Jump to content
TWF - Tex Willer Forum

[762/764] Il Mistero del Monte Rainier


Recommended Posts

Adesso, Carlo Monni dice:

 

Tu vuoi proprio farti detestare da Boselli.:lol:

Attenzione che qui però si può instaurare una dinamica poco salutare per il forum. Se un utente deve limitare le sue critiche per paura di inimicarsi gli autori il forum può anche chiudere. La tua probabilmente voleva essere una battuta, ma il concetto alla base può essere pericoloso.

Nessuno vuole male a Mauro, anzi tutti lo rispettiamo e apprezziamo il suo lavoro. Però se una sua storia non ci piace dobbiamo dirlo, senza troppi giri di parole o edulcorazioni. La persona non si tocca, ci mancherebbe, ma l'opera deve essere criticabile sempre, comunque e senza pietà. Non è un caso se i forum a cui partecipano anche gli autori hanno solitamente una sezione a parte a loro dedicata.

  • +1 1
Link to comment
Share on other sites

Adesso, frank_one dice:

Attenzione che qui però si può instaurare una dinamica poco salutare per il forum. Se un utente deve limitare le sue critiche per paura di inimicarsi gli autori il forum può anche chiudere. La tua probabilmente voleva essere una battuta, ma il concetto alla base può essere pericoloso.

 

La mia voleva essere una battuta. Nessuno vuole limitare il diritto di critica . La replica per interposta persona di Boselli riguarda una critica specifica volendo contestare il concetto di albo introduttivo che per lui non sta in piedi.

Il diritto di critica comprende anche il diritto di replica, così mi hanno insegnato.

Link to comment
Share on other sites

17 hours ago, Letizia said:

Gli hanno massaggiato i marroni con la carta vetrata.

Quando ho scoperto il forum, mi pareva troppo bello che il sommo Boselli ci partecipasse attivamente. Ed avevo ragione, anche se con qualche anno di anticipo :(

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">30 minuti fa</span>, Carlo Monni dice:

 

La mia voleva essere una battuta.

Su questo non avevo dubbi.

 

Questa storia mi è piaciuta molto, ma d'altronde la commistione fantascienza, horror e western mi ha sempre affascinato. Anzi, ne vorrei più spesso in Tex!

 

Avrei dedicato meno pagine alla questione della mandria, troppe ne sono state spese nel battibecco tra Gross-Jean, il proprietario delle vacche e i banditi e forse avrei trovato un modo diverso per gestire l'ingresso di Tex e compagni nel villaggio: non mi è piaciuta la scazzottata di gruppo, raramente mi piacciono.

Non ho mai letto l'antecedente di questa storia, quindi per me la questione era tutta nuova e non mi ha annoiato. Forse lo avrebbe fatto se avessi letto "Un mondo perduto"? Non lo escludo e credo che chi chiama questo un albo introduttivo si riferisca al fatto che forse di nuovo non c'è ancora molto o comunque non abbastanza da dedicarci 100 pagine. Diciamo che la tendenza ormai è raccontare storie per eccesso più che per difetto.

 

Forse l'ho già detto in un mio commento precedente, ma ho davvero apprezzato i riferimenti espliciti a vecchi numeri: per me la continuity non è un deterrente ma anzi un invito al recupero di storie precedenti e nell'epoca di ebay o dell'abbonamento digitale questo non è più un problema. Non è necessario il ritorno di un vecchio nemico, cosa a volte inverosimile, ma piuttosto qualche riferimento al passato: che so, Tex che ricapita in una cittadina già visitata e qualcuno che si ricorda del suo precedente passaggio, un barista che lo riconosce e lo prega di non distruggergli un'altra volta il bar. Ecco, questo sarebbe un formidabile nemico per Tex in una delle prossime avventure: un negoziante che è caduto in rovina dopo che Tex gli ha distrutto il negozio in una storia di qualche decennio fa e che ora si è messo sulle sue tracce per fargliela pagare.

In fondo in 75 anni Tex ne ha combinate di cotte e di crude e ogni tanto qualcuno che gli presenta il conto ci può stare.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">1 ora fa</span>, frank_one dice:

Tex gli ha distrutto il negozio

Mi pare di aver già letto una storia simile, ma forse (se non ricordo male) il barista gli ha fatto solo causa.

