loro noti che il presunto cadavere si sta allontanando e un altro cada da notevole altezza per prenderne il posto?

Un corpo che piomba giù dovrebbe fare un po' di casino, ma nessun uomo di Devlin, né Tex che era lì appeso, vede o sente nulla!?

Il corpo di quest'ultimo poi viene riconosciuto non malese. Piomba giù da una scogliera e cadendo a peso morto sopra un grosso masso dovrebbe ridursi ad un ammasso di carne, ossa e sangue.

E il medico legale riesce a stabilirne la nazionalità?

A parte che è già impegnativo pensare che a San Francisco nell'800 un medico conosca così bene le differenze tra le varie etnie, qui il corpo ha i tratti somatici sicuramente alterati.

Invece riconosce che non è malese, ma cinese. Perché poi non giapponese o coreano non si sa.

FINE SPOILER

 

Ci sono molti altri particolari che mi lasciano perplesso, ma uno è di troppo

 

SPOILER

Tex non si fa comandare da uno sbirro qualunque. Quando è mai successo? È lui che fa, decide, ordina.

Oltre a questo, se dubita di finire in un agguato, e la sua esperienza sbaglia raramente, prende a calci nel fondo schiena il tirapiedi e convince tutti che si faccia come dice lui.

Ai bei tempi, ai comandanti di forti, quindi alti ufficiali, gliele cantava e se non poteva far disobbedire i sottoposti, agiva in modo da prevenire o limitare i danni.

Qui finisce in un bell'agguato ritrovandosi nella scomoda situazione di essere attaccato su due fronti su una scomodissima canoa.

FINE SPOILER

 

È un po' presto per giudicare, ma mi sento di dissentire verso queste valutazioni entusiastiche.

Se avesse convinto te, mi sarei davvero sorpreso. Da quando sei sul forum non te n’è mai andata bene una :laughing:

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, borden dice:

Se avesse convinto te, mi sarei davvero sorpreso. Da quando sei sul forum non te n’è mai andata bene una :laughing:

Non mi interessava per nulla rivedere la Tigre Nera e questo non mi ha aiutato.

 

Ma giusto per dire, l'idea di lasciare ai lettori d'inventarsi il come non ti è venuta?

Che è la più semplice.

Due righe. Devlin informa i pards che si è scoperto che per una serie di fortunatissimi eventi si era salvato. Il resto ce lo mettevamo noi.

E ti assicuro che la fantasia non ci manca.

Certo potevi incorrere nell'accusa di essere stato reticente, ma nessuno poteva escludere a priori che potesse non essere morto.

Edited by Exit
  • Haha (0) 2
  • Confused (0) 2
  • Sad (0) 1
Link to comment
Share on other sites

47 minuti fa, Exit dice:

Ma giusto per dire, l'idea di lasciare ai lettori d'inventarsi il come non ti è venuta?

Che è la più semplice.

Due righe. Devlin informa i pards che si è scoperto che per una serie di fortunatissimi eventi si era salvato. Il resto ce lo mettevamo noi.

E ti assicuro che la fantasia non ci manca.

Eccerto. Ma in fondo, perché scriverla una storia? Pubblicate l'albo solo con copertina e poi pagine bianche, che tanto ci pensiamo noi lettori a immaginarla, no?

:P

Edited by Il sassaroli
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.