Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

Adios Ernesto Garcia Seijas


Sam Stone
 Share

Recommended Posts

Davvero una bruttissima notizia..per Tex e per il mondo del fumetto! Un vero maestro che mancherà tantissimo..

 

So long...

Link to comment
Share on other sites

Bruttissima notizia, Garcia Seijas era uno dei miei artisti preferiti in assoluto :(

 

Lo scoprii su LancioStory e Skorpio negli anni ottanta e fui davvero contento quando fu "arruolato" su Tex (e mi incazzai non poco quando il suo Texone fu tenuto in stand-by per parecchi anni, ricordo che scrissi anche una lettera a Sergio Bonelli perorandone la pubblicazione), anche se purtroppo il Far West texiano non gli consentiva di esprimere una delle sue qualità grafiche migliori, il ritratto dei personaggi femminili

Link to comment
Share on other sites

Poco meno di tre anni fa, durante una vacanza in montagna, sbirciando casualmente una copia di Tex nell'edicola del paese notai il nome (e i disegni!) di Seijas, che già conoscevo.

 

"Netdahe!" divenne così l'albo con cui dopo decenni ripresi la lettura di Tex* e quella storia, ben scritta (da Boselli) e ben disegnata,

mi piacque abbastanza da riprendere la lettura regolare ed indurmi ad investire parte dei miei denari nel recupero degli arretrati...

 

Quindi in un certo senso ho un "debito di riconoscenza" verso Seijas e, anche se non faceva più parte dello staff, la notizia della sua scomparsa mi dispiace proprio.

 

Buon viaggio Ernesto, so long... :wub:

 

 

* Leggevo solo i Texoni

 

 

 

 

Edited by Augustus McCrae
Link to comment
Share on other sites

Che brutta notizia, era veramente un grande e i suoi Tex sono sempre una gioia per gli occhi.

 

(poi vado su Facebook e leggo il post di un genio che definisce discutibili i disegni de Le iene di Lamont :censored2:)

Link to comment
Share on other sites

  • Rangers
3 ore fa, Gabriele dice:

Non sapevo avesse smesso di disegnare Tex, come lascia intendere il messaggio sul sito della casa editrice

"Trova però la sua giusta dimensione bonelliana nelle tavole di Tex, che comincia a disegnare a partire dall'Almanacco del West 2007 e, passando anche per il Texone del 2011, prosegue fino all'ultima avventura, che ha purtroppo lasciato incompleta."

 

Non aveva smesso di disegnare Tex, ha lasciato l'ultima avventura incompleta così com'era successo a tanti prima di lui: Nicolò, Letteri, Galep, Sommer, Giolitti....

Tutti disegnatori che hanno speso la propria vita sulle proprie creazioni, letteralmente!

:(

 

Speriamo che la sua ultima storia verrà portata a termine da qualcuno a questo punto, in modo che possiamo custodire la sua ultima creazione!

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Mi dispiace moltissimo, Seijas era uno dei grandi del fumetto, siamo stati fortunati che abbia collaborato con la Sergio Bonelli Editore regalandoci sempre disegni di alta qualità.

Link to comment
Share on other sites

Garcia Seijas  nelle poche storie di Tex che ha disegnato ci ha offerto un Tex, molto umano e  bellissimo. Ricorderò e leggerò sempre con piacere le sue storie 

Adios Amigo

Link to comment
Share on other sites

Io avevo ripreso a leggere Tex durante i primi mesi del lockdown e "Netdahe" è stata una delle prime storie lette, se non la prima.

 

Ci lascia un grande del fumetto.

 

R.I.P.

 

 

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">5 ore fa</span>, SaWi dice:

Boselli su Instagram ha detto che l'ultima storia di Seijas sarà portata a termine da Freghieri 

 

 

Probabilmente il disegnatore più adatto tra quelli attualmente nello staff senza nulla togliere agli altri.

  • Like (+1) 1
  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Ognitalvolta che giunge la notizia di un lutto nel mondo del fumetto, la prima sensazione spiacevole che mi viene in mente è quella che mai più avrò la possibilità di rivedere tra le pagine del mio albo preferito, quella cifra artistica e stilistica che mi ha accompagnato per anni e anni durante le letture. 

 

Via via che si sono spenti titani del calibro di Galep, Letteri, Monti, Fusco, Giolitti, Ortiz (praticamente gran parte del gruppo storico di disegnatori), un senso di vuoto incolmabile ha investito i miei pensieri. E' vero che personalmente non ho mai conosciuto nessuno di questi grandi artisti, ma fluendo della loro arte è come se li avessi avuti accanto da sempre e le loro vignette hanno contribuito ad accompagnare la mia crescita e allietato le ore migliori della mia adolescenza.

 

Anche adesso che ormai sono un uomo più maturo, queste tristi notizie mantengono lo stesso effetto melanconico del passato. 