Link to comment
Share on other sites

Parlo da lettore occasionale ma interessato. Tutte le volte in cui viene ripresa una storia precedente vorrei trovare in edicola anche la/le storia/e precedenti in un bel brossurato. Insomma come capita (purtroppo solo occasionalmente ) con le Grandi Storie Bonelli.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">10 ore fa</span>, Magic Wind dice:

Mi pare di aver capito che questa storia costituirà una specie di crossover con l’altra storia fantascientifica di Tex, quella della Valle della luna, e non sono sicuro che la cosa mi piacerà molto.

 

Ma quindi tu stai dicendo che per capire fino in fondo la storia attuale, oltre a rileggere "il mondo perduto", va riletto anche "La valle della luna"?

Link to comment
Share on other sites

Adesso, ggaaco dice:

 

Ma quindi tu stai dicendo che per capire fino in fondo la storia attuale, oltre a rileggere "il mondo perduto", va riletto anche "La valle della luna"?

 

Dipende. Se l'autore ha fatto bene il suo lavoro nella storia verranno date tutte le informazioni necessarie alla comprensione. 

Link to comment
Share on other sites

Su questo primo albo purtroppo ho un aneddoto poco felice da raccontare: l'ho usato per battezzare il mio nuovo angolo di lettura così composto: poltrona relax, lampada da terra ad arco e tavolino con camomilla (sono praticamente astemio, skoosate).

Ebbene, posso dire di aver dormito benissimo :P

 

(a scanso di equivoci, sono crollato miseramente altre due volte con due libri diversi, forse questo angolo lettura non è stato una buona idea, mumble mumble)

 

Scherzi a parte, buon inizio di storia con la consueta pletora di personaggi messa in campo da Boselli e la giusta dose di mistero che contribuisce ad arricchire il racconto. I richiami con la prima storia sono evidenti, anche se il rischio del parziale auto-remake per ora mi sembra scongiurato. Il ritmo del racconto è volutamente lento, ma è giusto così per far calare il lettore nell'atmosfera della vicenda.

 

I disegni di Bocci meritano un capitolo a parte: sono belli, bellissimi, fatti magistralmente e nessuno lo nega. Il problema, se così vogliamo chiamarlo, è che sono estremamente densi. Ogni vignetta è un quadro. Aprendo l'albo ho avuto l'impressione di andare a sbattere contro un muro solido e se parlare di illeggibilità è senza dubbio esagerato, è altrettanto vero che la sensazione di soffocamento l'ho percepita. Poi non so se sia un effetto voluto o meno (lo stile di Bocci è questo, prendere o lasciare, ma non è mai stato così massiccio) per contribuire a rendere più opprimente e inquietante la storia, in ogni caso la mia speranza è che per il futuro Bocci si limiti un po'.

  • Haha (0) 3
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore
<span style="color:red">23 ore fa</span>, ggaaco dice:

 

Ma quindi tu stai dicendo che per capire fino in fondo la storia attuale, oltre a rileggere "il mondo perduto", va riletto anche "La valle della luna"?

Io La valle della Luna la conosco a memoria vignetta per vignetta (chi è anziano del forum capirà la battuta).

Link to comment
Share on other sites

Adesso, Mister P dice:

Io La valle della Luna la conosco a memoria vignetta per vignetta (chi è anziano del forum capirà la battuta).

 

Presente.:laugh:

  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Curiosamente non ho ancora visto il 763 in edicola, eppure dovrebbe uscire oggi.

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">55 minuti fa</span>, frank_one dice:

Curiosamente non ho ancora visto il 763 in edicola, eppure dovrebbe uscire oggi.

Udite udite, manco a Trieste e' uscito. :P

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">2 ore fa</span>, frank_one dice:

Curiosamente non ho ancora visto il 763 in edicola, eppure dovrebbe uscire oggi.

 

Neanche qui a Chieti, dove mi sono potuto consolare con l'uscita di Dampyr quattro giorni dopo la data prevista 😅.

 

Con ciò sia chiaro che non intendo spaventare nessuno di voi pards, intendiamoci bene. E' solo per sottolineare una volta di più come la distribuzione nelle edicole degli albi SBE è curata da chi ne ha l'appalto in una determinata zona d'Italia, e chi si occupa della distribuzione è di fatto libero di gestirla come vuole.

 

Credo che il pard @San Antonio Spurs, che tra le tante cose è anche edicolante, possa confermare ed eventualmente circostanziare meglio 😉.