A maggior ragione quando a lasciarci è un autore che meritava tutta la mia stima, e Seijas era indubbiamente uno di questi.

Un artista molto stiloso, dal tratto deciso e molto espressivo. Un giusto connubio fra classicità e linea più moderna. Non a caso lo definivo come una delle colonne portanti della "legione straniera" di autori texiani. 

 

Esprimo tutto il mio cordoglio; ci rimarranno le sue grandi opere come ricordo, ma sapere che da domani il suo nome non potrà più apparire tra i crediti di una storia inedita, mi mette tanta tristezza. Una tristezza già provata in giorni recenti all'annuncio dell'addio di Piccatto, altro grande autore che con le sue vignette ha accompagnato la mia gioventù.  Purtroppo siamo tutte anime vaganti nel cerchio della vita. 

  • Like (+1) 3
Link to comment
Share on other sites

Il 29/3/2023 at 22:37, Carlo Monni dice:

 

 

Probabilmente il disegnatore più adatto tra quelli attualmente nello staff senza nulla togliere agli altri.

Il più adatto sarebbe Casertano.

I suoi disegni sono molto simili a quelli di Seijas, secondo mè naturalmente.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, Piombo Caldo dice:

Il più adatto sarebbe Casertano.

I suoi disegni sono molto simili a quelli di Seijas, secondo mè naturalmente.

 

 

Non secondo me. Tutti i volti di Seijas sono classicamente belli e regolari. Tutti quelli di Casertano espressivi al limite del grottesco. Non hanno niente in comune.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, borden dice:

 

 

Non secondo me. Tutti i volti di Seijas sono classicamente belli e regolari. Tutti quelli di Casertano espressivi al limite del grottesco. Non hanno niente in comune.

 

Esattamente quello che penso anche io-

Link to comment
Share on other sites

Che siano in po' al limite del grottesco  è vero, ma per mè sono quelli che si avvicinano di più ai disegni di Seijas.

Se fosse ancora vivo Monti non ci sarebbero stati problemi a chi affidare la fine della storia, lui era un mago ad adattarsi al disegno degli altri.

Non ho mai capito invece perché la sua ultima storia l'abbiano  data da finire a Brindisi, che aveva un segno completamente diverso.🙋‍♂️

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, Carlo Monni dice:

 

Esattamente quello che penso anche io-

 

Infatti ! Casertano ha accentuato nel tempo l'aspetto caricaturale del suo disegno. Seijas aveva un tratto poco classico, totalmente personale, ma mai grottesco.

Link to comment
Share on other sites

Il 29/3/2023 at 20:06, SaWi dice:

Io avevo ripreso a leggere Tex durante i primi mesi del lockdown e "Netdahe" è stata una delle prime storie lette, se non la prima.

 

Ci lascia un grande del fumetto.

 

R.I.P.

 

 

La ricordo, mi spiace molto, rip

Link to comment
Share on other sites

Il 29/3/2023 at 22:46, Condor senza meta dice:

Ognitalvolta che giunge la notizia di un lutto nel mondo del fumetto, la prima sensazione spiacevole che mi viene in mente è quella che mai più avrò la possibilità di rivedere tra le pagine del mio albo preferito, quella cifra artistica e stilistica che mi ha accompagnato per anni e anni durante le letture. 

 

Via via che si sono spenti titani del calibro di Galep, Letteri, Monti, Fusco, Giolitti, Ortiz (praticamente gran parte del gruppo storico di disegnatori), un senso di vuoto incolmabile ha investito i miei pensieri. E' vero che personalmente non ho mai conosciuto nessuno di questi grandi artisti, ma fluendo della loro arte è come se li avessi avuti accanto da sempre e le loro vignette hanno contribuito ad accompagnare la mia crescita e allietato le ore migliori della mia adolescenza.

 

Anche adesso che ormai sono un uomo più maturo, queste tristi notizie mantengono lo stesso effetto melanconico del passato. 

A maggior ragione quando a lasciarci è un autore che meritava tutta la mia stima, e Seijas era indubbiamente uno di questi.

Un artista molto stiloso, dal tratto deciso e molto espressivo. Un giusto connubio fra classicità e linea più moderna. Non a caso lo definivo come una delle colonne portanti della "legione straniera" di autori texiani. 

 

Esprimo tutto il mio cordoglio; ci rimarranno le sue grandi opere come ricordo, ma sapere che da domani il suo nome non potrà più apparire tra i crediti di una storia inedita, mi mette tanta tristezza. Una tristezza già provata in giorni recenti all'annuncio dell'addio di Piccatto, altro grande autore che con le sue vignette ha accompagnato la mia gioventù.  Purtroppo siamo tutte anime vaganti nel cerchio della vita. 

Concordo con quello che hai scritto però questi artisti rivivranno ogni volta che rileggeremo una loro storia. 

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.