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
2 ore fa, cuervojones dice:

nemmeno da me è uscito

 

Il 20/4/2024 at 18:52, Laramie dice:

Su questo primo albo purtroppo ho un aneddoto poco felice da raccontare: l'ho usato per battezzare il mio nuovo angolo di lettura così composto: poltrona relax, lampada da terra ad arco e tavolino con camomilla (sono praticamente astemio, skoosate).

Ebbene, posso dire di aver dormito benissimo :P

 

(a scanso di equivoci, sono crollato miseramente altre due volte con due libri diversi, forse questo angolo lettura non è stato una buona idea, mumble mumble)

 

Scherzi a parte, buon inizio di storia con la consueta pletora di personaggi messa in campo da Boselli e la giusta dose di mistero che contribuisce ad arricchire il racconto. I richiami con la prima storia sono evidenti, anche se il rischio del parziale auto-remake per ora mi sembra scongiurato. Il ritmo del racconto è volutamente lento, ma è giusto così per far calare il lettore nell'atmosfera della vicenda.

 

I disegni di Bocci meritano un capitolo a parte: sono belli, bellissimi, fatti magistralmente e nessuno lo nega. Il problema, se così vogliamo chiamarlo, è che sono estremamente densi. Ogni vignetta è un quadro. Aprendo l'albo ho avuto l'impressione di andare a sbattere contro un muro solido e se parlare di illeggibilità è senza dubbio esagerato, è altrettanto vero che la sensazione di soffocamento l'ho percepita. Poi non so se sia un effetto voluto o meno (lo stile di Bocci è questo, prendere o lasciare, ma non è mai stato così massiccio) per contribuire a rendere più opprimente e inquietante la storia, in ogni caso la mia speranza è che per il futuro Bocci si limiti un po'.

 

In attesa del secondo numero della storia, qualche riflessione sul primo.

 

Grandioso inizio dove @borden si supera con un mirabile e lungo antefatto (oltre 20 pagine) ricco di pathos e inquietudine degni dei migliori suoi numeri di Dampyr. Posso assicurare ... nessuno sbadiglio, forse @Laramie eri soltanto un pò stanco quel giorno.

 

La storia prosegue poi secondo i canoni delle vicende di Tex e anche le 8 pagine che riassumono la prima avventura, di cui questa è il diretto sequel, a me sembrano essenziali e senza "spiegoni".

 

Forse qualche dialogo avrebbe potuto essere leggermente più snello, ma soltanto quelli in cui si riepilogano fatti apparsi poche tavole prima.

 

Disegni magnifici che avrebbero meritato forse dimensioni maggiori, quindi un texone.

 

Alla prossima ...

 

 

 

 

 

 

Edited by Jeff_Weber
Link to comment
Share on other sites

Adesso, juanraza85 dice:

Neanche qui a Chieti, dove mi sono potuto consolare con l'uscita di Dampyr quattro giorni dopo la data prevista 😅.

 

io e te abbiamo lo stesso distributore credo, a Jesi distribuisce quello di Pescara... sempre in ritardo

Link to comment
Share on other sites

Il ritardo delle uscite dovrebbe essere dovuto ad alcune agitazioni sindacali che stanno interessando il comparto del trasporto merci in questi giorni

Link to comment
Share on other sites

<span style="color:red">50 minuti fa</span>, Apache.kid dice:

Il ritardo delle uscite dovrebbe essere dovuto ad alcune agitazioni sindacali che stanno interessando il comparto del trasporto merci in questi giorni

Ecco, questo spiega perché non è ancora uscito da nessuna parte.

Spero di trovarlo quando mi recherò in edicola Sabato, altrimenti rischio di comprare altro (tipo il Maxi che sarà lì bello bello a guardarmi) per non uscire a mani vuote :P

Link to comment
Share on other sites

Caspita, brutto segno! Se anche al nord ritarda l'uscita, qui in Sicilia l'albo arriva come minino a fine maggio :unsure: :craniate:

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

anche oggi nisba, ritardo sul ritardo è la prima volta nella storia da me... 

 

temo che Putin abbia iniziato le azioni di disturbo...

Edited by cuervojones
  • Haha (0) 1
Link to comment
Share on other sites

  • co fondatore

Ieri mi sono dimenticato di andare in edicola, confido in oggi.

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...

Important Information

Terms of Use - Privacy Policy - We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.